Tag Archives: Misantropia

Pisciosangue – Amen (2016)

“…ormai ti conosco essere umano…e di te diffido!”

Gridava queste parole disilluse e rabbiose Federico Santini, storico cantante dei Pisciosangue che sembra esser cresciuto a pane e misantropia, nel brano “Spine”, un vero e proprio inno alla misantropia contenuto nel primo full lenght del gruppo fiorentino “Nuovo Modello Umano” uscito ormai nel lontano 2011. Gridava tutto il suo odio verso il genere umano il caro vecchio Federico; ascoltando tutto d’un fiato “Amen”, ultima fatica del gruppo fiorentino, sembra che l’odio e la misantropia del Santini siano state nutrite con cura in questi 5 anni. Bene così quindi per tutti gli amanti dei Pisciosangue.

Per l’appunto oggi si torna a parlare dei Pisciosangue e precisamente del loro ultimo album “Amen”, uscito nel dicembre dello scorso anno, che rappresenta il perfetto proseguimento di quanto fatto di buono dal gruppo a partire dal loro primo demo datato 2008. La ricetta è sempre la stessa, o quasi. Hardcore punk tirato, veloce, urlato in pieno stile vecchia scuola, a tratti più caotico, a tratti tendente a rallentamenti più melodici. Hardcore punk accompagnato dai soliti testi del Santini, ossia un concentrato di rabbia, dolore, disillusione, nichilismo, odio e misantropia. Ed è proprio quest’ultima a fare da linea conduttrice dell’intero album, a partire dal primo pezzo dall’emblematico titolo “Propaganda Antiumana” per giungere al penultimo brano intitolato “Umanità = Fallimento”, passando attraverso quella che reputo personalmente la migliore traccia dell’album, ovvero la (a tratti) malinconica “Come Stai?”; un pezzo “più lento” e “melodico” (per quanto possa essere considerato lento e melodico l’hardcore suonato dai questi brutti ceffi fiorentini che pisciano sangue…) che si introduce con un riff di chitarra capace di disegnare un’apparente calma latente squarciata dalla solita voce disperata del Santini che sputa tutto il suo veleno al gusto di misantropia contenuto in liriche da brividi (il pezzo in questione si apre in questo modo: “lasciatemi solo…”, il resto è la solita poesia malata ed incazzata a cui ci hanno abituato i Pisciosangue). Altro pezzo degno di nota è la brevissima ma intensa “24 Secondi di Libertà”, traccia che ricorda “Quello Che Hai” dei Contropotere per quanto riguarda la tematica sviscerata nel testo, ossia la percezione dell’assenza totale di libertà e la sensazione di incapacità di fuggire dalle gabbie quotidiane, ma che si rifà chiaramente all’hardcore più old school in quanto a durata (appena 24 secondi, come sottolinea il titolo del resto). L’album si chiude con “La Fine del Mondo 2”, seguito perfetto che riesce ad eguagliare e superare la perfezione della precedente “Fine del Mondo” contenuta nel demo del 2008.

12 i brani presenti su questo nuovo “Amen”. 12 pezzi veloci che colpiscono sia per le liriche che per la musica. 12 schegge di nichilismo e misantropia che tengono compagnia in giornate “arredate di ricordi e rancori”, come canta il Santini in “Come Stai?”. Questo è l’hardcore punk che mi piace, diretto, senza fronzoli, rabbioso e impregnato di odio verso tutto e tutti. Bentornata misantropia con la quale arredo la mia stanza ed allieto le mie giornate in questo mondo di merda. Bentornati Pisciosangue.