Tag Archives: Crust-Core

“Too Punk for Metal, Too Metal for Punk” – Interview with Collapsed

Over the decades the Canadian hardcore/crust punk scene has given us great bands like Iskra, Storm of Sedition, Massgrave and many others, proving to be an extremely fertile ground for certain sounds and a certain approach to punk. Quite recently from the desolate and cold lands of Quebec have emerged Collapsed, authors of a destructive mix of crust punk and death metal as we have not heard in a long time. Since finally a real DIY conspiracy (including Phobia Records and other labels) has released the self titled debut album of the Canadians on vinyl, I thought it would be a good idea to do an interview with Collapsed in which we talk not only about music, but also about the punk scene as “support not competition”, solidarity and complicity with the decolonial struggles of the Canadian First Nations and the importance of taking a clear position against the fascist scum present within the extreme metal scene (mainly in black metal) in Quebec as elsewhere. All this and much more in the words of Santiago, Michel, Kev, Paskk and Yan. TOO PUNK FOR METAL, TOO METAL FOR PUNK. SLAVES TO NO ONE!

Hi Collapsed! First of all, thank you for agreeing to answer these questions! You are a fairly recent band, so for those who don’t know you yet, it’s time to ask you some banal biographical questions: when, how and why were Collapsed born? Where did you get your name from?

Hey hi! Well, everything started in 2018 when I (Yan) got flooded and had to move back to Montreal. We (Santiago and Yan) were already talking about reforming a band, our other project Hang them All broke up around 2013. We did a jam session at my place to build some songs and Santiago mentioned some guy (Paskk), from Belgium who used to play in Segregated back in Liege, was looking for a band in Montreal. He can play guitar and do backing vocals, he also has a roommate (JP) who plays bass. So, we met and rehearsed the song “Man/wars” and it sounded good. Then, we kept rehearsing on a regular basis. We needed a singer… tried a couple people while doing a cover of Anti-Cimex; but it wasn’t it. We asked Konfront singer (Mike), but unfortunately, he didn’t have the time. Luckily, we kept asking more and more (we knew Michel was the right guy for the job) and he finally accepted. The lineup was now completed…for a while. We managed to write a couple songs and played a few good shows (scene is pretty cool in Montreal). Meanwhile, we totally self recorded, mixed and mastered our first album during winter 2019-2020 and released the LP on Phobia records (Czech Republic) in partnership with Up the punx (Poland), Deviance (France) and Hecatombe (Spain). Bullwhip Records (Malaysia) also did a tape release! Stiv from Vision of War did the artwork for that album. Later that year, JP had to leave the band going back full time at school. Matt tcheval Deadly Pale filled in for a couple of shows to help us while we were looking for a new permanent bassist. We then asked Kev, also from Konfront to play bass and he learned the songs and joined the band quite rapidly. We got on a couple compilations, played a bunch of shows and recorded at Nomansland studio (Thanks Chany Inepsy & Dizz) an EP in two days for the Pils session in June 2021. It’s getting released on tapes right now. We are almost ready to record our next album! Ho yeah and we sucked so bad finding a name…. Nenuphar and other crappy ideas like that made us reach for help… My (Yan) girlfriend found the name.

Reading on your facebook page and bandcamp, you define yourselves as a band that plays crust metal influenced as much by 90’s crust punk as by swedish death metal. How did you come up with the idea of combining these two souls in your sound? What do you think are the links that have always united the crust punk scene with the extreme metal scene?

We didn’t really think about it… Paskk and Yan usually write all the music and our sound came out like that. We knew we all liked loud angry crust punk in the vein of Skitsystem’s Stigmata (we are all fans of Swedish crust).

Paskk brought the old school death metal influences. We forged out our sound around what we like to hear! Pretty simple no? We’ve all been in the scene since the end of the 90’(Paskk is younger though) and we’ve all been in different bands in the same scene since then.

What were your first approaches to music and the hardcore/crust scene in your life? And what are the bands primarily that have influenced your music and approach?

Santiago: As for a good majority of non-conformist teenagers, the punk rock scene was not satisfying enough at the level of hate and aggressivity. The grind crust universe was more suited to me (late 90’) when I first entered the music scene. My biggest musical influences were at the time Extreme Noise Terror, Human Greed and Driller Killer.

Michel: My first approach to the punk/hardcore scene started listening to bands like Conflict, Crass, DK, Flux of pink Indians, ENT, Disorder, Subhumans and Chaos UK. Those bands really got me as a teenager and brought me to love music, and especially to this way of life. Around the age of 15 I began to play music with friends, we were in the early 90’ in Montreal, Canada, The best time for the Punk hardcore crust scene here in my opinion. Maybe I’m just nostalgic hahaha. So many good bands and crazy shows. Civil disobedience, State of fear, His hero his gone, Global holocaust, Dropdead, Human greed and so many more. All those good bands threw me further in the crust sound like Disrupt, Wolfbrigade, Tragedy, Fall of Efrafa, Consume, Disaffect, to name a few. I’m still enjoying and discovering so many good bands and I still need to sing and scream to empty the rage of all injustices.

Kev: When I was 10 years old, I’ve started listening to Swedish death metal bands like Dismember, Entombed, Grave, etc… my first tape was Entombed Clandestine. Around 16, I’ve started to listen to punk bands and I’ve fallen in love with all this way of life. Around 20, I’ve discovered bands like Wolfpack, Skitsystem, Aus rotten, etc… And boom!!! The mix of the two styles made my head burst!!!!! Now at 40, I play death crust in my best band project in my all life!!!

Paskk: I’ve been a punk rock fan at first glance, when I was about 13 years old. When I was 17 years old, I started to discover more underground punk bands; mainly uk82, anarcho punk and street punk stuffs. When I was 19 years old, I saw a Born/Dead show and not long after, a Sangre show and it was a revelation to me. The energy that crust punk music was unleashing made me enlightened. When I was 20 years old, I pursued my discovering of the genre and started to listen to bands as Wolfbrigade, Skitsystem and Tragedy, to name a few. It wasn’t long for me to focus mainly on crust music (the Swedish style always has been my favorite) and let the street punk genre and look back behind. I started playing in a crust band around the same time back in Belgium. Before moving to Canada, I experienced playing in bands in that music style with 3 bands. Two as a guitarist singer, and one as a singer. Around 23-24 years old, I started to appreciate metal music again, because in my streetpunk phase, I kind of let it denied for a while. I was loving metal again and more especially old school Swedish death metal. Bands like Entombed, Interment, Demonical Unleashed, Bloodbath, Entrails, Asphyx or the later LIK rapidly became an inspiration and a passion to me. I started looking for bands that were merging the kind of death metal I love and the kind of crust punk I love. I already knew the mighty album “Stigmata” of Skitsystem which was a perfect example of how Swedish crust and old school Swedish death metal could become the perfect cocktail. This album is still in my top 3. I discovered bands such as Totält Jävla Mörker, Guided Cradle, Misantropic or Fredag den 13 e, again to name a few. When I arrived in Canada, I was willing to make a new band of that style of music, which I call either crust metal, or death crust. And it’s what we did. I incorporated elements of death metal in my crust riffs, Yan did too, and Collapsed was born. Get ready for next album!

Yan: My approach to music might be different than my band mates. I don’t like to consider genre, I listen to pretty much all kind of music. I’ve been introduced very young to 60’-70’ music, learned guitar pretty young in the early 90’and never stopped. I’ve been in some school band and liked the feeling of being on a stage. Some friends played in a Ska-punk band Downshift in Case in the late 90’ and I joined them for a good while, we played shows all around Quebec. We were underage playing in bars but it was fun! That band went on hiatus after a few albums and several years. Through common friends, I replaced the guitarist in a local legendary crust band Global Holocaust in early 2000 and got introduced to crust punk. I already liked extreme metal and grindcore complexity and speed but that mix of punk rock and metal sounded right in my ears! Played with them for some time then started various bands projects. I’m still very into experimental music of any genre. I’m all about Emerson Lake & Palmer, Dillinger Escape Plan, Bad Brains ,Assuck, Django Reinhardt, Dystopia, Spazz, Wolfpack, Elvis, Flat & Scruggs, Deicide, Choking Victims, State of Fear, Ravi Shankar, The Beatles, Louis Armstrong, Monster X ,Hendrix, The Mahavishnu Orchestra, Fuck the facts… the list goes on and gets more and more on the weird side, I got to be careful when I write music for Collapsed not put too much weird things but the guys are watching me.

Canada has been famous for years for giving birth to many interesting and valid bands in combining crust punk and extreme metal, from the seminal Iskra (fundamental for the development of RABM) to Ahna, from Napalm Raid to Massgrave. How do you explain this extreme fertility of certain sounds in your country? What are your relationships with the punk-hardcore scene in Quebec and Canada in general?

Well, there’s a bunch of extremely talented bands coming out of the north, let’s say it’s so cold you can freeze to death ½ – 1/3 of the year…people are stuck inside and music is an excellent way to get together and do something artistic and fun! The country here is really really wide so there’s a scene but it’s spread. Let’s say from Montreal to the next big city is 300+ km and it’s like that (or worse) all across the country. However, There’s a really nice scene in Montreal. Usually shows of all kinds pretty much everyday, lots of festivals… Underground music scene is active all across Canada but mainly gathered in every big town. I think we have good relationships with other bands and venues but we’re pretty much a bastard kind of weirdos cousins… Too metal for punk rock shows and too punk for metal shows… but it works out! We’re not too much politicized, but more about raising awareness… Not here to preach, we don’t have to justify our ideologies, we say what we think, like it or not.

Quebec is unfortunately famous for having an important Black metal scene whose protagonists are often linked to environments of extreme right or with strong nationalistic-racist feelings. What are your positions about this scene and bands that use extreme metal to convey messages and positions openly fascist, reactionary, racist and oppressive towards minorities?

FASCISTS ARE NOT WELCOME!!!

We’re greatly against all kinds of discriminations. The Antifa movement is really strong here in Montreal and Fascist acts in the punk/metal scene are really watched. Some bands try to book right wing shows from time to time I’ve heard, but most get cancelled or stopped. They are now a minority. Going out in more rural regions people can be more redneck… Our position towards bands openly fascist, racist, homophobic, sexist, transphobic or oppressive toward minorities ? FUCK those persons, they don’t want to meet us in person.

With your music do you also want to convey your political ideas or do you focus on other themes and topics?

Collapsed isn’t much about politics, more about critical consciousness. We talk about premature death of ecosystems due to overconsumption, war, pain, mankind stupidity, relation interactions. Ideologies will bring conflict and there’s enough of those, we are more about exposing problems that are bringing us all down the drain. Not to be pessimist, but the future does not augur well for planet earth if we keep running that kind of system…

Recently, in the last few months, horrifying news arrived from Canada about the discovery of mass graves of First Nations children. A news that certainly does not surprise in a continent born from colonial oppression and genocide of native peoples, but that returns to emphasize the importance of the struggle and the movement of decolonization. The reaction of the First Nations was in some cases violent with the destruction of churches and other symbols of European colonialism on Canadian soil. What are your positions on these anti-colonial protests and revolts as a response to the horrors of yesterday and today of (neo)colonialism and oppression suffered by First Nations? Do you also deal with certain issues in a track like “Lost Tribes?

One of the biggest Holocaust that ever happened in America. In 1924, Paul Rivet estimated that between 40 to 50 million of people lived in the hemisphere before the Indigenous Holocaust began. With some historians arguing for an estimated 100 million, or more. That population got eradicated, their lands got stolen, children killed, women raped…first nations have the right to be angry and we support them. We’re opposed to repression against the first nations and Inuit people. Who doesn’t like a nice church fire? We’re against religion anyway, people can think what they want but not impose their ways of thinking to others.

What does being part of the DIY hardcore scene and playing crust punk mean to you? What do you think about a quite famous slogan within the hardcore scene that says “make hardcore a threat again”?

Slaves to no one.

Isn’t it making punk a threat again? Bunch of good bands on Profane existence! We did our first show with Appalachian Terror Unit!

The Goal of punks was, at the beginning, to shock and provoke, and we are part of that generation of punks. -HATE US.

Unfortunately, there’s division in the scene, people get sometimes offended for nothing and stuff. We like it wild, like back in the days.

Punk is support not competition.

Your first album was recently pressed by Phobia Records and others labels. What is your relationship with this important labels? How did the decision to release your first s/t album come about through a true DIY conspiracy between multiple labels?

We started and will always stay fully DIY, it’s a way of life, we don’t want to depend on anybody. We’re able to record and produce our music ourselves and all our merch is made locally by punks. We had the help from Stiv of Visions of War for the artwork and meanwhile Paskk talked to Mirek from Phobia record to release and distribute our first Lp. We did it in partnership with other labels, it surely does help for a larger distribution! Phobia is planning another pressing of the s/t, since the first one sold out pretty fast. We’re about to go recording a new full-length album in a few months and we plan to release it on Phobia too. So you might get new Collapsed material during winter 2022! (Hint Hint we’re starting preprod really soon!) We would really like to tour Europe and meet everybody from those awesome labels in person during summer 2023, we already had plans for last summer but Covid fucked that up solid… We still managed to do a couple shows around our home town. And it seems like everything is going better now! We just recorded the first of a long list of Pils sessions at NoMansLand studio, an initiative of Chany<Inepsy> and Dizz. They have started those sessions to help to promote the DIY underground bands. They’re releasing some small batches of tapes for every band and eventually gonna release a compilation. Ours got mastered at Enormous Door Mastering (Huge thanks to Jack Control<Severed Head of State, World Burns to Death>). Also, we recently covered the song Godforsaken for a cool State of Fear tribute album with a bunch of nice crust bands from all around the globe. It’s getting released by D.I.Y. Koło Records in Poland. The S/t album also got released on tape by a local label called <Still not fast enough>. Our friend Arnaud did some limited edition tapes and patches. Bullwhip Records in Malaysia also released some tapes of the s/t to have some distribution in south east Asia.

Are you already working on the new record? If yes, do you already have in mind when you will release it and through which label you want to press it on vinyl?

Well, we have answered that in the previous question. When our rehearsal space was closed during the early pandemic, we managed to rent a secret warehouse bunker to continue rehearsing during the lockdown (avoiding the spread of the virus by safety measures though), we kept composing more and more, and now pretty much everything is ready for our second album. We might have a split coming too…

You recently participated in a tribute to the immortal State of Fear along with other great bands, from the Swedes Misantropic to the Italians Cancer of Spreading. How did the idea of participating and collaborating in this compilation come about?

Yeah!!! State of fear is a major influence for us! It’s an honor to be part of the tribute compilation and the line up is insane. Paskk saw that tribute and contacted the label to bring us in. We had to choose, learn and record the song in the same week to send it to the label which needed it very fast to send it to the pressing plant! There’s some delays with the pressing plant but I heard it’s on the way. We’ll get it in a couple months. You can already listen to our cover on our bandcamp. (Collapsed – Pils Session)

We have come to the end of the interview, I leave this space for you to write anything you want and that you consider interesting for those who will read! Thank you again and I send you a big hug Collapsed friends!

TOO PUNK FOR METAL

TOO METAL FOR PUNK

SLAVES TO NO ONE

FUCK YOU ALL

CHEERS

“Making Punk a Threat Again” – Interview with Misantropic

In the past few days I had the chance to send some questions to Misantropic, authors of the wonderful Catharsis, one of the best crust-core records of 2020 and without a doubt one of the best listened in recent years. Matte and Gerda answered my questions about the hardcore scene, punk as a threat, feminism, revolution in Rojava and much more and I want to thank them again with all my heart. No retrat, no surrender, making punk a threat again!

 

LET’S START WITH THE OBVIOUS QUESTIONS. CAN YOU GIVE US SOME BIOGRAPHICAL NOTES ON THE BAND? HOW DID YOU CHOOSE THE NAME “MISANTROPIC”?

We started playing around 12 years ago, with a slightly different lineup. The members basically came from three local bands: LESRA, HELLMASKER and PERSONKRETS 3:1, and we had an idea to play bit darker and more stench/death influenced stuff than we had done in our previous groups. After the first EP (the split EP with DEATHRACE) vocalist Johannes left the band and Gerda took the mic. We also changed our sound a bit at that time I guess, writing a bit faster and thrashier stuff. “Insomnia” was released in 2011 and a split LP with EATEN RAW was released in 2014. In 2020 we released a one-sided flexi 7” and a LP/tape called “Catharsis”. About the band name… well, I honestly don’t remember. But it is miss-spelled on purpose. There are too many metal bands around called “Misanthropic”.

A FEW MONTHS AGO YOU FINALLY RELEASED YOUR NEW ALBUM ENTITLED “CATHARSIS”. UNDER WHAT CIRCUMSTANCES WAS THE RECORD BORN? DOES THE TITLE HAVE ANY PRECISE MEANING FOR THE HISTORY OF THE BAND?

Yes. “Catharsis” can be translated to “purification”, “cleansing” or “clarification” and the title track kind of sums up the past few years for us a band. Health issues, and life in general, made it pretty much uphill for us as a collective for some time. But things turned around and we were able to get our shit back together. The result is this album. It took us a long time to record, and I guess “Catharsis” is a bit more metal and experimental than the previous releases, but it still sounds like Misantropic. The album has gotten positive feedback, but its still a bit sad that it was released during this epidemic since it means we cant play any shows. Fucking bummer.

IN MY OPINION YOU ARE ONE OF THE BEST BANDS IN THE SWEDISH MODERN HARDCORE/CRUST SCENE. WHAT CAN YOU TELL US ABOUT THIS SCENE? WHAT DOES IT MEAN FOR MISANTROPIC TO BE PART OF IT?

Thank you! Well, Sweden has a small population and I guess most bands know each other in one way or another. Many of the “classic” Swedish bands keep doing their thing, but there are also lots of new bands coming out of Sweden these past few years’ worth checking out. REMISO, SOCIALSTYRELSEN, SKROT, ZYFILIS, WARCHILD, GEFYR, ETT DÖDENS MASKINERI and ANTI METAFOR to name a few.

But there is a pretty big difference between northern and southern Sweden. We live in the north, and our scene is a bit cut off from the rest of the country. Only about 10% of the Swedish population lives in this northern half. The vast majority of swedes lives in the southern part, which makes us northeners a bit isolated. If we want to play in “proper” Sweden there is usually a 10 hour car ride to that first gig hahaha. Not many foreign bands tour here so it is a bit boring sometimes. But our local scene in Umeå is great, at least before covid 19 came, and I would say it is pretty much the same amount of people attending a hardcore punk gig in Umeå as it is in the bigger cities down south.

MY POLITICAL POSITION ABOUT HARDCORE MUSIC CAN BE SUMMARISED AS “MAKING PUNK A THREAT AGAIN”. WHAT DO YOU THINK ABOUT IT? WHAT DO PUNK AND HARDCORE MUSIC MEAN TO YOU? WHAT MESSAGES DO YOU WANT TO CONVEY WITH YOUR MUSIC?

Ah, yeah I totally share that Profane Existence-motto. Misantropic is a political band and all our lyrics is about politics in one way or another; anti sexism, anti fascism, anti capitalism, animal rights issues, environmental issues… stuff like that. I think it’s a bit lame to see that so many punk/hardcore bands these days have stopped talking about politics on stage. It’s just “Ok thanks, here´s another song from our new album” and that’s it. If you have a mic, you should use it to speak up. You don’t have to go full on CRASS, but at least say SOMETHING.

DO YOU CALL YOUSELVES A POLITICALLY ANARCHIST BAND? IF YES, WHY AND WHAT DOES IT MEAN ANARCHY FOR YOU?

No. I would say that politically we all identify ourselves as “leftists” but we don’t always agree on everything all the time. There can be political arguments within the bad as well. And that’s a good thing, because it means that we are not a sect. I have spent a lot of time in the anarchist/activist environment while others in the band have other backgrounds (trade unions, solidarity groups, ABC etc). Erik is working his ass off as a local union representative for example, while I put my time on stuff like international campaigns, demos etc. Different methods, common goal I guess.

Anarchism to me is basically about freedom, in all aspects of life. When I was a kid I started reading stuff from AFA and The Swedish Anarcho-Syndicalist Youth Federation, which got me into reading more about anarchism. In my late teens I got involved in the syndicalist trade union SAC. 20+ years later, I am still trying to figure out exactly what anarchism actually means hahaha. But I guess Goldman said it in a good way: “Anarchism stands for the liberation of the human mind from the dominion of religion, and liberation of the human body from the coercion of property; liberation from the shackles and restraint of government. It stands for a social order based on the free grouping of individuals”.

 

IN A TRACK LIKE “DEATH CULT” YOU TALK ABOUT THE ROJAVA REVOLUTION. WHAT ARE YOUR VIEWS ON DEMOCRATIC CONFEDERALISM AND THE FEMINIST AND ECOLOGICAL PROCESSESS THAT PERMEATE THIS REVOLUTION?

Sure, I try to read up on jineology and Öcalan’s philosophy of democratic confederalism but to be honest our support for YPJ/YPG is pretty much based on what we see on the news and read in the press: brave men and women unleashing hell on patriarchy and religious tyranny. And that’s good enough for us.

RELATED TO THE PREVIOUS QUESTION, WHAT IS YOUR RELATIONSHIP WITH THE PUNKS FOR ROJAVA PROJECT AND WITH BANDS LIKE ADRESTIA AND MARTYRDÖD ACTIVE IN THIS PROJECT?

Punks For Rojava is a network consisting of people from the punk community worldwide, and I guess that makes us a part of this network as well since we have made a few solidarity releases for Rojava (like the digital version of the Death Cult single for example). But we don’t really know the people behind the network. We bump into members in Martyrdöd from time to time I guess, and Adrestia is a great band but I don’t think we have met or played together….

HOW IMPORTANT TO YOUR VISION OF PUNK AND HARDCORE MUSIC ARE SOLIDARITY AND SUPPORT FOR PROTEST MOVEMENTS LIKE BLM, INSURRECTIONARY MOMENTS AND RIOTS CARRIED OUT BY OPPRESSED SUBJECTIVITIES AND COMMUNITIES AROUND THE WORLD?

Hm, Im not sure I understand the question. Yes, we support many protest movements and insurrectionary movements but in the end it comes down to the actual political goal. The Trumpists in the US probably called their storming of the Capitolium a “revolutionary protest” as well, you know? Personally, I think the situation in Russia and Belarus is something worth following and showing support with right now. Same goes for the women fighting for their abortion in Poland.

ANOTHER TRACK THAT I REALLY ENJOYED IS DEFINITELY “ARM YOUR DAUGHTERS”, WHICH IN MY REVIEW I DEFINED “A STICK OF FEMINIST RAGE”. WOUKD YOU LIKE TO ELABORATE ON THE FEMINIST THEME ADRESSED IN THIS SONG? HOW DO YOU THINK PATRIARCHAL, MACHISMO AND GENERAL RAPE CULTURE DYNAMICS CAN BE ADRESSED AND FOUGHT, OUTSIDE AND INSIDE THE PUNK SCENE?

“Arm your daughters” is written by Gerda so she should answer this. Here is her reply:

I wrote this song a long time ago and as I recall it, I wrote it in rage after reading in the news about another murder of an innocent woman. Unfortunately, I have no real answer on what needs to be done to stop men’s violence on women, children and LGBTQI people. Many processes around gender equality moves forward so damn slow; time and time again, new research shows how men (also young men!) see feminism and women’s rights as less and less important. Sometimes you just want revenge, and if we who are oppressed by the patriarchy would start arming ourselves as a last resort to avoid being murdered and raped, I´m all in! That’s pretty much what to song is about.

WHAT DOES “NO RETREAT NO SURRENDER” MEAN TO YOU? THESE WORDS SEEM TO PERFECTLY REPRESENT THE ATTITUDE OF MISANTROPIC TO MY EYES.

Well, that’s the chorus of the track with the same title. The song is about war mongers sending people off to die in meaningless wars, so it´s not about us as a band. But sure, why not? Never give up.

PUNK IS NOT JUST MUSIC AND I THINK WE AGREE ON THAT. BUT AT THIS POINT OF THE INTERVIEW I HAVE TO ASK YOU ONE QUESTION. WHICH ARE THE BANDS THAT HAVE INFLUENCED YOUR SOUND?

We all have pretty different backgrounds musically. Some of us come from the hardcore/punk scene and some of us come from the metal scene, so this is a really hard question for me to answer. But there are a few bands that I guess we all can agree on, like ANTICIMEX, TRAGEDY, CONSUME, BOLT THROWER, SLAYER, HELLSHOCK, SEPULTURA, METALLICA, ENTOMBED… Everyone contributes with their thing, so its hard to name a specific band.

Personally, I´m a sucker for old UK crust and anarcho punk and I guess bands like ANTISECT, DISCHARGE, AXEGRINDER, CONFLICT and SACRILEGE have influenced me a lot. I also enjoy primitive death/thrash like ONSLAUGHT, DEATH, CANCER and stuff like that, so I probably steal some stuff from there as well when I write riffs for Misantropic.

THE INTERVIEW HAS COME TO AN END, ARE YOU ALREADY THINKING ABOUTE CONCERTS OR WORKING ON NEW SONGS/ALBUM? Do you think there are chances to organize a Misantropic concert in Italy in the next months?

We have actually been writing a lot of new material these past few months, so another album is definitely on its way. But it will probably not be finished until 2022 or something like that. Misantropic works very slowly. At the moment we don’t rehearse or get together at all, due to covid 19. Regarding a concert in Italy, I very much doubt it. This covid shit will probably not be over for another couple of months and I guess travelling abroad will still be a bit problematic a while after that. My guess is that we won’t play much live at all this year, not even in Sweden. We rarely do tours (too many kids and stuff) but if you have a budget to fly us in – get in touch.

THIS END SPACE IS YOURS, YOU CAN SAY AND REPORT ANYTHING YOU WANT. THANK YOU AGAIN FOR THE TIME YOU HAVE TAKEN TO ANSWER NY QUESTIONS.

My brain is blank after a long day with a bunch of kids having a pizza party in our livingroom (my sons 10th birthday party) so I cant figure out anything smart to say. Thank you for the interest, hope we will be able to play in Italy some day. Stay punk. Much love.

 

Culto del Cargo – Memorie in Lingua Morta (2020)

Ma che vita è la nostra? In questo pianeta di fabbriche e cimiteri, il cervello sciopera.

Il gruppo di cui vi parlerò oggi è da anni uno dei miei preferiti all’interno della scena hardcore italiana, tanto su disco quanto in sede live (visti infinite volte sempre volentieri) dove riescono ad essere ancora più devastanti e brutali. Il nome stesso del gruppo in questione ha sempre catturato il mio interesse da wannabe antropologo e affascinato visto che riprende un termine utilizzato per descrivere un particolare culto millenarista sincretico apparso in alcune società e culture indigene della Melanesia. Ho pensato spesso di recensire i loro primi due lavori in studio, il demo del 2011 e il successivo Nel Nome della Tecnica l’uomo macina carne, ma per mille motivi ho sempre procrastinato. Fino ad oggi, visto che finalmente mi trovo a scrivere i miei pensieri e le mie impressioni in merito al nuovissimo album in studio intitolato Memorie in Lingua Morta, disco che attendevo da troppo tempo a dire la verità. Probabilmente arrivati a questo punto della recensione avrete già capito di chi sto parlando…

Memorie in Lingua Morta, si potrebbe tradurre sinteticamente come la solita mazzata annichilente di grinding crust hardcore firmata Culto del Cargo, che, dopo sei anni, tornano con la loro ricetta devastante come un uragano che si abbatte sulle nostre esistenze senza alcuna pietà e senza lasciarci momenti per riprendere fiato. Brutali e intensi, sempre animati da una palpabile rabbia bellicosa e selvaggia che emerge palpabile in ogni brano, i Culto del Cargo ricominciano da dove avevano interrotto, ovvero lasciando solamente cumuli di macerie e polvere al loro passaggio, ancora una volta, per l’ennesima volta. Anche questa ultima fatica Memorie in Lingua Morta è autoprodotta dal gruppo triestino, mantenendo così fede all’etica e all’attitudine do it yourself che dagli albori segna il progetto Culto del Cargo. Dodici schegge impazzite di rumore che affrontano argomenti classici per un gruppo crust-core, dalla critica all’alienazione capitalista all’invettiva contro la mercificazione e il consumismo imperante nell’attuale epoca della merce, dalla psicosi securitario-nazionalista che invoca a gran voce la costruzione di muri e la difesa dei confini ad un nichilismo in senso anarchico che attraversa e contraddistingue tutte le liriche del gruppo veneto. Nonostante le tematiche siano le solite e ricorrenti per un genere come il crust/hardcore, vengono però sviscerate con la solita qualità lirica e compositiva che contraddistingue i Culto del Cargo fin dalla prima demo e che io continuo a vedere come loro marchio di fabbrica.

Il disco si apre con la furia devastante di una traccia come“Nella Sicurezza di un Nuovo Medioevo”, una vera e propria mazzata in pieno volto che lascia immediatamente inermi prima di venire travolti definitivamente da un vortice di riff grind/crust-core senza via d’uscita e da una batteria brutale che ti martella il cervello fino a sbriciolarlo. E il copione, o meglio la ricetta dei Culto del Cargo, prosegue su queste coordinate anche con la seguente “Autopsia sul Cadavere del Capitalismo”, altra traccia furiosa e selvaggia che deflagra senza mostrare alcuna pietà. Una doppietta iniziale che, per la sua estrema intensità e la sua istintiva furia selvaggia, si presenta ai miei occhi e alle mie orecchie come una dichiarazione di guerra  verso tutto e tutti, una promessa di distruzione totale a cui nulla può sfuggire. Una delle mie tracce preferite è invece “Massa contro il Muro”, accompagnata da un titolo e un testo che citano a più riprese l’iconico “La Classe Operaia va in Paradiso” di Elio Petri con protagonista il grandioso Gian Maria Volontè, brano attraverso il quale i Culto del Cargo muovono un’aspro attacco all’alienazione lavorativa e al mito della produttività capitalista che sacrifica tutto, tanto l’essere umano quanto l’ecosistema e gli animali, sull’altare del profitto di pochi. Tracce come “Muri più Alti” o “Il Boia Perfetto” erano invece già state pubblicate in precedenza su compilation benefit come Non Un Sasso Indietro Vol. II (benefit a sostegno della lotta contro frontiere e CIE/CPR) e Asfissia – Compilation Ardecore Benefit (a sostegno di Radio Blackout), a voler sottolineare che l’hardcore per i Culto del Cargo non sia solo musica ma anzitutto un mezzo con cui lottare ed esprimere la propria solidarietà e complicità con chi lotta contro questo esistente fatto di carceri, repressione, controlli, frontiere e sfruttamento. Potrei continuare a scrivere altre infinite righe per parlare di brani come “Come in un Gioco di Specchi” o “Il Futile Indispensabile”, ma credo sia del tutto superfluo perchè il mio consiglio, arrivati a questo punto, è solamente uno: correte ad ascoltare questo Memorie in Lingua Morta, fatevi prendere a pugni dal bellicoso quanto annichilente grind-crust-core dei Culto del Cargo e compratevi il disco senza indugiare oltre!

I Culto del Cargo dimostrano ancora una volta, come se ce ne fosse bisogno, di essere una garanzia in termini di attitudine, brutalità e qualità. E questo nuovo Memoria in Lingua Morta è probabilmente il disco più sincero, intenso e politico pubblicato in ambito hardcore di tutto il 2020. Il delirio rende liberi, la mia felicità è ancora il vostro patibolo.

 

Mass Extinction – Never Ending Holocaust (2020)

Intersectionality is vital to any form of activism. While this album focuses specifically on the suffering of non-human animals, the message and lyrical themes extend to the victims of any form of injustice, prejudice, abuse, & exploitation. (Mass Extinction)
Anti-Human Crust Grinding Annihilation for Total Animal Liberation!

Partiamo col botto, alzando subito i toni: questo Never Ending Holocaust degli statunitensi Mass Extinction è senza ombra di dubbio uno dei migliori lavori usciti negli ultimi anni in ambito crust/grind. E le ragioni di questa mia affermazione sono molteplici e differenti, a partire dall’impegno politico per la totale liberazione animale che anima l’intera proposta dei nostri, enfatizzando dunque un’attitudine bellicosa e riottosa che avvolge l’intero lavoro e che trasuda da ogni singola nota di ogni singolo brano. Un sound quello costruito dai Mass Extinction che sintetizza nel modo migliore e più avvincente le migliore pulsioni del crust punk e le più brutali tensioni del grindcore, riuscendo a far emergere come influenze principali della loro proposta tanto gentaglia come Nasum e Enemy Soil quanto i canadesi Massgrave, oltre ai Disrupt e agli Extreme Noise Terror in quei momenti e in quei passaggi del disco che evidenziano un profondo legame con l’hardcore punk vecchia scuola, il tutto accompagnato da quell’irruenza espressiva, quella netta presa di posizione politica e quell’attitudine di protesta e rivolta che riportano alla mente in più occasioni gli immortali Dropdead. Un sound quello firmato dai Mass Extinction che, condensato in dieci tracce che assumono le sembianze di vere e proprie mazzate sui denti annichilendo qualsiasi tentativo di sopravvivenza, irrompe immediatamente in tutta la sua brutalità e furia senza pietà, lasciandoci inermi e impotenti dinanzi a queste urla disperate per la totale liberazione animale! Tracce come Doomed Species, la stessa titletrack o (A)bstain // (A)bolish possono essere descritte solamente come una scarica di pugni nello stomaco che tolgono il respiro.

Lo stesso titolo dell’album, così come l’artwork di copertina, manifesta una chiara volontà dei Mass Extinction di denunciare e sferzare un attacco diretto allo sfruttamento animale odierno (ma che ha una sua storicità secolare), frutto marcio di un sistema economico e di una cultura specista che vedono nell’animale solamente un altro soggetto da sfruttare e opprimere, così come da ingabbiare, torturare o da assoggettare per i “bisogni” dell’essere umano, in una gerarchia che di naturale non ha nulla e in cui il regno animale ricopre unicamente il ruolo di carne da macello da sacrificare sull’altare del profitto economico e dell’egoismo umano. Sono le parole degli stessi Mass Extinction che accompagnano l’uscita del disco a sottolineare come questo Never Ending Holocaust sia, negli intenti e nella pratica, una denuncia e un attacco contro la natura oppressiva dell’uomo nei confronti degli animali; difatti ogni traccia cerca di analizzare e affrontare un determinato quanto differente aspetto di questa relazione di oppressione e sfruttamento animale messa in atto dall’uomo in nome del profitto capitalistico. Un’attacco diretto e brutale contro l’industria del latte, i laboratori di cosmetici e farmaci che compiono disumani esperimenti sugli animali o gli allevamenti intensivi in cui gli animali nascono, “vivono” e muoiono in una “eterna treblinka” (per citare il titolo del libro scritto da Charles Patterson che ha ispirato le liriche dell’intero disco), e più in generale ad un comparto industriale-produttivo che si fonda sull’abuso e lo sfruttamento del regno animale. Dieci tracce di grind/crust-core annichilenti, dieci bellicosi inni di protesta e rivolta affinchè di ogni forma di oppressione e gabbia non rimangano che macerie. In estrema sintesi Never Ending Holocaust non è altro che l’essenza, perfetta quanto brutale, di quell’ “anti human crust grinding annihilation” di cui i Mass Extintion sembrano essere oggi gli indiscussi portabandiera.

Comunicato Numero Zero

Compagni/e punx rivoluzionari/e, siamo rimasti tranquilli e abbiamo sofferto la violenza del sistema per troppo tempo. Ci attaccano quotidianamente. La nostra risposta sarà violenta ed il problema non è se la rivoluzione sarà violenta o meno. Non subiamo ogni giorno gli orrori della violenza statale e della guerra? La violenza del sistema è ovunque e ci opprime nella nostra vita quotidiana. Lo sfruttamento salariale e le nostre stesse esistenze sacrificate sull’altare del profitto non sono forse, ogni giorno, guerra? Le morti nelle carceri, gli omicidi nei CPR, i morti alle frontiere dell’Europa e nel Mediterraneo non sono forse, ogni giorno, guerra? La devastazione ed il saccheggio degli ecosistemi in nome degli interessi del capitale non sono forse, ogni giorno, guerra? La pacificazione sociale imposta con la repressione brutale e mantenuta con il controllo e la sorveglianza delle nostre vite non è forse, ogni giorno, guerra? Fratelli e sorelle non possiamo delegare il nostro desiderio di iniziare l’offensiva, noi dobbiamo attaccare. Qui e ora.

E ancora una volta saremo pronti a riconoscere gli sconosciuti come amici attraverso le loro azioni. Che si uniscano alla brigata arrabbiata del disastro sonoro dieci donne e uomini animati dalla scintilla della violenza rivoluzionaria abbandonando la lunga agonia della sopravvivenza; da questo momento finiscono i tempi della disperazione e dell’alienazione e inizia finalmente la festa dell’insurrezione. Queste sono parole di rabbia, fratelli e sorelle, compagni e compagne punx, ed è giunto il momento di armarle queste parole. 

E’ da troppo tempo che la rivoluzione bussa alle porte delle nostre città noiose. Lasciamo dunque divampare la gioia di distruggere in modo totale questo mondo che ci distrugge ogni giorno. Non e’ più tempo di parole, non è più tempo di proclami. La gioia armata è ancora nel cuore.

La Brigata Arrabbiata del Disastro Sonoro

Data sconosciuta, ancora chiusi nella città contaminata e iper-sorvegliata. Finirà mai? Quando annunceranno che tutto questo sarà finito, con proclami gioiosi di ritorno alla normalità, speriamo sia solo la fine della loro pace e l’inizio della nostra, per troppo tempo attesa, vendetta. Senza dimenticare, in tutto questo, cari miei e care mie, signore, punx, compagni, signori compagne, che solo il crust farà da colonna sonora all’insurrezione che verrà. Perchè, mi sembra stupido doverlo ribadire, solo il crust ci salverà. E ancora una volta sono qui a parlarvi di tre dischi e tre gruppi della scena crust punk italiana degli anni Duemila e dell’importanza che hanno avuto per me, visto che purtroppo sono nato troppo tardi per vivermi in prima persona quel periodo storico e quella scena. Tutto quello che scriverò sarà profondamente soggettivo, come lo è stato dal primo giorno in cui decisi di aprire questo blog, anche perchè, per scelta, non sono un critico musicale e soprattutto perchè lascio la triste ambizione di fare il critico musicale a chi in queste sonorità non vede altro che merci alternative da cui trarre profitti.

Partiamo dal 2003, anno in cui viene registrato e dato alle stampe “L’Oblio Copre Ogni Cosa” secondo disco dei Disforia dopo il primitivo demo pubblicato l’anno prima e intitolato “Quattro Frammenti di Orrore Quotidiano”. Un disco, questo “L’Oblio Copre Ogni Cosa”, che quando recuperai anni fa mi fece subito pensare di star ascoltando un lavoro seminale per l’allora scena crust punk italiana. E seminale lo fu davvero, visto che stiamo parlando di uno dei primi lavori pubblicati nella penisola caratterizzati da sonorità crust-grind che si rifacevano tanto ai Doom di “War Crimes (Inhumans Beings)” e di “Total Doom” quanto agli Extreme Noise Terror di “A Holocaust in Your Head” e “Phonophobia”, senza abbandonare l’influenza primordiale del d-beat dei Discharge. Il nome stesso scelto dai Disforia sembrerebbe voler richiamare l’influenza dei Discharge utilizzando appunto una parola avente come suffisso “Dis-“, come fatto da infiniti altri gruppi a livello internazionale. Tornando a parlare nello specifico dello splendido “L’Oblio Copre Ogni Cosa”, il disco viene introdotto da un’intro di un minuto e mezzo che ci fa piombare immediatamente nell’oscurità costruendo un’atmosfera dai tratti apocalittici. Ma è con le prime note di “Infermità Mentale” che si viene inghiottiti da una tempesta di devastante grinding d-beat crust punk, un sound aggressivo e brutale che avanza bramoso di distruzione e che non si placherà fin quando di questo mondo non rimarranno che inutili macerie. La proposta dei Disforia appare come attraversata da una ferocia barbara,  da un’odio istintivo e da una esigenza espressiva inarrestabile che trasuda da ogni singola nota di ogni singolo brano presente su questo “L’Oblio Copre Ogni Cosa”. Un disco che non cesserò mai di ritenere fondamentale, quanto meno per l’evoluzione dei miei gusti.

Nel Mio Mondo il Sole Non Sorge Mai“, secondo disco dei Disprezzo, esce nel 2004 ed è una tempesta di crust punk profondamente radicato nella lezione della scena svedese, sia quella della prima ondata (Anti-Cimex e Avskum) sia quella venuta più tardi (Disfear e Wolfpack), imbastardito con frequenti incursioni in territori black metal. Già dal titolo si può percepire un’atmosfera apocalittica e oscura di amebixiana memoria ed infatti la titletrack, che ci introduce a questo magnifico lavoro, ci travolge immediatamente e senza pietà con una tempesta di furioso e tuonante crust punk impreziosito da riff di matrice black su cui si stagliano imperiosamente vocals infernali e lancinanti. Dieci tracce per un totale di 25 minuti che continuano a diramarsi sulle coordinate di un crust/d-beat di matrice svedese che però sembra intimamente teso ad esplorare gelide ed oscure lande black metal, creando soprattutto attraverso melodie di chitarra e un martellante lavoro dietro le pelli, paesaggi e atmosfere dai toni estremamente cupi ed apocalittici. Le pulsioni (black) metal sembrano animare in profondità il sound dei Disprezzo ed emergono difatti prepotentemente nel riffing e in alcune soluzioni melodiche della chitarra così come negli assoli, riuscendo in questo modo a rendere più variegate le varie tracce in cui ci imbattiamo durante l’ascolto di questo, a mio parere, magnifico “Nel Mio Mondo il Sole Non Sorge Mai”. Il tono apocalittico che attraversa l’intero disco viene evocato in modo perfetto da tracce come “Un Giorno” o “Xx/xx/xxxx”, ottimi esempi di moderno crust punk di scuola svedese in cui il riffing di chitarra e la batteria martellante la fanno da padroni assoluti e travolgono con una furia senza eguali. Inutile continuare a parlare nello specifico di questo o quell’altro brano, perchè “Nel Mio Mondo il Sole Non Sorge Mai” è uno di quei dischi in cui bisogna tuffarcisi a capofitto senza pensarci mezzo secondo, ascoltandolo dall’inizio alla fine senza riprendere mai fiato. E’ un disco assurdo in cui convivono in modo perfetto le pulsioni crust e quelle (black) metal, dunque un disco che, per gusti personali, rimane uno dei migliori pubblicati all’interno della scena punk italiana nei primi anni duemila.

“Deboli creature incatenate, destinate al nostro piacere, spero non vi siate illuse di trovare qui la ridicola libertà concessa dal mondo esterno, siete fuori da confini di ogni legalità, nessuno sulla terra sa che voi siete qui. Per tutto quello che riguarda il mondo voi siete già morti”. Si apre con questo spezzone, tratto probabilmente dal film-capolavoro “Salò o le 120 Giornate di Sodoma”, il bellissimo “Figli della Vostra Catastrofe” dei romani Dirty Power Game, disco che vede anch’esso la luce nel 2004. Il sound dei Dirty Power Game affonda le proprie radici nella lezione seminale di dischi quali “A Holocaust in Your Head” degli Extreme Noise Terror e “Unrest” dei Disrupt, un crust-core/grind in cui si sente ancora tutta l’influenza dell’hardcore punk di wretchediana memoria. “Figli della Vostra Catastrofe” ha una batteria costantemente martellante che alterna ritmi d-beat ad improvvisi e brutali blast beats capaci di riportare alla mente addirittura i seminali Asocial di “How Could Be Hardcore Any Worse?” del 1982. La prima traccia in cui ci imbattiamo è la devastante “Cappio alla Gola”, un furioso assalto di grinding crust-core accompagnato da un testo aggressivo che si scaglia contro la democrazia, le carceri e tutto il nostro mondo, promettendo, come fosse una dichiarazione di guerra scandita da un’alternarsi di vocals tra Nicola e Massimo, che “cresce e avanza la mia voglia di distruggere”. La successiva “Niente”, una feroce aggressione di grind/crust-core in cui si sentono perfettamente gli echi di Doom, Extreme Noise Terror e Disrupt, è sorretta da ritmi d-beat insistenti e brutali che sembrano poter sbriciolare le ossa. Con questo devastante quanto brutale concentrato di grinding-crust punk, un’assalto barbaro e che non mostra il minimo segno di cedimento, i Dirty Power Game non lasciano scampo a niente e nessuno, disseminando dietro di se solamente macerie e rovine.

 

Questi sono solamente altri spunti che ritengo validi e interessanti per la lotta dei/delle punx rivoluzionari/e destinati ad essere discussi, corretti e soprattutto messi in pratica senza perdere tempo. In questi tempi e in quelli che verranno i padroni e lo Stato hanno paura di possibili rivolte e ribellioni. Ecco allora che dobbiamo essere pronti più che mai per non ritornare a nessuna rassicurante normalità. Per non essere mai più disarmati, armiamo la nostra gioia.

Warcollapse – Deserts of Ash (2019)

L’incubo continua mentre marciamo verso la fine dell’umanità, scivolando in un vortice di disperazione e miseria, mentre vaghiamo nell’oscurità verso un deserto di cenere che si estende senza fine…

A distanza di parecchi anni (ultimo lavoro in studio datato addirittura 2011) a febbraio del 2019 i Warcollapse, nome storico della scena crust svedese ed europea, ci hanno finalmente regalato un nuovo disco intitolato Desert of Ash. Ed è proprio un deserto di cenere quello che ci lasciamo alle spalle dopo esserci addentrati nell’ascolto di queste  cinque tracce di classico d-beat crust punk che si abbatte come una brutale tormenta lasciando dietro di sé solamente morte e distruzione. Desert of Ash è l’ennesimo crust as fuck assalto selvaggio ad opera dei Warcollapse, un gruppo che sembra avere ancora moltissime cartucce di d-beat/crust da sparare contro questo mondo fatto di sfruttamento, orrore quotidiano e oppressione e contro i suoi difensori condannati a morte nel loro apparente quieto vivere. Solo cinque nuove tracce che si assestano su una durata media di due minuti se non contiamo i devastanti ed inaspettati dieci minuti della titletrack posta a chiusura di questo Desert of Ash; cinque tracce che bastano però per trascinarci giù immediatamente in un’oblio dominato dalla disperazione e dalla miseria, accompagnati dal classico crust punk di matrice Warcollapse rivestito ancora una volta da una spessa e impenetrabile corazza metallica. Un brano come “Masspsykos“, una mazzata di d-beat/hardcore crudo e martellante, appare più attuale che mai in questa periodo di terrorismo psicologico ad opera dei media, una traccia dominata per tutta la durata difatti da un’atmosfera paranoica e ossessiva con le solite vocals abrasive di Jalle a farla da padrone assoluto. Ma è invece la conclusiva titletrack il momento più interessante e intenso dell’intero lavoro, con la sua inusuale durata di dieci minuti, con il suo alternare la ferocia selvaggia ad un’atmosfera malinconica e tetra che aumenta la sensazione di sofferenza e disperazione ma sopratutto con il sound dei Warcollapse che sembra naufragare su lidi doom amplificando l’epicità e il tono opprimente ed apocalittico dell’intero brano. In fin dei conti “Desert of Ash” non è altro che é l’ennesima tempesta di tuonante e furioso crust svedese evocata dai Warcollapse e che, ancora una volta, si abbatte senza pietà sulle nostre esistenze rassegnate!

L’incubo nauseante continua mentre noi tutti marciamo verso la fine dove nulla sopravvive, dove dinanzi a noi si estendono solo macerie divorate dal tempo e un deserto di cenere in cui regnano solo desolazione e morte.

 

 

“Shadows of the Past” // Bhopal – Age of Darkness (2010)

Il nostro tempo sembra definitivamente scaduto, l’umanità si trova ormai condannata all’estinzione o alla dannazione eterna. Il buio senza fine cala velocemente su quello che rimane delle nostre vite, mente orde di creature sovrannaturali devote unicamente al culto del caos calano fameliche sulle nostre città. La caccia selvaggia è iniziata… Primitive fiere e sanguinari esseri pagani banchettano tra le macerie del mondo di ieri, mente tuoni e fiamme illuminano il cielo. L’era dell’oscurità è giunta.

Son passati ormai dieci anni dalla pubblicazione di “Age of Darkness“, titolo dell’unico full lenght pubblicato dai Bhopal, gruppo di Alessandria che vedeva tra i suoi membri gentaglia già nota per aver suonato nei Jilted e nei Mortuary Drape. Un disco di cui mi innamorai al primo ascolto e che credo sia stato apprezzato molto meno di quello che meritasse. Un disco inoltre che oggi mi azzardo a definire quasi dimenticato dai più, anche se qualcuno sicuramente smentirà queste mie parole in tempo zero. Per questo motivo, e per il fatto che rappresenta, a mio avviso, uno dei migliori lavori di crust-core/d-beat al contempo melodico e metallico mai partoriti dalla scena italiana, ci tengo a spenderci due parole, inaugurando inoltre in questo modo una sorta di nuova categoria di recensioni chiamata “Shadows of the Past” (prendendo in prestito il titolo del primo capolavoro di death metal finlandese firmato Sentenced) in cui parlerò di dischi usciti in un passato più o meno recente e che, sempre a parer mio, sono stati spesso ingiustamente sottovalutati.

Ricordo perfettamente che anni fa, quando mi imbattei per la prima volta in questo devastante “Age of Darkness”, l’artwork di copertina, enfatizzato dall’utilizzo del bianco-nero, mi portò alla mente, con le dovute proporzioni l’opera Åsgårdsreien del pittore norvegese Peter Nicolai Arbo, che tutti in realtà conosciamo per esser stata usata da Quorthon sulla copertina del capolavoro “Blood Fire Death” dei suoi Bathory. Il soggetto di questo dipinto è la caccia selvaggia, un tema ricorrente nella mitologia dei popoli germanici e norreni. Tale citazione alla “caccia selvaggia” sembra riproposta proprio sulla copertina di “Age of Darkness” dai Bhopal,  con la presenza per l’appunto di quello che appare sotto le sembianze un dio nordico affiancato da altre due creature sovrannaturali, una dalle fattezze di lupo e l’altra dalle sembianze umane. Tutte e tre sembrano emergere da una tempesta brutale dominata da tuoni e fulmini che sembra prossima ad abbattersi  con violenza barbarica su una città impotente al fine di raderla al suolo, inghiottenda così tutti i mortali che trova sul suo cammino, preannunciando, forse, quell’era dell’oscurità a cui fa riferimento il titolo stesso del disco. Immaginate ora l’ascolto di questo disco come se ci trovassimo ad essere spettatori di un corteo di creature sovrannaturali che dominano il cielo notturno, scatenando tempeste senza fine e facendo calare l’oscurità eterna tra terrificanti grida di guerra e orde di creature barbariche pronte a lasciare solo macerie al loro passaggio.

Mi creda, prima il genere umano scompare dalla terra, meglio è…

È proprio questa citazione tratta dal film “Il Seme della Follia” del maestro Carpenter ad introdurci nel tempestoso viaggio nelle profondità di “Age of Darkness”, prima di lasciarci in balia della furia cieca di “Bike Punk Apocalypse“, vero e proprio assalto di annichilente d-beat/crust che ci fa assaggiare fin da subito tutta la brutalità barbarica che ci travolgerà senza pietà alcuna per tutti i trentacinque minuti di durata del disco. Credo sia superfluo e tedioso spendere parole per parlarvi di questa o quell’altra traccia, perchè ci troviamo dinanzi ad uno di quei lavori che ci inghiottono come una tormenta che non ha intenzione di placarsi e che non ci lascia ne momenti di quiete ne attimi per riprendere fiato. Veniamo difatti immediatamente investiti da una tempesta di crust punk melodico di scuola scandinava che non disdegna continue incursioni in territori death metal, così come e selvaggi assalti in ambienti black, pur sottolineando costantemente che le proprie radici son ben salde nella seminale scena d-beat svedese. Le influenze dei Bophal su questo disco vanno dai Tragedy ai Wolfpack/Wolfbrigade, passando attraverso i primi Martyrdöd, gli Skitsystem e perfino gli Entombed. I Bhopal riescono a modellare una materia iper sfruttata come il crust/d beat di stampo svedese seguendo le loro pulsioni più personali, riuscendo a costruire, attraverso un uso accurato della melodia, momenti di  tensione che attraversano tutte e dieci le tracce e un’atmosfera generale che oscilla per tutta la durata del disco tra toni epici che alla lontana possono ricordare in certi frangenti addirittura i Bathory e echi apocalittici che possono portare alla mente quel brodo primordiale consociuto come stenchcore.

Dopotutto, continuando con i riferimenti alla mitologia, l’essere testimoni di una caccia selvaggia è considerato presagio di catastrofi imminenti e questo “Age of Darkness”  può essere visto come un’ode nichilista alla distruzione più barbarica disegnando paesaggi apocalittici. Che calino presto le tenebre eterne sull’umanità destinata all’estinzione…

 

 

 

 

Adrestia – The Wrath of Euphrates (2019)

MAY THE SUN OF ROJAVA RISE AND NEVER SET. MAY THE SUN OF ROJAVA BURN ITS ENEMIES TO DEATH!

Il vento scandinavo soffia più forte che mai annunciando una tempesta di tuonante d-beat/crust che squarcia il cielo e si abbatte sul terreno con una potenza devastante. Su questa ultima fatica in studio intitolata “The Wrath of Euphrates”, ancora una volta gli Adrestia sintetizzano al meglio l’influenza dei due generi musicali che hanno inciso in modo indelebile il nome della Svezia nel panorama della musica estrema a livello internazionale: la scena d-beat/crust punk da una parte e quella death metal dall’altra. Le vocals stesse ricordano spesso quelle di Thomas Lindberg degli At The Gates, gruppo che senza ombra di dubbio ha influenzato in profondità il sound degli Adrestia soprattutto nei passaggi più melodici, mentre nei momenti prettamente crust/d-beat si può sentire in egual misura l’eco dei Martyrdod, dei Wolfpack/Wolfbrigade e dei Disfear. Il legame intimo con la prima scena d-beat svedese è sottolineato invece dalla presenza di Tomas Jonsson degli Anti-Cimex che presta la sua voce nella traccia “The Message”. 

Al di là della mera questione musicale, ciò che rende veramente interessante un disco come “The Wrath of Euprhates” è però il concept lirico che ne sta alla base e che denota una netta presa di posizione politica degli Adrestia, i quali non nascondono il loro schierarsi in solidarietà e complicità con la rivoluzione sociale del Rojava fondata su tre punti fondamentali: il confederalismo democratico, l’ecologia politica e la lotta di emancipazione femminista. Questa ispirazione lirico-politico e questa presa di posizione erano state già affrontate dal gruppo svedese sul precedente “The Art of Modern Warfare” e avevano spinto gli Adrestia a far parte fin da subito di una rete di supporto alla rivoluzione del Rojava, nata qualche anno fa all’interno della scena punk internazionale e chiamata appunto “Punks for Rojava” (troviamo una traccia omonima proprio su questo nuovo disco). Anche a livello estetico l’immaginario legato al Rojava, alle milizie armate delle YPG e delle YPJ perme l’intera proposta degli Adrestia, a partire dall’artwork di copertina in cui è raffigurato il volto di una combattente rivoluzionaria delle YPJ, divenuto ormai fin troppo iconico. Infine, il titolo stesso del disco riprende direttamente il nome dato ad un’operazione militare guidata dalle Forze Democratiche Siriane contro Daesh per riconquistare la città di Raqqa.

È profondo il legame che intercorre tra gli Adrestia e la rivoluzione avvenuta nella Siria del Nord e in cantoni e città come Afrin o Kobane e va ricercato, sopratutto, stando alle parole del gruppo, nel notare elementi di estrema somiglianza e vicinanza tra il progetto sociale e politico del Rojava e gli ideali che fondano il modo di vedere, intendere e vivere la scena hardcore/punk del gruppo , mutuo svedese. Solidarietà appoggio, collaborazione, autogestione, antifascismo, antisessismo e antirazzismo non sono parole vuote, ma pratiche quotidiane e concrete che vivono tanto in un contesto rivoluzionario come quello del Rojava quanto all’interno della scena punk hardcore internazionale e dentro molti percorsi di lotta in cui i e le punx sono attivi/e, dalle occupazioni abitative alle questioni anti-carcerarie. Sempre affidandoci alle parole degli Adrestia, “The Wrath of Euphrates” rappresenta dunque un vero e proprio omaggio non solo alla resistenza e alla lotta delle YPG e delle YPJ nella Siria del Nord, ma anche a chiunque combatte quotidianamente e in modo concreto per cercare di debellare piaghe come le guerre imperialiste, la misoginia, il razzismo, il fascismo e la distruzione dell’ecosistema.

Tornando brevemente a parlare nello specifico del lato musicale, l’ibrido crust punk/death metal tutto in salsa svedese è attraversato da un’irruenza devastante e una bellicositá a tratti selvaggia nella formula degli Adrestia, che certamente non inventano nulla di nuovo ma suonano con passione, convinzione e attitudine regalandoci quaranta minuti furiosi dominati tanto da un’aggressività cieca dai tratti crust-core quanto da momenti melodici di scuola At The Gates/Martyrdöd.

The Wrath of Euphrates” è l’ennesimo rabbioso grido di lotta degli Adrestia, un disco intenso, sia dal punto di vista meramente musicale sia a livello politico, con cui gli svedesi ribadiscono l’importanza per loro di schierarsi in solidarietà e complicità con la rivoluzione confederale, femminista ed ecologica che resiste ancora oggi, nonostante i diversi tentativi, ultimi in ordine di tempo quelli ad opera della Turchia del fascista Erdogan, di affossare questa esperienza rivoluzionaria, in Rojava! Quando sulle barricate incroceremo lo sguardo degli Adrestia, quando le fiamme della rivoluzione incendieranno questo mondo affinché ne rimangano solo macerie, risuoneranno certamente le note di questo “The Wrath of Euphrates”. Contro l’oppressione, la vita. Per la vita, l’insurrezione. Biji Rojava, Biji Adrestia!

 

Comunicato Senza Numero

Fratelli e sorelle, quali sono i vostri reali desideri? Divenire gli sbirri di voi stessi e dei vostri vicini di casa? Auspicare un ritorno alla normalità dello sfruttamento e dell’oppressione salariale? Oppure forse minare questo esistente, farlo saltare e bruciarlo? Questa vita, che il capitalismo troppo spesso ci porta ad odiare, può essere bella, ricordiamocelo. Questo mondo, è vero, ci fa talmente schifo che l’unica posizione prendiamo è quella di una sua possibile e totale sovversione. Non chiediamo una vita migliore, nemmeno speriamo in un ritorno alla normalità di un esistente fatto di quotidiano sfruttamento, oppressione e repressione, bensì costruiamo già qui e ora una vita radicalmente diversa. Per fare in modo di non esser mai più sommersi dalla quotidianità, dalla noia, dall’arrendevolezza, occorre scuotersi e cercare complicità e affinità attorno a noi.
Accorgiamoci della noia, della monotonia, della merda che ci circonda, ed attacchiamo. Qui. Ora. E gioiamo, di quegli istanti di rivolta, di quegli istanti di vita veramente vissuti. Fratelli e sorelle dunque cerchiamo complici con cui disertare la quotidianità, sovvertire il quieto vivere, minare l’esistente. Complici con cui cospirare, convertire le parole in fuoco, insorgere.

Fratelli e sorelle il futuro è nostro. Le fiamme della nostra gioia divamperanno tra le macerie di questo mondo e illumineranno la notte. Contro l’oppressione, la vita. Per la vita, l’insurrezione. 

La Brigata Arrabbiata del Disastro Sonoro

Data sconosciuta. Ancora qui chiusi in una città quarantenata come una tigre in gabbia. Non so come chiamarvi. Signore, punx, compagni, signori compagne, insomma non lo so. Ma voglio ricordare inseme a voi una serie di questioni fondamentali:

  •  uccidere lo sbirro che abita nella vostra testa è cosa buona e giusta
  •  lo Stato ha bisogno di te? Bene, fottilo.
  •  solidarietà e complicità non son solo parole vuote, ma una pratica quotidiana.
  •  la repressione non è il nostro vaccino
  •  la normalità era il problema, quindi nessun auspicabile ritorno ad essa
  •  i responsabili hanno un nome, un cognome ed un indirizzo. Dovrebbero pagare caro e pagare tutto.
  •  solo il crust ci salverà…

Ed è proprio da quest’ultimo punto che voglio far partire il seguente articolo e prenderlo come spunto per introdurre l’argomento delle prossime righe: una breve primo viaggio alla riscoperta di una (totalmente arbitraria) manciata di dischi seminali per la scena anarcho punk e crust italiana del primo decennio degli anni Duemila. Perchè non c’è niente di meglio del crust punk da ascoltare in questi giorni di quarantena forzata e di emergenza socio-economica e sanitaria. Perchè solo il crust ci salverà. I dischi, e di conseguenza i gruppi, di cui vi parlerò sono scelti in base all’importanza che hanno rivestito nel corso degli anni anzitutto nella mia formazione politica e per la mia scoperta e e di conseguenza iniziazione al crust punk italiano ormai datata parecchi anni fa.

Partiamo dal primo, a livello cronologico, di questi lavori, e probabilmente da quello che può essere considerato a tutti gli effetti seminale per quanto riguarda l’intera scena anarco punk e crust della penisola nel primo decennio degli anni duemila. Il gruppo in questione proveniva da Benevento, rispondeva al nome di Tetano e nel 2005 registra e pubblica un disco intitolato “Di Stato si Muore” che ho sempre ritenuto, almeno personalmente, di seminale importanza per la mia iniziazione all’ Anarco/Crust italiano, un disco attraversato da un’aggressivitá selvaggia e da un’irruenza espressiva inarrestabile. Dato che all’uscita di questo dico avevo praticamente dieci anni, ho potuto riscoprirlo ed apprezzarne l’importanza solamente parecchi anni dopo ma posso ammettere che fu amore al primo ascolto. Con un suono che da una parte sintetizzava, tanto a livello di sonorità quanto sul lato delle tematiche trattate, la lezione primordiale del hardcore punk di matrice anarchica dei Wretched di “Finirà Mai?” e degli Eu’s Arse del capolavoro “Lo Stato Ha Bisogno di Te? Fottilo!”, mentre dall’altra affondava le proprie radici nell’anarcho punk britannico dei primissimi Crass e nel crust a la Doom, “Di Stato si Muore” è un lavoro estremamente grezzo, che mette dinanzi a tutto l’irruenza espressiva e la rabbia più feroce. Il disco, completamente autoprodotto, e la musica punk nell’ottica dei Tetano non erano altro che mezzi per diffondere il loro messaggio anarchico contro lo Stato e la sua repressione, contro il Capitalismo e lo sfruttamento e contro l’oppressione quotidiana, tematiche realmente sentite da chiunque di noi che si oppone e lotta concretamente contro questo sistema e non solo slogan vuoti e innocui da urlare dentro ad un microfono. Il punk dunque come strumento di comunicazione di idee, esperienze e pratiche antagoniste alla società dello Stato e del Capitale, ovvero una minaccia per questo esistente. “Di Stato si Muore” si apre con la voce di Riccardo che fa venire la pelle d’oca ancora oggi a distanza di anni impegnata a recitare un pezzo tratto, a quanto ricordo, da “Ripartire dall’anarchia” scritto da Sean M. Sheehan. L’intro parlato lascia poi spazio all’aggressività selvaggia e istintiva della titletrack, uno dei pezzi più belli mai scritti in tutto l’hardcore punk italiano a parer mio, accompagnato da un testo che ricorda le vittime della repressone statale (da Pinelli a Carlo Giuliani) così come le morti causate dalle guerre imperialiste o le morti sul lavoro. Un testo che ribadisce un concetto che dovrebbe essere impresso in chiunque continua ad organizzarsi per attaccare questo mondo, ovvero che di Stato si continuerà a morire fino a quando esisterà. E che Stato significa guerra quotidiana. Le tredici tracce che compongono questo “Di Stato si Muore” toccano le classiche tematiche trattate dall’anarcho punk. Infatti possiamo trovare tracce antimilitariste e di attacco alla guerra imperialista come “Nassyria” o “Giochiamo alla Guerra”, altre in cui si attaccano il nazionalismo e il patriottismo (“Fottuta Patria”), altre ancora che prendono posizione netta contro il carcere (di cui vogliamo vedere solo macere il più presto possibile) nella quinta traccia intitolata per l’appunto “Galere”. C’è spazio anche per uno dei miei pezzi preferiti in assoluto registrato dai Tetano, ovvero “Comunicato n.7″ che fin dal titolo e dallo stile in cui è scritto il testo vuole richiamare l’Angry Brigade, gruppo armato rivoluzionario anarchico attivo nel Regno Unito agli inizi degli anni ’70. Ultima cosa che ci tengo a sottolineare sono alcune righe che accompagnano la copia fisica del disco in cui i Tetano evidenziano l’importanza dell’autoproduzione come pratica politica per diffondere il proprio messaggio anarchico, mandando a fare in culo il profitto e la mercificazione delle forme di espressione e comunicazione ma sopratutto l’industria discografica, la SIAE e tutti quei gruppi che utilizzano l’autoproduzione solamente come trampolino di lancio per un contratto o il successo.

A distanza di un anno dalla pubblicazione del seminale “Di Stato si Muore”, un gruppo sardo conosciuto all’epoca col nome di Quarto Potere (ispirato dall’omonimo lungometraggio del 1941 diretto da Orson Wells) registra e da alle stampe la sua prima fatica in studio dal titolo “Incubo Senza Fine”. Il sound dei Quarto Potere su questo primo lavoro è ancora pesantemente influenzato dalla lezione di gruppi seminali della scena punk ottantiana italiana come i Wretched o gli Eu’s Arse, anche se emergono le influenze di gruppi d-beat quali Discharge o Varukers e vaghi richiami crust principalmente nei riff. La voce di Roberto è ancora legata all’hardcore punk di wretchediana memoria e non si è ancora lasciata andare del tutto a quel growl (in senso lato) abrasivo e marcio che caratterizzerà la proposta dei Quarto Potere più avanti. “Incubo Senza Fine” presenta sette tracce a cui sommano una breve intro dalle sonorità abbastanza crust e la cover di “Vaffanculo” dei Blue Vomit posta a chiusura del disco. Le tracce che ho apprezzato maggiormente nel corso degli anni sono state sicuramente “Contro le Carceri”, “Jiad” e “Vivisezione” (traccia nella quale si sentono primi echi crust anche nelle vocals), tripletta che compone la parte centrale dell’intero lavoro e che probabilmente tocca il punto più alto dell’irruenza espressiva e dell’aggressività trasmesse su questo primo lavoro dai Quarto Potere. Ancora acerbi rispetto al sound che svilupparono pochi anni dopo questo esordio, ma accompagnati da una ferocia selvaggia e da un istintiva bellicosità che bastano e avanzano per rendere “Incubo Senza Fine” un  ottimo disco di anarco punk.

 

Intanto nel 2007 vede la luce “Sic Transit Gloria Mundi” , primo disco degli Olim Palus , gruppo proveniente da Latina che definiva le propria sonorità come apocalyptic d-beat crust. Quattordici minuti suddivisi per quattro tracce a cui si somma la cover di “Stop the Slaughter” degli svedesi Mob47. E non è un caso la scelta di coverizzare un pezzo dei Mob47 visto che il sound degli Olim Palus affondava le proprie radici in profondità nella scena d-beat/crust svedese della prima metà degli anni ’80 e nel solco scavato a suo tempo da Ep fondamentali quali “Crucified by the System”, “Victims of a Bomb Raid” o “Karnvapen Attack”. Questa primissima fatica in casa Olim Palus si apre con il giro di basso che introduce la prima traccia “Fahrenheit 451”, un perfetto episodio di d-beat/crust punk accompagnato da una voce abrasiva e da una batteria martellante. nonchè da un ritornello che entra subito in testa. I ritmi, soprattutto della chitarra e della batteria, son praticamente sempre molto sostenuti e quasi mai si lasciano andare a rallentamenti. E’ sicuramente nella terza traccia “Massacro Fantasma” che si tocca il culmine di aggressività e ferocia, tanto a livello strumentale quanto a livello di vocals, un’alternanza di voci, una più urlata e abrasiva e una più brutale e tendente al growl. Nel complesso questo “Sic Transit Gloria Mundi” è un ottimo lavoro di impetuoso d-beat/crust di matrice svedese capace per quattordici minuti di sviscerare tematiche sempre attuali come la brutalità della guerra imperialista (“Massacro Fantasma“), l’alienazione e l’apatia generate da questo sistema che schiacciano gli esseri umani (“Indottrinamento del Subconscio“) e un serrato attacco all’idea di progresso, tipica del mondo occidentale, fondata sullo sfruttamento e la distruzione (“Evoluzione?”).

Olim Palus

Nel 2008 i Tetano e i Quarto Potere mettono insieme le loro forze e ci regalano uno degli split a cui sono più affezionato, uno dei dischi a mio parer più intensi e importanti di tutta la scena anarco/crust punk italiana. Lo copia fisica dello split è assurda da tenere tra le mani. Inoltre nella parte del bootleg occupata dai Tetano, il gruppo beneventino ci tiene a ringraziare tutti quei compagni e compagne che hanno incontrato sulla strada che porta all’emancipazione sociale e verso un mondo di libertà ed uguaglianza, mentre in quella dedicata ai Quarto Potere, il gruppo sardo ha voluto dedicare un saluto e un abbraccio a tutti/e i/le compagni/e detenuti nelle prigioni di stato. Altro punto che trovo interessante è l’estratto di una dichiarazione dell’anarchico Ravachol tenuta in tribunale davanti ai giudici che lo accusavano di omicidio. Ci tengo a sottolineare tutti questi particolari per evidenziare come ciò che animava i due gruppi andava ben al di là della musica e che il punk fungeva come mezzo per diffondere solidarietà, sperimentare l’autogestione e attaccare un’esistente oppressivo fondato sulla repressione statale e sullo sfruttamento lavorativo. Il punk visto come mezzo, come minaccia, mai come fine. Il punk che non è solo musica, ma un attacco totale a questo mondo, per abbattere lo Stato e distruggere il capitalismo. Tornando sul lato prettamente “musicale” lo split è composto da cinque tracce per i Quarto Potere e tre per quanto riguarda i Tetano. Il sound dei Tetano rimane fortemente ancorato ad un anarcho punk primitivo che però sfocia spesso in territori propriamente crust più aggressivi e brutali. In “Odio la Polizia”, traccia che apre il lato dello split del gruppo campano, i nostri ribadiscono un concetto chiaro e semplice: le forze dell’ordine sono il braccio armato della classe padronale e difendono dunque la giustizia e gli interessi della borghesia. Ma è la successiva “Violenza/Non Violenza” la traccia che ho sempre apprezzato maggiormente dei Tetano su questo lavoro, sia a livello di sound quanto e sopratutto a livello lirico. Difatti nel testo i Tetano cercano di trattare l’annosa questione violenza/non violenza, arrivando giustamente a sostenere che l’unica violenza giusta e necessaria è quella rivoluzionaria per abbattere lo Stato ed il Capitale. E non possono che trovarmi estremamente d’accordo.

Il lato dello split occupato dai Quarto Potere è devastante sotto tutti i punti di vista. A livello di sonorità il gruppo sardo ha virato verso lidi propriamente crust-core, un sound che rispetto all’esordio si è fatto più brutale e ruvido, influenzato ancora pesantemente dai Wretched e dai Discharge ma sopratutto dai Doom e dagli Anti-Cimex. L’influenza wretchediana emerge prepotentemente nella seconda traccia “10,100,1000 Nassirya”, mentre l’iniziale “Hiroshima” risente molto l’influenza di un certo crust-core. Ricordo che quando ascoltai per la primissima volta questo split mi innamorai immediatamente di “Hiroshima”, traccia che ritengo ancora oggi essere una delle migliori mai scritte dai Quarto Potere. Le tematiche trattate sono quelle classiche del genere: dall’aspra critica della guerra imperialista mascherata da “operazione di pace” o peggio da “intervento umanitario” nella conclusiva “Guerra di Pace”, alla presa di posizione antimilitarista nelle due tracce di cui ho parlato poco sopra, passando per la critica del copyright e della mercificazione delle forme di espressione-comunicazione e proponendo come unica alternativa pratica e politica, in un’ottica di anti-mercificazione e di rifiuto del profitto, l’autoproduzione e l’etica diy. Ed è proprio parlando di autoproduzione, pratica che tengo molto a cuore e che anima fin dal primo giorno Disastro Sonoro, che voglio concludere questo paragrafo dedicato allo splendido split tra i Tetano e i Quarto Potere. Citando direttamente le parole scritte dai Quarto Potere nel bootleg che accompagna lo split: “In una società in cui orma si tenta di ridurre a semplice merce e di consacrare al dio profitto anche la più irrilevante delle forme di espressione-comunicazione, l’autoproduzione viene ad acquistare un suo preciso significato quale ultima (e forse unica) strada da percorrere per riappropriarci di tutto ciò che veniamo a creare ogni giorno in quanto individui pensanti. Il rifiuto di un’ottica puramente commerciale e di mercificazione delle nostre espressioni, è alla base di una genuina scelta di autoproduzione e anche un elemento che conferisce a quest’ultima un suo incisivo valore politico…”. 

Ci avviamo alla conclusione di questo viaggio negli abissi della scena anarcho/crust punk della prima metà degli anni Duemila giungendo al 2010, anno in cui viene pubblicato un’altro split assurdo tra i Quarto Potere e gli Olim Palus intitolato 1184-2010″, split che ha potuto vedere la luce solamente grazie alla collaborazione di numerose etichette indipendenti, dimostrando come la solidarietà, all’interno di un certo modo di intendere la musica punk, sia una pratica messa in atto realmente nel quotidiano. Quattro tracce portano la firma dei Quarto Potere mentre solo una quella degli Olim Palus, la splendida “Convertiamo le Parole in Fuoco”, una dichiarazione di guerra a questo mondo, un’invito all’azione diretta e ad armare le parole contro un’esistente fatto di sfruttamento e oppressione. I Quarto Potere, partiti ai tempi di “Incubo Senza Fine” con un sound ancora pesantemente influenzato dai Wretched, giungono finalmente su questo split a sonorità che potrei definire senza troppi problemi crust-core a la Doom con un growl onnipresente e brutale. Un’evoluzione (se così possiamo chiamarla) di cui si intravedevano segnali già sullo splendido split con i Tetano. Aprono le danze di guerra i Quarto Potere con una breve intro in cui viene ripresa una citazione di “V per Vendetta“, salvo poi lasciare ad un giro di basso da brividi il compito di introdurre la prima traccia “Terrore”, un minuto di violento crust-core tritaossa su cui spicca il growl cavernoso di Robi. Tutte e quattro le tracce dei Quarto Potere presenti su questo magnifico split sembrano dipingere, non solo a livello lirico, un’atmosfera e uno scenario profondamente post-apocalittico e privo di speranze di sopravvivenza, come sottolineato da una traccia come “Nessuna Speranza di Vita”. Passando all’unico brano degli Olim Palus, “Convertiamo le Parole in Fuoco” è uno dei pezzi più belli di tutta la scena d-beat e crust punk italiana. Le sonorità del gruppo di Latina sono ancora legate alla scuola crust svedese di Avskum, Anti-Cimex e qualcosa dei primissimi Wolfpack sopratutto per un certo gusto nel riffing e nelle melodie e inoltre il brano è attraversato da un’intensità e da una aggressività senza eguali. Ho i brividi ancora oggi ogni volta che le voci di Matteo e Emanuele urlano ripetutamente “convertiamo le parole in fuoco”. Giungendo a conclusione definitiva non solo di questo paragrafo ma anche di tutto questo articolo, ci tengo a sottolineare probabilmente la nota più importante che accompagnava la pubblicazione dello split tra Quarto Potere e Olim Palus, ossia la volontà di dedicare il lavoro ai compagni sotto processo per i fatti del G8 di Genova, come a voler ribadire ancora una volta che il punk (in tutte le sue forme) non può essere solo musica ma anzi mezzo per diffondere ed esprimere solidarietà e complicità e minaccia per farla finita una volta per tutte con questo esistente votato allo sfruttamento, alla repressione e all’oppressione delle nostre vite in nome del profitto.

Questi sono solamente alcuni spunti che ritengo validi e interessanti per la lotta dei/delle punx rivoluzionari/e destinati ad essere discussi, corretti e soprattutto messi in pratica senza perdere tempo. Perché non è più tempo della parola mormorata a fior di labbra, bensì è giunta l’ora di armare questi fiumi di parole che ci ostiniamo a scrivere, ad urlare in un microfono o peggio a soffocare nello sconforto delle nostre gole. Per non essere mai più disarmati, convertiamo le parole in fuoco.

Warpath – Oblio (2016)

Partendo dalla lezione primordiale dei soliti Wretched e dei Discharge all’italiana meglio conosciuti dai piú con il nome di Eu’s Arse di quel capolavoro grezzo che è “Lo Stato Ha Bisogno di Te? Bene, Fottilo!” del lontano 1982, passando per i Detestation dello spettacolare “Unheard Cries” e i Nausea di “The Punk Terrorist Anthology Vol.1”, senza dimenticare i Consume dell’EP “Forked Tongue”, uno dei migliori esempi di crust-core dei primi anni 2000 a parer mio, si arriva dritti dritti a questo “Oblio”, seconda fatica in studio per i Warpath, gruppo milanese che come avrete capito si dedica anima e corpo ai suoni crust/d-beat più oltranzisti e annichilenti nella loro cieca furia distruttiva.

Dopo aver stupito tutti gli amanti delle sonorità Crust-core nel lontano 2008 con lo split/demo “Nel Dilagare della Follia”, titolo anche del loro brano più rappresentativo che ripropongono nuovamente anche sull’ultimo “Oblio”, i Warpath (letteralmente, “sentiero di guerra”) avevano fatto perdere le loro tracce in studio di registrazione, salvo poi tornare sulle scene nel 2016 con questo lavoro che non stupisce ma riconferma tutte le qualità del gruppo milanese e della loro proposta. Tanta attitudine tipica del genere, tanta passione che si sente in ogni nota che compone le 8 tracce che ci accompagneranno in questa viaggio verso l’oblio. Se siete amanti incurabili della doppia voce maschile/femminile a la Nausea, dei riff crust-core metallizzati quanto basta e dei ritmi d-beat martellanti, questo “Oblio” è l’album che fa per voi e che per nessuna ragione dovete farvi scappare. I testi trattano le tematiche classiche del genere; inoltre ogni gruppo crust che si rispetti deve avere almeno un brano che faccia riferimento all’olocausto nucleare e i Warpath non deludono nemmeno su questo punto. Tornando seri a parlare delle tematiche affrontate dai Warpath si passa dall’alienazione umana alla critica feroce alla guerra, dall’invettiva pregna d’odio verso questa società di merda (“La Quotidianità Uccide”, uno dei pezzi migliori) a vere proprie mazzate sui denti a livello lirico come nell’iniziale “Shut the Fuck Up!”. I nostri chiudono il disco riproponendo quello che è a tutti gli effetti il loro brano piú rappresentativo e che è sempre un piacere sentirselo sparare nelle orecchie, ossia il giá citato “Nel Dilagare della Follia”. Tutto il meglio che ci si può aspettare da un disco crust-core figlio adottivo di Detestation, Nausea e Disrupt lo si può trovare dunque su questo “Oblio” dei Warpath, gruppo che ci mette la giusta dose di ferocia, istinto distruttivo e viscerale nonché sincera passione per dare la propria personale sfumatura ad un genere che innovare è quasi impossibile, se non del tutto inutile. Ma a noi il crust piace così come lo fanno i Warpath, senza compromessi e incazzato con tutto e tutti, quindi non ci lamentiamo e ci godiamo di brutto questi 19 minuti verso l’ “Oblio”.

I Warpath ci urlano in faccia tutto l’odio e la rabbia possibile che ogni giorno ci cresce sottopelle corrodendoci dall’interno e che alimentiamo in questa era dominata dalla dilagante follia. Tempi moderni sempre più orientati verso il baratro, un lento cammino verso la condanna a morte, l’annichilimento pressoché totale dell’essere umano che si trasforma in estinzione, in oblio. Sensazione di angoscia e di orrore fuoriesce dal nichilismo sonoro messo in campo dai Warpath su questo “Oblio”, ma allo stesso tempo l’unica risposta che appare possibile, se tralasciamo la pulsione a tinte misantrope verso l’estinzione umana, è quella di intraprendere il sentiero di guerra e rispondere colpo su colpo a questo presente dominato dal sonno della ragione più assoluto e dai mostri da esso generati.

Tutto il mondo va a fuoco, non sembra esserci alternativa all’oblio. Non ci resta che seguire il “sentiero di guerra”, nel dilagare della follia.