Tag Archives: Deviated Instnct

In Front of Paranoia – Insanity Reigns Supreme

Cronache dalla quarantena nella provincia contaminata. Prima lettera ai sopravvissuti al virus (e al collasso del capitalismo).

Di fronte alla paranoia, la follia regna sovrana…

Alla televisione hanno detto che la malattia si espande rapidamente. In moltissime città il numero di coloro che muoiono aumenta, in altre zone desolate cresce sempre di più la conta di chi, in preda al terrore e alla paranoia, decide di togliersi la vita piuttosto che attendere la lenta morte tra atroci sofferenze. Il virus, ancora scononosciuto, si trasmette velocemente come un banale raffreddore stagionale. Basta un qualsiasi contatto umano e ti ammali. Una volta che il virus inizia a circolare nel corpo, si viene assaliti da una tristezza profonda e si hanno due sole alternative: aspettare la morte o uccidersi, è cosi che funziona. Altri credono che per sfuggire al virus basti barricarsi nelle proprie abitazioni, come fossero dei lazzaretti impenetrabili e attendere che dalle televisioni una voce annunci la scoperta di una cura o di un vaccino per il virus. Ma il tempo scorre inesorabile, giorno dopo giorno il numero dei decessi aumenta. Passa così un mese, le autorità impongono la quarantena forzata a tutta la popolazione, minacciando arresti, denunce e sanzioni per coloro che avessero anche solo osato pensare di poter infrnagere queste misure speciali. Repressione reale e psicopolizia si alternano come in un romanzo distopico.

Una quarantena inizialmente momentanea e che invece ad oggi non sembra ancora avere una scadenza. Non basta, le strade deserte vengono invase da forze di polizia e dall’esercito con il compito di controllare e sorvegliare gli spostamenti di ogni singolo individuo e di punire coloro che si ribellano a questa restrizione estrema della libertà. Paranoia nelle strade, paranoie nelle abitazioni che prendono sempre più la forma di celle e in cui la quarantena si trasforma in reclusione forzata, psicosi diffusa tra la gente. Ma la sete di sangue del virus non sembra aver intenzione di placarsi.

Gli unici a cui l’autorità concede (sarebbe meglio dire, obbliga) di muoversi sono i lavoratori delle fabbriche, perchè si sa che il capitalismo e gli interessi dei padroni sono più importanti della sicurezza dei proletari  che possono senza problemi essere sacrificati sull’altare del profitto,per l’ennesima volta nella storia. Scioperi spontanei e selvaggi disturbano però l’ordinario funzionamento del capitalismo nazionale e invadono le fabbriche e gli altri luoghi di lavoro. La produzione si ferma, la logisitica di ferma. Iniziano i saccheggi dei grandi centri commerciali, la merce di lusso viene data alle fiamme in un vortice di gioia insurrezionale. L’inizio del collasso del capitalismo sembra all’orizzonte e qualcuno tra noi si prepara ad  assestare il colpo fatale a questo mondo.

Intanto le carceri di tutto il paese iniziano a prendere fuoco e ad alimentarne le fiamme sono le rivolte dei detenuti che protestano per le loro condizioni e per la mancanza di sicurezza dinanzi all’avanzata del mortale virus. L’autorità dello stato ha una sola risposta per placare i tumulti, la più classica: repressione e omicidi. Nel giro di meno di quattro giorni di rivolte perdono la vita per mano delle forze poliziesche una ventina di detenuti da nord a sud, mentre altrettanti riescono ad evadere dalle galere e correre liberi su sentieri illuminati solamente dalla luna, unica fedele compagna dei fuggiaschi e dei latitanti di ogni epoca. Ma il virus non è ancora sazio e anzi prosegue nella sua bramosa fame di morte. Detenuti e proletari, carne da macello per il capitale e per lo Stato, hanno iniziato a minare questo esistente fondato sullo sfruttamento, sulla repressione, sulla non-vita. Gli oppressi ci insegnano che lo stato di emergenza» in cui viviamo è la regola nell’epoca del libero mercato. Il virus ha smascherato l’intima fragilità delle strutture statali e della loro pretesa di essere necessarie, inattaccabili, eterne, divine.

Controllo, sorveglianza, repressione non bastano più a placare la ribellione degli ultimi e degli sfruttati di questo mondo. Il collasso del capitalismo sembra davvero alle porte… La paranoia dilaga nei difensori di questo esistente, infinite possibilità si aprono invece per coloro che di questo esistente vogliono lasciare solo macerie.

La storia narrata nell’introduzione di questo articolo si pone a meta strada tra la cronaca reale delle ultime settimane, la fantasia degna di un film fantascientifico-horror degli anni ’80 in stile “Incubo sulla Città Contaminata” di Umberto Lenzi e una buona dose di analisi di classe auspicando nella caduta del capitalismo. Prendetela per quella che è, un racconto a metà tra la realtà e la distopia scritto durante la quarantena rinchiuso in provincia, niente più, niente meno. Però vi lascio alla fine di questo articolo un interessante contributo da leggere per comprendere al meglio questa situazione di emergenza economico-sanitaria.

Purtroppo però a fare da colonna sonora a questa reclusione forzata non ci sono le sublimi musiche che accompagnavano il film di Lenzi sopracitato ad opera dal grandissimo Stelvio Cipriani, bensì un tripudio di brutale e marcio crust punk imbastardito con le frange più violente del metal estremo e del grindcore. E’ così che nasce quindi “In Front of Paranoia”, rubrica creata con il solo scopo di riscoprire quei gruppi e quei dischi che ritengo fondamentali e che si posizionano a metà strada tra i territori più estremi della musica metal (death su tutti) e il crust punk. In questo primo appuntamento ci addentreremo negli oscuri abissi dell’underground estremo del Regno Unito alla scoperta (o riscoperta) dei Prophecy of Doom e dei Deviated Instinct e di due dischi seminali per la musica estrema a cavallo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90: “Acknowledge the Confusion Master” e “Rock’n’Roll Conformity”.

I Prophecy of Doom emergono dagli abissi dell’underground britannico dei tardi anni ’80 e personalmente ritengo siano stati uno di quei gruppi da ritenere fondamentali e seminali nel rendere vani quei confini immaginari tra la scena crust punk e quella del death metal dell’epoca. I Prophecy of Doom nel 1988 emergono per l’appunto da questo brodo primordiale composto in egual misura da influenze provenienti da entrambi i territori estremi e si sciolgono meno di dieci anni dopo, nel 1996.

Nel 1989 i Prophecy of Doom registrano i loro primo 7″ intitolato “Calculated Mind Rape”, lavoro in cui i nostri ci danno un primo assaggio del loro sound che risente dell’influenza di tutte quelle anime che permeavano l’underground estremo britannico dell’epoca, prendendo a piene mani tanto dal death metal a la Bolt Thrower quanto dal grindcore dei Napalm Death, senza disdegnare echi di retaggi crust punk.

Ma è nel 1990 che Martin (basso), Shrew (Voce), Tom (Chitarra), Shrub (Chitarra) e Dean (Batteria) registrano il seminale Acknowledge the Confusion Master” che vedrà successivamente la luce su CD sotto forma di split con quell’altro capolavoro dell’underground estremo britannico di fine anni ’80/inizio ’90 che è “The Rise of the Serpent Man” degli Axegrinder. Uscito nello stesso anno di “Harmony Corruption”, terza fatica in studio dei Napalm Death, e ad un anno di distanza dal capolavoro “World Downfall” firmato Terrorizer, questo “Acknowledge the Confusion Master” rappresenta anch’esso un ottimo esempio di death-grind che non abbandona mai del tutto però il proprio legame primordiale con le frange più estreme e marce del punk, tanto nell’attitudine quanto nell’atmosfera generale che permea l’intero lavoro. Ci troviamo infatti dinanzi ad un perfetto ibrido tra il primordiale e selvaggio death metal di scuola britannica di gentaglia quali Bolt Thrower e Benediction, il marcio crust/d-beat punk di Doom e primissimi Extreme Noise Terror e il seminale grindcore dei mostri sacri Napalm Death (per rimanere in terra albionica) e dei Repulsion di “Horrified“. Questo variegato spettro di influenze che animava i Prophecy of Doom venne sintetizzato in ben nove tracce e in un sound definibile senza troppi problemi come marcio e brutale death-grind anora legato a doppio filo con il crust punk più selvaggio e primitivo e ben evidenziato da tracce quali Insanity Reigns Supreme, Calculated Mind Rape, Rancid Oracle o la stessa titletrack. All’epoca I Prophecy of Doom son stati sicuramente tra i pionieri di un nuovo modo di intendere la musica estrema e hanno dato una spinta che ritengo fondamentale all’evoluzione della scena grindcore britannica grazie al loro ibrido di death-grind e reminescenze crust/punk. La profezia è stata svelata, la follia regna sovrana...

Prophecy of Doom

I Deviated Instinct si formarono nel lontanissimo 1984 in uno squat di Argyle Street in quel di Norwich e nel giro di due anni registrarono e pubblicarono due demo devastanti intitolate rispettivamente “Tip of the Iceberg” e la seminale “Terminal Filth Stenchcore” che diede addirittura nome ad un preciso modo di suonare crust punk influenzato dal metal estremo, in particolare il death. Nel 1986, ai tempi della pubblicazione di “Terminal Filth Stenchcore” i Deviated Instinct non avrebbero mai pensato che quella parola (stenchcore) nel titolo della loro seconda demo sarebbe poi stata presa come etichetta da affibbiare a tutti quei gruppi caratterizzati da un suond a metà strada tra il crust punk ed il death metal. A quei tempi probabilmente il termine stenchcore era per i Deviated Instinct solamente il modo migliore per descrivere la propria proposta e il proprio modo di suona un crust punk estremamente influenzato dal death e dal thrash metal. Un anno doppo, nel 1987, i Deviated Instinct pubblicano quello che ritengo essere uno dei migliori ep mai registrati, ovvero “Welcome to the Orgy”, quattro tracce tra cui possiamo trovare due dei brani che amo di più del gruppo di Norwich: “Cancer Spreading” e “Scarecrow”. Un Ep seminale che iniziava già a delineare quasi definitivamente il sound selvaggio, abrasivo e marcio tipico dei Deviated Instinct e che sarebbe poi definitivamente esploso sul vero protagonista di queste righe, il magnifico “Rock’n’Roll Conformity“.

E’ finalmente nel 1988 che Leggo (Voce), Tom (Basso), Sean (Batteria) e Rob (Chitarra) decidono di registrare e dare alle stampe il loro primo full lenght che intitolarono “Rock’n’Roll Confirmity”, quello che ritengo essere il loro capolavoro in assoluto e allo stesso tempo il riassunto perfetto del loro sound. “Rock’n’Roll Confirmity” è un disco primitivo nella sua brutalità e di un importanza inenarrabile per la scena estrema britannica di fine anni 80, un disco capace di mettere d’accordo tutti, tanto gli amanti del crust punk più selvaggio quanto quelli del death metal più marcio e brutale. Un riffing influenzato dal death metal così come dal thrash ma mai complesso al punto da valicare l’irruenza selvaggia del punk, una voce si sofferta ma sopratutto aggressiva e graffiante, un’atmosfera generale permeata da un epicità oscura e attratta da tensioni apocalittiche e una batteria martellante che non disdegna qualche brutale blast-beats, sono questi gli elementi attorno a cui ruotano le dieci tracce che compongono “Rock’n’Roll Conformity” e che delineano il death-crust punk suonato dai Deviated Instinct. La doppietta iniziale con cui si apre il disco formata da Pearl Before Swine e da Laugh in Your Face ci travolge con la sua ferocia selvaggia e primordiale che non ha alcuna intenzione di risparmiare le nostre futili esistenze; allo stesso modo le due tracce con cui si giunge al termine del disco, Return of Frost e Mechanical Extinction, sono una tempesta inarrestabile di furia cieca e rabbia primitiva. Rock’n’Roll Conformity è stato un disco seminale, non mi stancherò mai di sottolinearlo. In un’orgia di crust punk imbastardito con il death e il thrash metal della durata di mezz’ora, i Deviated Instinct hanno segnato per sempre la storia della musica estrema, per alcuni inventando addirittura un genere, lo stenchcore. Tirando le somme e giungendo alla conclusione di questo articolo, esiste dunque un solo modo per definire i Deviated Instinct ed il loro sound: sporco stenchcore suonato da quattro squatters di Norwich, niente di più e niente di meno. Pestilenza, carestia, guerra e morte… benvenuti nell’orgia.

 

Contributi da leggere per analizzare la situazione di crisi sanitaria ed economica attuale, la repressione statale e discutere delle possibilità che si presentano dinanzi a noi per colpire il capitalismo e accellerarne la caduta: La Città Appestata di M.Foucault