Tag Archives: Polonia

Zatrata – Zatrata (2020)

Scoperti personalmente lo scorso anno in occasione della pubblicazione di uno split insieme agli How Long, i polacchi Zatrata avevano fin da subito catturato il mio interesse per via del loro sound, un crust punk imbastardito con dosi di death metal vecchia scuola che tritava ossa e tirava dritto senza preoccuparsi di nulla. A giugno di quest’anno i nostri giungono finalmente alla pubblicazione di questo loro primo full lenght intitolato semplicemente Zatrata e ci danno in pasto un sound ancora più maturo in cui l’anima crust e quella death metal convivono in maniera convincente e ben bilanciata, dando vita ad una formula devastante e assolutamente solida che prende il meglio dai due generi, strizzando l’occhio in certi momenti ad un approccio e ad una furia espressiva riconducibile a territori grindcore. Il riffing appare davvero ispirato e funziona praticamente sempre, così come per le parti di batteria alternate tra blast beat serratissimi e classici ritmi d-beat, mentre il groove rende certe tracce assolutamente in grado di stamparsi in testa al primo ascolto (Śrut leśnej ciszy). In questo furioso mix tra il death metal old school (in cui ci sento personalmente echi di scuola britannica e scandinava) e il crust punk di gentaglia come gli Skitsystem, con le radici che affondano in profondità in quel putrido brodo primordiale che fu lo stenchcore e che emergono soprattutto nelle atmosfere oscure e labilmente apocalittiche che aleggiano minacciose sull’intero lavoro, gli Zatrata si avvicinano a quanto fatto negli anni recenti band come i Cruz, gli Ahna e gli Acephalix, colmando inoltre il vuoto lasciato da un altro interessante gruppo polacco, ovvero gli Icon of Evil. Tutto questo viene arricchito con passaggi dalle tonalità maggiormente riconducibili a territori blackened a la Storm of Sedition/Iskra e un’intensità brutale che tradisce vaghe influenze grind.  Per fare degli esempi di quanto appena descritto a livello di sonorità, la seconda traccia Oślepiony chciwością si apre come un classico riff death metal di chiara derivazione old school scandinava, prima di lasciare la strada ad una intensa tempesta dominata da sonorità crust punk che, in alcuni momenti, mi ha ricordato certe cose fatte dagli svedesi Skitsystem. Nella nona traccia intitolata Symbioza si sentono invece echi degli ultimi Storm of Sedition soprattutto nei passaggi più vicini a certo blackened crust punk, alternati a sfuriate tumultuose e assalti privi di pietà come solo i migliori Iskra sapevano fare.

Tirando le somme, agli Zatrata bastano dieci tracce per irrompere prepotentemente sulle scene, con un’irruenza barbara e selvaggia che non può lasciare indifferenti, e per incidere in maniera profonda il proprio nome sull’attuale mappa del crust punk europeo e mondiale con questa loro prima omonima fatica in studio che, ascolto dopo ascolta risulta sempre più solida, devastante e convincente. Un’ottimo disco di death-crust moderno che non dovreste lasciarvi sfuggire!