All posts by disastrosonoro

“Charged Pacific Rim Crust Punk of War!” – Interview with Nagasaki Sunrise

Charged Pacific Rim Crust Punk of War“, this is the label by which Nagasaki Sunrise present and describe their music. To know more about what they mean by this concept, you just have to read the interview I recently managed to do with them. Also, if you like British heavy metal and the sounds of Japanese hardcore/crust punk from Death Side and the “burning spirits” scene, Nagasaki Sunrise and their new album “Distalgia” are the best band you could come across!

Like any self-respecting interview, we start with some biographical notes. Tell us about yourselves, when was Nagasaki Sunrise born, how did you choose the name and above all why did you decide to start this band?

Hey! First of all, thank you for the interview and your interest in talking to us! Nagasaki Sunrise was born in 2020, during the difficult months of quarantine and self-isolation. The project idea came from Iron Fist, who had some songs up his sleeve from a home recording session in 2015.

In late 2019 the project was coming to life, quickly becoming a full on band. Speedfaias joined for bass duty and Wartank was pounding the drums of deliverance. Gasolizna joined shortly after, recording vocals for the demo songs on “Turn on the power”.

Our main influence is drawn from the“Burning Spirits” aesthetic, borrowing our inspiration from the larger than life Japanese Hardcore bands from the 80’s that play a major role in our sound, imagery and vocabulary. NAGASAKI SUNRISE represents the paradoxical nature of the human race and its primal urge to wage war, focusing on WWII and particularly on the events leading to the atomic bombings of Japan.

If I’m not too misinformed about you, it seems to me that you mostly come from the heavy metal scene in which you are very active with various bands. What do you think are the main differences between the metal scene and the hardcore punk scene?

We actually have a foot in each scene, being active in both “worlds”, since we consider it being the same. We all started playing punk as teenagers, each one in his hometown. At the moment all members of the band are also involved in other bands (metal and punk oriented), such as Midnight Priest, Vürmo, Roädscüm, Carnage, amongst others.  We all like metal and punk, as well as their subgenres. But regarding the differences, here in Portugal, they’re only noticeable in the big cities, where we kinda of have a venue for punk, and a venue for metal. But both “tribes”, ourselves included of course, attend gigs in both places, as for us, the D.I.Y. spirit and support between bands and communities is crucial to keep the underground scene alive!

Listening to “Turn on the Power”, your first EP, your heavy metal background is immediately clear as well as a sincere passion and influence of certain Japanese d-beat/hardcore à la Death Side. And which are the bands that you think have influenced you the most?

The heavy metal background is surely there, mainly on the guitar leads and sound. The influencing bands question is always a tricky one, since there’s a huge amount of bands that influence us in a way or another. It makes it difficult to leave some bands out, but if i need to choose, i would say Death Side, Discharge, Motörhead, Inepsy, G.I.S.M. and R.U.G., Anti-Cimex, Venom, and so on. Mainly the Burning Spirits/Japanese Raw Punk, the British D-Beat/Rock’n’roll/N.W.O.B.H.M, and the Scandinavian Hardcore sounds.

“Charged pacific rim crust punk of war” is the label you use to define yourselves, your music and your imagery. Would you like to elaborate on this concept?

This term was chosen due to the lyrics, the sound, and the aesthetics of the band.  Since we weren’t able to label the band with a specific sound or genre definition. 

We like the diversity of elements that materializes our vision of punk and metal, which has more of a crossover feeling to it. It can be epic and gnarly, it has solos with d-beat, it’s meant to be chaotic while still displaying a melodic touch, but it is most of all a tribute to the “fallen heroes” of WWII and beyond.

Soon (11 September) your first full-length entitled “Distalgia” will be released, would you like to tell us something about it? What will be the differences with the previous Ep? What is the meaning of the title?

Yes, the album came out on September 11, and it’s already available on all streaming platforms. It will be out on CD in the end of September, and on vinyl in the end of October, released by Monolith Records.   

We are really happy with the end result, and stoked to play live! The recording process was smooth, working with our good friend Kiko “Gloves of Metal” Silva, who also mixed the album. 

It was mastered by Jack Control at the Enormous Door Mastering, and we couldn’t ask for a better outcome. Raw and damp, made to be listened loud as fuck! 

We think that there’s an evolution in the sound from the “Turn on the Power” demo. Not different sounding, but trimmed and polished to its best. We had more time to work on the songs, the lyrics, and the production, paying more attention to the details, and working on them till we were happy. In the end, that sets the difference between a demo and a full length album. 

The name of the album comes from the third track, it is an homage to all the bands that shaped the punk sound, inspiring others to keep on doing it. It’s a junction between the Dis-sound and Nostalgia.

Lyrically, “Turn on the Power” focused on the Pacific Rim battles of the second world war. Where does the idea of talking about certain historical themes come from within your proposal? Will the new album still be inspired by the events that affected the Pacific Rim during the second world war or did you deal with other issues?

Actually, when we came out with the “Charged Pacific Rim Crust Punk of War” thing, we had more in our minds the lyrics of the album than the ones of the Demo. The sound is there, sure. But we wrote it in the process of writing the album, so it was a lot more connected with the last one.  The lyrics of the demo are more related to being loud and playing raw. It also has war themed lyrics, like Napalm in the Morning, but the Pacific Rim war tales are a lot more present in the album. We see the Turn on the Power lyrics as an overture for what we want to do in the future. 

As for the idea of talking about certain historical themes, I can tell you that we are huge BOLT THROWER  fans, and that should be enough! Ahah. We want to talk about War, and the atrocities that transpired during the Pacific Rim battles and other wars, but in a more historical perspective. We’re not doing or writing about anything new, but we want to do it in a different way.

You come from Portugal, a land unfortunately that appears too little often on the maps of world metal and punk. What can you tell us about the Portuguese hardcore/crust and metal scene? Which are the bands with which you have more relationships and that you consider more valid?

Yes, unfortunately that’s true. I think that being a small country and geographically in the end of Europe doesn’t help. It’s really difficult to play outside of Portugal and for bands to come here to play, since we don’t have physical borders with no country apart from spain. Fortunately, this is changing a bit, and we’re starting to have more touring bands coming, and more bands going out (at least before the pandemic). It’s a small scene, but cohesive, at least in the D.I.Y. metalpunk underground scene. And there’s a lot of awesome bands in Portugal as well! To name a few, DOKUGA, BAS ROTTEN, ALCOHOLOCAUST, VAI-TE FODER, BATTLESCARS, DESKARGA ETILIKA, CREPUSCULO MALDITO, PARIA, SCATTERBRAINIAC, KAZÄN, SANGUE XUNGA, SYSTEMIK VIOLENCE, VENENO CALIFORNIA, RAVENSIRE, VECTIS, ESTADO DE SITIO, IRONSWORD, LYZZARD, WANDERER, FILII NIGRANTIUM INFERNALIUM, ARCHAIC TOMB, FREEDOOM, SCUM LIQUOR, BACKALLEY LOBOTOMY, NARCOMANCER, MARTELO NEGRO, CORRUPTED HUMAN BEHAVIOR.

Both on the first Ep and on the tracklist of the next “Distalgia” you can notice the choice to use the Japanese language for some titles of your songs. Is it only a choice of imagery and style or is it a way to pay homage to that “burning spirits” Japanese hardcore/crust that appears as one of your main influences?

It’s definitely an homage to those bands. They are the major influence in the NAGASAKI SUNRISE aesthetic and sound.

Dear Nagasaki Sunrise we have come to the end of this interview, I leave this space at your disposal to write whatever comes to your mind!

Thank you for reading this, and supporting the band! We hope to go out and play live everywhere we can as soon as possible! Keep the D.I.Y metalpunk scene raw, loud and underground!!

Tuttx Liberx, Morte ai Ricchi (da Distrozione)

Yao, non so manco che succede

Vedo sassi volare verso, frate’, la sese

Yao, vedo ragazzi arrabbiati

Che urlano con l’odio: “Vaffanculo la sese”

Oggi è iniziato il processo per i fatti del 26 ottobre 2020 quando la città di Torino conobbe la rabbia di coloro che quotidianamente vengono esclusi e rifilati ai margini, nelle periferie, lontano dai luoghi della città vetrina e dei negozi di lusso. In pieno clima di tensione per il secondo lockdown imposto dallo Stato in nome della cosiddetta “guerra al virus” e in concomitanza con altri momenti di rivolta spontanea contro le restrizioni, il coprifuoco e le difficoltà economiche che hanno attraversato tutta la penisola da Napoli a Milano, quella sera Torino fu letteralmente invasa da una teppa eterogenea pronta a fare deflagrare la propria voglia di riscatto e attaccare i simboli dell’esclusione socio-economica, delle abissali differenze di classe e della ricchezza. Rivolte spontanee e gioiose, scontri e cori contro la celere in antisommossa, saccheggi dei negozi delle grande marche di abbigliamento perché “a me fra non stava bene che io non avevo e tu avevi“. In occasione dell’apertura del processo penso sia interessante e valido condividere un ottimo testo scritto dai compagni di Distrozione ormai un anno fa, un tentativo di analisi su quella nottata di rivolta, un tentativo di dare una lettura diversa alle azioni messe in atto da chi è stanco di una vita fatta di marginalità, esclusione, povertà e repressione. “Tuttx Liberx, Morte ai Ricchi” offre una serie di spunti di riflessione che sarebbe ancora attuale e utile discutere insieme. Infine la decisione di condividere questo testo anche per tornare a ribadire la solidarietà e la complicità con gli/le insorti di quella notte torinese, così come con i/le giovanx rivoltosx scesi nelle piazze del resto d’Italia. Viva i/le giovanx teppistx della guerra di classe, morte ai ricchi!

Infami, infami! Liberate shiptari! Shiptari!
Questi sbirri Macari, Macari
Liberate i cumpari! Cumpari, cumpari, pah!

Tuttx Liberx, Morte ai Ricchi

Guardare alle rivolte di questi tempi con i giusti occhi non è compito facile. Ancor meno facile è il riuscire a farne un’analisi che sia lucida rispetto le motivazioni e le tensioni di chi vi ha partecipato..
La piazza che si è presentata a Torino, così come in altre città, è una piazza piena delle sue contraddizioni, di limiti, priva (o almeno così si suol dire) di contenuti politici… Eppure è innegabile la connotazione di classe. Sia quella attribuita dai giornali alle giovani persone rivoltose (appellandole come le persone delle baenlieue), sia quella che chi era li ha potuto osservare e sentire e che la stessa teppa in qualche modo si rivendica.. Al grido di “ricchi di merda vi è piaciuta la casa in centro!”, al suono delle vetrine di un negozio che si spezzano e crollano, lasciando che un fiume entri a riprendersi ciò che gli è stato sempre negato. Perché come ha giustamente detto un anonimo ragazzo intervistato da una radio locale “io non dico che sia giusto ma se quei pantaloni, che ti dicono che devi assolutamente avere in questa società, tu non potrai mai permetterteli… è normale che te li prendi”. Il giorno dopo l’indignatx cittadinx (e con lxi anche alcunx individualità che di media nei social si dicono “di movimento”) griderà allo scandalo e alla tragedia per qualche coccio di vetro per terra, un po’ di borse rubate e qualche danno collaterale ai dehors dei bar del centro. Qualcunx, come al solito, dirà che spaccare le vetrine è sbagliato perché allontana le persone dalle giuste motivazioni delle manifestazioni. Pochx di questx avranno realmente preso parte alla piazza. Ancor meno saranno mai state in una manifestazione in vita loro. Eppure, dal caldo della loro tastiera e dalla sicurezza del proprio profilo social, da sinistra a destra abbiamo potuto osservare il popolino farsi gonfio d’indignazione per quanto successo. Commercianti e Fascisti del nuovo millennio intanto giocheranno l’arduo ruolo del trapezista e, miracolosamente, cercheranno ancora di cavalcare sia la disapprovazione sociale, sia la rabbia della teppa. La stampa in tutto questo marasma di voci, persone e gruppi non sa più bene dove volgere lo sguardo così decide di buttare tutto in caciare dando un po’ la colpa a chiunque (i noti immigrati fascisti dei centri sociali???) ma stranamente ammettendo che questa volta non si possa assolutamente parlare di una qualche regia in piazza. Non si corre al complottismo mediatico in cui pericolosi anarchicx (anche quando si parla di aree di movimento che poco hanno a che vedere con l’idea anarchica) stanno cercando di fomentare le rivolte ma scrivono, se pur timidamente, che non si sa. che la digos indaga. che gli inquirenti inquerentano… Insomma. Lo stato brancola nel buio. Noi anche.

Tra le cose “evidenti” (a mio avviso ovviamente) c’è una totale assenza di lavoro reale nei quartieri più marginali. Per quanto negli anni vi siano stati differenti collettivi e gruppi che hanno concentrato le loro lotte e le proprie tensioni nei confronti di chi, esclusx dalle politiche sociali di questo paese si è trovatx completamente ai margini. Nonostante anni di lotte, rivolte, picchetti, resistenze, occupazioni e manifestazioni bisogna ammettere che il cosiddetto movimento è rimasto a urlarsi da solo addosso e a crogiolarsi dei risultati ottenuti (ma che non hanno avuto alcun effetto reale)… Intanto (per fortuna) giovani rivoltosx, ignorando totalmente “il movimento” o addirittura schifandolo e pur non essendosi mai affacciate ad una piazza o non avendo mai preso parte ad un “riot” ci supera a sinistra. La polizia non sa come reagire. La piazza esplode nella rabbia di chi è stancx delle scelte di governo, di una vita di stenti, di dover apparire sempre perfettx ed “in tiro”. Si vedono giovani vestitx di tutto punto lanciarsi in grida di gioia mentre corrono contro la polizia in assetto anti-sommossa. Mentre distruggono dehors per costruire barricate, bloccando la polizia in diversi punti e cercando di attaccare ancora. La fiumara di gente non ha né capo, né coda. Non ha un corpo perfetto o una strategia… Persone ben coperte in volto si dirigono in tutte le direzioni, piccoli gruppi si formano e sciolgono in pochi attimi. Quando la polizia carica dietro un angolo la gente fugge veloce ma si ricompatta in diversi punti e attacca ancora. Gli agenti a fine serata sono sfiancati. La piazza non è durata molte ore. Gli sbirri riescono a disperdere i/le manifestanti in diverse vie e la piazza si svuota. Stranamente non partirà questa volta (come spesso accade) una caccia all’uomo da parte di digos e agenti in borghese. Chi quella notte è scesx in piazza riesce ad andarsene più o meno al sicuro girando per le vie del centro. La situazione dopo gli scontri è surreale. Giovani bardatx girano indisturbatx, mentre lontane le forze preposte a mantenere l’ordine osservano impotenti ma meditando forse vendetta.

Nei giorni successivi spunteranno altri appuntamenti. I toni della stampa ovviamente saranno per lo più composti da grida d’allarme. Creando ovviamente un clima di terrore. Immagini di negozianti che impauritx chiudono le proprie attività, mentre la celere e agenti in borghese riempiono le vie dei centri cittadini. Ora che l’ordine costituito si ritrova a dover emanare restrizioni palesemente a favore di padroni e industriali (ma ai danni delle vite di sfruttatx ed esclusx) a colpi di DPCM. Mentre la “classe” dirigente invita alla calma. Le persone impaurite dal clima venutosi a creare disertano le chiamate. O almeno così la stampa vorrebbe venderci la notizia. Vorrebbe dirci che imprenditori e commercianti hanno giustamente manifestato (sventolando bandiere italiane e chiedendo ai propri aguzzini una morte più rapida forse) mentre le individualità criminali che hanno messo in questi giorni a ferro e fuoco le città e le vie del centro sono scomparse. Non una parola su gruppi di giovani che girano per il centro in attesa che qualcosa accada. Niente rispetto Rider che continuano i loro scioperi e manifestazioni. Nulla riguardo chi reclusx nei CPR o nelle galere continua ogni giorno a lottare per la propria sopravvivenza. Mentre lo Stato ci dipinge un immaginario d’obbedienza e restrizioni, mentre i suoi pennivendoli ci descrivono la paura e l’ansia di morire, mentre agenti scandagliano le nostre vite ed i nostri rapporti personali andando ad arrestare molti mesi dopo sia alcunx compagnx in quel di Firenze (per gli scontri avvenuti il 30/10/20) sia diversx giovani accusatx di aver preso parte ai riot di Torino, noi vogliamo ancora ritrovarci nelle strade. Vogliamo ancora urlare di rabbia e vogliamo ancora assaltare il cielo ridendo. Perché alla domanda “se non ora quando” la risposta che più viene istintiva è “sempre!”. Non saremo politicanti in attesa di un tempo maturo e strategie migliori. Saremo vento, saremo tempesta.

Prehistoric War Cult – Cold Wind Howls Over The Burial Site (2021)

Prehistoric metal of death is the soundtrack of the savage war to come… and meanwhile the cold wind howls over the next burial site!

In una scena spesso ambigua, se non apertamente tollerante nei confronti di gruppi vicini all’estrema destra come quella del cosiddetto war metal, fa estremamente piacere imbattersi in una band come i tedeschi Prehistoric War Cult che non si nasconde e anzi prende una netta posizione antifascista. I Prehistoric War Cult, portando alto lo stendardo del più feroce e primordiale war metal, già dal nome lasciano pochi spazi all’immaginazione su quello che sono capaci di offrirci con questa loro prima fatica in studio intitolata Cold Wind Howls Over The Burial Site.  La musica dei tedeschi potrebbe essere sintetizzata come il figlio bastardo, assetato di distruzione e sangue, del death metal più marcio e ferale e del black metal più primitivo e oltranzista, un sound opprimente, oscuro, feroce e primitivo che guarda tanto a nomi seminali come i Beherit di “The Oath of Black Blood” quanto alla proposta dei più recenti Caveman Cult. Un bestial war metal che non fa prigionieri e non lascia scampo a niente e nessuno, tira dritto per la sua strada in nome della guerra selvaggia e della violenza primitiva senza scrupoli, ribadendo la supremazia del metal estremo suonato con furia cieca e violenza barbarica.

Bastano difatti i 53 secondi dell’intro Marks of Death in Abandoned Caves per comprendere di essere al cospetto di un assalto di death/black metal implacabile e spietato, che non ha intenzione di risparmiarsi in termini di ferocia, brutalità e barbarico spirito guerresco. Sette tracce per una ventina di minuti abbondanti in cui veniamo sommersi da un riffing forsennato, blast beats tritaossa e da vocals selvagge, tutti elementi con cui i Prehistoric War Cult riescono costruire un’atmosfera soffocante e sulfurea che ci inghiotte senza lasciarsi speranze o attimi di tregua. Tracce come Blood Sacrifice e Towards the Blazing Monument (of Creation) evocano gli spettri di Goatlord e Black Witchery (altre due fondamentali influenze) in maniera convincente, pur dimostrando una buona dose di personalità nel trovare soluzioni interessanti e non monotone in un genere come il “war metal” fortemente inflazionato soprattutto negli anni più recenti. Altro momento di altissimo livello è Raiding The Enemy Village (As Foretold By The Sacred Bones), brano che, come evocato dal titolo steso, ha tutta la ferocia di un incursione barbarica, di una razzia selvaggia all’interno di un villaggio nemico che si trova impreparato e indifeso nell’affrontare la distruzione dispensata in nome del “preistorico metal della morte”! Lasciate ogni speranza e accettate dunque il culto del war metal suonato dai Prehistoric War Cult e siate pronti al bagno di sangue che lascerà dietro di sé questo Cold Wind Howls Over The Burial Site. 

Che i barbari si scatenino. Che affilino le spade, che brandiscano le asce, che colpiscano senza pietà i propri nemici. Che la guerra selvaggia  prenda il posto della rassegnazione, che la violenza primitiva prenda il posto del attesa, che il culto del metallo preistorico regni tra le macerie di questo mondo. Che le orde barbariche vadano all’assalto al grido di “Prehistoric Metal of Death”!

Moratory – The Old Tower Burns (2021)

In nome del metalpunk e del d-beat, cinque barbari senza padroni né dei, conosciuti con il nome di Moratory, sono pronti a scendere dalle fredde terre russe per dare alle fiamme il vecchio mondo e vedere le sue torri bruciare! 

“Non si dovrebbe mai giudicare un disco dalla copertina” quante volte abbiamo sentito ripetere questa frase. Ma quando ci si trova dinanzi il bellissimo artwork di questo The Old Tower Burns e lo si osserva con attenzione, capiamo che i Moratory hanno volutamente lasciato più di qualche indizio sulle loro influenze musicali, così da fugare quasi ogni dubbio sull’ispirazione e sull passione che anima la loro ricetta metalpunk. Riferimenti ai Driller Killer così come ai Venom o ai Darkthrone (soprattutto del loro periodo più “crust”) appaiono perfettamente azzeccati per farsi una prima idea del contenuto delle dieci tracce che ci troviamo ad ascoltare e che ci travolgono con tutta la furia e lo spirito battagliero del metalpunk più sincero e trascinante. Partendo da una solida base d-beat che emerge soprattutto nelle ritmiche di batteria oltre che nello spettro della scuola svedese di Driller Killer e Anti-Cimex che aleggia costante sull’intera proposta dei Moratory, la musica dei nostri evoca spesso il thrash metal vecchia scuola (primissimi Voivod o Onslaught) così come i primordiali vagiti proto-extreme metal di Bathory e Venom, finendo per condensare tutte queste influenze in un crossover metalpunk che mi ha ricordato per certi versi anche gli English Dogs e i Broken Bones dello spettacolare “F.O.A.D.”.

Dieci tracce che non mostrano segni di cedimento né momenti di noia o incertezza, anzi tirano dritte implacabili e impetuose risultando essere coinvolgenti e riuscendo nell’impresa di alternare momenti più furiosi e dall’attitudine riottosa (Genocide State) ad altri in cui a dominare la scena ci pensano melodie a metà strada tra la scuola d-beat svedese più moderna e lo speed metal che fu (Project Humankind). E mentre mi ritrovo ad ascoltare per l’ennesima volta brani che mi costringono (quasi contro la mia volontà) a fare headbanging come Wagner’s Path o Dances of the Damned, comprendo che altre parole per parlare di questo album sarebbero del tutto superflue. Sia chiaro, non ci troviamo certamente dinanzi a qualcosa di innovativo o originale, ma questa mezz’ora abbondante di metalpunk ha un grande pregio: è estremamente divertente e non annoia praticamente mai, anzi sembra correre via anche troppo velocemente! I Moratory, suonando con una passione per questo genere che trasuda da ogni nota e da ogni riff, ci danno una monolitica prova di forza, maturità e sicurezza nei propri mezzi e con The Old Tower Burns  ribadiscono di essere attualmente uno dei gruppi più validi nell’innalzare al cielo la bandiera del metalpunk più sincero, trascinante e riottoso!

Brux – Guerra Mental (2021)

If the skins & dark are united then they will never be divided!

Oi! post-punk?! Cos’è questa nuova diavoleria?! La risposta ce la può dare solamente Guerra Mental, ultima fatica in studio per gli spagnoli Brux! Un breve Ep di sole quattro tracce per una durata complessiva di otto minuti bastano per farci immergere completamente in questo esperimento musicale impegnato a mescolare sonorità tipiche dell’Oi! e di certo Uk82 sound con atmosfere oscure e suoni riconducibili all’universo post-punk. L’album si apre con la titletrack, un ottimo manifesto di questo originale connubio sonoro tra sonorità post-punk e l’anima più Oi! che emerge principalmente nelle vocals, un traccia capace di evocare in più momenti lo spettro dei francesi Syndrome 81. Con la seconda traccia intitolata La Mierda de Siempre siam invece al cospetto dello spirito più Oi/street punk dei Brux, una canzone che richiama alla mente tanto la scuola britannica del genere quanto band più recenti come i Rixe, risultando il momento dal tiro più punk rock’n’roll presente su questo ep. Con Bullet, terzo brano in cui ci imbattiamo, tornano ad essere in primo piano sonorità e atmosfere malinconiche debitrici all’universo post-punk che possono ricordare in egual modo i Litovsk o gli spagnoli Belgrado. La conclusiva No Cierres el Bar è invece il più classico degli inni Oi!, una traccia accompagnata da un ritornello fortemente anthemico che si stampa in testa immediatamente e che si farà sicuramente cantare a squarciagola in preda al delirio alcolico più molesto. Giunti alla fine dell’ascolto, Guerra Mental risulta essere un lavoro godibile e interessante nel suo intento di provare a cercare una sintesi coerente a due generi così differenti per sonorità, attitudine e atmosfere come l’Oi! e il post-punk. Un esperimento musicale che i Brux dovranno però affinare in futuro per evitare di dar l’impressione che le due anime che convivono all’interno del loro sound siano fin troppo distinte e separate. Al di là di tutto, queste quattro tracce di Oi! post-punk risultano già essere trascinanti e affascinanti, quindi ai Brux non resta che proseguire sulla loro strada con convinzione, attitudine e passione!

 

Køntraü – Un Mondo Diverso da Questo (2021)

Nella mia testa sogno un mondo diverso da questo e ne porto i segni sulla pelle.
Giorni neri nella mia testa, che si rincorrono senza fine, senza darmi tregua, lasciandomi inerme e impotente a guardare un futuro che non esiste più. E che per questo fa ancora più paura. Giorni neri con l’acqua alla gola e attorno a me dilaga impetuosa una sensazione di abbandono e sconfitta. Stringimi forte, sussurrami all’orecchio che possiamo ancora essere l’offensiva contro questa città di merda che ci soffoca, ci inghiotte e poi ci vomita senza alcuna pietà. Guarda fuori dalla finestra, sembra stia iniziando a piovere mentre, all’orizzonte, vedo il riflesso di Milano che ricomincia a bruciare nelle vetrine dei negozi di lusso. Non c’è più alcun posto per me in questa metropoli paranoica. Un mondo diverso da questo è quindi possibile?  Occupiamo queste strade con i nostri incubi di sopravvivenza. 

Milano brucia in una notte di settembre.

Punx-volpini, questa estate da qualche parte a Milano.

Nati nella saletta di T28 e da qualche anno attivi con varie apparizioni live nei vari squat e centri sociali milanesi e non solo, finalmente i Kontrau sono riusciti a dare alla luce il loro album di debutto accompagnato da un titolo che sembra una vera e propria dichiarazione di intenti da parte dei nostri: Un Mondo Diverso da Questo. Anche il nome scelto dalla band, che in esperanto significa “contro”, lascia presagire l’istinto bellicoso e l’attitudine rivoltosa dei nostri. Annoverando tra le loro fila gentaglia bellissima già attiva in altre band come Mesecina, Peep, Failure, nonchè volti noti della scena hardcore milanese, i nostri punx-volpini ci danno in pasto diciotto minuti in cui d-beat/crust punk e sonorità death metal vecchia scuola si mescolano in una ricetta convincente, brutale e che non lascia un attimo di tregua. Se musicalmente non stupisce l’intensità e la solidità della proposta dei Kontrau, tratto che si poteva notare già dai loro concerti (basti pensare a quelli di questa estate a Milano o in Scintilla a Modena), quello che maggiormente ho apprezzato durante l’ascolto delle undici tracce è senza ombra di dubbio il lato lirico. E’ infatti dai testi che emerge un continuum di tensioni e sensazioni che richiamano alla mente l’hardcore punk italiano degli anni ’80 e specialmente l’attitudine e il liricismo di band come Wretched o Declino. Testi che trasudano tutto il malessere, il senso di impotenza e di alienazione prodotti dal vivere in una metropoli come Milano e la necessità intima di rivoltarsi contro di essa e contro un mondo votato al profitto, al consumo e alla merce, allo sfruttamento di ogni forma di vita, alla distruzione del pianete e alla repressione di ogni forma di dissenso. Testi in cui emerge prepotente la tensione a trasformare l’apatia e il nichilismo in azioni per minare l’esistente capitalista, risvegliarsi dal torpore imposto dal quieto vivere e dalla pacificazione sociale, attaccare a viso aperto la repressione che minaccia le nostre vite, al fine di riuscire a costruire una vita radicalmente diversa, quel “mondo diverso da questo” evocato dal titolo dell’album.

Per quanto riguarda la musica, i Kontrau riescono perfettamente nel loro intento di condensare la loro passione per il d-beat/crust più classico di scuola svedese (l’iniziale Giorni Neri per esempio) e quella per le sonorità primordiali di certo death metal (Segni sulla Pelle, Con l’Acqua alla Gola), regalandoci così un sound che non mostra segni di cedimento e che si dimostra impetuoso, brutale e spietato nel suo incedere, incurante di ciò che si trova dinanzi così come delle macerie che si lascia alle spalle. Ultima nota che ci tengo a sottolineare è la prestazione dietro al microfono del buon Filippo, una voce abrasiva e rabbiosa perfetta per il genere e che risulta convincente e ispirata in tutte le tracce. Per concludere, i Kontrau hanno dato prova di essere devastanti sia dal vivo che in studio, quindi l’unico consiglio che mi sento di darvi è quello di correre ad ascoltare Un Mondo Diverso da Questo senza perdere tempo perchè erano anni che non veniva pubblicato (seppur al momento solo in versione digitale, purtroppo) un disco crust punk così valido, intenso e brutale all’interno della scena italiana! Bravi Kontrau, bravi punx-volpini!

E’ una notte oscura e piovosa nella metropoli, qualcuno fissa il proprio smartphone, qualcuno non riesce a dormire, qualcuno sta scappando dagli sbirri e 5 volpini corrono lungo le strade…

Schegge Impazzite di Rumore – Speciale Sentiero Futuro Autoproduzioni

Nessuno vedeva, nessuno sentiva. Qualcosa scompare.

Appuntamento speciale con Schegge Impazzite di Rumore, la rubrica più longeva presente su Disastro Sonoro ma che era, inspiegabilmente e senza scuse che tengano, piombata nel silenzio per troppi mesi. Il silenzio viene oggi interrotto grazie alla pubblicazione avvenuta qualche mese fa di due nuove misteriose band prodotte da Sentiero Futuro Autoproduzioni, un nuovo collettivo punx milanese già autore della splendida compilation benefit “Uno Sguardo Oltre”. Due nuovi gruppi avvolti dal mistero, uno di Milano/Bologna e l’altro di Trento, che rispondono al nome di Spirito di Lupo e SLOI, impegnati a suonare rispettivamente un crudo anarcho punk e un d-beat hardcore fortemente debitore della vecchia scuola italiana. Citando direttamente le parole del collettivo Sentiero Futuro per chiudere questa inutile introduzione e lasciarvi alle “recensioni” e per dare anche un po’ di contesto: Being a punk takes a toll on your mental health. You live in a constant state of proud alienation, appropriating other people’s disgust and inability to understand, perpetually aware of the shittyness of society. 

Nei tuoi occhi lo sai, lo spirito continua!

 

SLOI – SLOI

VEDO LA FOLLIA NEI VOSTRI OCCHI, PREFERISCO LA MORTE CHE CONFORMARMI

Gli SLOI sono originari di Trento e il loro nome è l’acronimo di Società Lavorazioni Organiche Inorganiche, una fabbrica di piombo che avvelenò la zona trentina più di 40 anni fa e conosciuta tristemente anche come “la fabbrica degli invisibili”. Molti dei suoi operai sono infatti morti per avvelenamento da piombo, mentre altri si sono tolti la vita all’interno del manicomio di Pergine, dove venivano curati come malati di mente. Abbozzate queste note biografiche sulla band e contesto in cui emerge il progetto, che ci danno un ulteriore prova delle barbarie prodotte dal capitalismo, dalle industrie che avvelenano esseri umani e natura e dagli orrori dei manicomi, possiamo già intuire l’atmosfera, le sensazioni e i contenuti lirici condensati in queste sette tracce che formano la prima fatica in studio degli SLOI. Bastano pochissimi secondi dell’introduttiva La Fine per venire letteralmente travolti da furiosi assalti d-beat, chitare fuzz e un sound generale estremamente rumoroso che non riesce a fare a meno di ricorrere ad un uso estremo del riverbero, tutti elementi che creano un muro di rumore in cui a farla da padrona sono i ritmi martellanti della batteria e i riff selvaggi. Sette schegge impazzito di hardcore punk senza compromessi che flirta con il noise e con il quale gli Sloi ci vomitano addosso tutta la rabbia nichilista, la disillusione, il senso di impotenza così come l’istinto di sopravvivenza condito con labili tensioni di rivolta e protesta che animano la loro proposta. Le influenze dei trentini vanno ovviamente ricercate nella tradizione hardcore italiana degli anni 80 e specialmente in gruppi come Wretched, Eu’s Arse, Declino e Stigmathe (soprattutto per una vaga atmosfera oscura che avvolge l’intero lavoro), ma il sound generale strizza l’occhio anche ad una certa corrente d-beat/raw punk meno stereotipata degli ultimi tempi. Per fare un solo esempio, un brano come il conclusivo Preferisco la Morte evoca in maniera chiara, tanto nel testo quanto nelle sensazione di disillusione e rabbia viscerale che esprime, tutta l’influenza dell’hardcore italiano di band come Wretched o Eu’s Arse. Stiamo in fin dei conti sempre parlando di un furioso assalto hardcore volto a distruggere qualsiasi cosa si trovi davanti, quindi state certi che ascoltare veri e propri inni nichilisti come Futuro Programmato, Vite Cibernetiche e Addestrato al Nulla non sarà sicuramente un’esperienza che vi lascerà uscire indenni e indifferenti. Condensando in un quarto d’ora rumore e nichilismo, rabbia viscerale,  sensazioni di impotenza e angoscia, pulsioni di rivolta e volontà di non volersi ancora arrendere del tutto all’incubo dell’esistente, gli SLOI innalzano la nera bandiera dell’hardcore punk italiano che resiste!

 

Spirito di Lupo – 4 Canzoni

Gli Spirito di Lupo sono una band formata da membri di Kobra, Horror Vacui, Cerimonia Secreta e Tuono (giusto per fare qualche nome) e questi nomi dovrebbero già darvi un background musicale, lirico, di attitudine e di immaginario per iniziare a comprendere su quali coordinate si muove questa nuova incarnazione-punx che ha preso vita nell’oscurità tra Milano e Bologna. L’iniziale I Miei Occhi Sono Chiusi rappresenta il manifesto perfetto del punk suonato dagli Spirito di Lupo e degli elementi che caratterizzano questa loro prima fatica in studio intitolata semplicemente “4 Canzoni”. E’ un punk estremamente raw, volutamente rumoroso e caotico e dai suoni profondamente lo-fi quello suonato dai nostri punx milanesi/bolognesi, in bilico tra le pulsioni più rabbiose dell’hardcore punk italiano degli anni 80 e i territori più oscuri dell’anarcho punk classico. Quattro tracce selvagge e minacciose, che riescono però anche ad evocare atmosfere estatiche grazie ad un certo gusto psichedelico che si può riscontrare specialmente nei riff, riff che rimangono però sempre taglienti e aggressivi quanto basta. L’alternanza delle due voci, una maschile più parlata e una femminile più urlata, si staglia perfettamente su una sezione ritmica in cui il basso si impegna a creare un suono estremamente cupo e oscuro e la batteria si assesta invece su una ritmica primitiva e furiosa. La proposta degli Spirito di Lupo è però molto eclettica, come lo spirito primordiale dell’anarcho punk britannico insegna, è difatti nella prima traccia i nostri presentano addirittura delle parti di synth. Non è un caso che questi punx milanesi/bolognesi definiscano la loro proposta come “inner peace punk”, come a voler sottolineare un continuum musicale, di attitudine e di idee con la scena anarcho punk britannica di fine anni 70/inizio 80, ma soprattutto la ricerca di una dimensione che potremmo definire senza troppi problemi come spirituale e intima dell’essere e suonare punk. Una dimensione sottolineata ed evocata specialmente dalle liriche e dalle atmosfere di una traccia come Canzone della Foresta, probabilmente il brano più interessante.  Altro momento che ha attirato la mia attenzione è stata “Nessuno vedeva, nessuno ascoltava”, brano che sembra voler citare più nel testo che nelle sonorità i Negazione. Per concludere, riprendendo proprio le parole del collettivo Sentiero Futuro, essere punk, alla lunga, pesa sulla propria salute mentale ed è forse proprio per questo che gli Spirito di Lupo hanno trovato la loro personale dimensione e il loro rifugio sicuro attraverso questa incarnazione musicale chiamata “inner peace punk” e racchiusa perfettamente nelle parole conclusive di Canzone della Foresta: “La pioggia è la mia casa!

 

Guardami negli occhi, non ho più paura.

Vago senza equilibro tra vortici di volti impenetrabili che mi scrutano in maniera famelica, alla ricerca di una smorfia di dolore o di un sorriso beffardo che possa tradire emozioni a cui non son in grado di dare nomi. Riesci a vedermi? Hai voglia di affondare i tuoi denti nella mia carne marciulenta?

Scorci di squarci che si aprono sui nostri corpi divorati dal tempo e dal timore di essere osservati da sguardi complici. Sguardi che si potrebbero fingere tali per una frazione di secondo, prima di scomparire nuovamente nel buio dell’indifferenza, abbandonandoci alla spaventosa solitudine di noi stessi.
Guarda il mio corpo, affonda le unghie, divorami prima che lo faccia l’alba. Non ho il coraggio di chiederti nient’altro. Non ho più paura dei tuoi morsi.
Stringi nuovamente quelle mani attorno al mio collo, silenzia questi mostri, non voglio più sentire le loro confuse grida; lascia che si perdano nella notte infinita vinta dall’assordante silenzio della nostra ennesima, grandiosa, sconfitta. Fragili ma inafferrabili, come il vento che soffia prima della tempesta. Come l’odore dell’aria dopo un temporale estivo. 

Bestie nate per provare dolore, incapaci di riconoscere il sapore di un effimero quanto labile attimo di gioia. Quanto è difficile comunicare, quanto è complicato farti approdare alle rive delle mie voragini più profonde e spaventose quando il mare è in burrasca e inghiotte anche il vuoto. Non restare ferma lì in bilico, tuffati e prova ad annegarci.

Prima che il giorno ci sorprenda rendendoci nuovamente due sconosciuti ingarbugliati per colpa di una voglia insaziabile, per un tiro mancino del sadico destino o per mortale abitudine alla noia. Assapora le mie inquietudini prima che tutto sia altro da noi, con quelle labbra velenose che mi sussurrano le tue voglie e le tue ombre. Riesci finalmente a vedere questo sangue che scorre come fiume in piena? Il silenzio la fuori conosce un milione di lingue e io, almeno per questa notte, non voglio stare solo. Ho perso nuovamente il filo dei tuoi desideri, mi rimangono solo manciate di frammenti qui tra queste mie mani sporche, mentre scivoliamo sempre più giù verso gli abissi della nostra miseria.  Un lamento annoiato, l’incoerenza soppressa, saliva e insoddisfazione sulle labbra, l’insofferenza per un equilibrio mai trovato e per le sue macerie.

Uniti in un abbraccio che ha il sapore acre del sangue raffermo. Fanculo, c’è una luna bellissima sta notte. Stringimi ancora più forte, confonditi col mio respiro, divorami senza pietà, ma non lasciar segni del tuo passaggio su questo corpo mai completamente messo a nudo. Guardami negli occhi ora che non ho più paura. Accetta la mia resa, come se in fondo servisse a qualcosa. Divorami.

“Awake Arise Silence” – Intervista a Marthe

Dopo due mesi abbondanti in cui Disastro Sonoro era piombato in un sonno profondo e in un silenzio assordante per via di una moltitudine di motivi e impegni tra cui il troppo lavoro di merda, torno col botto pubblicando un’intervista a Marzia, storico nome della scena hardcore e punk italiana e già attiva in una miriade di gruppi tra cui Kontatto, Horror Vacui o i più recenti Tuono. Marzia però sembra non conoscere attimi di tregua e qualche anno fa ha dato vita ad un’affascinante progetto solista chiamato Marthe con cui ha pubblicato il maestoso Sisters of Darkness, un disco di heavy metal dal sapore doom, epico e proto black. Sarà esattamente questo suo ultimo progetto di “valkyrian metal” il protagonista dell’intervista che segue, intervista in cui tra domande e risposte si è cercato di sviscerare tutte le sfumature che accompagnano questa individualità sonora conosciuta come Marthe. Un’intervista che merita di essere letta attentamente anche solo per il fatto che al suo interno ci si può imbattere sia in aneddoti di crust punx canadesi che allontanano dei nazi a calci nel culo, sia in Marzia che cita Vasco Rossi come uno dei suoi poeti preferiti. Io ho parlato fin troppo, quindi che calino le tenebre eterne e lascino spazio unicamente alle parole di Marzia. Tenetevi pronti a scendere tra gli abissi infernali di questa intervista e non indugiate ad unirvi alla cospirazione delle sorelle dell’oscurità! AWAKE. ARISE. SILENCE.

Ciao Marzia! partiamo con le domande scontate e biografiche: quando decidi di far nascere il progetto Marthe e perché?

Grazie a te come sempre per aver pensato a me per questo spazio. Marthe nasce nel 2012 sotto forma di motivetti cantati su un cellulare durante le mie traversate appenniniche Emilia Romagna – Liguria, e il tutto rimane lì fino al 2018 quando decido di azionare la batteria elettronica che avevo comprato qualche anno prima quando ero andata al negozio per prendere delle bacchette. Sono uscita con una Yamaha e una scheda audio, a caso. Quindi grazie al mio amico Pasquale Pask di Mu Versatile Label/Nuit ho fatto funzionare tutto, per chi non lo sapesse lui è il capo mondiale di aggeggi musicali con bottoni e suoni e modulazioni a me aliene. Mi ha collegato altrettanti alieni cavi che hanno magicamente iniziato a produrre suoni. Da lì un po’ di intuizione ha fatto il resto, componendo piano piano un pezzo per volta fino alla demo 2019. Il motivo è banalmente il fatto che non ho mai avuto un gruppo metal in linea con i miei gusti più classici quindi ho provato a fare da sola, e ci sono riuscita. E’ molto catartico avere un gruppo in personal, ti ritagli del tempo isolandoti dal mondo per creare uno stream of consciousness sonoro in continua evoluzione e ad ogni idea o miglioramento mi stupisco dell’upgrade. Ad oggi è il mio momento di misantropia rigenerativa.

Ti va di parlarci del significato che si cela dietro la scelta del nome Marthe?

Non avevo assolutamente idea di come poter chiamare un gruppo anche perché non è un gruppo ma un’individualità sonora. Volevo qualcosa che suonasse come singolare, e che rappresentasse il concept. Un giorno pensavo agli Earth e un internamente mi sussurravo “dai è un nome un po’ di merda (opinione personale ovviamente), come se io facessi un gruppo che si chiama boh, Luna! Marte!” (Saturno è molto gettonato) e ho fatto “Deh! Bello!”. Suona un po’ come il mio nome, inoltre è il pianeta a cui il mio nome è ispirato, sa di fuoco, sa di potenza e sa di forza. Mi sarebbe piaciuto presentarmi con un non so che di nordico che fa sempre molto metal ma io sono latina totale, sono mediterranea, cresciuta al mare, vado scalza quando posso e sono abituata a bruciare per ore sotto il sole. Sicuramente il fuoco mi rappresenta di più del ghiaccio anche se dovendo scegliere sarei sicuramente una Stark *.*

Ho aggiunto una h per darmi un tono oriundo. Non so se il nome  voglia dire altro, non so come si debba pronunciare (gli anglofoni lo pronunciano [m’a:θ]). Poi ha una assonanza immaginativa con martello che nei miei viaggi mentali si è materializzato in Studio Hammer (aka la mia camera da letto/studio di registrazione) anche se l’utensile-guida di Marthe non è il martello ma il falcino (dalle mie parti, penato), una roncola simbolo delle zone rurali delle valli liguri apuane. C’è un’immensa letteratura e storiografia a riguardo.  Sarebbe figo se avesse un senso l’idea di Apuan Metal ma fa oggettivamente cagare. Agipunk ha coniato per l’adesivo del disco l’aggettivo “Valkyrian Metal” che ovviamente funziona alla grande perchè da già un assaggio di che cosa aspettarsi. Mi piace un sacco perchè associo valchiria all’idea cinematografica e femminista di una sorta di “Xena”, di donna indipendente, di femminista combattente, di “amazzone” e dell’immaginario ad essa associato, non solo unicamente a quello della figura mitologica del Nord (anche perchè mi sento più giunonica che valchiria). La mia figura mitologica preferita è la sirena ma forse passerò dai cavalli cavalcati da donne nude inferocite ai lunghi capelli delle donne pesce incantatrici quando farò musica acustica a 70 anni se ci arriverò.

Fin dal primo ascolto di Sisters of Darkness ho avuto l’impressione di ascoltare un disco heavy metal dal sapore molto old school e ottantiano. Quali son stati i gruppi che ti hanno influenzato nella scrittura della musica per Marthe?

Sembra sempre molto strano da dire ma io non ascolto molta musica, in fin dei conti. Spesso non ho stimoli, spesso non mi accorgo che ho passato ore e ore in silenzio. Lo imputo al fatto che ho lavorato in situazioni di estrema socialità per quasi due decadi e rincasando l’unica cosa che volevo era il silenzio. Questo per dirti che il bacino di influenze che posso aver avuto è molto ristretto. A questo aggiungici che sono una persona molto dozzinale quindi ascolto sempre le stesse cose. Sicuramente uno dei miei gruppi preferiti è Bathory periodo Hammerheart e Nordland quindi il mio desiderio è sempre stato fare metal a metà tra la roba grezza degli anni ’90 e l’epicità che mi trasmette il ritornello di “The Lake” o “Vinland”. Quorthon per me è tipo una divinità mitologica, ma il paragone (che mi onora fino alle stelle) con Bathory non l’ho ricercato, mi è stato attribuito, e ne sono stata davvero fiera. Non era voluto perchè non ne avrei mai avuto la presunzione.  Amo le sonorità dei Tiamat di “Wildhoney”, colonna sonora di quando sono triste.  A fine 2020 ho preso un paio di coltellate emotive e mi sono fissata con le atmosfere ossessive di Lustre (“The First Snow” e “Phantom Part II”) che assocerò per sempre alla neve e al freddo nebbioso e solitario dell’inverno, a quella sensazione che fa l’aria gelata quando la respiri camminando. Però sono influenze concettuali più che concrete, sono suggestioni atmosferiche messe in musica. Vorrei potermi ispirare allo stile di Iggor Cavalera e Sepultura perchè adoro le parti percussionistiche tribali ma non si presta al mio immaginario né al mio background culturale. Mi piacerebbe ispirarmi a vibre nordiche ma anche questo non fa parte del mio vissuto (anche se in in “Awake Arise Silence” ho avuto un input vocale dal “kulning” nord europeo). Spesso attingo da esperienze fatte nei miei frequenti viaggi: nel prossimo disco (mini spoiler) ci sarà il sibilo del “silbato de la muerte” e anche un sonoro registrato in montagna dove un gioco strano di venti faceva risuonare una struttura metallica. Nella precedente registrazione ho inserito il mare di Portovenere. Insomma, è tutto un po’ un mio trip che si materializza. Per il prossimo disco vorrei inserire qualche pezzo più veloce dato che ho suonato musica estrema tutta la vita e ora se mi esce un beat di batteria è sicuramente lento (leggasi: forse ho già dato ahahah! Ma il d-beat è il mio primo amore nonché la mia specialità quindi batteristicamente parlando prima vengono i Kontatto, poi tutto il resto).

Tu sei sia la mente che il braccio dietro il progetto, come definiresti la tua musica?

Valkyrian Metal anni ’90 registrato in cantina.

L’atmosfera generale che avvolge l’intero disco è molto oscura e contemporaneamente molto evocativa e rituale. A cosa pensi sia dovuto questo? E’ una scelta voluta quella di conferire alla tua musica questa aura pagana e ritualistica?

Tutti i riff sono nati o attraversando l’appennino Tosco Emiliano o a Marinella sugli scogli quindi questi paesaggi mi hanno stimolato una sorta di colonna sonora che è per forza di cose epica, poetica, rituale. Quando mi esce un pezzo per gli Horror Vacui o i Kontatto sono ispirata da altre visioni. Non è una scelta voluta ma è la dimensione sonora in cui mi sento più a mio agio, ma devo ammettere parallelamente alla dimensione death rock, dark, goth, hardcore, perchè davvero sento dentro di me molte influenze e passioni che coesistono e sono come substrati su cui mi sono formata ed evoluta. In base alla necessità ne emerge uno piuttosto che un altro e per questo ho progetti paralleli e di varia natura.

Qual è la traccia a cui ti senti maggiormente legata tra le quattro tracce presenti su disco?

Sister perchè è stata la miccia, ma Awake perchè è quella che mi ha dato l’idea di essere riuscita a trovare la mia “quadra”: lo sviluppo che è venuto fuori spontaneo, la voce che finalmente era adeguata alle mie possibilità, la parte epica finale.

Quali sono invece le tematiche che cerchi di affrontare attraverso le tue liriche?

Nel primo disco sono di varia natura (mitologia, storia, esistenzialismo, la sempreverde ineluttabilità della morte) ma nel prossimo saranno più introspettive. Vorrei scrivere testi trasversali utili per le persone che si trovano ad ascoltare la mia musica in determinati mood. Mi piacciono molto i testi che sembrano poesie e la scrittura la affronto in questo modo, come se dovessi comporre una poesia dedicata a qualcuno. O un pianto per qualcuno. Solitamente scrivo i testi quando sto male quindi sono quasi sempre incentrati su tematiche come la perdita, la mancanza, le pugnalate, le facciate, la solitudine in se stessi, trovare la forza. Sono poi i testi che avevano anche i Wretched e Kaos One, due dei miei “poeti” preferiti.

Qual è il significato di un titolo come Sisters of Darkness? E’ possibile vederci una qualche forma di messaggio femminista declinato in chiave esoterica e occulta?

Assolutamente si, avevo anche fatto un set limitato di toppe che ho mandato ad alcune delle mie muse ispiratrici o modelli femminili sparsi per il mondo, una sorta di sorellanza unita sotto il segno del caprone ahah! Anche se il mio sogno più grande sarebbe avere un MC motociclistico a nome “Sisters Of Darkness” (mi sarebbe piaciuto “Daughters Of Pride” in chiave Anticimex ma faceva un po’ nazi come concetto ahah! In un mondo come quello delle moto che aiuto, ne è pieno!). Il mio primo gruppo era un gruppo riot e la formazione femminista è indelebile dentro di me, quindi sono innamorata dell’idea di un potente femminile che accomuna tutte noi, per quanto sicuramente imperfette. Ci sono musiciste donne di fuoco come Stefania Ovo o Lili Refrain che percepisco come affini a me per vissuto e determinazione. Le amo. Ma non sono una che vuole fare spogliatoio a tutti costi, non sei mia “sorella” solo perchè hai una vagina. Molte vagine le tengo a debita distanza poiché le trovo svilenti e lontane anni luce da me e da quello che reputo costruttivo e positivo in termini di appartenenza e contenuti.

Sei attiva in altri grandiosi gruppi come Kontatto, Horror Vacui e Tuono, che spazio occupa il progetto Marthe all’interno del tuo percorso come musicista? E quali obiettivi ti poni nel futuro?

E’ molto marginale. Inoltre occupa specifici momenti di tempo (ferie, weekend, momenti di pausa). Ogni volta che mi viene in mente un riff per Marthe e non per dire per gli Horror Vacui mi sento in colpa haha! Però con Marthe non ho nessuno a cui presentare la mia idea quindi la creazione è immediata e integrata come i gadget di serie di una macchina con pilota automatico. Negli altri gruppi c’è condivisione, creazione, momenti di unione e socialità. Progetti futuri: migliorare la qualità di registrazione seppur restando nel campo dell’home recording, mettere insieme un full lenght sostanzioso e una cover (che amo già ancora prima di averla fatta) e fare un secondo disco che non deluda chi ha creduto in me dal momento zero.

Il tuo sound è influenzato in parte anche da certo proto-black metal. Il black metal nel corso dei decenni ha visto purtroppo una forte presenza e ingerenza di band e gruppi nazifascisti al suo interno. Qual è la tua posizione in merito alle posizioni di estrema destra, razzista e omofobe che infestano la scena del metallo nero?

Molti definiscono Marthe doom e black metal ma a me il black metal fa CAGARE, in tutto. Dal sound, allo stile nel suonare la batteria, alle voci, all’immaginario e a tutte le cazzate di cui si sono fatti portavoce. Escludo ovviamente Bathory e Darkthrone perchè hanno un valore emotivo sentimentale e i secondi hanno saputo costantemente reinventarsi in modo anche ironico, elemento che apprezzo moltissimo. A livello puramente musicale apprezzo la prima ondata con Venom, Celtic Frost, Hellhammer ma poi di base non ho molta cognizione di causa a riguardo. Sono sempre stati ascolti marginali alla fine. Ho ascoltato Burzum per la prima volta due anni fa perchè è sempre stato tipo il tabù del babau ma volevo capire cosa facesse e come mai piacesse a molti miei amici/conoscenti nonostante sia un idiota fascista e omofobo. Sinceramente devo dire che alcune cose sono davvero molto belle, con mio rammarico, perchè non posso soprassedere al fatto che la musica provenga da quell’essere ignobile e irriscattabile. Non capisco l’hype attorno al gruppo e mi dispiace vedere le maglie di Burzum dentro a spazi occupati o autogestiti o politicamente attivi e schierati. Alla venue metal punk “Le Katacombes” di Montreal ho personalmente assistito a Janick, proprietaria nonché cantante degli After The Bombs, cacciare fuori a calci in culo il metallaro di turno con la maglia di Burzum. Non può essere tollerato in certi posti. Quindi per risponderti, il black metal nella mia vita non esiste: mai seguito, mai ascoltato, mai apprezzato. Mi ha incuriosito il gruppo Mork che poi ha fatto un discreto successo ma è un genere che trovo molto banale, con un immaginario spesso ridicolo. Poi è di un monotono mortale, è tutto uguale. Ho letto anche i vari libri usciti, visto documentari etc. E’ tutto troppo ambiguo e c’è il rischio di pestare una merda dietro l’altra anche solo accettando produzioni con etichette black o che fanno gruppi black, perchè per quanto “pulite” potrebbero avere nel loro bacino artisti un gruppo all’interno del quale c’è un (faccio esempi a caso) batterista il cui cuggggino ha suonato con il fratello di uno che aveva un gruppo con testi mezzi nazi e allora via, si viene tutti accusati di essere nazi. Poi se tuo malgrado ti succede una disgrazia simile devi stare 45 anni su fb a rispondere alla milizia del punk tribunale e bisogna discolparsi per sempre giurando e spergiurando che non lo sapevi ma niente, la tua vita è finita hahah! Non ne ho mezza, davvero, preferisco purtroppo tenere alcune porte chiuse nonostante mi siano state fatte offerte moooooolto interessanti. Per me la musica è politica, e politica dal lato giusto della barricata. Non credo alla stronzata di essere uniti sotto la bandiera musicale senza pregiudizi. Mi è capitato anche con gli Horror Vacui di declinare molte offerte perchè anche nel dark le situazioni ambigue sono all’ordine del giorno. Ci ho messo 40 a costruirmi una comfort zone fatta di solidi ideali e anni di attivismo in cui mi sento protetta e a mio agio, sto bene qui. In conclusione non mi piace proprio niente del black metal, forse solo le chiese che hanno bruciato perchè erano stupende.

Avviandoci verso la fine dell’intervista, son costretto a chiedertelo: esiste la possibilità di vederti portare Marthe in sede live prima o poi o rimarrà solamente un progetto da studio?

Me lo stanno chiedendo davvero in tanti. Il primo ostacolo è che mi sono accordata in modi talmente assurdi che per fare un live ci vorrebbe un formulario enciclopedico per replicare con siparietti di 20′ tra un pezzo e l’altro. Poi le voci le ho fatte con (letteralmente) 8, 9 o più linee fatte e rifatte e sovrapposte per non far saltare all’orecchio (il mio) che ero io perciò avrei bisogno di coriste, come Laura Pausini. Poi dovrei trovare le persone adatte a sopportare me, un segno vergine, nel delirio della pignoleria per il quale ogni singola nota o colpo deve essere fatto come l’ho fatto io nella registrazione. Hai presente l’incubo? Hahah!

Questo spazio è completamente tuo, puoi scriverci quello che vuoi!

Marthe non è un progetto della quarantena 2020, è nato molto prima e si è materializzato nel 2019 quando era insospettabile immaginare che la dinamica studio sarebbe stata uno dei pochi scenari percorribili di lì a breve. Ad oggi la demo 2019 è stata ristampata in 7 formati: una (la mia) diy in 50 copie, 300 copie da Caligari Records in cassetta (1 e 2 stampa) distribuzione americana, due formati di LP da Agipunk (colorless e rosso), versione CD digipack spaziale che sta per uscire in Sud America grazie a Exabrupto records che mi ha chiesto di farlo e versione cassetta distribuzione europea in 50 copie con cartolina disegnata a mano da Silvia di Lunarseas records. Sono davvero grata a tutte queste realtà per aver accolto la mia richiesta o essersi proposti di farne uscire altri. Sono inoltre tutte realtà integerrime, solide, che stanno dalla “parte giusta”. Marthe esiste grazie alla funzione note vocali del telefono,  perchè come dice Vasco (uno dei miei altri poeti preferiti) “le canzoni son come i fiori, nascon da sole sono come i sogni, e a noi non resta che scriverle in fretta perchè poi svaniscono e non si ricordano più”.

Rigorous Institution – Survival/Despotism (2020)

I Rigorous Institution sembrano provenire direttamente da qualche umido squat di Bristol o di Norwich della prima metà degli anni 80, quando il crust come lo conosciamo oggi non esisteva ancora ma si respiravano solamente i fumi nauseabondi del suo antenato, quel marciulento brodo primordiale conosciuto come stenchcore. Si ma sia chiaro a tuttx, il sound dei Rigorous Institution non ha niente a che vedere con quel metallic-crust che andava tanto di moda nell’underground nella prima metà degli anni duemila e nei primi anni ’10, bensì riesce a rievocare perfettamente quel calderone di influenze che sembra provenire da un’epoca in cui Discharge e Hellhammer, Amebix e Celtic Frost, avevano molte più cose in comune di quanto oggi si potrebbe pensare. A differenza dei precedenti Ep “The Coming of the Terror” o “Penitent“, con questo Survival/Despotism, i nostri punx di Portland si spostano in maniera ancora più netta verso territori e sonorità di amebixiana memoria, in cui atmosfere post-punk enfatizzate dall’utilizzo del synth e ritmi tribali che chiamano in causa la sezione ritmica dei Killing Joke, rivestono un ruolo centrale e riescono a dipingere paesaggi dai toni post-apocalittici, dominati dallo sconforto e dall’impotenza. Stando a quanto scrivono sulla loro pagina bandcamp, i Rigorous Institution definiscono il loro sound con termini come “synth crust” o con la ben più fantasiosa etichetta di “descendant angel-crust“, ma in fin dei conti poco importa come lo si voglia chiamare, perché quello in cui ci imbatteremo durante l’ascolto di questo ep non è altro che la versione più embrionale e primordiale del crust punk da cui tutto ha preso poi la forma che consociamo noi oggi. Musicalmente le due tracce che compongono questo Survival/Despotism riescono dunque a sintetizzare in maniera estremamente convincente e ispirata sonorità che spaziano dagli Amebix di Winter/Beginning of the End agli Hellhammer di Apocalyptic Raids, accompagnando questa primitiva versione del crust punk di scuola britannica con un’atmosfera fortemente oscura che ha il compito di evocare nelle nostre menti scenari apocalittici e desolati, da cui veniamo sopraffatti in preda allo smarrimento e alla disillusione. Se vi mancano quelle sonorità e quelle atmosfere che solamente i primordiali gruppi stench-crust britannici sapevano creare e trasmettere, questo Survival/Despotism è un lavoro che non dovete assolutamente farvi scappare!