Ruidosa Inmundicia – IRA (2021)

Un ritorno attesissimo quello dei Ruidosa Inmundicia, band di Vienna ma che scrive e ci urla le proprie liriche impregnate di rabbia, attitudine in your face e passione hardcore in spagnolo grazie alle origini cilene della cantante. Un ritorno con questo nuovo disco intitolato IRA che non delude le aspettative, regalandoci quindici minuti per dodoci tracce di hardcore punk veloce, furioso e attraversato da una profonda attitudine riottosa e militante. Le influenze del fast-hardcore tutto rabbia, intensità ed esigenza espressiva dei Ruidosa Inmundicia vanno ricercate in band fondamentali e iconiche come Los Crudos (accomunati non solo dall’uso dello spagnolo ma anche da un’attitudine e una coscienza politica messi in primo piano), Lärm, Seein Red, Spitboy e in minor parte anche band fastcore come i Capitalist Casualties o Infest e qualcosa di vagamente crust a la Detestation. Quali siano le influenze della band austriaca però in fin dei conti non è poi una questione cosi importante, perchè l’hardcore dei Ruidosa Inmundicia si presenta come una netta dichiarazione d’intenti dalla prima all’ultima nota, dal primo all’ultimo secondo, dalla prima all’ultima goccia di sudore, dall’iniziale El Final alla conclusiva Falsedad. In sintesi, dodici tracce che sono il manifesto politico-sonoro perfetto dei Ruidosa Inmundicia e che si riversano su di noi come una tempesta di schegge di rumore-veloce impazzite a cui difficilmente si può rimanere indifferenti!

IRA è infatti un disco capace di suonare attuale e allo stesso tempo trasmettere quel sapore old school dell’hardcore punk veloce e furioso degli anni 80/90 in maniera perfetta, sintomo di una band che suona questo genere perchè mossa da necessità espressiva, passione sincera e perchè ha tanto da urlarci addosso. Un disco che sottolinea ancora una volta come i Ruidosa Inmundicia siano un gruppo bravissimo nel songwriting, avendo dalla loro canzoni piene di rabbia, intensità e coscienza politica, ma altrettanto capaci di risultare anthemiche e che sanno colpire dirette come un pugno nello stomaco. A mani basse e senza nascondersi, siamo al cospetto di uno dei migliori 12″ di fast-hardcore punk ascoltati negli ultimi anni e altre parole sarebbero del tutto superflue, correte ad ascoltarlo! Un ritorno importante perché, per quanto il nostro rumore da solo non basta per cambiare effettivamente le cose, c’è bisogno più che mai di questo tipo di hardcore riottoso e combattivo in questi tempi di merda, anche solo per ricordarci che lo spirito non si è ancora spento e che la rabbia continua a bruciare sotto la cenere!

“Who Sold the Scene?” – Interview with Boco (Extreme Smoke 57)

In May 2019 some dear friends of mine organized a concert to one of the historical names of the early European grindcore scene, in SOS Fornace, an important social center in Rho in the paranoid province of Milan. That band is Extreme Smoke 57, one of the first incarnations of extreme music (or noise) active since the 90s and still to this day one of the bands to carry on the idea that grindcore is not business but protest!
A few days ago I was lucky enough to have a chat with Boco, singer of the band, and I decided to interview him to talk about the differences between the grindcore scene of the 90s and the current one, the protest and political nature of this music genre, the clear stance against porno-grind and messages it conveys, and in general about the commercial trends that exist within the scene nowadays.
I leave you with his words, with a fundamental and still relevant question: who sold the scene?

The campain for musical destruction still continues. GRIND IS PROTEST, NOT BUSINESS!

Hi Boco/Extreme Smoke 57! You are a historical name in the European grindcore scene, active since 1990. What did it mean to play such an extreme genre in those years and to be the first band to play it in your country?

Hello and thanks for your words. Well, when we started doing noise we didn’t think at all what it would become later. We were just young kids making fun and jokes of everything. Of course we were radical in a sense of hateing the commercial musical crap and sure we were much influenced by other noise and grind core bands we used to listen. You have to know that when we started there was still Yugoslavia and there were some other bands to play this kind of music in other Yugoslavian republics, but for sure we were the first one to came out of Slovenia. But we didn’t give much attention about it in the time.

Being an extreme evolution of hardcore punk, grindcore was born by its nature as a political genre, of protest, resistance and denunciation. What does playing grindcore mean to you? What do you think could be the “political” potential of such an extreme genre even today in 2022?

Well, I think grindcore came as an natural evolution from hard core and extreme metal scene, being bored by playing usual stereotypes of riffs. Someone got an idea to start playing the shit faster, harder and shorter. Why not? Even in begining of 80’s there were bands such as Sekunda or Larm to play the stuff really fast, but there were no specific name for this kind of genere untill (again) someone got the name for it. And so the genere accidentlly got it’s name, which is cool, I think. As an answer to your question about being political and protestive I guess this message existed even before when this genere started, be it in metal or in hardcore/ punk.

What was the Slovenian hardcore, punk and DIY scene like when Extreme Smoke 57 formed and started playing music? Which were the most interesting realities (squats, collectives, bands) at that time and which realities are among the most active and valid today in the Slovenian scene?

In 1990 when we got together the real hardcore scene, which was much active in the 80’s were already slowly falling appart. All the old bands splitted up and there were just a few cool bands around. At least in Slovenia. Even the old alternative collectives started to bacome more commercial by organising concerts of more bigger names and the pointing message started to lose it’s real meaning. Well, maybe i was born too late, but i still remember the undrground scene from the 80’s which was really crazy and violent. As for now…what can I say? It is sure much more different than 30 years ago, we live in other time. There are still some cool collectives who organise good gigs, expecially in Ljubljana, but in other smaller cities the scene is also good. The only thing that makes me questionable is why there are people who only stand in the scene for few years and then disappear? Is a waste of time and all the effort. Well I do understand the people are growing up, makeing families etc, but still…why do they quit and lose interest in the scene? I know much people who have kids, jobs etc and are still active in the scene. Not so much in Slovenia, but in other places all around. In anyway is not my problem, so i don’t care really anymore. For me is just important that the bands goes on and do gigs and releasing the music.

You guys have been around for 22 years. What are the biggest differences you’ve been able to notice within the grindcore scene and in the approach to this genre over the years? What are the positive and negative aspects of the scene compared to the 90’s? And What does a title like “Who sold the scene” from an 1996 Ep refer to?

In the past there were a big action against porno grind bands. It had nothing to do with the original grindcore message which was anti musical commercialism, standing for human and animal rights, strong political views, anti trend wagon shite, DIY ethnics, equality and free spirit at all. Lots of porn bands splitted up because the scene refuse it. The fanzines and flyers were often sent out pointing that’s just not a right way to use ’’our’’ music for such topics. I still don’t like porn grind bands. Now all of this that once we were fight against seems to be something normal and approval in the grind scene which i don’t think is right. Yes, even we had a reh-demo called ’’More pornography – more fun’’, but that was in the begining of the band in 1990, when we still didn’t know what it belongs to the real scene and we were just 16/17 years old bored kids and we took it as a joke. Later on we had a song called ’’Rape your sister’’ and ’’Cicciolina’’, but once again i repeat, we were too young to understand the meaning. We drop it away anyway. Nowdays there’s so much bullshit bands that use grind core as a scape goat without any message, talking about shitting and fucking and that’s just useless. The more i grow older the more i see how much grind core has become polluted and sold out. It makes me sad…

The title ’’Who sold the scene?!?’’ stands to our point of view to the scene back then when everything already started to sell out. So we took this title as a radical answer against the commercialism in the scene.

What were the bands that initially influenced your music? And what are the bands from the first wave of grindcore that you had the best friendships and support with?

You had to know the line up was differt than now. We were much influenced by Sore Throat, Napalm Death, Patareni/ Buka, 7 Minutes of Nausea, Fear of God, Siege, Doom, E.N.T., Crawl Noise, Larm, Cadaver Corpse, Agathocles, Carcass, Anal Cunt etc. In fact the international grind/noise scene was very large and connected together through fanzines, tape trading and writing letters. We were all pan – pals and supportive to each other. It was a good time that will never came back and i still keep all the letters from all the folx i used to exchange the ideas and music with.

The idea of this interview comes mainly from the fact that you played in my city (Rho) in 2019 in a concert organized by some friends and that I remember as devastating! What memories do you have of that date in the province of Milan? Would you like to tell us about that experience according to your point of view?

It was a good place to do a gig and we were already at the end of our. tour, so maybe we were a bit tired, but i do remember we give everything to do a good show. Also the rest of the bands were OK and the crowd was cool too.

Have there been and what has been the relationship between the hardcore/punk/grindcore scene and antagonist movements (anarchist and otherwise) in Slovenia from 1990 to the present? Which have been the most important Slovenian bands also from the point of view of political militancy and activism?

We were never a political band and we don’t use any political messages in our lyrics, therefore i can not answer to this question. We try to avoid politics and such themes. We just try to survive as everyone else do. Our lyrics talk about personal views of life and death. In fact some of them are political in a way, but in metamorphosis. In our personal life, yes of course we talk about politics, but we don’t use it in our music. Drinks first, politics later heh.

In 2020 you released your latest record “Stage V: Salvation”. Are you working on anything new? Are you planning any records, Ep, split in the near future? Most importantly, will you resume with gigs and tour?

True. We become lazy with the releases in the last time which is a shame. There are no real plans what we gonna do or release in the future. We have some new songs which are still in the makeing and lots of ideas of creating new once, but we want to take our time and do them right, which takes time. As for this summer we only have 4 gigs confirmed in Slovenia. I try to make a new tour in august in Germany, but it seems like no one is interested in happening and help with oraganisation. Perhaps i should change the ruote and ask somewhere else. For now is the only chance to tour with the band in the summer time. I can’t choose any other time then the summer because of my job. And it looks like we are not interesting band enough to call us for any festival or whatever, so fuck them all! We will continue in our way, create new music and live our life

We made it to the end of this interview. This space is at your complete disposal my dear Extreme Smoke 57, you can write and add anything else that comes to your mind and that you think could be interesting! A big hug, GRIND IS PROTEST!

Nothing special, but use your mind in live your life. Don’t get fooled by politics and false idiots in the ’’scene’’. In fact i question everyone again – WHO SOLD THE SCENE?!? Thanx for oportunity with this interview. Cheers!        

Masakre – Morbid Extinction (2022)

Morbid Extinction“, letteralmente “estinzione morbosa”. Con un titolo del genere cosa cazzo dovremmo mai aspettarci? Più che un titolo sembra trattarsi di una vera e propria dichiarazione di guerra senza esclusione di colpi e senza alcuna volontà di fare prigionieri. Bastano undici minuti agli indonesiani Masakre per polverizzare in maniera spietata qualsiasi cosa si trovi nel loro raggio d’azione. Cinque tracce che irrompono nelle nostre esistenze condannate all’estinzione con la brutalità e l’efferatezza di un bombardamento a tappeto volto a radere tutto al suolo e lasciare solo macerie. Bastano infatti questi undici minuti e questi cinque brani ai Masakre per mostrarsi come una band spietata pronta a portare morte, devastazione ed annichilimento senza mezze misure con un death metal vecchia scuola che non disdegna incursioni in territori crust o raid improvvisi in cui risuona tutta l’efferatezza del proto grindcore. E’ veramente difficile parlare di un disco come questo cercando di seguire un discorso lineare senza perdersi. Difficile perchè in una durata cosi contenuta i Masakre riescono a travolgerci con cosi tanta intensità, con una volontà di distruzione e con una furia che sembra impossibile da placare e che lascia spiazzati e impotenti. C’è infatti qualcosa di estremamente bestiale e caotico nella proposta death metal dalle tinte nere dei Masakre, così come dall’altra parte c’è un’attitudine profondamente (crust) punk e proto-grind che permea e attraversa il loro sound conferendo a questo Morbid Extinction quel tocco di personalità che ci permette di poter assaporare al meglio le differenti influenze in cui affondano le radici della band. Come se non bastasse questo assalto death metal a lasciarci inermi, le atmosfere oscure e tetre che accompagnano le cinque composizioni degli indonesiani costruiscono un’atmosfera opprimente e asfissiante che amplifica la sensazione di trovarsi in mezzo ad un vero e proprio massacro che non sembra volere conoscere tregua ne pietà. Un’atmosfera in grado di dipingere scenari di un futuro senza speranza, in cui l’estinzione sembra l’unico destino possibile per umanità condannata e inerme.

Addentrandoci più profondamente nel sound dei Masakre, ci troviamo in territori dominati dal death metal vecchia scuola, quello più marcio e putrescente di Autopsy, Nihilist, Bolt Thrower, Obituary, ma che al contempo si ibrida con tensioni e sonorità più vicine al crust punk più efferato e belligerante di band quali Extreme Noise Terror o al primissimo grindcore di Napalm Death o Repulsion. Come già accennato, tutto ciò è accompagnato da un’atmosfera minacciosa e da toni che sembrano voler richiamare quella oscurità eterna, opprimente e disturbante tipica di certo metal estremo primordiale di scuola Hellhammer/Celtic Frost. Cinque tracce, undici minuti e io ho già parlato fin troppo. L’estinzione è vicina, i Masakre diffondono la loro visione di distruzione e nichilismo senza eguali e son pronti a lasciare morte e disperazione sul campo di battaglia. Siate pronti al massacro che verrà. Siate pronti ad abbracciare gli incubi di un’estinzione morbosa.

Disease – To Hell With This Life (2022)

Ancora una volta nel segno di Kawakami e dell’immortale lezione dei Disclose, i macedoni Disease si presentano con un nuovo assalto di d-beat raw punk che non ci lascia alcuna tregua né alcuna possibilità di salvezza. To Hell With This Life è una dichiarazione di guerra fin a partire dal titolo, senza dubbio uno dei migliori lavori d beat pubblicati negli ultimi anni, un disco che emerge prepotente in mezzo alle numerose uscite etichettate come “d beat” e “raw punk” che affollano la scena e che spesso suonano ripetitive, noiose o semplicemente poco ispirate. I Disease però sono una band che trasuda passione sincera per certe sonorità e che può contare su un’approccio e un’attitudine perfette per riproporre in una maniera ispirata e godibile la seminale lezione di Disclose, Framtid, Giftgasattacck e di tutte le incarnazioni più distorte e caotiche che il raw punk/d-beat ha saputo regalarci nel corso degli anni. Tredici minuti di d-beat hardcore nella sua forma più rumorosa e primitiva, dove la tecnica e l’innovazione non trovano alcuno spazio poichè soffocate dalla volontà e dall’istinto di suonare nella maniera più selvaggia, furiosa e sporca possibile. I Disease costruiscono un vero e proprio muro di rumore assordante che, tra martellanti ritmiche d-beat che tritano ossa e suoni di chitarra così distorti da fare sanguinare le orecchie, è pronto a distruggerci i timpani dalla prima alla decima traccia senza possibilità alcuna di sfuggire o momenti per riprendere fiato in questo inferno di “caos non musica”. Tutto questo condito come da migliore tradizione d-beat da liriche pressoché monotematiche che si scagliano contro gli orrori della guerra, alternando scenari (non così tanto) distopici e paranoici a vere e proprie invettive antimilitariste vomitate nel microfono con rabbia viscerale e con l’istinto di protesta e ribellione tipica di certo punk.

Niente di nuovo sotto il sole, il solito incubo d-beat raw punk che ci urla in faccia a gran voce che non esiste un domani e non esiste un futuro fin quando esisterà la guerra imperialista combattuta in nome della fame di profitto dell’economia capitalista e dei giochi geopolitici degli Stati. Rumore non musica, sostanzialmente nient’altro che questo. Ma i Disease lo sanno fare nella maniera migliore e più sincera possibile, e se non fosse bastato lo scorso anno la pubblicazione del devastante Death Is Inevitabile, con questo nuovo 7″ tornano a ribadire di essere uno dei migliori esponenti del genere attualmente in circolazione. Dis nightmare will never ends!

“New Wave of Obtuse, Absolute and Regressive Metal” – Intervista ai Barbarian

C’è poco da dire per introdurre i Barbarian e il loro black/speed metal fieramente ottantiano, tanto primitivo e battagliero quanto epico. Bastano aggettivi come “absolute”, “obtuse” o “regressive” ad accompagnare nel corso degli anni la loro personale visione del metal, per comprendere senza possibilità di errore quale sia l’attitudine e l’approccio della band fiorentina alla materia del metallo proto-estremo. Un’approccio letteralmente barbarico che non fa prigionieri e non lascia tregua, che non riconosce alcun dio o padrone a cui inginocchiarsi. Attraverso il loro “regressive metal” infatti i Barbarian interrogano il presente con una domanda fondamentale: abbiamo davvero bisongo di cosi tante pecore e tanti pastori oggi? Che i barbari si scatenino, che le orde barbariche vadano all’assalto di questo mondo issando lo stendardo dell’heavy metal più ottuso e assoluto!

To no god shall i kneel, hail to the barbarians!

Ciao Borys! Partiamo con alcune note biografiche: quando, dove e perché nasconono i Barbarian?

I Barbarian nascono a Firenze a fine 2009 con una formazione diversa da quella attuale. C’era semplicemente una gran voglia di suonare del metal primitivo e grezzo. All’epoca Hellhammer/primi Celtic Frost erano i nostri numi tutelari, ma poi è partita in maniera molto naturale questa evoluzione che ha portato a integrare insieme un sacco d’idee che attenevano al metal dei primi anni ’80 in generale. E continua a piacerci così tanto farlo che siamo ancora qui.  Senza questo piacere non avremmo potuto continuare, non siamo mai stati mossi da altro, è proprio un impulso incontrollabile verso il metal.

Fin dagli inizi accompagnate la vostra musica con un immaginario, un’estetica e artwork di copertina che richiamano quell’epica fantasy dai toni barbarici e oscuri simil Conan, ecc. Cosa vi affascina di simili scenari? E di conseguenza, com’è nata l’idea di chiamarvi con un nome che sembra una vera e propria dichiarazione di intenti come Barbarian?

Riguardo all’immaginario ti rimando a una domanda successiva. “Barbarian” rimanda facilmente a Conan, è il primo riferimento che il vocabolo evoca per noi tutti, sia per quanto riguarda il film che la saga scritta da Howard. Il termine in sé nasce per indicare i selvaggi, i non civilizzati, chi era estraneo alla cultura greco-cristiano-borghese. I barbari erano reietti ma orgogliosi di esserlo, oltre che una concreta minaccia per lo statu quo. Ecco qua un tema portante del gruppo.

Musicalmente siete una band capace di rievocare suoni e attitudine profondamente old school, di un metal ottantiano e di un periodo ben preciso in cui speed, black e thrash facevano ancora tutti parte di un brodo primordiale in evoluzione verso lidi di proto-extreme metal. Al contempo nella vostra musica avete lasciato sempre più spazio a toni, melodie e atmosfere che richiamano certo epic metal classico. Quali sono dunque le band che vi hanno influenzato maggiormente e che continuano ad influenzarvi? E perché unire l’anima più proto-black con quella più epic?

L’heavy metal pettinato e con le camicie bianche con le maniche a sbuffo è affascinante, idem per le mutande di pelo, ma noi siamo un po’ cafoni e non ci piacciono le cose rassicuranti. C’è che il metal è bellissimo e ne ascoltiamo così tanto che una miriade di impulsi si fondono assieme e non si riconoscono più, ci scordiamo pure noi della loro origine. Siamo cresciuti col metal anni ’80 e poi con quello anni ‘90, siamo diventati tutto quello che ascoltiamo. Ma, soprattutto, siamo cafoni. Gruppi? Mah, ti posso buttare lì un sacco di nomi molto ovvi, ma se sono tali è perché sono imprescindibili: Hellhammer/Celtic Frost, Manowar, Kreator, Judas Priest, Sodom, White Spirit, Coroner, Irons, Bathory, Anti Cimex, Venom, Motorhead, Diamond Head, Running Wild, Metallica, Paradise Lost, Obituary, Master/Deathstrike, Carnivore, S.O.D., Amebix…

Rimanendo a parlare del vostro personale approccio al metal vecchia scuola, negli ultimi album avete presentato sempre un brano molto esplicativo per quanto riguarda il vostro approccio a questo genere. Su “Cult of the Empty Grave” una canzone come “Absolute Metal”, sul successivo “To No God…” troviamo “Obtuse Metal”. Vi va di spiegarci cosa intendete quando definite il vostro metal “assoluto”, “ottuso” o “regressive”?

In Faith Extinguisher c’era anche Total Metal, e sul nuovo disco ci sarà Regressive Metal. Il nostro è un metal che cita, ma in cui si perdono le fonti della citazione, è un metal “in sé” che sbattiamo in faccia a tutti quelli che amano le parrocchie e pascersi nella sicurezza dell’appartenenza. Non amiamo le greggi, ma neanche i pastori, diciamo che siamo piuttosto la frusta sul groppone delle pecore.

Pochi giorni fa Hell’s Headbangers ha annunciato la pubblicazione del vostro nuovo album intitolato Viperface. Vi va di annunciarci qualcosa su questo nuovo capitolo in casa Barbarian? Musicalmente sarà più simili ai vostri vecchi lavori o proseguirà sulle coordinate di To No God Shall i Kneel lasciando dunque maggior spazio alle influenze Epic metal di Omen, Manilla Road, ecc.?

Il disco è in continuità col precedente. Ogni nostro disco ha sempre ripreso dove aveva lasciato il precedente. Viperface è un disco che, a parte un paio di pezzi, necessita di un po’ di attenzione per essere apprezzato. Il che è un problema perché oggi i dischi si ascoltano on-line, senza attenzione e con molta fretta. Per questo capita che a volte qualcuno ci liquidi con sufficienza. In realtà riteniamo di avere una marcia in più proprio in quegli aspetti che sfuggono a un ascolto superficiale, per esempio la struttura dei brani, oppure la cura negli arrangiamenti o nelle metriche e nella musicalità dei testi. Del resto con molta facilità ci vengono affibbiate un sacco di etichette diverse e anche molto lontane fra di loro, questo dimostra che nella nostra musica c’è molto da assimilare e che ci vuole tempo per farlo. Siamo dei cavernicoli sofisticati dopotutto. Siamo fermamente convinti di avere un approccio molto personale al metal e che la nostra musica abbia un valore molto più elevato di tanti gruppi pluri-osannati. Se non ci è riconosciuto, comunque, pazienza, noi ci divertiamo un sacco, come dimostrano tutti i dischi che abbiamo pubblicato in 13 anni.

Spostandoci un momento a parlare del lato lirico, quali tematiche cercate di trattare nei vostri brani e cosa vi ispira nella scrittura? Vi interessa trasmettere dei messaggi o semplicemente scrivete ispirati da tematiche (dark)fantasy? Ve lo chiedo perché un titolo come To No God Shall i Kneel mi ha sempre evocato sensazioni simili a un “No Gods no masters” degli Amebix, con una forte impronta libertaria.

To No God Shall I Kneel è una citazione che formalmente richiama i Manowar ai più, però nella sostanza siamo effettivamente più vicini gli Amebix, è vero.  Diciamo che l’ibrido è grottesco magari, però all’interno della cornice dai toni epici e roboanti ritorna in continuazione il tema del rifiuto di qualsiasi tipo di autorità e in particolare delle sue incarnazioni che attengono alla religione. Il particolare contesto immaginario che utilizziamo, epico ed eroico, permette una grande libertà espressiva, ci permette di giocare a nostro piacimento.  Se i Barbarian fossero un libro epic fantasy, il protagonista sarebbe in lotta contro Dio e contro l’abiezione dei suoi seguaci. Non a caso i testi di Viperface sono ispirati ai 6 capitoli dei Canti di Maldoror di Lautréamont. Certo, vale il solito discorso fatto per la musica, per chi ha voglia e tempo, i testi vanno decodificati con calma. Sotto un primo livello si troveranno tanti riferimenti e temi, non propriamente “messaggi” perché altrimenti scriverei opuscoli e farei comizi, ma sicuramente suggestioni mature per essere còlte.

Nel corso degli anni avete suonato anche in contesti di centri sociali occupati e autogestiti. Cosa significa per voi suonare un certo tipo di metal in questi luoghi solitamente più affini a generi quali punk, hardcore e crust? Che rapporto avete con una dimensione più politica, autogestita e DIY come questa?

Non è una dimensione che ci è certo estranea, siamo cresciuti anche col punk e con l’hardcore, e il nostro primo concerto si è tenuto 12 anni fa al CSA Next Emerson di Firenze. Il nostro approccio a tutto quello che sta intorno ai Barbarian è da sempre orientato al DIY, quindi suonare in posti occupati o affini è una naturale conseguenza, non il contrario. Negli anni mi è capitato di incontrare situazioni molto (e magari più) DIY anche al di fuori di CSA, ecc. Poi, se vogliamo approfondire, per quanto ci riguarda DIY non equivale certo a pressappochismo, si tratta di avere il controllo di quanto avviene intorno al gruppo e di operare con cura proprio perché siamo noi ad avere tutto in mano. Etica, ma anche un po’ di nevrosi forse…

A proposito di scena musicale e di dimensione più politica, cosa ne pensate della scena metal italiana? Quali sono le band secondo voi più valide attualmente a riproporre un certo tipo di metal (speed, proto black, thrash, ecc.)? E quali sono invece gli aspetti più negativi di questa scena secondo voi?

Metal e politica… il metal non c’entra molto con la politica in senso stretto. Possiamo ascrivere il DIY alla politica volendo, ma in senso più lato, si tratta del “modo” di fare musica, non del “contenuto”.  A voler essere pignoli poi, il rapporto tra musica e politica è comunque molto problematico. Secondo me la musica non è lo strumento migliore per fare politica. Nonostante tanta musica politicizzata, storicamente i casi di gruppi o musicisti che siano riusciti ad avere una vera rilevanza politica si contano sulle dita di una mano monca, i Crass in primis per esempio. Avere un testo che racconta che la guerra è brutta  o che la vivisezione è inutile mi va benissimo, sono perfettamente d’accordo, ma non è politica, è informazione. Il metal in Italia riflette quello che è il metal nel mondo, quindi si nota una deriva regressiva (non nel senso del nostro Regressive Metal, ma nel senso di Marcuse, cioè reazionario) nel corso degli anni, e questo non è solo legato all’affermarsi del NSBM, sarebbe banale. Lo trovo un fenomeno più generale che investe il regresso della società e la scena metal, in quanto molecola societaria, mantiene tutte la caratteristiche della sostanza più grande. Magari sarò io ma, nonostante il metal anni ’80 non fosse mai stato molto legato alla politica, ne ho sempre avuto una percezione “progressiva”. Per il resto la scena italiana, attenendoci alla musica, è pienissima di gruppi di ogni sorta di qualità. Fra le sottomarche che citi (quindi senza andare troppo nell’estremo di death e black) mi vengono in mente al volo Bunker 66, Hatred, Hellcrash, Vultures Vengeance, Noia, Overcharge, Extirpation, Baphomet’s Blood,  Temptress… mi sto sicuramente scordando tantissimi nomi. Posso aggiungere i Children ofTechnology, in cui suono io, e i Kinetik, in cui suona Sledgehammer.

Al di là del nuovo Viperface che vedrà la luce a breve, prossimi progetti in casa Barbarian? Avete già in programma tour o date?

L’attività live sta piano piano riprendendo, ci sono ancora tanti strascichi post-covid, e non riguardano la debolezza o la tosse, ma i locali chiusi. Al momento abbiamo delle date locali programmate e un festival in Repubblica Ceca con Nifelheim e Torr. Altre cose sono in fase di elaborazione.

Giunti a conclusione di questa intervista vi lascio tutto lo spazio che volete per aggiungere qualsiasi altra cosa vi passi per la testa. Lunga vita ai Barbarian, lunga vita al regressive metal!

Grazie per l’intervista, lunga vita alle fanzine e ai Manowar!

Tower 7 – Peace on Earth? (2021)

Ripping crust as fuck existence!

È la seconda volta che mi trovo a scrivere dei newyorkesi Tower 7 su queste pagine virtuali. La prima è stata in occasione del loro debutto Entrance to a Living Organism, pubblicato ormai due anni fa, un disco permeato da quel sapore e da quell’attitudine anarchica e riottosa tipica dell’underground hardcore/crust punk a cavallo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei 90 e dalle prime pulsioni e incarnazioni crossover. Qualche mese fa i Tower 7 sono tornati con questo nuovo Peace on Earth?, un disco di 28 minuti in cui riescono a offrirci una proposta matura e devastante a base di crust/hardcore a tratti fortemente metallizzato che richiama in maniera molto evidente un preciso modo di intendere e suonare crossover.

I punti fermi del sound dei Tower 7 sembrano essere ancora una volta ancorati alla lezione delle band anarcho-crust come Antisect, Antischism e Anti-Product, ma ancora più che sul precedente album è fortissima l’influenza dei Concrete Sox più marci, del crust punk a la Doom e in certi frangenti delle sonorità degli Electro Hippies. Il tutto però come già accennato con una forte influenza crossover hardcore/thrash metal che sembra affondare le proprie radici in profondità nella lezione di lavori seminali come Pain of Mind dei Neurosis e capace addirittura di evocare echi del primordiale Eye for an Eye dei Corrosion of Conformity.

In fin dei conti poco importa cosa suonino i Tower 7, quali siano le loro influenze e come vogliamo definire la loro musica, perché ciò che dovrebbe interessare è l’attitudine e la rabbia viscerale che animano questo Peace on Earth?, un attitudine riottosa e una rabbia nichilista ma al contempo militante che richiama in maniera sincera quella tensione politica cara alle band anarcho-hardcore che segnarono in maniera irreversibile il tempo e la scena punk britannica degli anni 80 e quella statunitense a cavallo tra 80 e 90. Un suono sporco, crudo, rabbioso e militante quello proposto dai Tower 7 con questo nuovo album, sicuramente tutto quello che dovrebbe essere un disco crust/hardcore nel 2021. La mia non-recensione è arrivata con colpevole ritardo rispetto alla pubblicazione di questo nuovo capitolo targato Tower 7, ma senza ombra di dubbio Peace on Earth? si dimostra uno dei migliori dischi pubblicati lo scorso anno e sottolinea in maniera netta come la band newyorkese sia una delle più interessanti dell’intera scena hardcore/crust statunitense.

“Reinventare l’Oscurità, Distruggere il Patriarcato” – Intervista agli Skulld

Troppo metal per il punk, troppo punk per il metal!“. Si autodefiniscono cosi gli Skulld, band radicata nella tradizione del death metal svedese ma cresciuta con l’impronta e la coscienza dell’hardcore più politicizzato, che un paio di anni fa ha rilasciato il primo devastante disco intitolato Reinventing Darkness. Tra femminismo (satanico), molteplici richiami pagani e mitologici e un’attitudine fortemente antiautoritaria legata a doppio filo alla scena hardcore punk, ho scambiato quattro chiacchiere con la cantante Pamela, con Teo e con Ciuf. E se per Faxneld, nella sua opera “Satanic Feminism“, Lucifero ha rappresentato la liberazione della donna nella cultura del 19esimo secolo, gli Skulld si presentano oggi come una band impegnata a “reinventare l’oscurità” grazie ad un death metal primitivo e occulto che prende nette posizioni femministe e antipatriarcali all’interno di un ambiente troppo spesso machista, sessista, reazionario ed oppressivo come quello metal!

Quando scrissi la recensione del vostro Reinventing Darkness andrai a cercarmi il significato del vostro nome ed avevo scoperto che Skulld era il nome di una norna, figura appartenente alla mitologia norrena. Come avete deciso il nome e perché proprio questo riferimento mitologico?
Pamela: Quando sono arrivata nel gruppo, Monti, Rappo e Teo suonavano già da un annetto e
avevano scritto un bel pò di pezzi, ma mancava la parte dei testi e del cantato. Con il mio arrivo ho portato un pò di quello che mi appassiona e che è legato allo sciamanesimo femminile, astrologia, studi sul matriarcato, antropologia, occultismo e neopaganesimo. L’idea era creare un immaginario metal legato a tutta una serie di aspetti esoterici in chiave fortemente femminista e antipatriarcale.
Da qui l’idea di chiamarci Skulld, una delle Norne, che poi sono molto simili alle Parche greche: delle divinità (femminili) in grado di decidere della vita di noi poveri mortali. Mega metal! Come dici tu, nei testi e in generale nell’estetica degli Skulld si ritrovano molti riferimenti di questo tipo, ad esempio alla mitologia norrena, ma non solo. Ti faccio uno spoiler: uno dei pezzi nuovi parla del mito di Dafne narrato nelle metamorfosi di Ovidio, atto di violenza patriarcale evidente in cui Apollo cerca di violentare Dafne, la quale, piuttosto che cedere a questo Dio arrogante si fa trasformare in un albero.

Una delle tracce che ho preferito del vostro disco di esordio è sicuramente la conclusiva Satanic Feminism, sia per la parte musicale che per quella lirica. Cosa significa per voi la nozione di “femminismo satanico” e come la declinate? Quale ruolo riveste in maniera più generale la tematiche e la lotta femminista nella vostra musica?
P: Ho già in parte risposto a questa domanda spiegando l’origine del nome, ma ci sta approfondire un pò di più (tra l’altro grazie delle domande interessantissime). Gli Skulld nascono come gruppo metal all’interno di un contesto e un’attitudine punk, dove certe tematiche sono assolutamente fondamentali: il femminismo è una di queste. “Satanic feminism” prende spunto da un libro molto bello che porta lo stesso titolo (con l’aggiunta di “Lucifer as the liberator of women in the 19th century culture”). In questo volumone viene capovolto tutto l’impianto cristiano cattolico patriarcale e maschiocentrico portando Lucifero e Eva, grandi reietti della storia, come alleati nella lotta appunto di liberazione di questa tirannia. Mi ha affascinato molto come concetto, e l’ho preso come spunto di tutta una serie di riflessioni più ampie. Il progetto Skulld si richiama proprio a questo: dare spazio a questo tipo di tematiche e suggestioni all’interno del metal (ma non solo), ancora molto legato al “maschile” a mio avviso.

Altra traccia interessante è sicuramente Beivi, brano che richiama un’ispirazione pagana e mitologica, facendo direttamente riferimento ad una divinità della cultura Saami. Come siete arrivati a prendere ispirazione da questa figura assolutamente poco conosciuta per chi non è avvezzo a culture, popoli e miti così lontani e diversi dal nostro immaginario attuale?
P: Beaivi è una figura bellissima: la madre renna, regina dell’inverno ma anche della luce che tornerà a breve dopo le tenebre della lunga notte artica. Solcava i cieli nella notte del Solstizio con le corna sulla testa, più grande e più forte del cervo maschio : madre che dà la vita, che riporta la fertilità alla terra dopo la morte invernale. Ci sono testimonianze legate a tutta una serie di rituali fighissimi, tra cui anche l’uso di psilocibina, ma questa è un’altra storia (e altro testo degli Skulld, indovinate quale). Sono molto affascinata da tutta la mitologia sommersa: in questo caso come non pensare a tutta la ritualità legata al Natale, che ora è assolutamente maschile, ma che in origine era femminile. Fa tutto parte di un percorso di riscoperta di miti antichi sui quali c’è stata una stratificazione massiccia, che in parte ce li ha fatti perdere, ma che scavando riusciamo a riportare alla luce nella loro potenza. Miti evidenti se ci pensi: ogni anno assistiamo al ciclo delle stagioni ed è chiaro di come siamo all’interno di un eterno ciclo che si rinnova mese dopo mese.

Nel corso di tutto Reinventing Darkness si può percepire la vostra volontà di costruire un’atmosfera dai tratti ritualistici e pagani. Quanta importanza ha per voi la dimensione più pagana e ancestrale nella vostra musica, nel vostro immaginario e nel vostro approccio anche lirico?
P: E’ un territorio di ispirazione costante, punto di partenza sul quale costruire poi la nostra musica. Trovo tra l’altro che sia tutto molto metal: la mitologia, la storia, le suggestioni esoteriche hanno sempre fatto parte del metal, forse del metal più classico. Perché non approcciarsi a un altro tipo di mitologia, un altro tipo di storia? Mi piace l’idea che leggendo i nostri testi alcuni miti dimenticati vengano riscoperti.

Il vostro primo disco ha visto la pubblicazione grazie ad una vera e propria cospirazione di etichette e DIY e distro dell’underground principalmente hardcore e punk. Che ruolo ricopre per voi una pratica come appunto l’autoproduzione, così centrale all’interno della scena hardcore? Quali sono i vostri legami con questa scena e con le sue pratiche specifiche di lotta, autogestione, orizzontalità e tentativo di contrastare ogni forma di oppressione, discriminazione e gerarchia?
P: Come accennavo prima, proveniamo tutt dal punk e abbiamo tutt fatto parte delle scene punk/hardcore delle nostre città (Cesena, Forlì, Bologna, Imola, Milano). Ci identifichiamo assolutamente più con la scena punk che con la scena metal, perchè sono le nostre origini ed è qui che troviamo la nostra zona di confort. L’autoproduzione, l’autogestione, l’orizzontalità sono assolutamente alla base di quello che portiamo avanti. La nostra sfida è provare a portare questa attitudine nel fare le cose anche nella scena metal, purtroppo da qualche anno staccatisi un pò dal nostro ambiente. Spesso per ridere ci diciamo che siamo “troppo metal per il punk e troppo punk per il metal” ma poi in realtà è proprio quello che vogliamo fare: unire queste due parti che ci caratterizzano.

Passiamo finalmente a parlare del lato meramente musicale. Le vostre sonorità ad un primo ascolto appaiono come un death metal profondamente radicato nella vecchia scuola (svedese principalmente). Più si scende in profondità nelle vostre tracce più emergono influenze anche di certo revival “stenchcore”/crust primi anni 2000 sullo stile dei primi Acephalix o dei grandiosi Sanctum. Quali sono le band che vi hanno influenzato maggiormente e come definite la vostra musica?
Ciuf: Direi che Entombed e At the Gates nell ambito metal sono i due pilastri che delineano le mie scelte compositive, per quanto riguarda il lato punk invece, bene o male tutti i gruppi crust o d-beat sono presenti nei miei ascolti. In generale viaggiamo su un onda death scuola Entombed, con matrice crust presente in tutti i pezzi del primo disco. Il materiale nuovo a cui stiamo lavorando ha qualche sonorità vagamente più trash e mid tempo, sempre alternati a tupa tupa serrato, d-beat e riff demotivati.
Teo: Come hai detto tu, nel nostro modo di scrivere i pezzi vengono fuori molto le influenze del Death metal più veloce molto tirante al crust ed al d-beat svedese, poi però ci piace anche esagerare con delle metallate. Le band che ci hanno influenzato di più, per dirtene alcune, possono essere tipo Vomitory, Sepultura, Hellshock, Wolfbrigade, Entombed, Nihilist, Zeke, Dismember ecc ecc, potrei stare qui ad elencartene centinaia ma poi quello che viene fuori è tutto molto a sentimento mixando un po di tutto.

Intimamente legata alla domanda precedente: vi sentite di appartenere più alla scena del metal estremo o quella hardcore? Ma soprattutto cosa vi piace e non piace di entrambe le scene?
P: Purtroppo la scena metal si è negli anni sempre più allontanata dal punk/hardcore, come attitudine, come spazi e purtroppo in certi casi anche come idee politiche. Io vengo dagli anni ‘90 dove il metal era punk, o almeno era qualcosa in contrasto con la società. Tante persone della mia generazione si sono avvicinate poi al punk, agli spazi liberati grazie al metal. Ora il metal è visto come qualcosa di “brutto” lasciami passare il termine, popolato da gente di merda e molto mainstream.
Del punk posso dire che negli ultimi anni ho visto, mio malgrado, un certo impoverimento a livello di contenuti: anche il punk sta diventando moda, e in un’epoca in cui tutto è apparenza, soprattutto a Milano ho visto tante giovani persone approcciarvisi più per l’estetica che per i contenuti.


Ciuf: In linea di massima siamo un po tutti più legati all attitude punk, poche pippe da musicista “serio” e più cattiveria, sia come sonorità che come messaggio. Personalmente sono cresciuto con punk rock o hc per poi passare al grind e poco alla volta al metal, dal lato compositivo ma anche come ricerca di suoni affini al nostro genere. Per quanto riguarda le scene sarebbe bello vederle entrambe più unite ma c’è sempre abbastanza divisione soprattutto per motivi di etichetta e contenuti secondo me. Molto spesso in ambienti metal il lato politico viene visto come una menata e basta.


Teo: Veniamo e facciamo ancora tutt* parte principalmente della scena Hardcore/punk, e ci sentiamo più legati a quella realtà, perchè porta avanti esplicitamente certe tematiche e principi di vita che sentiamo parte di noi, ci teniamo anche a far presente che siamo una band antifascista, anti sessista ed anti razzista, cosa che spesso non viene quasi mai esposta da band e certi tipi di contesti soprattutto nel metal. Noi ci teniamo sempre a precisarlo in qualunque contesto sia.

Progetti futuri in casa Skulld? Date live, nuovo disco, ecc.?
P: “Reinventing Darkness” è uscito con un perfetto tempismo il 20-2-20 (data interessante dal punto di viste numerologico, così, per tornare i discorsi che facevamo prima): pochi giorni dopo il mondo è esploso nel delirio del quale facciamo parte da due anni a questa parte. Ovviamente quindi ci siamo fermati con i live, nonostante qualche concerto qui e li siamo riuscit a farlo. Però ci siamo ritagliat dei momenti di prova, soprattutto da quando vivo a Forlì. Quindi abbiamo assolutamente già un bel pò di materiale nuovo e contiamo di registrare abbastanza presto, se tutto va bene quest’estate. Stanno anche ripartendo un pò di live, quindi non vediamo l’ora di suonare un pò di in giro e rifarci un pò di questi due anni di semi-fermo.


Giunti a conclusione di questa intervista, lascio questo spazio a vostra completa disposizione per
aggiungere qualsiasi cosa vi passi per la testa. Grazie ancora mie care/miei cari Skulld!

Bhe grazie mille ancora per le domande fighissime e che ci hanno permesso veramente di entrare
nel dettaglio di quello che portiamo avanti.

Sorrow – Black Crow (2022)

La Polonia ha sempre avuto una scena hardcore punk florida, attiva e per certi versi unica, specialmente nelle sue declinazioni più anarcho e crust. Questo non dovrebbe essere nuovo a chiunque abbia letteralmente divorato dischi di band del calibro di Filth of Mankind, Homomilitia o Silna Wola, tutti gruppi che hanno avuto un grosso impatto musicale e specialmente politico-militante non solo in terra polacca ma anche al di fuori di essa. Concentrando il nostro sguardo solamente sull’ambito crust punk nelle sue incarnazioni più stench, oltre ai già citati e immensi Filth of Mankind, non si può non ricordare band oscure e dalla breve esistenza come Enough e Lost che hanno saputo interpretare il genere in una maniera personale e per nulla scontata. Non stupisce dunque che ancora oggi dalle desolate terre polacche emergano gruppi impegnati a suonare una precisa idea di stench-crust caratterizzato da toni fortemente apocalittici e avvolto da una sorta di epicità oscura e guerreggiante, oltre che teso a compiere incursioni spietate in territori metallici. Ecco che così, più o meno dal nulla, compaiono su un campo di battaglia disseminato di cadaveri e macerie questi Sorrow con il loro album di debutto intitolato Black Crow, pubblicato dalla sempre attenta Sanctus Propaganda.

Se non avessi già sommariamente descritto la musica proposta dai polacchi Sorrow, basterebbe l’artwork di copertina ad opera dell’iconico Sean Fitzgerald per catapultarci in territori stenchcore in bilico tra scenari di guerra post apocalittici, lande desolate dominate da oscurità e morte e atmosfere dai toni pagani e selvaggi. Uno stench-crust che segna un continuum netto con la “scuola” polacca degli immensi Filth of Mankind così come con l’approccio maggiormente votato alla lentezza, alle atmosfere angoscianti e a territori doom dei sottovalutati Lost. Ma i Sorrow sono al contempo molto abili nel sapere riproporre quelle sonorità stench-crust che richiamano alla mente Sanctum, Hellshock o Last Legion Alive e in generale quel periodo storico di revival crust dei primi anni duemila, dimostrando che il genere ha ancora qualcosa da dire e che si può farlo in una maniera tanto convincente quanto abbastanza personale.

Basta infatti il riff iniziale di Frustration, brano che ci introduce a Black Crow, per evocare immediatamente i migliori Hellshock o Sanctum con un piglio decisamente bellicoso, mentre l’atmosfera apocalittica nel suo incedere lento e sofferto di Storm of Swords dipinge magistralmente scenari desolati e campi di battaglia su cui sibila minaccioso un vento di impotenza e morte. Si prosegue su questo sentiero fino alla conclusiva Suffer with Smile, in un tripudio di assalti selvaggi sorretti da riff monolitici e momenti dominati da tensioni apocalittiche, toni oscuri e litanie dal sapore vagamente pagano (come nella titletrack) che ben si sposano con i rallentamenti e atmosfere da “quiete prima della tempesta”.

Se negli anni avete divorato dischi quali “On the Horizon” dei Sanctum, “The Final Chapter” dei Filth of Mankind o qualsiasi registrazione dei maestri Deviated Instinct, questo Black Crow porterà una ventata di putrida aria nuova ai vostri ascolti stench-crust permettendovi di dare tregua ai classici del genere senza però farveli rimpiangere, ma anzi imponendosi con forza, solidità e convinzione e presentando i Sorrow come i nuovi portabandiera dello stenchcore più apocalittico, selvaggio e bellicoso!

“Crust Punk Against Capitalist Brutality” – Interview with Downwinder

A few months ago I had the opportunity to interview Downwinder, a new Greek band that appeared on the scene in 2021 with an excellent crust punk record that has its roots in the historical Greek scene of Chaotic End, Hibernation and Forgotten Prophecy. With a “little” delay I finally publish their answers in which they talk not only about the current situation of the Greek punk and hardcore scene, but also about the eviction of the Biological Squat on New Year’s Eve, punk as a means of solidarity and direct action against capitalist brutality and State repression and more generally the socio-political situation that Greece has gone through in recent years.
To you the words of Downwinder!

Hi Downwinder! Let’s start in the most classic way: when, how and why was the band born and what inspired you to come up with the name?

Hello! Downwinder formed in 2019 in Volos city, central Greece. We know each other since forever and we had made other projects when we were in our teen age but for a long time we were in seperate cities. When Costas (guitars) returned back to our home town, during the summer of 2019, we decided to launch this band and play the sound we love.
Downwinders were communities that had been exposed to military nuclear weapons tests mainly in USA and have resulted in a large increase in cancer cases even decades later. So, this is how we came up with the band name.

A few weeks ago the sad news of the eviction of the Bilogical Squat, a very important place for the punk scene and anarchist movement in Greece. What was your relationship with this squat? And more generally, would you like to tell us what happened before, during and after the eviction?

Biologica squat in Thessaloniki along with Villa Amalias in Athens were the two most significant living cells of the Greek diy hardcore punk scene. The space had been occupied back in 1987 and it has been a really active squat politically and musically for 34 years or so. For a lot of diy bands all over the globe that were touring Europe since the 90’s, Biologica squat was certainly a place to play some furious music, stage dive and have some fun! A lot of benefit gigs were organized all over the years to support political prisoners, immigrants , anarchists or radical left people who were haunted by the state. We had played with Downwinder and with others bands in the past and it was actually one of the best diy places out there!  Without being so sure about the details, Biologica squat was evicted early in the morning of 31st of December 2021. After that, some people occupied another space in the university as a protest and when the police arrived, they tried to defend it. Some people got arrested and there was a huge solidarity demonstration in the centre of the city. So we stand in solidarity with Biologica squat and with every single person who is trying to make less miserable our everyday lives. As a matter of fact, political beliefs and ideas cannot be evicted!

In response to the eviction of the Biological Squat, the GrPunk collective published a benefit compilation in which you participated along with many other bands from the Greek hardcore punk scene and beyond. How important are for you practices such as solidarity and complicity with those who fight every day against this world of repression, daily oppression, exploitation and alienation?

Actually in Greece, the punk scene is directly related in a political sense, with the general struggle for freedom and equality. Just from the beginning of its existence, punk scene has been standing on the side of every person who is fighting for a better world, or every person who is brutally assaulted every day by the state, the police or the capitalism itself. In a country like Greece that is facing a huge economic crisis for more than ten years or so, with poor working conditions, poverty and unemployment along with a huge wave of migration, where thousands of people are stacked in concentration camps by the Greek state, which is serving the general tactics of the European union, if you don’t choose a side and scream loudly for this new dystopia we are all facing every day, you are simply as guilty as the others for all this situation. We are all have been very active in squats all over Greece especially the previous years, organizing solidarity shows for political prisoners and trying to help through our music and our state of mind. So as a matter of fact, solidarity and helping each other is our only weapon to survive!

What does it mean to play hardcore and punk for Downwinder in 2022? What is the potential and the role that punk can and should play today to oppose, resist, threaten and attack State and Capitalism?

No huge words here…  Playing the music we like with our friends in a beautiful stinky basement, is the only way out of our miserable every day life. As far as it concerns the general role of punk nowadays. Unfortunately, punk cannot save the world. It can only make it better and less miserable. This is what we do anyways. Playing music, organizing shows, making zines, distributing records and keeping the flame still burning. The diy ethics, the solidarity for every single oppressed person out there and  the anticommercial way of  creativity is our answer to the capistalist brutality.  

Moving on to talk about your music, you play a very metallic crust punk with obvious references to that primordial soup known as stenchcore. Yours is a sound and atmosphere that also brings to mind the historical and unique Greek hardcore/crust scene of Chaotic End and Hibernation. What are your main influences and how did you approach these sounds? But most of all, do you see a link and a continuum between you, your music and your approach and that of the historical Greek hardcore/crust scene of the 80s/90s?

We are glad you mentioned these bands! The whole Greek 90’s Hardcore/Crust scene is what introduced us into this genre of music back when we were teens. Bands like Chaotic End, Naytia, Forgotten Prophecy, Hibernation, Mastiga, Nuclear Winter etc. have been a big punch in the face when we first heard them and surely in one or another way quite a big influence in how we see hardcore and crust music. Regarding our influences in general, we are big fans of Punk, Hardcore, Crust, Thrash and Death Metal music among others. We guess all these genres have played their role in how Downwinder sounds. As we said before with first came across with these sounds when we were teens about 20 years or so ago, before the rise of internet. So, it happened mostly by exchanging records and duplicating them in tapes with each other.

We do not know if there is a continuum between our music and that of the Greek Hardcore/Crust scene of the 80s/90s, it depends on how anyone sees it.  There is definitely a continuum in how we prefer and want all this thing to be done. The DIY way of making/distributing music and organizing shows and the whole political background has put its roots during the 80’s, grew stronger during the 90’s and it continues to grow even stronger up to present as, not only us, but fortunately the biggest part of bands and individuals that are related to this scene think and act this way.

How is the situation of the more political and militant hardcore punk scene in Greece and especially in your city (Volos)? What are the most interesting situations at the level of squats, social centres, collectives, bands, etc.?

Talking about the nowadays militant and political hardcore punk scene in Greece generally, we could say that it is in a very good but stable level. Many interesting bands both musically and ideologically have been formed the last  few years, but many ones have split-up also. What characterizes the Greek (and probably the worldwide)  hardcore punk scene since its beginning we could say are short-lived bands but with big impact. Specifically about Volos, we can’t say that a political hardcore/punk scene ever existed. There were some great bands in the past and there are also some now but you can’t call it a scene with two or three bands maximum at every period,especially when these bands share pretty much the same members.

The situation is fortunately pretty much the same in the whole country. There are squats, or at least places where people can gather, exchange ideas, organize actions and scream against everything that oppresses them in almost every city.

As for the bands worth checking, the list is quite long and we will definitely forget many so we’ll stick to some of the newer ones whose debut stuff we really enjoyed, like Mormo, Rampage,  Pisssniffers, Dishonor, Savura, Formoli and BloodTrace.

Your first record was one of my favourites of last year. What inspired you to write the songs and what are your lyrics about?

Thanks for the compliment, we are glad you liked it! Well, inspiration came both from everything and nothing. Some songs were written having a specific concept in mind,some were inspired by something we liked or we did not like and some others just came up when rehearsing. Playing music and hanging out in the studio is like psychotherapy. It is 2 hours of getting away from our everyday shitty routine, releasing our anger, expressing our feelings,drinking alcohol and trying to be creative through the the tunes we like to hear and play. That is pretty much how the music part of our songs is written.

Regarding lyrics, they vary from personal matters to global ones. Society, corruption, shitty         attitudes, war, capitalism, environmental issues, mental issues, religion, patriarchy, human rights are some of the topics we deal with in them. Again, some of them are inspired by a specific incident we experienced or read about and some others are more general. Some are written in a more literal and simple way, but most of them are written in a more symbolic and personal point of view way. In other words, they are just our thoughts about everything that concerns or disturbs us, written on paper.

Are you already working on a new album? Will it be similar in sound to your debut or will there be some changes in influences?

We have already written our second full length album. We now discuss about the final details and further changes that may applied to the composition of the songs. We are about to start recording it. The sound will vary in the same style, but we believe  the set of the songs is more consistent than our debut album and accompanied by an extra death metal feeling.

In the last two years we have all had to deal with the covid 19 pandemic, with not only health implications but also and above all political and economic ones. How was the pandemic situation handled in Greece, both in the hardcore punk scene and at government level? What have been and continue to be the main difficulties in this period?

In the last two years it seems that time has frozen. Apart from the fact that the Greek (far) right-wing government is completely useless to make even one right move to make people feel safer against the covid outbreak, it is passing laws invoking the pandemic that poor become poorer and this party’s friends richer, always serving their main fascist idea of ​​law and order. I am confident that these laws will continue to exist after the end of this situation.
Speaking of the hc / punk scene, when squatters or other leftist groups organize a political / music event that takes place indoors, the police are more likely to be there right away to cancel it, while mass culture clubs are full and their owners undisturbed. During summer, things are a little different as we did some outdoor shows, but both winters were hopeless. What is certain is that we can not continue like this, at the same time that many performances are taking place all over Europe. We must finally feel a little alive!

As we come to the end of this interview, I leave this space completely up to you to add whatever comes to mind. Thanks again Downwinder for agreeing to answer my questions! Make punk a threat again!

Stefano, thank you very much for your time and for the opportunity to respond in current issues that concern us. Good luck with Disastro Sonoro webzine and we hope to visit Italy at some point to play and chat in person. Cheers!

Crust as Fuck Existence #01

A marzo del 2019 iniziai a scrivere una nuova rubrica (intitolata con il titolo di un disco dei giapponesi Effigy) su queste pagine dedicata quasi esclusivamente alle forme più metalliche, marce e oscure del crust punk, con un occhio sempre attento e puntato verso le ultime uscite che richiamavano quel brodo primordiale conosciuto con il nome di stenchcore, tanto nelle sonorità quanto nell’immaginario e nelle atmosfere evocate. Prendendo a prestito il titolo di un fondamentale disco dei Warcollapse, Crust as Fuck Existence non sarà quindi una nuova rubrica, bensì il naturale mutamente della vecchia Evil Fragments in una forma secondo me più coerente ed immediata. E dato che il 2021 appena passato ci ha regalato una manciata di interessanti dischi, demo e tape capaci di riproporre quel crust punk primitivo nella sua incarnazione più apocalittica, metallica e stench, non perdiamo altro tempo e addentriamoci tra le ombre e gli abissi di una vera e propria crust as fuck existence.
Cimiterium

Quale periodo migliore di una pandemia globale (con tutte le implicazioni repressive di natura politica, sociale ed economica) per trovare l’ispirazione perfetta al fine di suonare un crust punk primitivo, nichilista e dai toni apocalittici? Quale nome migliore di Terminal Filth per una band che vuole omaggiare senza nascondersi band seminali del calibro dei Deviated Instinct e rievocare nei suoni, nelle atmosfere e nell’immaginario, quel brodo primordiale conosciuto come stenchcore creato dalla seminale scena metal/punk britannica e principalmente le sue incarnazioni a cavallo tra la fine dei 90 e i primi anni duemila? Ecco, basterebbero queste piccole note per chiudere qui la recensione di The Plague Session dei berlinesi Terminal Filth e per bollarli, forse con eccessiva fretta, come un gruppo fin troppo derivativo, con poche idee originali da mettere nel songwriting e che si limita a divertirsi a suonare il genere che più gli piace senza troppe pretese. Per fortuna le idee, la passione e una certa dose di personalità sono armi che i Terminal Filth posseggono, che sanno affilare molto bene e ce le mostrano con estrema convinzione in queste quattro tracce, mostrandosi anche capaci di trovare soluzioni e strade interessanti all’interno di un genere dalle coordinate monolitiche che spesso finiscono per risultare ripetitive. Into the Stillness, traccia con cui veniamo introdotti a questo primo lavoro della band tedesca, si apre con un riffing che chiama in causa Hellshock ed echi dei primissimi Bolt Thrower e si mantiene sulle coordinate di uno stench-crust bellicoso, intenso ed estremamente granitico. Questa furia selvaggia e barbarica viene però momentaneamente interrotta dall’inapsettata melodia di violino che introduce il secondo brano Come and See, violino capace di costruire un’atmosfera desolata e malinconica, riuscendo ad evocare toni epici e scenari post-apocalittici su una base di solido crust punk che non mostra segni di cedimento nel suo incedere deciso verso la distruzione. Per quanto a primo impatto si possa pensare ad una band estremamente derivativa, l’ascolto di Plague Session vi farà assolutamente ricredere perchè i Terminal Filth riescono a riproporre la lezione fondamentale di Sanctum, Filth of Mankind (che in più momenti tornano alla mente durante l’ascolto di queste quattro tracce) e dei già citati Hellshock in una maniera personale, appassionata ed profondamente convincente. Shadows of the past, stench of today!

Tra una marea infinita di pubblicazioni di band e dischi votate a suonare d-beat e raw punk, negli scorsi mesi ad un certo punto, come fulmine a ciel sereno, mi imbatto in questo self titled album dei Barren Soil accompagnato dall’etichetta “stenchcore“. Capirete anche voi che per chi, come il sottoscritto, è cresciuto divorando tutto quello che è stato pubblicato dalla primitiva scena crust britannica degli anni 80 di Amebix e Deviated Instinct così come del revival di Filth of Mankind, Hellshock e Istinct of Survival, leggere la parolina magica “stenchcore” vicino ad una nuova band non può che catturare immediatamente il mio interesse e la mia attenzione. Ecco allora che mi ritrovo ad ascoltare questi sconosciuti Barren Soil ed è subito un tripudio di stench-crust barbarico e bellicoso, ma altrettanto attento a creare scenari e atmosfere dai toni vagamente epici e apocalittici senza che però esse possano prendere il sopravvento sull’intensità furiosa e l’impeto istintivo votato alla distruzione totale. Un debutto in formato cassetta attraverso il quale i Barren Soil ci sorprendono con il loro agguato crust punk che non ha alcuna intenzione di fare prigionieri e vuole lasciare solo macerie al suo passaggio. Otto tracce che chiamano in causa quel “revival stenchcore” dei primi anni duemila e in particolar modo l’approccio e il sound di band come Hellshock, Sanctum, Stormcrow e Fatum; un crust punk votato ad incursioni in territori metallici e che ripropone tutti gli stilemi classici del genere, ma suonato con convinzione, un’estrema passione e l’attitudine giusta dalla band di Vancouver, allontanando facilmente i fantasmi della noia e dell’assenza di originalità. L’orda di barbari chiamata Barren Soil sferra colpi mortali con le sue lame arrugginite, cavalca su una terra ormai sterile e saccheggiata in nome del progresso ed è pronta allo scontro finale. Mentre il mondo si prepara a bruciare, lo stench-crust più primitivo, devastante e barbaro riecheggia assordante diventando una vera e propria dichiarazione di guerra!

Mi sono imbattuto negli australiani Cimiterium quando ancora sulla loro pagina bandcamp si poteva ascoltare solamente “Involuntary“, traccia scelta per anticipare la pubblicazione della loro prima demo. Mi è bastato il riff iniziale per lasciarmi rapire senza opporre resistenza dallo stench-crust con echi thrash metal dei Cimiterium, un sound che grazie anche alla registrazione estremamente primitiva suona molto sporco, ruvido e marcio evocando le stesse sensazioni che si possono avere ascoltando qualche demotape della seminale scena crust punk britannica di Hellbastard, Axegrinder e Deviated Instinct. Sono infatti da ricercare nelle primitive incarnazioni crust della scena inglese le influenze dei nostri, in un tripudio di atmosfere desolate e oscure, ma anche di assalti barbarici votati alla devastazione e intrisi di una furia cieca e implacabile. Se dovessi però fare un solo nome che l’ascolto di questa demo mi ha evocato più e più volte è senza dubbio quello dei canadesi Contagium e del loro splendido (e troppo spesso dimenticato) Archaic, soprattutto nei momenti più apocalittici e nel riffing che non risparmia incursioni in territori prettamente thrash metal. Musicalmente figli di una tradizione e di sonorità che sembrano non smettere di esercitare fascino (almeno su di me), i Cimiterium sono però anche molto attenti a scrivere testi mossi da coscienza politica e da tensioni riottose che si scagliano contro il ritorno dei fascismi e dell’estrema destra (Fascist Nostalgia) o contro la distruzione e il saccheggio dell’ecosistema causate della fame di profitto del capitale spacciata per progresso (Progress). I Cimiterium hanno già annunciato la pubblicazione di un prossimo 7″ con una copertina che richiama gli artwork di Fatum, Swordwielder e compagnia stench-crust, quindi non ci resta che aspettare la crust-apocalisse che verrà continuando ad ascoltare queste sei tracce e preparandoci all’assalto delle macerie che restano di questi tempi bui!