Motron – Eternal Headache (2015)

“Our downfall is near…” 

Le lande desolate e mortifere che costituiscono il paesaggio di tutta la provincia di Varese, anche rinominata “Olona Death Valley”, da anni appaiono ormai come terreno fertile per un certo tipo di sound che pesca a piene mani dal meglio del crust punk, del d-beat e del rock’n’roll stradaiolo in salsa Motörhead venato dal proto-speed metal più primitivo. Gli esponenti più noti di questo mix esplosivo a Varese son certamente gli Overcharge che pochi mesi fa son ritornati dall’inferno con l’EP “Electric Reaper” e che con l’ultimo “Speedsick” si son dimostrati una delle migliori realtà della scena metal-punk italiana ed europea. Ma il gruppo di Panzer e soci non è il solo ad esser cresciuto a pane, Motörhead e Crust Punk/D-Beat in salsa svedese (Anti-Cimex e Driller Killer su tutti) e infatti oggi parleremo dei Motron e della loro ultima fatica in studio “Eternal Headache”. E il titolo dell’album, letteralmente “malditesta eterno”, è il modo migliore per descrivere il fast-rumore che ci troveremo ad ascoltare appena giungeranno al nostro orecchio le prime note dell’iniziale “Vita”, un perfetto esempio del sound che i nostri definiscono “Raw’n’Roll” e di cui sono gli alfieri indiscussi, nonchè quello che ritengo essere il loro miglior pezzo insieme a “They Are Going to Eat Me” (già presente nella demo del 2013) e alla conclusiva “Kiss of Death”, brano che sia nel titolo (omaggio all’omonimo album del 2006) che nel suo essere un perfetto mix tra rock’n’roll stradaiolo e speed-punk sottolinea tutto l’amore viscerale che i Motron provano nei confronti dell’immortale Lemmy e dei suoi Motorhead. In perfetto bilico tra cazeggio totale, divertimento molesto e pezzi più profondi a livello lirico, questo “Eternal Headache” é veramente un buonissimo lavoro che si ascolta con estremo piacere dall’inizio alla fine e ancora da capo.

Nelle wastelands del varesotto, nella Valle della Morte impestata dai fumi nauseabondi che fuoriescono dalle acque putride dell’Olona, si aggirano questi cinque guerrieri-zombie post apocalittici e ubriachi marci fino al midollo che portano con sé morte, distruzione e il giusto grado di molestia necessaria per sopravvivere in queste lande desolate dove l’apparente quieto vivere è una vera e propria condanna a morte. Chiudetevi in casa e blindate porte e finestre se non siete pronti ad unirvi alla brigata molesta della morte che porta il nome di Motron e che tiene alta la bandiera del “Crust’n’Roll”. L’apocalisse sta arrivando e vi seppellirà tutti!

Lasciate ogni speranza o voi che entrate nella Valle della Morte; il Raw’n’Roll molesto dei Motron vi farà venire il peggior malditesta della vostra vita e farà da colonna sonora al mondo post-apocalittico che verrà. Stappate le vostre birre e tenetevi pronti ad entrare in un mondo infernale popolato da zombi, disperazione, morte e rabbia!

 

Precedente Quelli delle Catacombe - Intervista ai Restos Humanos Successivo Schegge Impazzite di Rumore #03