Tag Archives: Black Metal

“Keep the Black Flame Burning and Fuck NSBM” – Interview with Qwälen

If you follow this blog closely, you’ll be well aware of my passion for black metal and the attention I pay especially to those records and bands that are openly anti-fascist, RABM (Red and Anarchist Black Metal) or take a clear stand against the racist, sexist and homotransphobic scum that infest the extreme metal scene. If you have all that in mind, the following interview is definitely for you! Released a year ago by Time to Kill Records, Unohnden Sinut by Finnish Qwälen was literally a blaze in the northern sky, a devastating Nordic black metal record capable of mixing the second Scandinavian wave and the most modern sounds in an interesting and personal way. I recently managed to interview Qwälen, talking not only about their personal approach to black metal but also about their hardcore punk attitude and background and their sharp stance against NSBM. “Keep the black flame burning and fuck the NSBM”, this is the clear and unequivocal message screamed in the Nordic sky by Qwälen!

Hi guys! Would you like to tell us some biographical notes about your band? Most importantly, what does it mean and what inspired you to choose to call yourselves Qwälen?

Ville: The name is derived from the German verb quälen (“to torture”). I think Ari, our original bass player, came up with the idea to change the u to w. We thought the word would be quite suitable for a black metal band and well, here we are with a name that doesn’t mean anything so we’re quite happy with that.

Eetu: When I was asked to join the band, I thought the name Qwälen was twisted from the Finnish dialect word “kualen” (I am dying). Samuli, Ville or Henri can tell better about the birth of the band because I joined the band later.

Henri: Haha, I too have heard someone say “What is this mää kualen (I´m dying) band”

Samuli: Yeah, the start of the band was a rather boozy night when the idea came together. I have always had a drive to create something that I feel strongly about musically and thus had a strong drive already to start creating this kind of music. Six or so years ago Ville, Henkka, myself along with our former bass player Ari started doing music together and few of the songs of the first album were written already then. We had a different vocalist in the beginning but then Eetu was asked to fill that position and once Ville switched to bass, Antti was invited by Eetu. By then Qwälen started properly rehearsing with a goal to create an album.

As I’ve been able to read from a variety of places, you primarily come from a hardcore and punk background. How much does this connection of yours to the hardcore punk scene affect your way of playing and being a band?

E: We all have very different musical backgrounds. My background is in hardcore punk and grindcore. With my grindcore band, I’ve been doing gigs for over a decade, so it’s natural to bring Qwälen to those same venues as well. We have done gigs in free art facilities, bars and various D.I.Y events. The punk background is reflected in my performance and in that I have no need to obey the rules written in black metal.

Antti: In my case, the background is shown by accepting the equipment I already have. I don’t want to buy new instruments just for black metal.

Ville: I think it mostly shows in trusting more in power and pure aggression, sort of attacking your instrument instead of being technically that talented. In Qwälen, I switched from guitar to bass sometime around 2017 or 2018 and I think it can be heard on our recordings. Coming from hardcore background, I think it shows that I care more about the people I’m playing with than their talents and treat them as my equals.

Samuli: Punk is what I started with but that was a long time ago. I’ve been hanging in the local scene sidelines most of the time I’ve played in bands but the more I age the more I’ve been drawn into different kinds of music. I guess unconsciously the attitude and musical approach still remains. Simplicity, danger and aggression both in songwriting and in our live presence.

Henri: I myself come from more of a trash/melo-death metal background, but punk, hardcore and black-metal has always been in my playlists. In my opinion, our differing musical starting points is one of the things that gives Qwälen the twist that differs us from the traditional Finnish black metal.   

Starting from a purely hardcore background, how did you develop your passion for black metal sounds that refer as much to the second Norwegian/Scandinavian wave as to more modern sounds of the genre? Which are the bands that influenced your music the most?

Ville: I used to listen to more black metal during my teenage years, mostly Emperor, Darkthrone, Immortal and Bathory, so the passion definitely comes from there. I think at some point when I was diving more into grindcore, hardcore and crust punk, I noticed the similarities between the earlier black metal stuff and the crustier stuff, so in some way I guess the passion was somewhat natural and always there for me. Considering Qwälen, I’m as much influenced by Anti Cimex (think of Scandinavian Jawbreaker era) and Darkthrone. I think Young and in the Way’s “When Life Comes to Death” was also somewhat of a big thing for me and Samuli, but Immortal’s “At the Heart of Winter” was probably the album that made Samuli start the band.

Samuli: I wouldn’t say that “At the heart of winter” was the album that made me want to start Qwälen, but it was one of the albums that really opened my mind into the sounds of black metal. Darkthrone and Immortal we’re the ones that opened the genre to me, but from those two Darkthrone has remained a constant influence. Qwälen started out of a passion to create black metal rather than going after certain bands.

As a late-discoverer of black metal in my 20s, I felt a really strong connection with the genre from the start. The extreme aural aesthetics, connection to spirituality, raw emotionality and embracing the inner darkness felt real and meaningful. There was much more beyond the songs themselves, and for me music was at that point a long time ago gone beyond mere songs and notes. The core concepts in BM resonate very deeply to me still and the spiritual side has helped me evaluate my own philosophy and spiritual history. The music itself made me interested, but the deeper aspects started my passion.

Scandinavian first and second waves have always been the main reference points. I would not say that our sound or expression references modern sounds per se, but there are definitely bands whose influence might be heard. Young and in the way is definitely one. However, being a rather stubborn person musically I tend to gravitate towards primitive, raw, old and dusty sounds. One of the driving ideas was to go back to the very basics of playing as a band with Qwälen and approach everything with simplicity in mind. I still look for the same thing in black metal that I listen to and modern renditions rarely work for myself. There is however a fresh movement that captures the right sound in the raw US and UK BM scenes. The rise of both scenes is a rather modern phenomenon.

Henri: I grew up listening to 90s groove- and “cross-over” metal bands (such as Pantera, Machine Head, Sepultura and Biohazard) but got really into black and death metal in my teens (Immortal and Children of Bodom were the shit back then).  The rawness and multilayered dark and honest self-expression were the things that got me too into black metal in the first place. And hey, we live in a country that is dark and cold for 9 months every year.

Talking about black metal, you know better than me that the international black scene is full of overtly Nazi bands or ambiguous bands that sympathize or collaborate with openly racist, homophobic or far-right bands. What is your position on this? Do you consider, also because of your past in the hardcore and punk scene, Qwälen a political band or at least openly anti-fascist?

E: Our music is not political, but we strongly bring out that we stand with anti-fascism. In our lyric sheet you can see our statement “FUCK OFF NSBM SHIT” and we have merch with ANTI-FASCIST BLACK METAL -print. There’s no room for misogyny, sexism, homophobia, ableism, racism or any shit like those in any scene. We are very precise about who we work with, so do not contact us if you do not stand behind these ideas.

Ville: Sometimes it feels a bit hard for me to talk about Qwälen as a black metal band since our sound and mindset is quite far away from the black metal scene. It’s hard to even consider us or at least myself belonging to any black metal scene, since that’s something I definitely don’t identify with. Probably the traditional black metal scene wants us to stay out and I’m totally happy with that. I come from a small town and there was a neo-nazi wave going on in many small towns in Finland during the late 90s/early 2000s so my disgust with any fascist or nazi ideology comes from there and for me, hardcore and punk has also had a big impact on taking a stand against fascism/nazism.

Henri: Ditto. We don´t like assholes.

Over the decades Finland has been extremely fertile ground for a lot of more or less extreme genres, from black metal to hardcore punk of bands like Kaaos and Riistetyt, how is currently the situation of the underground and DIY metal and punk scene in your country? Which are the most active and valid realities (clubs, fanzines, bands, collectives) from your point of view?

Ville: I guess the overall situation is pretty good, even though there hasn’t been that much going on due to the covid situation and I’ve been a bit lazy about following new bands during the last couple of years. I think the biggest problem might be that there’s not that many small or mid-sized venues, even DIY-venues, for bands to perform and many of the existing places are quite overbooked. New Yleiset Syyt and Kohti Tuhoa 7”s just came out and Stolen Kidneys just released their new album “Maailma loppuu”, those are definitely worth checking out.

E: The D.I.Y scene has grown in Finland in recent years. There is a D.I.Y venue in almost every big city, where you can arrange performances for small bands (Tukikohta, Kenneli D.I.Y, Mäkitorppa, Hoi Sie!, Kirjakahvila, Oranssi). When I started touring with bands over a decade ago, gigs could only be held in bars. The number of distros has also risen in recent years.

We made a Spotify playlist some time ago where we collected songs from our friends ’bands. Definitely worth a look! It’s called FULL SATANIC SPEED WITH FAMILY AND FRIENDS BY QWÄLEN.

Continuing to talk about Black metal, do you notice any similarities and differences between your approach to the genre and that of more classic Finnish bands, from Beherit to Sargeist?

Ville: I guess the approach was originally to just play and do something new. I think we’ve managed to develop our own twist on black metal and not just replicate something that’s already been done. So there might be similarities and differences, but I don’t have that deep thoughts about it…

Samuli: The main idea might be the same. A great desire to express what we have inside. Soundwise the cold atmosphere is something shared, but then again that is a general trait of the genre. Also I guess there are some similar approaches to riffing in utilizing melodicism together with power chords as a starting point? One becomes rather blind to things written by yourself and I’ve always thought that the ones outside are better at pointing out similarities etc.

The finnish black metal scene is heavily coerced by unwritten rules of what black metal is and thematically limited in the sense of what is accepted. We do not care. We can do whatever we want. Fuck your rules. In this sense we might have more similarities thematically and approach-wise with the modern raw BM of the US or scenes outside Scandinavia which tend to look at BM in a thematically broader context.

What does it mean for Qwälen to play black metal in 2021? What do you think is the potential of such a controversial, hostile and extreme genre nowadays?

Antti: When Qwälen plays live, the band offers something new and extreme that hasn’t been heard in the DIY metal and punk scene.

Ville: Taking a twist on the traditional sound and mindset. The potential is huge, for example the new Pan-Amerikan Native Front with its approach from an indigenous person’s point of view is a great take on black metal and opens up discussion for current problems, even though the album deals with a historical event and persons (Little Turtle, Blue Jacket and the Battle of the Wabash).

Samuli: Playing black metal means to look inside. Bands in my opinion at times point too many fingers and my idea of black metal is looking into the spiritual mirror within. It is not ours or the point of the music to tell what to do or think, but hopefully to spark thought. It is self-expression both lyrically and  in instrumentation. Black metal in a way is a tool for reflection. Destroy your temple, build anew and in the process lift yourself up. Life is the ultimate oppressor and the answer for moving forward is within.

Your first record “Unohdan Sinut” was released this year and it is absolutely devastating! How did you get in touch with Time to Kill Records for the release?

E: We contacted a few labels when we got the record ready and Time to Kill Records were selected from those who were interested. We didn’t know much about the label but the choice has proven to be the right one. The collaboration with Time to Kill Records has been really smooth and we look forward to the future. We are really grateful for this opportunity. Thanks to Time to Kill Records and Enrico.

What are the songs contained in “Unohdan Sinut” about? What are the songs you are most attached to and why?

E: The last few years have been quite heavy for me mentally, so the lyrics are based on my inner world. ​The songs eschew the usual anti-religious black metal themes and focus instead on self-portrayals. Temppeli is the most important song from the album for me because it was the first text I wrote for Qwälen. It’s also the last song of our set list.

Future projects for the Qwälen? Have you been able to play live during these last months despite the difficulties due to the pandemic situation? What difficulties did you have to face releasing a record in a period when it was not possible to play live in many European countries?

Samuli: Future projects include a second album and possible a shorter release, but the shorter release is still on an idea-level. Second album is coming, but no timetable is yet agreed and we’re not going to hurry anything. Most of the members in the band have multiple things musically going on and that also affects how things work and when things can move along. Not to mention family obligations. I have been focusing solely on writing Qwälen for a long period of time and there is quite a lot of demo material written already! I think Henri had some ideas for music videos as well.

The album release without playing shows has gone better than we hoped. Time to kill records did an amazing job in promoting the record and people who have interest in this music have found it. I would hope to be able to play outside of Finland in the future as there have been interest from abroad as well. We’ve been able to play a few shows in Finland this fall and reception has been overwhelming. A lot of people have come to the shows just to see Qwälen, which feels very weird. Album release was many months ago and the hype has died, but I guess people have been waiting to see us live. I am weirded out by the fact that people care, but am at the same time extremely grateful.

Henri: As Samuli said already, I think we all are still baffled and confused about the positive feedback from our first album (and extremely grateful too). Live shows have suffered but the covid situation might have worked a bit in our favor since most of the world had to sit home, listen to music and reflect on their inner worlds that might not have been so rosy in the past times.

And yes, new music videos are coming.

E: I haven’t received such good feedback on any of my previous music projects. It’s great to see how warmly our music has been received around the world. People have bought records, shirts and cassettes. The most important thing, of course, is that people have also come to our gigs. Thank you.

I look forward to the moment when we get to release new Qwälen songs for the world to hear. Be prepared.

We have come to the end of this interview. I leave this space at your complete disposal, feel free to add anything you think might be interesting for the readers!

Samuli: Support the underground and keep the black flame burning. HAIL SATAN.

Henri: Don´t be an asshole, drink beer and hail satan.

E: Support the D.I.Y scene, hate the police, spit on the face of the fascists and remember that NSBM is for the losers.

Prehistoric War Cult – Cold Wind Howls Over The Burial Site (2021)

Prehistoric metal of death is the soundtrack of the savage war to come… and meanwhile the cold wind howls over the next burial site!

In una scena spesso ambigua, se non apertamente tollerante nei confronti di gruppi vicini all’estrema destra come quella del cosiddetto war metal, fa estremamente piacere imbattersi in una band come i tedeschi Prehistoric War Cult che non si nasconde e anzi prende una netta posizione antifascista. I Prehistoric War Cult, portando alto lo stendardo del più feroce e primordiale war metal, già dal nome lasciano pochi spazi all’immaginazione su quello che sono capaci di offrirci con questa loro prima fatica in studio intitolata Cold Wind Howls Over The Burial Site.  La musica dei tedeschi potrebbe essere sintetizzata come il figlio bastardo, assetato di distruzione e sangue, del death metal più marcio e ferale e del black metal più primitivo e oltranzista, un sound opprimente, oscuro, feroce e primitivo che guarda tanto a nomi seminali come i Beherit di “The Oath of Black Blood” quanto alla proposta dei più recenti Caveman Cult. Un bestial war metal che non fa prigionieri e non lascia scampo a niente e nessuno, tira dritto per la sua strada in nome della guerra selvaggia e della violenza primitiva senza scrupoli, ribadendo la supremazia del metal estremo suonato con furia cieca e violenza barbarica.

Bastano difatti i 53 secondi dell’intro Marks of Death in Abandoned Caves per comprendere di essere al cospetto di un assalto di death/black metal implacabile e spietato, che non ha intenzione di risparmiarsi in termini di ferocia, brutalità e barbarico spirito guerresco. Sette tracce per una ventina di minuti abbondanti in cui veniamo sommersi da un riffing forsennato, blast beats tritaossa e da vocals selvagge, tutti elementi con cui i Prehistoric War Cult riescono costruire un’atmosfera soffocante e sulfurea che ci inghiotte senza lasciarsi speranze o attimi di tregua. Tracce come Blood Sacrifice e Towards the Blazing Monument (of Creation) evocano gli spettri di Goatlord e Black Witchery (altre due fondamentali influenze) in maniera convincente, pur dimostrando una buona dose di personalità nel trovare soluzioni interessanti e non monotone in un genere come il “war metal” fortemente inflazionato soprattutto negli anni più recenti. Altro momento di altissimo livello è Raiding The Enemy Village (As Foretold By The Sacred Bones), brano che, come evocato dal titolo steso, ha tutta la ferocia di un incursione barbarica, di una razzia selvaggia all’interno di un villaggio nemico che si trova impreparato e indifeso nell’affrontare la distruzione dispensata in nome del “preistorico metal della morte”! Lasciate ogni speranza e accettate dunque il culto del war metal suonato dai Prehistoric War Cult e siate pronti al bagno di sangue che lascerà dietro di sé questo Cold Wind Howls Over The Burial Site. 

Che i barbari si scatenino. Che affilino le spade, che brandiscano le asce, che colpiscano senza pietà i propri nemici. Che la guerra selvaggia  prenda il posto della rassegnazione, che la violenza primitiva prenda il posto del attesa, che il culto del metallo preistorico regni tra le macerie di questo mondo. Che le orde barbariche vadano all’assalto al grido di “Prehistoric Metal of Death”!

“Anti-colonial Sápmi Black Metal” – Interview with Ruohtta

In this interview we will delve into the dark abysses of the mysterious Ruohtta project, a one man band that proudly defines its proposal as “Sápmi black metal”. An interview in which between history, anthropology and black metal, Ruohtta expresses his complete spiritual and political vision about the secular oppression suffered by the Lapp culture and people and the different forms of anti-colonial resistance put in place by the Saami still today against the Swedish and Finnish nation-states. “Anti colonial Sápmi black metal” is the only battle cry that echoes in the Lappish wilderness!
For a better reading of this interview and to fully grasp the atmosphere and the themes treated, it is recommended to listen to “Reetessä” the last wonderful Ep published by Ruohtta.

 

Your project is extremely fascinating in so many different ways, from the music to the subject matter. This fascination in my eyes is also exerted by the name Ruohtta. Can you tell us what it means and why it was chosen as the name of the project?

Thanks! Ruohtta is an entity/god (called a demon by missionaries) that reigns over sickness and death. This powerful entity is neither good nor bad yet demands offerings in order to spare the lives of the offeror or his/her close community. Ruohtta-aatto is a word that is still in use in my culture and points at the darkest days of the year. On these days, the dead spirits of one’s ancestors was/is particularly active. It is therefore wise to stay indoors during the nights in order to not get snatched into the land of the dead. Ancestors may both help the living as well as causing deceases or accidents if not respected properly. My music, regardless of genre-definitions, has always been a sort of tacit communication with dead people or dead places. This spiritual practice through sounds have increased during the years. Those who know me know exactly what I am talking about here.

I came across your project through Realm and Ritual Records, a label committed to publishing work in black metal and dungeon synth and explicitly anti-fascist. What is your stance on anti-fascism within the extreme metal scene? What are your thoughts on the scourge of NSBM?

Ruohtta has had an anti-colonial stance from the start and that won´t ever change. I despise totalitarian rulings and to be honest, I am not that into –isms and political ideologies at all. Fascism like capitalism seemingly eats its own tail in the end. NSBM as a music genre is a tricky issue and I think there are nuances to what is called NSBM as well. There are certainly many far-right leaned artists that has produced interesting music. And there are a lot of other people that sucks at being human that has created great art. August Strindberg, Phil Spector and Picasso are a few examples of that. At some levels, I think one has to separate the person from the art even though these two occasionally intermingle. However, I have not heard a fully fleshed Nazi-band that has produced what I deem as interesting sounds yet.

(I take the liberty to make a brief and necessary addition to the response issued by Ruohtta, to express my point of view about what was said. As you know Disastro Sonoro is a project that takes a clear and unambiguous position towards the NSBM and all the bands that wink at extreme right-wing positions, whether they are explicit or not. On the division between person and artistic project, I remain of the idea that the best thing to do is in any case not to support in any way such individuality and its projects so as not to give visibility to positions, ideas and actions of Nazi-fascist, racist, reactionary and conservative.)

 

In your latest Ep you focus on colonialism and the forced Christianization suffered by the Sámi people. How come the choice to deal with certain themes through the instrument of black metal?

It came natural, it was just there from the start. There is a lot of negative subjects and history to be found within our cultures that may be interpreted and dealt with through various art and music genres. It will most likely take a couple of lifetimes to explore and conceptualize them all. I am a grown man that has been into Black metal since I was 11-12 years old so this particular kind of music energy has influenced and seeped into my music making, regardless of genres, ever since. For me, Black metal is about reflecting, channelizing and/or portraying negative and dark energies. Ruohtta utilizes, remoulds, channelizes and spews these dark energies back at all aspects of colonialism.

On your bandcamp page, in the description of your last Ep Reetessä, you talk about Laestadianism, Stalinism and old pagan Finno-Ugric religion. What influence did these three very different dimensions have within Saami culture and how did they affect the struggle of resistance to the predatory colonialism of the Swedish and Finnish states?

It is important to point out that in my area there are roughly two different yet related minority/indigenous groups of Finno-Ugric origin: North/Lule/Forest Sámis and Tornedalians/Lantalaiset. I am of Forest Sámi origin yet has the language of Tornedalians/Lantalaiset, Meänkieli, as family language. These two groups have lived side by side in both turmoil and companionship for many hundreds of years. Laestadianism was a religious direction that actually kept a friendly bond between them. In the secular and modern decay society of today, this bond is starting to diminish. The state and colonial powers has done a lot to split these groups up during the last 150 years and turning them against each other. However, some people in said groups are now finally starting to wake up and redirect the anger towards the true enemy instead. Stalinism affected many Tornedalian/Lantalaiset-villages during its peak, a political direction that stood in stark contrast to Laestadianism. In some areas, this seemingly impossible contrast was jointed into something that strangely worked side by side. On top of this (or under perhaps), the old pagan religion influenced how this symbiosis appeared in the lives of the people. The practice and sermons of Laestadianism was initially touched by Sámi Pre-Christian religion. I think all these three spiritual and political dimensions resided in a tacit resistance towards colonial ideas of the Swedish state in their own ways. I don´t know about what the exact conditions in Finland and Norway were at the time but I assume something similar. If to apply an objective perspective, these three different views are quite extreme and together they form a vibrant and esoteric energy that serves the making of Black metal music perfectly.

In 1852 an important event in the history of Sámi cultural resistance to colonization and forced sedentarization imposed by the Swedish and Finnish central governments took place: the Kautokeino Uprising. What are your views on this moment of insurrection and what significance does this event have for the culture and history of the Sámi People?

The Kautokeino rebellion (Guovdageainnu stuimmit) had many ignitions and not all of them was due to resistance against colonisation. There is still unclear what really happened but an extreme form of Laestadian expression was also in the mix there. Today there are mixed feelings about the act, some salute the violent resistance while being less proud of the religious aspects. Speaking of resistance, the possible church burning at Nábbreluokta in 1650 is perhaps one of the first direct action against Christianisation up here. Some of my ancestors resided in that area during that time period so who knows… The Alta conflict in the late 70s is perhaps what lingers in people’s minds the most nowadays. Similar conflicts and resistances like that one will most likely appear soon again. The predatory colonialism and stealing of land here has not ceased.

What are currently the difficulties most felt by the Sámi people? Are there still feelings of resentment, anger and desire to rebel against European colonialism and the imposition of a sedentary lifestyle historically in antithesis with the Saami culture?

The biggest difficulties for both Sámi and Meänkieli-speaking people is to keep our languages and cultures from succumbing in a “modern” society dictated by others. The wounds of the past are deep and a lot of energy goes into saving what is left, both culture and land. The mining and logging corporations is trying hard to turn our part of the country into industrial areas. The sad part is that the hegemony of our town areas forces many of us to do the digging in order to support our families. However, there is pride in work and pride in the communion of the working class. Many have been doing mine work for generations without thinking about the destructive part of it. This is a large topic so I will leave it at that. Resentment, anger and urge to rebel? Absolutely.

Like any nomadic farming culture, the relationship with the environment of the Sámi people has always been in antithesis with a predatory and devastating vision typical of Western and capitalist culture. How much does the wild nature of the Swedish Lapland region you come from and your relationship with it influence your music? Do you think that Ruohtta’s music has an “atmospheric” dimension that recalls Lappish landscapes and nature and a certain ecological way of relating to the natural environment?

Well, besides Black metal, I have a long history as a musician in folk and improvisation music genres. Through this I have delved quite deep into the music traditions of my own cultural environment and incorporated them into how I perform my instruments and write music. I would say that my perception of rhythm is quite affected by Sámi jojk, meaning that I tend to see rhythms as oval shaped motions instead of linear. My melodic language is definitely affected by old Finnish/Tornedalian folk music such as fiddle music, runo songs and sounding affordances of the kantele. I try to steer away from stereotypical views of how Laplandic music “should” sound like but sure, there a lot of big forests, mountains and streams here that most likely have an effect on my artistry. I live in a remote area in a village with six houses so the isolation and closeness to nature is inevitable inspirational for my works.

Perhaps this sounds like a stupid or trivial question, but can the choice to also write and sing in Meänkieli and Sámi be seen as a form of resistance to the linguistic colonialism imposed by Sweden and Finland on the Saami people and as a desire to decolonize their own culture after centuries of oppression?

Absolutely. Meänkieli and Sámi is slowly but surely transforming into becoming linguistic acts of resistance nowadays. On my upcoming album “Gutna” I mix these languages as a way of encouraging communion between the two Finno-Ugric peoples.

As we come to the conclusion of this interview, I wanted to ask you when the new record will be released? Will you continue to deal with the brutal issue of colonial oppression suffered by the Sámi people or will you deal with different themes?

The new album “Gutna” is out 30 April 2021 on cd through TormentRex. In July, a cassette edition of the album will appear through Realm and Ritual. Vinyl edition is in the works! I also have a small Black ambient release on the way later this year as well. Ruohtta will always remind of the bad and the oppressive in our part of the circumpolar area. In future releases I might highlight certain spiritual aspects of our existence more but I will never steer away from themes associated with Sápmi. Thanks for the interview! Greetings/ Tervaaj

 

 

Grima – Rotten Garden (2021)

La foresta si sta annerendo e gli abeti sono verdi. La notte correva nel cielo e la tempesta stava ululando. Ululando sotto la luna…

Emergendo dalle glaciali ed inospitali terre selvagge siberiane, dove insidie e forze primordiali tanto visibili quanto invisibili son pronte in agguato per trascinarci con loro nelle profondità ignote delle foreste ancestrali, i misteriosi Grima ci lasciano in balia di questo Rotten Garden, un nuovo straordinario capitolo del loro personale viaggio nelle lande del black metal atmosferico. Un viaggio iniziato nel lontano 2015 con il primitivo Devotion to Lord e che oggi giunge ad un livello di qualità impressionante e una maturità compositiva probabilmente definitiva.

Il black metal a cui son devoti e di cui si fanno messaggeri i Grima invade territori glaciali e selvaggi tipici del genere, ma al contempo è attraversato da misteriose energie pagane e tensioni ancestrali, assumendo, ancora una volta le sembianze di una vera e propria maestosa ode alle antiche foreste siberiane e alle forze magiche che le attraversano, rendendole allo stesso tempo luogo ricco di fascino e di inquietudine. Inoltre, proprio come la divinità da cui prende in prestito il nome questo due siberiano, il black metal atmosferico, primitivo e pagano racchiuso nelle sette tracce presenti su questo Rotten Garden sembra voler rappresentare una sorta di punizione e maledizione per chiunque non rispetti la natura selvaggia, ma anche offrire protezione e riparo per le creature umane, animali e magiche che vivono nel profondo delle foreste ancestrali e primigenie. Un disco con cui i fratelli Velhelm e Morbius riescono in maniera affascinante ad enfatizzare quel lato ambient e atmosferico ricco di magia e folklore anche grazie a suoni che richiamano elementi tipici della natura selvaggia siberiana come nella bellissima Cedar and Owls, brano che ci introduce a questo rituale di quarantacinque minuti.

Come già vagamente accennato, anche su questo nuovo disco il black metal suonato dai Grima è caratterizzato da una dimensione ritualistica che si manifesta in una atmosfera sfera generale di completa devozione e rispetto profondo nei confronti della natura e dei suoi abitanti; difatti le sette tracce appaiono come veri e propri inni che i Grima dedicano alla natura selvaggia siberiana, alle sue enormi distese di tundra, neve e foreste e alle creature che abitano questo ambiente inospitale per l’uomo. Il black metal dei siberiani, come da tradizione, gioca sull’alternanza tra sfuriate glaciali e tempestose, dominate da uno screaming freddo, lancinante e tormentato che sembra provenire da tempi antichi e dimenticati e momenti di quiete effimera in cui a farla da padrone sono le atmosfere, le melodie e le tastiere capaci di costruire trame sinfoniche perfettamente inserite nel contesto generale e mai stucchevoli. Troviamo anche un breve quanto affascinante intermezzo interamente acustico come Old Oak, momento che sembra voler segnare un passaggio non solo materiale ma anche rituale tra la prima parte del disco e la seconda, preparandoci forse a quello che il momento più alto dell’intero lavoro, ovvero la maestosa e sublime titletrack, la sintesi migliore di tutto ciò che sono i Grima e delle differenti anime che vivono nel loro sound. Infine questo Rotten Garden, proprio perchè riesce nell’impresa di tracciare un continuum non solo musicale ma anche ritualistico con i precedenti lavori della band, non può che concludersi con una nuova versione di Devotion to Lord (brano già apparso sulla prima fatica dei Grima), quasi come a voler simbolicamente chiudere un cerchio e sottolineare ancora di più la totale devozione del duo siberiano nei confronti della natura selvaggia che domina incontrastata nella loro terra natia.

Siamo solo all’inizio di aprile nel momento in cui mi trovo a scrivere questa recensione, ma non posso non sbilanciarmi definendo questo Rotten Garden, come uno dei dischi migliori del 2021 a mani basse, un disco che dimostra come i Grima siano l’espressione migliore del panorama black metal atmosferico attuale. E allora, mente la notte impenetrabile cala sulla foresta innevata, mentre il vento ulula tra le fronde degli alberi insieme alle creature della notte, mentre il fuoco si sta lentamente consumando rendendo labile il confine tra il mondo reale, quello degli uomini e quello delle ombre, lasciamoci rapire da questo sublime Rotten Garden con cui i Grima riescono ancora una volta ad evocare in maniera vivida nelle nostre menti gli innevati e selvaggi paesaggi siberiani da cui provengono. Opera maestosa sotto tutti i punti di vista.

Si siedono e meditano i gufi sul passato, sul futuro. Su ciò che è malato e ciò che è urgente. Si siederanno ancora e aspetteranno l’ora del commiato, quando l’alba sorge con rinnovato vigore e il sole rovescerà l’oscurità…

 

A Blaze in the Northern Sky #06

Primo appuntamento del 2021 con A Blaze in the Northern Sky, la rubrica preferita da compagna Satana e più odiata dai seguaci dei Peste Noire. Nella puntata di oggi si parlerà quasi esclusivamente di band che definiscono la loro musica fieramente come Red and Anarchist Black Metal e che mettono al centro dei loro progetti le proprie tensioni antifasciste, anarchiche e rivoluzionarie. Per chi crede ancora che per essere “trve & kvlt“, si debba per forza strizzare l’occhio e collaborare con la merda nazifascista all’interno della scena black metal, la strada da sguire oggi ce la indicano Rampancy, Iron Column e Parasiticide. Questi tre gruppi incarnano differenti direzioni e pulsioni del black metal, ma concordano su una cosa: ai fascisti di ogni sorta non si lasciano spazi, né all’interno né all’esterno della scena del metallo nero. La copertina di questo sesto appuntamento non poteva che essere un omaggio al gesto della teppa cilena che, ad Ottobre, ha dato alle fiamme la Iglesia institucional de Carabineros durante l’anniversario delle rivolte popolari che hanno incendiato il Cile due anni fa. Per farla finita con le violenze poliziesche, con l’oppressione religiosa e con la repressione dello Stato, ancora una volta, come sempre, per la lotta di classe, per il black metal!

RAMPANCY – COMING INSURRECTION (2021)

“Every society you build will have its fringes, and on the fringes
of every society, heroic and restless vagabonds will wander, with
their wild and virgin thoughts, only able to live by preparing ever new and terrible outbreaks of rebellion!”

 

Dalle terre selvagge dell’Ontario (Canada), il one man project Rampancy (ex Anti-Freeze) irrompe sulle scene con Coming Insurrection, un ruggente e sacrilego ululato di dinamite con cui dichiara guerra aperta a questo mondo, una vera e propria tempesta di black metal furioso, attraversato da tensioni insurrezionali e antifasciste che non vi lascerà scampo! Tra un affascinante artwork di copertina (opera di Hagiophobic autore di innumerevoli illustrazioni per gruppi RABM) che raffigura una rivolta della Comune di Parigi e una citazione dell’anarchico individualista-nichilista Renzo Novatore con cui Rampancy si presenta sulla sua pagina bandcamp, lasciamoci dunque trascinare nel vortice di caos e distruzione evocato da queste 9 tracce di black metal rabbioso, implacabile e spietato. Un black metal quello suonato dal progetto Rampancy fortemente radicato nei territori più rumorosi della vecchia scuola, ma comunque caratterizzato da un approccio e un gusto moderno alla materia del metallo nero e sempre attento nella ricerca di riff e melodie che sono in grado di smorzare l’anima più noise del canadese e l’atmosfera generale profondamente opprimente, furiosa e annichilente. Fin dal prinicipio, in una traccia come King of the Locusts (quella dalla durata più sostenuta dell’intero disco) ci vengono presentate tutte le anime che attraversano il sound di Rampancy: rabbiose e gelide sferzate di classico black metal, forti influenze di certo harsh noise che enfatizzano l’atmosfera di caos generale che ci inghiotte senza pietà, uno screaming lontano e tormentato, assoli dal forte gusto melodico, ma anche spazio per un’intermezzo acustico seguito da un riffing in tremolo picking che evoca lo spettro dei primi Satyricon e che ci accompagnerà fino alla conclusione del brano. Coming Insurrection è un disco devastante che prosciuga le energie, un disco con cui Rampancy ci da in pasto la sua visione, abbastanza personale, di un black metal intransigente, belligerante e votato al caos. Mentre soffiamo sulle nere fiamme della rivolta che sta arrivando, i Rampancy con questo disco ci invitano a fare un salto nell’ignoto, a partecipare alla distruzione di questo mondo e a guardare le città bruciare in cenere! Aspettiamo il giorno in cui solo la bandiera dei RABM si alzerà dalle barricate!

IRON COLUMN – POWER FROM BELOW (2020)

“Ci sono solo due strade, la vittoria per il black metal della lotta di classe, che è la libertà, o la vittoria per i fascisti, che significa tirannia. Entrambi i combattenti sanno cosa c’è in serbo per chi perde.”  Dichiarazione incisa col sangue dei fascisti e dei padroni da Buenaventura Durruti Culto in un periodo imprecisato tra il 1936 e il 1993, da qualche parte tra Barcellona e la Norvegia.

 

Prendendo il nome dalla Colonna di Ferro, gruppo armato rivoluzionario anarchico attivo durante la guerra civile spagnola e impegnato nella lotta di resistenza antifranchista, la one man band Iron Column ci da in pasto una mezzora abbondante di black metal vecchia scuola capace di evocare i fantasmi dei primissimi Sodom nei momenti più thrash/proto black e certi Darkthrone in quelli più vicini a territori del metallo nero. Come evidenziato in maniera netta dal nome scelto, questo progetto solista proveniente da Lipsia è animato da un forte sentimento antifascista e anarchico, sentimento che viene ribadito ed enfatizzato fin a partire dalla copertina di questo Power from Below che ritrae per l’appunto un gruppo di anarchici della CNT-FAI durante la rivoluzione anarchica spagnola del 1936. Musicalmente, come già detto, ci troviamo catapultati nei territori di un black metal old school che si pone perfettamente a metà strada tra la first wave del genere ancora pesantemente influenzata dal thrash più malvagio e selvaggio e le prime pulsione della seconda ondata norvegese degli anni 90. Basta il minuto e dieci della intro per venire immediatamente inghiottiti da una tormenta devastante di thrash/black (che a volte riporta alla mente anche i primi lavori degli Aura Noir), un sound capace di risultare estremamente godibile nonostante non si tratti di qualcosa di innovativo o di originalissimo. Tracce come Antarctica (con un’atmosfera generale capace di evocare gli Immortal più glaciali), Fortress of Evil e le più punkeggianti Lawless e Masters of Lies, rendono perfettamente l’idea di quanto ho scritto sopra; siamo al cospetto di un disco davvero ispirato, godibile e che sa ricreare con gusto, conoscenza e passione un sound genuinamente debitore del proto black metal e delle prime incarnazioni del metallo nero novantiano. E mentre nere tormente si agitano e nubi oscure ci impediscono di vedere, Power from Below risuona nel vento facendo gelare il sangue nelle vene dei fascisti e dei reazionari di ogni colore! A las barricadas, por la revolución y por el triunfo del Black Metal antifascista!

PARASITICIDE – INCENERATE THE CROWN (2020)

 

Grinding bestial metal of war! Basterebbe questa breve descrizione per fugare ogni dubbio in merito al contenuto di Incenerate the Crown e in merito alla devozione dei Parasiticide per le incarnazioni più barbariche e selvagge del black metal. Annoverando tra le proprie fila gentaglia già attiva in gruppi assolutamente devastanti del calibro di Sankara e Neckbeard Deathcamp, sembrerà scontato evidenziare che anche questo nuovo progetto è impegnato a suonare il più spietato e bestiale war metal che vi possiate mai immaginare. Scegliere di addentrarsi nei venticinque minuti di questo Incinerate the Crown significa abbandonare ogni speranza di salvezza e lasciarsi completamente travolgere da un vortice di caos selvaggio, impetuoso e violento interessato solo a lasciare distruzione e devastazione dietro di sè. Ogni traccia presente sul disco rappresenta una sorta di breviario del caos a se stante, l’essenza pura del war metal più bestiale e implacabile, in un tripudio di blast beat e di influenze che vanno ricercate nei territori più intransigenti e rumorosi del metal estremo, dal black metal al grindcore! Risentendo dell’influenza dei maestri Blasphemy, così come di quella dei Teitanblood o degli Infernal Coil, i Parasiticide costruiscono nove tracce granitiche attraversate da una furia barbarica che non mostrano mai segni di debolezza o labili spiragli per riprendere fiato, tirando dritto per la propria strada e tritando ossa dall’inizio alla fine del disco. Incenerate the Crown e i Parasiticide sono la migliore risposta possibile al war metal che strizza l’occhio alla feccia nazi-fascista, quindi non avete più scuse per non smettere immediatamente di ascoltare gentaglia ambigua come Conqueror e Archgoat! Indossate le vostre cartuccere, pronti a far divampare le fiamme della lotta di classe affinchè ogni corona bruci per l’eternità, antifascist war metal o barbarie!

 

Kronstadt – Polykat světlo (2020)

18 marzo 1921… Morte a Trotsky, morte a Lenin. Kronstadt vive!

Iniziamo questa “recensione” ammettendo fin da subito quanto io sia affezionato e legato ai Kronstadt, amore che provo nei loro confronti da quando ho avuto la fortuna di conoscerli dal vivo in occasione del primo concerto organizzato da Semirutarum Urbium Cadavera (collettivo RABM di cui faccio orgogliosamente parte) ormai quasi un anno fa nella splendida cornice del FOA Boccaccio di Monza. Concerto nel quale, è superfluo sottolinearlo, il gruppo ceco spaccò tutto con il loro devastante black metal imbastardito da ingenti dosi di hardcore punk (o viceversa) e dalla natura profondamente anarchica e antifascista, oltre che a dimostrarsi delle persone e dei compagni assolutamente squisiti. Il mio amore e la mia stima per i Kronstadt sono dunque iniziati la sera del 19 ottobre e da quel momento non ho aspettato altro che poter ascoltare un loro nuovo lavoro. Ecco, oggi posso finalmente parlarvi di Polykat Světlo (letteralmente Ingoia la luce), ultima fatica in studio rilasciata a inizio settembre.

Quattro tracce in cui viene condensato perfettamente il sound dei Kronstadt, una ricetta devastante che sintetizza al meglio le pulsioni più hardcore punk e le tensioni black metal che convivono nell’anima dei nostri, riuscendo così a dar libero sfogo ad un ibrido furioso che loro stessi definiscono come black-violence. Un sound robusto, rabbioso e soprattutto senza pietà, che tira dritto per la propria strada rimanendo sempre fedele a se stesso e carico di una tensione insurrezionale che rispecchia fedelmente i fatti che danno il nome stesso al gruppo ceco, ovvero la rivolta di Kronstadt, rivolta anarchica e libertaria, avvenuta a distanza di pochi anni dalla rivoluzione d’Ottobre, in opposizione all’autoritarismo bolscevico di Lenin e Trotsky, al grido di “morte ai borghesi” e “tutto il potere ai soviet”. E questa pulsione anarchica e rivoltosa attraversa in maniera tumultuosa tutte e quattro le tracce in cui imbattiamo durante l’ascolto di Polykat Světlo.

Karpaty” è assolutamente la traccia che svetta su tutte le altre, o quanto meno è quella che ho preferito. Un esempio perfetto dell’ibrido tra black metal e hardcore punk di marchio Kronstadt, un brano strutturato su una furiosa tempesta di blast beats, un tremolo picking dal sapore fortemente old school e delle vocals sofferte ma rabbiose che lasciano trasparire tutta l’attitudine hardcore e punk che anima il gruppo ceco. È una traccia intensa e violenta, che si mostra apparentemente implacabile e senza punti deboli per tutta la sua durata. Nel complesso tutte e quattro le tracce danno l’impressione di estrema solidità soprattutto nella loro capacità di investirci come fossero una tempesta impetuosa nella quale risuonano lamenti infernali e lancinanti che preannunciano un’eterna dannazione.

Inoltre i Kronstadt scelgono senza nascondersi il lato della barricata dove posizionarsi, il lato della barricata in cui l’antifascismo all’interno della scena black metal diviene pratica e lotta per cercare di arginare e combattere le derive NSBM, razziste e omo-transfobiche che infestano i territori del metallo nero. Una presa di posizione netta e forte, perchè quello che anima la musica dei Kronstadt è una sincera e viscerale tensione anarchica all’insurrezione e alla lotta contro ogni forma di autoritarismo e discriminazione, contro ogni fascismo e contro ogni oppressione, affinchè possano innalzarsi al vento bandiere rosse e nere tra le fiamme della nostra gioia armata, mentre il black metal fa da colonna sonora ai giorni della rivolta contro lo Stato e il capitale. E tornerà il dì in cui innalzeremo di nuovo le barricate! Lunga vita ai ribelli e alle ribelle di Kronstadt, lunga vita ai Kronstadt!

A Blaze in the Northern Sky #05

Quinto appuntamento con la rubrica più amata dagli/dalle amic* di compagn* satana, della rivoluzione sociale e della lotta di classe e più odiata dai seguaci degli Absurd, dalla restante feccia NSBM e dagli ambigui simpatizzanti e collaboratori dei nazi all’interno della scena black metal! Ancora una volta si parlerà di alcune delle più interessanti uscite recenti in ambito black metal di band accomunate da un solo criterio: prendere le distanze dalla merda NSBM, razzista e omo-transfobica/sessista che impesta la scena del metallo nero. Oggi parleremo infatti dei nuovi dischi dei tedeschi Toadeater, dei finlandesi Havukruunu (vecchie conoscenze di A Blaze in the Northern Sky) e del progetto greco Mystras, tutte band e individualità che in modalità diverse hanno scelto in modo netto e sincero il lato della barricata ove posizionarsi, il lato della barricata in cui non si lasciano spazio di agibilità ai fascisti, i quali si combattono con ogni mezzo necessario. O anche solamente il lato della barricata in cui non si hanno rapporti e non si collabora con i nazi all’interno della scena del metallo nero, che per una sottocultura come quella del metal estremo è già qualcosa. Alcune band e individualità di cui vi parlerò sono inoltre mosse da sincere tensioni di rivolta contro ogni forma di oppressione e discriminazione e vedono anche nel black metal un mezzo per opporsi e lottare contro le derive nazi-fasciste, razziste e autoritarie, o contro la sempre più pesante oppressione dell’esistente capitalista sulle nostre vite.  Quindi non perdiamo altro tempo e addentriamoci in questo viaggio oscuro e infernale in compagnia di tre dei migliori dischi black metal del 2020!

We are a blaze in the northern sky, the next thousand years are ours! Ancora una volta per il black metal, per l’insurrezione!

Toadeater – Bit to Ewigen Daogen (2020)

????? ?? ?? –
???????? ?????
???? ??? ????????? ?? ??? ????????? ????

Partiti nel luglio del 2018 con un demo caratterizzato da sonorità definibili come “blackened hardcore”, oggi i tedeschi Toadeater hanno cambiato quasi completamente le proprie sembianze, evolvendosi ed evolvendo la propria proposta in un post-black metal attraversato da pulsioni riottose, capace di alternarsi tra momenti atmosferici, interessanti trame melodiche e devastanti quanto sofferte sfuriate di puro metallo nero. Un’evoluzione interessante e che con questo nuovissimo Bit to Ewigen Daogen mostra una band giunta ad un livello di maturita e qualità compositiva estremamente sopra la media, oltre a presentarci una proposta quanto più personale possibile e assolutamente di impatto che difficilmente passa senza colpire nel segno. L’attitudine hardcore riaffiora qua e la in alcuni passaggi, nonostante le sonorità del gruppo ormai abbiano virato totalmente verso lidi e territori esclusivamente black metal, con un tripudio di tremolo picking, blast beats e un’interessante varietà nell’interpretazione vocale che spazia dal classico screaming sofferto e annichilente, a parti cantate e pulite dai toni epici che mi hanno ricordato addirittura i Summoning. L’atmosfera generale costruita dalle cinque tracce oscilla sempre tra momenti in cui tuonanti tempeste e selvaggi assalti black metal ci inghiottono senza pietà e passaggi dalle tinte atmosferiche che disegnano labili istanti di quiete, mentre le sensazioni che ci logorano dall’interno nel corso dell’ascolto di Bit to Ewigen Daogen, si alternano tra una lancinante sofferenza, un malessere esistenziale che sembra non trovare sfogo e una viscerale tensione anarchica alla rivolta contro questo mondo di oppressione e sfruttamento. I Toadeater si dimostrano estremamente bravi a modellare il proprio sound e a costruire le atmosfere giuste al fine sorreggere le tematiche affrontate nelle liriche, dalla critica al progresso capitalista volto unicamente al profitto e dunque all’alienazione delle nostre esistenze (Conquering the Throne), fino a giungere alla presa di coscienza della devastazione ambientale e della distruzione dell’ecosistema sempre in nome del profitto (Crows and Sparrows). Un disco di post-black metal in cui c’è davvero tutto e niente suona fuori posto, in cui ogni elemento trova la sua perfetta dimensione: atmosfere, epicità, furia cieca e selvaggia, assalti all’arma bianca, sofferenza e rabbia si alternano e si intrecciano costantemente, dando vita ad un disco di black metal intenso e devastante come non se ne vedeva da un pezzo. Sicuramente Bit to Ewigen Daogen rappresenta una delle migliori uscite di questo 2020 e i Toadeater dimostrano definitivamente di essere una delle realtà più interessanti e convincenti di tutta la scena black metal europea. Abbiamo raggiunto il punto di non ritorno… è ora di vedere questo mondo bruciare!

 

Havukruunu – Uinuos Syömein Sota (2020)

“La luce del fuoco si sta spegnendo. I volti attorno al fuoco sono ombre”

Gli Havukruunu appaiono sotto le sembianze di una tempesta di black metal pagano pronto ad inghiottire il giorno in un’oscurità eterna, una notte senza fine dominata da forze ancestrali, entità pagane e creature selvagge che danzano tra le sacre fiamme del metallo nero. 

Mente la notte impenetrabile cala sulla foresta innevata, mentre il fuoco si sta lentamente consumando rendendo labile il confine tra il mondo reale degli uomini e quello delle ombre, i finlandesi Havukruunu irrompono furiosamente e solennemente con Uinuos Syömein Sota, un nuovo intensissimo lavoro di heavy/black metal attraversato da tensioni pagane e atmosfere epiche. La proposta degli Havukruunu è attraversata costantemente da una carica rituale unica, enfatizzata soprattutto dalle atmosfere epiche ed oscure che aleggiano sopra ogni brano, quasi a voler evocare tempi ancestrali e forze naturali primitive, tempi passati dominati da divinità della natura di cui ormai si son dimenticati i nomi. La musica degli Havukruunu è ancora una volta ispirata e attraversata in profondità da un paganesimo di tradizione finnica, un paganesimo che da tempi ancestrali si è trovato a confrontarsi costantemente con una natura selvaggia ed estrema, tanto ostile quanto intrigante, e abitato da primordiali forze oscure. Il black metal pagano suonato dagli Havukruunu rappresenta ancora una volta la sintesi perfetta dei Bathory più epici, dei Primordial più oscuri e battaglieri e dei Moonsorrow più pagani, dunque l’ascolto di questo Uinuos Syömein Sota ci fa immergere in atmosfere oscure, in grado di evocare tanto paesaggi dominati da una natura selvaggia brulicante di forze primordiali quanto scenari guerreschi di tempi ancestrali. Al contrario delle sensazione trasmesse dalla musica, le liriche degli Havukruunu si concentrano invece su tensioni interiori e preoccupazioni esistenziali. Quarantasei minuti suddivisi per otto brani che ci inghiottono nella loro atmosfera epica, oscura e pagana e ci fanno facilmente infatuare di questa ultima fatica in studio dei finlandesi. A mani basse, siamo al cospetto di uno dei migliori album black metal del 2020. Uinuos Syömein Sota è un disco sinceramente dedicato ai venti che soffiano nell’estremo nord del cuore di ogni individuo!

Mystras – Castles Conquered and Reclaimed (2020)

Mystras è il nome del nuovo progetto solista di quella mente geniale che è Ayloss (già noto per l’attività negli splendidi e ben più noti Spectral Lore) e con questo esordio intitolato Castles Conquered and Reclaimed ci propone un black metal di ispirazione medievale, attraversato da una profonda tensione insurrezionale che si infrange dirompente contro ogni gerarchia e autorità. La colonna sonora perfetta dunque per accompagnare l’assalto della plebe armata ai castelli e ai palazzi dei signori, nove inni di rivolta contro lo sfruttamento e l’oppressione, cinque agguati di black metal furioso e primordiale stemperati e inframezzati da quattro momenti strumentali in cui dominano le atmosfere e le melodie folk medievali.   Musicalmente Castles Conquered and Reclaimed si avvicina in maniera estremamente convincente a quel capolavoro che fu Dark Medieval Times dei Satyricon, con melodie e atmosfere folk di profonda tradizione medievale ad accompagnare e attraversare l’intera proposta di Mystras, una proposta che si erige magistralmente sulle coordinate di un black metal tempestoso e gelido di classica tradizione norvegese. Anche la registrazione stessa del disco ha un forte sapore di “trve norwegian black metal“, soprattutto per il fatto di essere infarcita di riverberi e per la sua natura profondamente lo-fi, spesso dando l’impressione di essere volutamente caotica e imperfetta nei suoni quando gli assalti black divampano in tutta la loro efferatezza e malignità. Inoltre molte delle melodie folk, ottimamente interpretate dal violino e dal flauto, che stemperano le sfuriate black metal sono prese direttamente dalla tradizione musicale medievale europea come nella traccia “Ai Vist lo Lop“. A livello di tematiche generali affrontate nel corso del disco, Ayloss sostiene di voler andar controcorrente rispetto alla narrazione storica incentrata sulle gesta e le figure dei re, dei cavalierie e dei signori, ponedo invece l’attenzione sul coraggio e il valore delle masse contadine e della plebe sfruttata che sempre sono insorte in nome della libertà, spesso pagando con la propria vita. Infine l’artwork di copertina, nella sua totale approssimazione, riesce comunque a risultare affascinante, nonchè a trasmettere un sapore fortemente diy e old school. All’assalto dei castelli dei signori e del loro mondo fatto di oppressione e sfruttamento, affinchè non ne rimangano nemmeno le macerie, mentre gli sfruttati danzeranno festosi nella notte tra le fiamme della gioia e al ritmo del medieval black metal suonato dal menestrello infernale Mystras. 

Infernal Coil – Within a World Forgotten (2018)

Chi segue Disastro Sonoro con una certa costanza sa perfettamente che il poco tempo che ho a disposizione per dedicarmi a questo blog lo impiego a parlare unicamente di gruppi, dischi e generi che fanno parte dei miei ascolti quotidiani e che dunque mi piacciono. Zero tempo e zero voglia di impegnarmi a parlare di qualcosa che non ascolto volentieri, sopratutto perchè non sono, per mia fortuna, un recensore o un fottuto critico musicale, dunque non ho nessun interesse nel dare giudizi lapidari e negativi su un disco o una band che non cattura il mio interesse o che non ascolto con piacere. Inoltre, legato a quanto detto, è chiaro che io non abbia nessuna scadenza da rispettare per scrivere articoli o “recensioni” (tra infinite virgolette), nè tantomeno son costretto a inseguire una presunta attualità di uscite in ambito punk/hardcore e metal estremo. Fatta questa premessa, ora potrete capire meglio perchè mi ritrovo a parlare di questo Within a World Forgotten degli Infernal Coil solamente ora a distanza di due anni (quasi tre) dalla sua pubblicazione.

Dopo una manciata di ep che hanno visto la luce tra il 2016 e il 2017, gli Infernal Coil giungono alla pubblicazione del loro primo full lenght nel settembre del 2018, un album capace di colpire nel segno sotto tanti punti di vista e fin dal primo ascolto. Questo però non deve far pensare a Within a World Forgotten come ad un album di facile assimilazione e di ascolto indolore, anzi completamente l’opposto visto che siamo al cospetto di un muro di suono estremo, annichilente, devastante e assolutamente selvaggio nella sua furia distruttiva che prende le sembianze di un’ibrido di death/black metal e grind senza compromessi e assolutamente implacabile. Inoltre, se non si può propriamente parlare di war metal per definire la proposta degli Infernal Coil, poco ci manca perchè son tanti gli elementi e i passaggi che li avvicinano alle sfumature più barbare, bestiali e oltranziste di gruppi come Teitanblood e compagnia. “Non avremo distrutto tutto finchè non distruggeremo anche le macerie”, sembra questa la lezione che anima l’irruenza brutale e la furia caotica del death/black suonato dal gruppo dell’Idaho. E’ un disco difficile, volutamente finalizzato a disorientare l’ascoltatore che si avventura tra le sette tracce; un disco che trasmette sensazioni di angoscia e smarrimento, alternando momenti di estrema furia barbara in cui il caos nella sua forma più primitiva sembra regnare sovrano ad alcuni brevi passaggi “atmosferici” (come nella splendida 49 Suns) che illudono l’ascoltatore che esista la possibilità di un momento di quiete o di salvezza. E appena si riesce a prendere un minimo di fiato, è ancora una volta il caos più selvaggio e barbaro ad irrompere e inghiottirci con la sua violenza inaudita e implacabile, facendoci sprofondare in un vortice di impotenza e smarrimento.

Dal punto di vista delle tematiche, Within a World Forgotten si concentra invece sui paradossi che dominano il mondo naturale, il contrasto tra la bellezza ed il caos che dominano in natura, così come l’autodistruzione a cui sembra essersi condannata inevitabilmente l’umanità. Avviandoci alla conclusione, credo sia doveroso inoltre spendere due righe per parlare dello splendido artwork di copertina, che si discosta in maniera disarmante dall’estetica classica di moltissimi gruppi impegnati a suonare death/black o war metal, allontanandosi da quell’immaginario fatto di caproni, satana, blasfemia e occultismo spiccio. In modo altrettanto disarmante si discosta da un’immaginario più tipicamente grindcore. Anche nella scelta dell’artwork, che rappresenta un paesaggio boschivo attraversato da un torrente, dalle tinte fortemente decadenti e malinconiche, gli Infernal Coil sembrano infatti mossi unicamente dalla volontà di disorientare e confondere chiunque si approcci all’ascolto di questo Within a World Forgotten e una volta smarritosi tra i suoi abissi, lasciarlo in balia del caos più selvaggio e della violenza più brutale. Il metal estremo riparta da dischi come questo e da gruppi come gli Infernal Coil.

Black Curse – Endless Wounds (2020)

I Black Curse si abbattono su di noi come tempeste infernali di death metal, con la furia blasfema del black metal più nichilista. In nome del caos primordiale, devoti soltanto alla distruzione.

A metà strada tra il death metal opprimente degli Incantation, le derivazioni più barbare e selvagge di certo war metal a la Bestial Warlust, l’estremismo folle e brutale dei Sadistik Exekution e una forte presenza di influenze black metal primitive che mi ha ricordato per certi versi i Beherit, troviamo questa nuova creatura che risponde al nome di Black Curse e in cui incontriamo gentaglia già attiva in progetti del calibro di Primitive Man, Blood Incantation e Spectral Voice (l’influenza di questi ultimi infatti emerge spesso nel corso delle varie tracce, anche se in maniera labile e lontana). Prima fatica in studio per il gruppo di Denver intitolata Endless Wounds, trentotto minuti di devastante e bestiale death metal attraversato da tensioni di black infernale, un sound granitico e annichilente, che non lascia momenti per prendere fiato o attimi di quiete, né tantomeno mostra segnali di debolezza o pietà; un’assalto sonoro capace di aprire squarci e ferite profonde nella psiche dell’ascoltatore riducendo in frantumi quel che rimane della sua sanità mentale. In tutto questo i Black Curse riescono a suonare molto più groovy nel riffing di certi altri loro colleghi impegnati a suonare death/black che spesso si lasciano andare a muri di suono cacofonici e dissonanti fini a se stessi e spesso inutilmente ripetitivi e noiosi. Certo anche nella proposta dei Black Curse il caos furioso e primordiale ha una sua centralità e trova sempre modo di divampare e manifestarsi in tutta la sua ferocia, ma non risulta mai essere il fine ultimo, anzi viene sempre accompagnato ed enfatizzato da un’atmosfera occulta capace di sottolineare quella dimensione di malvagità primitiva che pervade e avvolge l’intero album. Un sound dunque diretto, devastante e profondamente crudo, sorretto da un’atmosfera generale estremamente maligna e blasfema  evidenziata dall’ottimo utilizzo delle trame di chitarra e dalle melodie sinistre dal sapore fortemente black metal. Inoltre i Black Curse suonano la loro ricetta black/death bestiale come fossero pervasi da una ferocia quasi primitiva e selvaggia, come fossero posseduti da chissà quale forza oscura e maligna, abbattendosi impetuosamente come fossero un’orda barbarica pronta a fare razzia di ogni cosa e a lasciare solo macerie e rovine dopo il loro passaggio. Le stesse vocals, quasi sempre in screaming, risultano praticamente sempre efficaci nel loro essere lancinanti, estremamente sofferte e attraversate da una malvagità quasi primordiale, amplificando questa sensazione di dannazione eterna che ci inghiotte nel corso dell’intera esperienza di Endless Wounds, lasciandoci inermi, impotenti e assolutamente  incapaci di ritrovare una parvenza di quiete.

I Black Curse aprono squarci nel tempo facendo riaffiorare quei momenti in cui il black e il death metal condividevano gli stessi principi, la stessa estetica e la stessa diabolica rabbia. Nessuna pietà dunque nelle note e negli intenti dei Black Curse, solo istintiva e sincera devozione alla distruzione più totale. Giunti ormai alla conclusione di questa discesa tra gli abissi infernali di Endless Wounds, siamo divorati interiormente da una maledizione oscura che ha aperto sui nostri corpi ferite senza fine… Siamo ormai anime costrette alla dannazione eterna, mentre il caos primordiale regna sovrano. Senza inventare nulla, a mani basse siamo al cospetto di uno dei dischi di metal estremo più intenso e interessanti del 2020.

 

Ragana – We Know That the Heavens Are Empty (2019)

We know that the heavens are empty,
That friendship and love are names;
That truth is an ashen cinder,
The end of life’s burnt-out flames.

Anni fa, ai tempi dello splendido You Take Nothing, le Ragana furono il primo gruppo non italiano che recensii sulle pagine virtuali di questo blog. E il motivo fu estremamente semplice. Al primo ascolto di You Take Nothing me ne innamorai follemente e brano dopo brano la “recensione” prese vita praticamente da se, come fosse un flusso di coscienza incontrollabile che si sviluppò sotto le sembianze di un viaggio oscuro negli abissi musicali tanto etereii quanto angoscianti costruiti da Maria e Nicole, le due streghe che si celano dietro questo affascinante progetto. Oggi mi ritrovo qui preda dello stesso mood e dello stesso identico trasporto emotivo a raccontarvi la bellezza di questa ultima fatica in studio per il duo di Oakland intitolata We Know that the Heavens are Empty, un altro interessante capitolo di atmospheric black/doom metal dalla forte natura e attitudine queer e antifascista.

Come scrivevo nell’introduzione della recensione di You Take Nothing per spiegare l’affascinante nome scelto da Marie e Nicole per il loro progetto: Nel folklore e nella tradizione popolare della regione baltica, e principalmente in terra lettone e lituana, il termine “Ragana” viene usato per identificare un’antica dea distruttrice e al tempo stesso rigeneratrice attraverso la capacità di dominare la magia oscura, anche per questo infatti viene descritta più volte come la “dea delle streghe”. “Ragana” viene rappresentata in differenti e molteplici modi a causa della sua natura polimorfa e cangiante e può assumere quindi le sembianze tanto di una giovane donna sensuale quanto quelle di una creatura terrificante e infernale, così come può presentarsi sotto forma di vecchia deforme e scheletrica oppure prendere le fattezze di un animale selvatico delle foreste. Questa natura cangiante e polimorfa descrive al meglio la proposta musicale di questo duo di Oakland, mai banale, mai scontata, mai prevedibile. E queste righe, sopratutto quelle finali, risultano estremamente attuali e valide ancora oggi per descrivere il sound e le sensazioni che si provano nell’affrontare e nell’addentrarsi tra i meandri più profondi di questo nuovo We Know that the Heavens are Empty . Difatti il sound delle Ragana nel corso degli anni ha sempre seguito una certa evoluzione pur rimanendo costantemente coerente e fedele alle proprie radici e alle proprie pulsioni più sincere, le quali affondano in profondità tanto nelle tensioni più atmosferiche e depressive di certo black metal di scuola statunitense quanto nel doom/sludge più angosciante e opprimente, con una certa venatura screamo che sottolinea alla perfezione quella sensazione di sofferenza esistenziale e rabbia sovversiva che contraddistingue la proposta del gruppo di Oakland dagli inizi.

SE DOMANI NON TORNIAMO, SE DOMANI TOCCA A NOI, BRUCIATE TUTTO.

So già che sarà una recensione abbastanza sconclusionata quella che starete leggendo perchè, per quanto stia cercando di dare un senso e un ordine ai flussi di coscienza e alle emozioni che stanno invadendo la mia testa durante l’ennesimo ascolto di questa ultima fatica delle Ragana, mi viene estremamente difficile seguire delle strade nette e precise per parlarvi della musica, delle ispirazioni liriche e concettuali o addirittura dello splendido artwork di copertina che accompagnano We Know that the Heavens are Empty . Ma ci proverò partendo proprio dal titolo di questo nuovo ep; un titolo che cita direttamente e in modo appassionato  “The Toast of Despair“, poema scritto dalla scrittrice anarchica e femminista Voltairine de Cleyre nel 1892. Per quanto riguarda invece lo splendido artwork di copertina si tratta di un’incisione di Caspar David Friedrich intitolata “Die Frau mit dem Raben am Abgrund“, un’opera che riesce ad enfatizzare in maniera sublime l’atmosfera romantica e oscura che avvolge l’intero album. Inoltre, e ci tengo a sottolinearlo, come sei può leggere sulla tape, le Ragana vogliono dedicare questo loro ultimo ep ai loro/alle loro amicx e compagnx più amatx.

To the joy in the struggle. To another world. To heaven as a place on earth.

Passando al lato prettamente musicale, questo nuovo ep della durata di un quarto d’ora è composto da due momenti intrecciati tra loro così perfettamente al punto da poterli vedere come un unico grande viaggio. Le due tracce sono intitolate Waiting e The Tower e rispecchiano in maniera assolutamente limpida il sound a cui ci hanno abituato negli anni le Ragana, con un’alternarsi ben bilanciato di momenti di effimera quiete e altri di tempestosa furia distruttiva, mentre un vortice di sensazioni che spaziano dalla sofferenza, alla rabbia, alla malinconia ci inghiotte immediatamente senza lasciarci vie di fuga. Se i momenti di calma apparente riescono a costruire un’atmosfera generale che oscilla tra il sognante e il depressivo, gli assalti più brutali e tuonanti fanno divampare tutta la rabbia selvaggia e riottosa che Maria e Nicole covano per questo mondo costruito sull’oppressione di quelle individualità che non si conformano ai canoni e alla norma voluta dall’etero-patriarcato. L’atmosfera generale dell’album, come già avvenne per You Take Nothing, mi trasmette l’idea di volere creare una dimensione profondamente ritualistica caratterizzata da tinte fortemente oscure e passaggi dalla natura soffocante e angosciante. Inoltre è evidente la sofferenza viscerale che attraversa le due composizioni, una sofferenza esistenziale che certamente logora ma indirizzata all’attacco attivo piuttosto che all’autodistruzione; una sofferenza che si manifesta sotto le sembianze di una furia nichilista e bellicosa che appare priva di pietà e che non sembra volersi fermare dinanzi a nulla. Quiete e tempesta, distruzione e tenue speranza di salvezza, questa è in fin dei conti la musica delle Ragana.

Per concludere questo viaggio tra gli abissi e le molteplici sfumature di We Know that the Heavens are Empty, posso solamente dire che siamo dinanzi all’ennesimo incantesimo distruttore evocato dalle Ragana che come il fuoco divampa per inghiottire questo mondo nelle sue profondità. Ancora una volta, lunga vita alle streghe di Oakland!

For us, a truce to Gods, loves, and hopes,
And a pledge to fire and wave;
A swifter whirl to the dance of death,
And a loud huzza for the Grave!