Tag Archives: Punk Rock

“Musica del Barrio, para el Barrio” – Interview with Generacion Suicida

In October 2017, Generacion Suicida, a melodic punk rock band from Los Angeles, played at Villa Vegan in Milan in a two-day event that on paper seems to have been great, given the presence of other great bands like Canadian Massgrave or Kontatto. I say on paper because for work reasons I was not able to be present, thus missing the live of one of my favorite bands and I still regret not being able to enjoy them live and not being able to chat with them in person. Years later and after the publication of their latest album entitled Regeneracion, which I’m listening to on repeat, I decided to write to them to propose an interview. Fortunately they accepted and Tony answered in a very enthusiastic way and really in a few hours to my questions, so I leave the word to him and Generacion Suicida, nothing but punk in its purest and most sincere form, that is “musica del barrio, para el barrio”!

Hi Generacion Suicida! I’ve been listening to you for many years now, since the days of “Con la Muerte a tu Lado” and “Todo Termina”, so I’m very happy to be able to ask you some questions. I would start by asking how and why you chose a name deeply steeped in nihilism and disillusionment as Generacion Suicida?

This may seem anticlimactic, but we chose our band name based on a song by the Vicious (Suicide Generation). There wasn’t any real meaning behind the name when we chose to name our band that, although these days we feel differently about it. Maybe it was a subconscious decision, but there is definitely a sense of hopelessness and despair in our daily lives, especially when we were younger. So we often lived every day like it was our last and did tons of reckless things. So I suppose the name fits in that sense.

You have always defined your personal punk rock using two definitions: “KDB punk style” and most interestingly from an attitude point of view, “musica del barrio, para el barrio“. Would you like to deepen these definitions and explain us what does it mean for you to be a band still so strongly anchored to a very underground and neighborhood dimension?

Sure. When we say “KBD punk”, we mean lofi or low quality sounding punk. Often times, those old KBD comps from the early days didn’t sound the best, but you were able to feel the emotion and feelings that the bands were trying to convey. We feel the same, that our emotion and feel comes first before everything else. “Musica del barrio, para el barrio” is better translated as “music for us, by us”. We’re from South Central. We have pretty much nothing in this area and the kids growing up here have very little resources. It’s important for them to know this is theirs and it belongs to them. Our music belongs to the people.

You are from Los Angeles, specifically South Central L.A. How much has your neighborhood influenced your band, your musical approach and content?

All we sing about is life experiences. All the lyrical content is about the things we experience on a daily basis. The music we play is in contrast to our environment. Things around here are typically loud and chaotic, so we wanted to play in contrast to that, with more rhythm and less distortion.

You have always decided to sing in your native language. Is it a way to stay true to your origins and your community or are there other reasons behind this choice? How important is the choice to write and sing in Spanish for you?

We often say that the voice is also an instrument. We think that the vocals sound better in spanish than in english. Our style of spanish is different from the spanish they speak in Spain or anywhere in Latin America. They call it “Spanglish” here in the hood, and often times even people in Latin america do not understand us. It’s almost like the kids in our city have their own language that’s different from everywhere else. This becomes just another way that our band gets identified as an LA band.

Your style of punk rock is very melodic and slow compared to most of the hardcore and punk bands that are part of the scene. Why the choice to prefer melodies and this style over more furious, chaotic and fast sounds?

We love bands like Discharge, Kaaos, Wretched, or Indigesti. But we don’t want to sound like those bands. When our band first started back in 2010, every band in our town was a fast hardcore band. We didn’t sound like everyone else, so we decided to play in a more stripped down melodic style. Suprisingly, people liked it and we continued in that style.

The message and the more “political” and protest approach have always been central and inseparable from playing punk (in all its forms). What sense does it make for you to play punk today in 2021? Do you think that certain sounds, being only a means to convey messages and ideas of struggle, revolt and solidarity, still have potential? If yes, which one?

When it comes to music and expressing political discontent or struggle, we don’t think that punk is the only way. There are many hip hop artists that are political in nature or talk about their daily struggles. It’s really just up the artists to decide what kind of forms they want to use to express themselves, but we believe they are all valid.

Your latest album (which I can’t stop listening to) is titled “Regeneracion“. Would you like to explain the meaning of this title that seems to evoke a dimension of “rebirth”?

“Regeneracion” was written during a time when we really wanted to rewrite and redo everything we thought we know about how to play. Unfortunately, it was during Covid lock downs, so we weren’t able to actually go into a studio to do it the way we wanted to do it. Basically the album is about rebirth and starting all over again. Discarding old ideas and trying to grow into something new and bigger. We’re actually going to head into a real studio in January of 2022 to redo the entire album the way we intended to do it in the first place. We’re very excited to have it come out the way it was originally intended and can’t wait to share it with everyone! In it’s current form, it is only limited to a few hundred copies, and is only available in Europe.

Last year, after the racial murder of George Floyd caused by a cop, intense and very long days of revolt and mobilization against the systemic racism of US society broke out. The four of you have Latino’s origins, have you ever faced racial discrimination inside and outside the punk scene? What are your positions on systemic racism in the United States, and how did you live through those months of protests, demonstrations and attacks on the symbols of this age-old oppression in Los Angeles? (If you think this is too sensitive and personal a question I apologize to you, you may not answer.)

Last year was pretty difficuly, but honestly nothing new. We have been dealing with this for decades and now it just seemed that people had had enough. But it isn’t the first time. We’ve had uprisings in 1965, 1968, 1992, and now in 2020. It just seems after a few years, these revolts get swept under the rug and people largely forget. To answer the question tho, yes we have faced discrimination both inside and outside the punk scene. Everything from only getting allowed to play with Latino bands in fests, to not even being considered for playing because we sing in Spanish. It often feels like we have to work 10 times harder than an average band that does not have latino or black members.

What is the current state of the DIY punk scene in Los Angeles? Which are the most active realities? Are there collectives or squats that organize concerts?

There are no squats or collectives that we are aware. Since the beginning of the pandemic a lot of bands have broken up and a few new bands have popped up, but we haven’t had a chance to check them out. I’m sure a lot of younger kids are taking the helm tho and are organizing their own shows in spaces that we are not aware of.

Generacion Suicida thank you again for taking the time to answer my questions. This space is all about you, you can add whatever you want!

Thanks for taking the time to write to us! Hopefully we’ll see you all in Europe in 2022/2023!

Rata Negra – Una Vida Vulgar (2021)

Cosa provate appena sentite/leggete la parola “pop” collegata a “punk”? Un brivido freddo lungo la schiena e conati di vomito pensando a quelle band adolescenziali da MTV di fine anni 90/inizio 00? Molto probabilmente si. Per fortuna esiste tutto un altro modo di approcciarsi al punk in maniera pop e melodica e la ricetta migliore negli ultimi anni ce l’hanno proposta gli spagnoli Rata Negra, uno di quei gruppi che son solito definire a mani basse e senza problemi come “uno dei miei preferiti”. Autori di un primo omonimo lavoro nel 2016 dalla qualità elevatissima (e di cui mi infatuai all’istante!), seguito dallo splendido Justicia Cosmica nel 2018, finalmente dopo un breve Ep rilasciato un anno fa, i nostri tre punk madrileni, grazie alla supervisione di La Vida Es Un Mas Discos, ci regalano questa loro terza fatica in studio intitolata Un Vida Vulgar, un disco che prosegue nel percorso di evoluzione della band pur mantenendo quell’ormai iconico “Rata Negra Sound“. Si perché se da un lato è innegabile che ormai i Rata Negra abbiano un loro preciso marchio di fabbrica che emerge principalmente nelle melodie estremamente catchy, nel tiro fortemente anthemico dei loro pezzi e in una sezione ritmica che rende davvero difficoltoso non fare salire voglia di muoversi e ballare, dall’altra è altrettanto evidente una certa dose di originalità che attraversa i brani presenti su questo nuovo disco e una volontà di non ripetere se stessi in maniera fin troppo banale e scontata, puntando invece a sorprendere l’ascoltatore anche se magari l’evoluzione non è così immediata ad un primo, distratto e frettoloso ascolto. Esempio perfetto di questa volontà di intraprendere rotte improvvise quanto inaspettate e di non ripetere all’infinito la loro ricetta abituale e vincente, è rappresentato da una traccia sognante, calma e a tratti intima come Cuando Me Muera, che stempera in parte i toni più allegri e pop della prima parte del disco, così come dalla breve intro del primo brano Venid a Ver dai toni post-punk e dalle tinte oscure, prima di divampare in un’intensissimo punk rock senza freni in cui svetta un’ottima prova da parte della sezione ritmica. Anche in una traccia come En la Playa, in cui vengono evocate atmosfere, sfumature e riff di chitarra capaci di chiamare in causa certo surf rock anni 60/70, emerge prepotente quanto convincente il desiderio dei Rata Negra di esplorare soluzioni differenti dalle classiche a cui ci hanno abituato fino ad oggi, senza però mai perdere di vista i loro punti di forza.

Uno dei punti di forza dei Rata Negra fin dal loro primo album rimane però l’estrema semplicità e la naturalezza con cui riescono a scrivere canzoni di immediato impatto e capaci di stamparsi in testa al primo ascolto, grazie a brani estremamente radiofonici ma non per questo banali e scontati, con delle linee melodiche praticamente sempre ispirate e linee e vocali che invitano a cantare. Uno dei migliori momenti dell’intero disco è il singolo El Escarmiento, probabilmente la canzone più smaccatamente pop mai scritta dai Rata Negra, una di quelle canzoni che ci si ritrova a cantare e fischiettare dopo mezzo ascolto quasi contro la propria volontà da quanto sono catchy le melodie di chitarra e la voce della bassista Violeta. A seguire troviamo un altro dei brani più interessanti e intensi dell’album, altro singolo rilasciato negli scorsi mesi intitolato Desconfia de ese Chico, che cambia in maniera repentina il mood rispetto alla canzone precedente, lasciando spazio ad un punk più nervoso e accompagnato da una sezione ritmica perfetta e precisa capace di evocare un’atmosfera dalle tinte paranoiche. Forse in maniera più netta rispetto al passato, possiamo notare come su Una Vida Vulgar i Rata Negra lascino tutte le differenti anime che convivono all’interno del loro sound libere di affiorare in superficie, senza però mai snaturarsi completamente. Sono molteplici infatti le influenze che emergono dalla musica del gruppo di Madrid, influenze che svariano dagli X alla produzione più pop e radiofonica di Blondie, trovando difatti un equilibrio e una sintesi perfette tra il punk rock più melodico e le soluzioni più pop, riuscendo ad imprimere sempre il loro peculiare marchio di fabbrica che rende impossibile non riconoscere le loro canzoni al primo ascolto.

Non è stato facile mettermi a scrivere di questo nuovo disco dei Rata Negra, perchè si sa che faccio sempre estrema fatica a parlare di gruppi a cui sono affezionato e la cui musica mi accompagna ormai da molti anni, ma ora posso dirlo senza nascondermi: Una Vida Vulgar si candida ad essere uno dei dischi migliori di tutto il 2021! Un disco che dimostra a tuttx come si possa suonare dell’ottimo e ispirato punk rock melodico, estremamente catchy, dal sapore pop e con una carica anthemica invidiabile, senza per questo risultare banali, scontati o privi di attitudine e passione. E forse è giunta finalmente l’ora di tornare a danzare come topi alla luce di un falò!

 

We The Heatens – Approaching Thunder (2019)

Che i pagani si scatenino. Che affilino le spade, che brandiscano le asce, che colpiscano senza pietà i propri nemici. Che l’odio prenda il posto della tolleranza, che il furore prenda il posto della rassegnazione, che l’oltraggio prenda il posto del rispetto. Che le orde pagane vadano all’assalto per lasciare solo rovine di ogni regno e di ogni impero al proprio passaggio.

Un’orda di pagani che appare dalle foreste e irrompe nelle roccaforti della civiltà come un tuono in avvicinamento per depredare e saccheggiare, per devastare e lasciare solo macerie del vecchio mondo, per appiccare focolai di rivolta in ogni territorio dell’impero, per sconvolgere il quieto vivere che domina l’esistente. Questo sono i (nuovi) We the Heatens e questa è grosso modo l’immagine che porta alla mente l’ascolto di “Approaching Thunder”.

“Approaching Thunder” ultimo album in casa We the Heatens, ha la potenza devastatrice di un’incursione pagana che apre percorsi scoscesi quanto inesplorati, ma sopratutto segna l’inizio di un nuovo percorso sonoro per il gruppo del Wisconsin che non si fa problemi ad abbattere le frontiere della propria musica. Nati come gruppo folk-punk e da un sound caratterizzato dalla presenza di stumenti quali mandolino, violino e violoncello, i We the Heatens decidono di invertire la rotta del loro progetto, spingendolo oltre ogni confine opprimente e qualsiasi possibile etichettamento. Passando dall’essere un progetto interamente acustico, oggi i nostri hanno aggiunto come base della loro musica una struttura sorretta da due chitarre, un basso e una batteria, rendendo irreversibile il processo di indurimento del proprio sound, spostandolo dunque verso territori a metà strada tra il thrash metal e il crust punk, ma con un sapore che può tradire influenze e melodie ricondicibili all’universo (pop) punk rock. La primitiva natura folk del gruppo però emerge costantemente nel corso dell’album, tanto per la presenza del violino e del violoncello quanto per un certo gusto nelle composizioni, nel songwriting ma sopratutto nel riarrangiamento visto che le otto le tracce che compongono questo “Approaching Thunder” non sono inediti, bensi si tratta di vecchi pezzi riregistrati nella nuova veste come le bellissime “Lung of Lies”, “The Order” o “Neurotic Decay” apparse originariamente sullo splendido “The Blood Behind the Dam“, ultimo lavoro interamente folk e acustico pubblicato fino ad oggi dai We The Heatens. Come suonano oggi i We the heatens quindi? Come un caos armonizzato fatto di pezzi anthemici sostenuti da epiche melodie di violino e violoncello, ritmi d-beat martellanti e tutta la brutale ruvidezza e aggressività de metal e del punk, il tutto senza rinnegare per nemmeno un istante l’anima folk da sempre presente nel loro sound. Inni di rivolta come “Crooked Kings” sono da cantare a squarciagola e da mettere in pratica nel momento stesso in cui invitano all’azione: “It’s time to get violent
It’s time to break the silence, we all know the real enemy”. Disco devastante, una tempesta di tuoni e fulmini che non lascia scampo, un’orda di pagani che  distrugge ogni cosa si trovi sul loro cammino.

Noi siamo i barbari calati per saccheggiare l’impero e gozzovigliare sulle sue rovine.
Noi siamo il selvatico che infesta le crepe di questa civiltà. Noi, i pagani che danzano in tondo nella notte e sono divorati dalle fiamme.