Tag Archives: endless swarm

A Lesson in Violence – Endless Swarm & Gets Worse

GRINDCORE IST KRIEG, POWERVIOLENCE IS FOREVER!

 

Gli Endless Swarm da Edimburgo, senza ombra di dubbio uno dei migliori gruppi a livello mondiale in ambito grindcore/powerviolence, hanno rilasciato ad ottobre l’ennesima mazzata estrema ricca di sincera attitudine in your face a cui ci hanno abituati da sempre. Credo che nessuno si stia domandando che cosa ci troveremo ad ascoltare su questa ennesima fatica del gruppo scozzese, ma se così non fosse ve la faccio breve: “Imprisoned in Skin” è un perfetto esempio di terrorismo musicale che si concretizza in 19 schegge di grind-violence impazzito e devastante! L’album si apre con la tripletta rappresentata da “Ether”, “Redesign” e salla titletrack, e subito si comprende quale sia il contenuto di questo splendido lavoro: 19 schegge di powerviolence/grindcore incazzato, frenetico e brutale che rendono macerie qualsiasi cosa si trovi dinanzi a loro, che trafiggono la pelle nella quale siamo imprigionati insieme ai nostri demoni più spaventosi che attendono di emergere in superficie per far divampare tutta la loro forza distruttrice.Da menzionare anche tracce quali “Awakened Lens” e “Genocide“, altri esempi perfetti del sound e dell’attitudine che contraddistingue gli Endless Swarm oggigiorno. Disco da ascoltare dall’inizio alla fine senza prender fiato poiché possiede tutta l’intensità di un calcio sullo sterno che impedisce di respirare. “Imprisoned in Skin” degli scozzesi Endless Swarm ribadisce una lezione che non dovremmo mai scordare: powerviolence ist krieg, powerviolence is forever!

 

I Gets Worse da Leeds ci hanno regalato a febbraio quello che a mani basse può essere ritenuto uno dei migliori lavori in ambito grindcore/powerviolence di tutto il 2019! Un sound ancora più devastante quello che caratterizza i Gets Worse su questo nuovo “Snubbed”, 20 coltellate di grind-violence per 27 minuti totali di durata, un concentrato di powerviolence imbastardito dal grindcore (o viceversa) che sa bilanciare perfettamente i momenti più frenetici e quelli maggiormente orientati verso rallentamenti simil-sludge (basti pensare alla traccia iniziale “Empty Tank“, per fare un esempio), con cambi di tempo costanti e un groove a la Spazz che fa da filo conduttore a tutto l’album. Sono tante le tracce che meriterebbero una menzione speciale, in quanto ci troviamo sparate nelle orecchie delle schegge di powerviolence che non mostrano segni di cedimento e che tirano dritte per la loro strada distruggendo tutto e tutti, come ad esempio “Awkwardly Close” (un pezzo dal  forte retrogusto hardcore anni ’90), “Attendance Report” o “El Bencho“, giusto per rimanere nella primissima parte del disco. Lascio a voi il compito, nonchè il piacere estremo, di perdervi nel vortice devastante creato dal resto delle tracce presenti su questo incredibile “Snubbed“. I Gets Worse ci impartiscono una fondamentale lezione di violenza inaudita, come a volerci dire che l’odio e la passione sincera per il potereviolenza sono più vivi che mai nell’underground inglese! Leeds odia ancora, powerviolence uber alles!