Tag Archives: Scaglie di Rumore

“Il Veneto Odia… Noise a Mano Armata” – Intervista con Scaglie di Rumore

Qualche settimana fa ho girato una serie di domande al buon Luca di Scaglie di Rumore, progetto che seguo da tempo e che ha influenzato profondamente la nascita stessa di Disastro Sonoro tant’è che nel corso degli anni ho voluto “omaggiarlo” con il nome della rubrica più costante presente sulle pagine virtuali di questo blog, ovvero Schegge Impazzite di Rumore. Tanti argomenti son stati toccati nel corso di questa “intervista”, dalla passione per il rumore al Veneto Noise Crew, dalla pratica del tape-trading alle questioni più prettamente politiche, e dunque ringrazio ancora una volta Luca, non solo perchè ha speso del tempo a rispondere alle mie domande, ma sopratutto per il fatto di condividere una comune visione del punk-hardcore e della musica underground e diy in tutte le sue forme, mettendo dinanzi a tutto il supporto e la solidarietà reciproca. Il Veneto odia, Scaglie di Rumore può sparare… Noise a mano armata!

 

Ciao carissimo! Per chi non dovesse conoscerti, ti andrebbe di fare un breve riepilogo sulla storia del tuo progetto “Scaglie di Rumore”? Ma sopratutto, visto che me lo chiedo da una vita, come ti è venuta l’idea per un nome tanto immediato quanto incisivo?

Ciao Caro, per prima cosa grazie per avermi dato spazio nel tuo blog, è davvero ben curato e di qualità, cosa non da poco negli ultimi tempi. Scaglie di Rumore nasce nel 2012 come programma radiofonico per una web radio locale che dopo due stagioni cessa l’attività a metà 2013. Nel 2014 abbiamo deciso di ripartire e abbiamo rilasciato le prime puntate e le prime compilation in formato tape in tirature limitate per finanziare le uscite future e a oggi abbiamo quasi 180 uscite.
Il nome in realtà è uscito con naturalezza, io e mio fratello Fabio (compagno di avventura e di etichetta) stavamo cercando un nome per il programma, in fin dei conti erano brani veloci e rumorosi e quindi arrivammo alla conclusione, Scaglie di Rumore.

Da quanto so, non sei impegnato solamente nella pubblicazione di tape o in coproduzioni. Quali altri progetti ti vedono partecipe e/o protagonista?

Attualmente sono impegnato in diversi progetti, da ormai otto anni milito nei Charged Attack, band Punk Hardcore locale, poi abbiamo tutte le realtà legate al Collettivo Veneto Noise Crew ovvero nel trio noisecore Eddie X Murphy dal 2016, nei techno grinder Fogna Maxima e nel progetto Noisegore Diego Abbath Antuono dal 2017, nei progetti Harsh Noise Primitive Tape e Dark Alley dal 2018 e nel progetto old school Noisecore Archth Cacofoniath dal 2019. Attualmente sono a lavoro su un nuovo progetto che si chiama Digital Strain Of Dementia ma per questo progetto bisognerà pazientare ancora un po’.

Come sei arrivato a scegliere di dedicarti quasi esclusivamente alle sonorità più estreme e a territori propriamente noise?

Sono sempre stato affascinato dalla scena noisecore anni 90, anche perché molto vicina alle scena punk hardcore. Purtroppo negli ultimi anni il punk hardcore italiano (e comunque il punk hardcore in generale) ha perso quel desiderio di offendere, dare fastidio, tutta la parte provocatoria e le tematiche politiche che a mio parere hanno dato vita al genere ma è stato ereditato dalla scena noisecore per questo mi sono spostato verse quelle sonorità, cerco rumori che portino con loro un messaggio, se devo ascoltare musica senza messaggio tanto vale accendere la radio.

Quali sono stati gli ascolti che, nel corso degli anni, ti hanno portato ad apprezzare il noise in tutte le sue forme? Qual è stato invece il tuo primo incontro con il punk?

Gli artisti noise che sicuramente mi hanno più ispirato e che mi hanno portato ad apprezzare il genere sono stati Merzbow, C.C.C.C., The Gerogerigegege, Seven Minutes of Nausea, Deche Charge, Cum Sock e Shitnoise Bastards ma sicuramente le band che mi ci hanno avvicinato sono stati i Coward e i Sore Throat. Invece in ambito punk fin da subito con gli amici ci si passava Minor Threat, Bad Brains e Black Flag ma direi che il primo approccio sia stato quando un amico mi passò una tape con dentro i Drunkards con Sentenza Di Morte su un lato e lo Split Rabbia Trafigge Immobile Resa di Contrasto e Nagasaki Nightmare sull’altro, quello a mio parere è stato il mio primo incontro con il punk.

Altra domanda che spesso mi son posto: perchè la scelta del formato tape? Che legame hai tu personalmente con questo formato?

Tutte le band estreme quando ero più giovane mi sono arrivate con questo formato, all’epoca era impossibile scaricare da internet e i Cd diventarono “acquistabili” più tardi (costavano una follia all’epoca), le tape costavano quasi niente perché erano alla fine della loro carriera e ci si passava i gruppi con quelle. Sepultura, Carcass, GBH, Slayer, Mayhem, tutti questi gruppi mi sono arrivati in quel formato quindi ho sempre associato la tape all’estremismo, poi quando ho scoperto il Tape trading e il suo significato anti-business sono rimasto subito affascinato da questo movimento e ho deciso di abbracciarlo, anche se con diversi anni di ritardo.

Recentemente ho avuto l’estremo piacere di pubblicare sulle pagine virtuali di Disastro Sonoro uno scritto inedito intitolato “Numeri e Incompatibilità”, firmato proprio da te. Quali son state le motivazioni che ti hanno portato alla decisione di pubbicarlo proprio su Disastro Sonoro?

Quando mi sono avvicinato la prima volta a Disastro Sonoro ho rivisto quello spirito “punk” che tanto cercavo e che avevo cercato di portare con il mio vecchio blog Scaglie di Rumore oramai defunto che non è mai riuscito a trasmettere a pieno. Gli articoli sono ben scritti, hanno una struttura molto interessante perché oltre all’informazione c’è anche il pensiero dello “scrittore” che è molto vicino al mio e che mi ricorda quel provocazione/politica che cerco costantemente. Oramai il blog di Scaglie di Rumore era fermo da diversi anni ma non ho mai smesso di scrivere, ho una raccolta molto ampia di recensioni, articoli, pensieri e vista la sintonia quasi simbiotica con Disastro Sonoro ho pensato che fosse il posto giusto per quell’articolo, visto che si collegava molto bene al precedente articolo “L’hardcore è ancora una minaccia per l’esistente”.

Continuando a parlare del tuo articolo, hai voglia di aggiungere altro alle righe che hai scritto? Quanto è importante per te il messaggio veicolato dalla musica punk o noise che sia?

In merito all’articolo non ho altro da aggiungere, tanti non hanno capito il concetto che volevo esprimere, con alcuni ci siamo chiariti di persona, con altri non mi interessa nemmeno. Tanti pensavano che avessi da ridire sulla scena locale ma in realtà ho sempre amato la scena Veneta perché negli anni non era importante il genere che si faceva, ci si supportava sempre. Con il tempo questo è scemato, ci si è standardizzati al resto del mondo, punk con i punk, Crust con i Crust e via dicendo ed è questo che mi dispiace.
Per quanto mi riguarda scrissi diversi articoli in merito a tale argomento, per me l’underground senza messaggio non ha senso perché si abbassa agli standard del mainstream, che senso ha portare avanti un progetto underground se non hai niente da trasmettere? Sei solo un numero che ha trovato un modo diverso di perdere tempo.

Scaglie di Rumore nella mia testa fa rima da sempre con DIY. Cosa significa per te la pratica e l’etica del do it yourself e che importanza riveste l’autoproduzione nella tua vita in generale?

Da quando ho iniziato con questa label c’è sempre stato un punto fermo: Le copie che abbiamo distribuito sono state fatte a mano una per una. Abbiamo partecipato a diverse coproduzioni ma nella maggior parte dei casi ho sempre cercato di fare da me la produzione delle cassette perché farla da me da un senso alle mie uscite, mi ricorda cosa vuol dire “Do It Yourself”. Mi sono sempre promesso che nel momento che non riuscirò più a duplicarmi le tape da solo chiuderò la label perché è l’unico sistema che conosco, purtroppo negli ultimi periodi anche in questo campo sono uscite sempre più release fisiche “fighette”, super dettagliate e studiate ma io sono per le uscite low budget, fanculo siae e copy right, non è importante se stampi un vinile a edizione limitata o un Verbatim con il titolo scritto a mano l’importante è quanta passione e attitudine si trova al loro interno e la gente questo se lo dimentica spesso.

Che ruolo ricopre invece la dimensione politica all’interno di tutti i progetti che ti vedono impegnato?

La dimensione politica per i Charged Attack come per il Collettivo Veneto Noise Crew sono le basi. Siamo tutti Punx, chi più giovane e chi più vecchietto, ma l’attitudine è sempre la stessa: contenuti provocatori e una forte connotazione politica, portare avanti gli ideali sull’autonomia e la libertà degli individui e l’opposizione al sistema che abbiamo maturato in tanti anni di occupazioni, manifestazioni, eventi, concerti ma sopratutto confrontandoci e parlando con le persone.

Hai qualche aneddoto legato alla scena hardcore punk e diy italiana che, nel corso degli anni, ti ha colpito particolarmente, che ricordi con nostalgia o gioia o che ti ha segnato profondamente e che ti va di raccontare?

In realtà ci sarebbero tanti piccoli aneddoti ma non basterebbe un libro per raccontarli tutti. Principalmente ricordo con grande gioia i tempi che si viaggiava su e giù per l’Italia in treno con gli amici per andare ai concerti, viaggiavamo davvero con niente in tasca ma c’era una voglia di scoprire nuovi gruppi e nuovi generi incredibile, per non parlare dei dibattiti, dei pensieri, delle persone incontrate e della voglia di scambiarsi pensieri, idee, opinioni e a volte sogni…oggi tutto questo è stato ucciso dai social, è più facile scrivere su una piattaforma che parlare davanti a tutti e dare la propria opinione, permettendo anche agli stupidi di esprimere il proprio parere.

Scaglie di Rumore è legato intimamente al Veneto Noise Crew, cosa puoi dirci di quest’altro progetto totalmente devoto al rumore?

Veneto Noise Crew è un collettivo occulto e antifascista portato avanti con passione da un gruppo di punx. Questo collettivo oltre a supportare le realtà noise locali porta avanti anche una serie di pubblicazioni e zine dedicati a retaggi fatti di culti innominabili e segreti, è un collettivo che racchiude il termine noise in diverse forme d’arte ovvero Scrittura, Pittura e Musica e che vuole usare il noise come strumento per offendere e diffondere un messaggio.

Stiamo giungendo alla fine di questa intensa chiacchierata, vuoi consigliarmi e consigliare ai malcapitati lettori di Disastro Sonoro qualche progetto noise (e non) che ritieni più valido in circolazione attualmente?

Sicuramente i progetti che seguo con più interesse (oltre a quelli del collettivo ovviamente) sono i Car Made of Glass da Fortuna, California, le Shame Hole da Pittsburgh, Pennsylvania e gli Holy Grinder da Toronto, Ontario. Queste sono tre band “recenti” sennò consiglio le mie tre band preferite ovvero Deche Charge, Cum Sock e Shitnoise Bastards… anzi ora i Shitnoise Bastards sono fermi ma alcuni componenti hanno avviato un progetto che si chiama Death To All Politican che consiglio caldamente, non solo per il nome.

Progetti futuri come Scaglie di Rumore?

Sono immerso nel progetto veneto Noise Crew, tutti i progetti coinvolti sono validissimi e molto attivi, senza contare tutte le zine e i scritti, è un gran lavoro ma mi regala molte emozioni, a breve uscirà una compilation con tutte le band del collettivo in edizione limitata in 10 copie con un box e una fanzine in a5 davvero molto curato, insomma chi seguirà il nostro blog (venetonoisecrew.wordpress.com) si farà un’idea della nostra follia artistica.

Carissimo Luca siamo giunti alla fine di questa intervista/chiacchierata/qualsiasi altra cosa ed io non posso far altro che ringraziarti nuovamente per aver risposto alle mie domande. Per concludere aggiungi davvero quello che ti pare e piace e sentiti libero di dire qualsiasi cosa!

Chiudo ringraziandoti per il tempo e lo spazio che mi hai nuovamente dedicato e con la speranza che ci siano sempre più realtà come il tuo blog, che l’arte, il rumore e l’attitudine possano tornare a favorire cambiamenti sociali o quantomeno accendere una scintilla dentro a chi ha qualcosa da dire.

Numeri e Incompatibilità

Propongo molto volentieri uno scritto inedito di Scaglie di Rumore (per chi non dovesse conoscerlo vi lascio una breve bio in fondo all’articolo) in merito alla scena punk hardcore odierna e sulla questione fondamentale dell’incompatibilità tra il messaggio di critica radicale all’esistente che dovrebbe essere centrale nella scena e chi nel punk vede solamente un modo alternativo di svagarsi e divertirsi senza avere il minimo interesse nel messaggio, nelle lotte e nei discorsi che vi stanno alla base e che ancora oggi animano molti di noi. Ringrazio ancora una volta Scaglie di Rumore per aver scelto Disastro Sonoro come mezzo per diffondere questa sua riflessione, riflessione che sottoscrivo in toto. Uniti nel rumore, per l’anarchia!

 

Recentemente ho avuto il piacere di ristampare la discografia dei Nagasaki Nightmare e parlando con i ragazzi della band mi è tornata alla mente una brutta situazione che risale al lontano 2006, situazione che da una parte mi ha fatto riflettere ma dall’altra ha reso la mia passione per questa band ancora più forte. I Baresi Nagasaki Nightmare sono stati una delle band crust con influenze black più incredibili dello stivale e nella loro breve attività (2005-2008) hanno saputo regalare una demo e due split in vinile memorabili, infatti con il collettivo Scaglie di Rumore abbiamo riproposto tutta questa perfezione in cassetta e lo abbiamo fatto per due motivi: Il primo è che tutto il punk hardcore italico che ho reperito tra il 2006 e il 2010 è in cassetta (perché all’epoca avevo solo un Boombox Ghetto Blaster) e secondo perché è il formato che più mi ricorda maggiormente il DIY e l’attitudine NO SIAE, NO COPYRIGHT, NO BUSINESS tanto discussa nella scena punk.

La situazione fu la seguente: Per una serie di sfortunati eventi non ero mai riuscito a vederli dal vivo e insieme a un amico scoprimmo (grazie a My Space se non ricordo male) che suonavano a Altamura insieme ad altre due band e visto che quel giorno non avevamo soldi (come gli altri giorni comunque) ma avevamo un sacco di tempo libero decidemmo di farla “sporca” e di provare ad arrivare al concerto prendendo tutti i mezzi possibili, ovviamente gratis.
Partimmo la mattina in treno, dovemmo scendere due volte per evitare i controllori e arrivati a Bari prendemmo due corriere perché la prima era sbagliata. Fu divertente perché arrivammo a destinazione dopo quasi 11 ore di viaggio tra treni e bus per trovare una band della mia città (I Milizia HC) che suonava di spalla ai Nagasaki Nightmare quella sera.
Ebbi il piacere di parlare con la band, erano davvero disponibili e non vedevamo l’ora di raccontargli il nostro calvario per arrivare a vederli ma stava iniziando il primo gruppo e ci invitarono a scendere per sentirli e a questo punto che iniziarono i problemi: Quattro ragazzi con toppe e maglie ambigue (ricordo che uno dei quattro aveva la maglia dei Dente di Lupo e la cosa mi restò impressa perché il cantante di tale band mi spaccò un boccale in testa durante una rissa a Vicenza qualche anno prima dei fatti raccontati) entrarono nella sala, si guardarono attorno e poi uscirono. Io e il mio amico non capivamo cosa stava succedendo, pensammo fossero entrati per rodare la situazione prima di menare le mani (in quel periodo a Padova era cosa comune o comunque succedeva spesso che i nazi facessero incursioni di gruppo) e uscimmo in fretta per capire la situazione e ci trovammo davanti a qualcosa di grottesco: questi quattro topi di fogna parlavano e conversavano con una certa complicità con diverse delle persone presenti.
Subito i Milizia HC e i Nagasaki Nightmare iniziarono a discutere animatamente con alcune persone e senza pensarci più di pochi secondi avvisarono che se tali personaggi non fossero stati allontanati loro non avrebbero suonato, l’organizzatore (che era una delle persone che parlava con i nazi poco prima) e il proprietario del posto cercarono di convincere le band a suonare e qualcuno (ormai è passato davvero tanto tempo e non ricordo se fosse stato l’organizzatore, il proprietario o una terza persona) se ne uscì con l’affermazione che siamo tutti liberi di avere le nostre idee, l’importante è condividere le esperienze.
Onestamente io e il mio amico eravamo basiti, Padova era un inferno a confronto, ti bastava trovarti nel posto sbagliato e due o tre persone ti accerchiavano e spaccavano la faccia per il semplice fatto che eri diverso e una situazione del genere ai concerti di Padova non era mai successa (se un nazi si presentava all’ingresso gli si spaccava la faccia subito) invece in quella situazione non solo si voleva sorvolare sulla loro indole politica ma addirittura a buona parte delle persone presenti andava bene “condividere” il loro tempo con quella feccia e inveiva contro le band che si rifiutavano di suonare, Milizia HC e Nagasaki Nightmare incazzati caricarono la loro roba e ripartirono. Non sono mai riuscito a vedere i Nagasaki Nightmare dal vivo ma ancora oggi se ripenso a questa situazione non posso che concordare e rispettare pienamente la loro decisione, per questo ancora oggi restano una delle mie band preferite, perché l’attitudine veniva prima di tutto e non è una cosa che in tanti hanno fatto o farebbero nella scena punk.
Restammo davvero basiti davanti a questa situazione perché per noi che eravamo “cresciuti” a Padova le realtà nazi, RAC o simil anche se condividevano pensieri come l’animalismo o il veganesimo erano comunque INCOMPATIBILI e NON ACCETTATE nella scena punk hardcore, pensiero che ancora oggi è saldo dentro di noi e dentro la Padova Hardcore.
Finimmo la serata insieme a una coppia del posto (Visti quella sera e un’altra volta all’xm24 o Ex Mercato a Bologna due o tre anni dopo) che anche loro schifati dalla situazione lasciarono il locale come noi e concludemmo la serata a casa loro a bere qualche birra e ad ascoltare gruppi local come So Fucking Confused e Non Toccate Miranda (che per noi erano delle novità incredibili per quei tempi) e infine ci ospitarono per la notte.
Ho voluto trascrivere questa esperienza per un motivo molto semplice, è vero che sempre più spesso mi trovo a parlare di messaggio nella musica punk hardcore e che negli ultimi anni le band che portano avanti il pensiero punk hardcore sono sempre meno ma sempre più spesso si trova gente “X” agli eventi, persone che non sono legate alla scena ma che per qualche motivo si presentano ai concerti solo per fare qualcosa di diverso e per quanto una piccola parte di questi potrebbe restare affascinata dall’attitudine e dalla situazione (e magari in futuro portare avanti qualcosa) la maggior parte si presenta semplicemente perché annoiata, è davvero questo quello che si vuole? intrattenere delle persone annoiate? Per quanto sia consapevole del mio compromesso con la società ogni mattina quando mi alzo sono consapevole di essere una persona e non sono un numero e la rabbia che mi porto dentro nel svolgere il mio compromesso la cerco di trasmettere nelle mie canzoni e nei miei progetti perché sono sicuro che in questo paese ci sono tante altre persone che si sentono piene di rabbia come me e cercano un modo per buttarla fuori o per condividerla, non voglio condividere la mia rabbia e la mia passione con persone che hanno accettato passivamente di essere dei numeri perché (come dice un bellissimo brano dei Reset Clan) è fiato sprecato.
Quindi spero che chi parla tanto di punk hardcore si ricordi che spesso è meglio riuscire trasmettere un messaggio a una piccola scena piuttosto che coinvolgere tante persone perché si corre il rischio di condividere qualcosa con persone con le quali è meglio non condividere niente o che, nella peggiore delle ipotesi, siano INCOMPATIBILI con il Punk Hardcore.

Scaglie di Rumore è una Tape label italiana curata da L (Lo Scriba), ha rilasciato molto del materiale legato alle band del collettivo Veneto Noise Crew. E’ una label antifascista, totalmente DIY e legata alla Dottrina del Rumore, oltre alle band del collettivo si occupa anche di Hardcore Punk, Grindcore, Noisecore, Powerviolence e tutti i sottogeneri legati al rumore

 

Solidarietà a chi resiste – Noise Benefit per gli inguaiati

 

Riprendo direttamente quanto scritto dai compagnx di Scaglie di Rumore e ci tengo a riportare quanto hanno deciso di fare per supportare i compagni e le compagne dell’Asilo Occupato di Torino colpiti dalla brutale repressione nelle giornate di ieri e oggi. Supportate, sempre solidali e complici con chi lotta e resiste!

“Tutte le band più rumorose vicine al Scaglie di Rumore e Veneto Noise Crew dopo i recenti fatti che hanno visto lo sgombero dell’Asilo Occupato hanno voluto creare questa compilation benefit a sostegno dei compagn* che sono stati colpiti dalla repressione di stato, tutti le donazioni sanno usate per per gli inguaiati con la legge.
Noi alla repressione rispondiamo con il rumore.”

Ascoltate qua e supportate: https://scagliedirumore.bandcamp.com/album/solidariet-a-chi-resiste-noise-benefit-per-gli-inguaiati

PER IL RUMORE, PER L’ANARCHIA!

A Denti Stretti, Anni di Hardcore in Italia Vol.08: Back to the 90’s (di Scaglie di Rumore)

 

E alla fine eccoci qua.
La tape con box personalizzato, bootleg e tutto il resto uscirà appena pronta ma per il momento eccovi i file audio da sentire, come potete vedere sono 36 contro i 43 brani che avevamo annunciato ma per motivi di spazio abbiamo dovuto ridimensionare (purtroppo avevamo solo 90 minuti).
Prima di caricare qualcosa sul nostro “universoScaglie di Rumoreho il brutto vizio di mettere tutto in tape, prendere il mio caro e vecchio walkman, aprirmi una birra (preferibilmente Moretti) e sedermi sulla panca in giardino. Finito di ascoltare questa compilation ero carico, cazzo trentasei (no dieci o venti) band con trentasei modi diversi di fare punk hardcore. So che potrebbe essere scontato per una compilation ma, vi assicuro, NO! Ultimamente mi è capitato tra le mani svariato materiale underground italiano dove le parole Punk, hardcore, attitudine, Underground, DIY, Musica Indipendente si ripetevano in cotinuazione ma tutti questi argomenti dentro quei dischi o quelle registrazioni non c’erano. In alcuni c’era buona musica, altri erano piatti, monotoni che sapevano di già sentito e altri solo brutti.
Forse a molti suonatori indipendenti italioti è sfuggito un particolare: non è che perchè c’è un ritmo saltellato è punk e questa compilation da quel punto di vista vi regala un grande insegnamento: Per trentasei (ci tengo a sottolinearlo) brani queste band prima di metterci il suono ci mettevano (o ci mettono) idee e attitudine. In alcuni casi è più punk, in altri più metal, in alcuni più melodico e in altri più pesante….ogni band cercava la sua dimensione a livello di suono ma quello che si sentivano dentro è impresso nei lori brani e nei loro dischi. Il risultato sono dischi uno diverso dall’altro ma con un’anima, che ti trasmettono davvero qualcosa. Purtroppo con il tempo il concetto di Punk è stato in parte aglomerato nel mainstream, oggi avere la cresta e portare un giubbotto in pelle con le borchie è normale se non “cool” ma quando lo facevano questi ragazzi no. Quando hanno deciso di fare “Punk Hardcore” lo hanno fatto perchè se lo sentivano dentro non perchè era una moda o perchè si volevano far vedere migliori o diversi ma perchè qualcosa dentro di loro si è acceso ed è per questo che quando mi capita in mano una band x che usa le parole punk e hardcore sciomiottandone i suoni mi sale il veleno perchè è come se sminuisse quello che queste band hanno saputo creare e tramandare.
Con questa compilation spero di poter far capire ai più che il punk hardcore non ha mai avuto un suono ben definito, che non serve copiare a tutti i costi le band hardcore newyorkesi o quelle crust giapponesi per essere punk hardcore ma basta suonare quello che ci si sente dentro. Queste band hanno avuto la capacità di prendere l’eredità della scena punk italiana anni 80, mantenere integri l’attitudine e il messaggio ma facendo evolvere il suono, rendendolo più moderno e più vicino alla loro visione di musica.
Se questa A Denti Stretti ha visto la luce è grazie a l’aiuto di un amici (punx) che hanno voluto aiutarci inviandoci per mail le registrazioni dei loro LP, CD o tape, che nonostante siano a km di distanza (chi in Belgio, chi in Australia) e che siano passati anni dall’ultimo concerto vissuto insieme hanno ritagliato del tempo per mandarci i brani. Grazie a Roberto, Leonardo, Sara, Davide e Marcella per il supporto che hanno dato a questa uscita, forse per questa collaborazione internazionale più sentita che mai. Ci tengo a sottolineare che tutte le registrazioni arrivano dai dischi originali (tra le altre cose il grazie più sentito va a Roberto che si è fatto spedire da Mamma i suoi 7″ da Ferrara in Belgio), avremmo potuto fare a meno ma avrebbe perso di significato.
Detto questo grazie del tempo che ci avete dedicato e del supporto che ci date, speriamo che la tracklist da noi scelta sia di vostro gradimento. Come sempre sarà in free download, ergo potete ascoltare, scaricare e diffondere a profusione.
Concludendo….band italiane, perfavore: se avete attitudine dateci sotto e cercate la vostra dimensione. Se non avete attitudine ma sapete suonare togliete punk, hardcore e tutti questi termini a voi sconosciuti dai vostri dischi perchè avete rotto i coglioni, tanto sti cd li vendete lo stesso.
Con affetto, il vostro Dottore.

Buon Rumore

https://scagliedirumore.bandcamp.com/album/a-denti-stretti-anni-di-hardcore-in-italia-vol-08-back-to-the-90s

 

A Denti Stretti Vol. 08: Back to the 90 (di Scaglie di Rumore)

Come potete intuire dal titolo di questo articolo (e dalla foto riportata) stiamo lavorando all’ottavo volume della nostra amata compilation A Denti Stretti che per l’occasione sarà concentrata unicamente sulle band italiane che hanno popolato i 90.

Ho rispolverato la mia collezione perchè sto rippando personalmente dai vari lp e cd i brani che poi andranno a completare questa uscita. Uscirà in formato speciale (non so ancora come, la stiamo studiando bene) con un piccolo articolino scritto da me. Musicalmente ci sarà a disposizione 90 minuti quindi spero e cercherò di mettervi più brani possibili, poichè sarà impossibile inserire tutti in questo volume sto già valutando di fare altri speciali in futuro ma è ancora tutto in fase di costruzione. Attualmente l’unica cosa sicura sarà la tiratura delle tape, sempre sui 10 o massimo 15 pezzi.

Sarà il mio personale omaggio a un periodo musicale che ha sfornato (a mio papere) tra i dischi punk hardcore più belli mai realizzati fino ad ora, richiederà molto tempo e viste le numerose release che abbiamo in programma non so dire quando vedrà la luce ma arriverà.

Intanto siete avvisati cari lettori e sostenitori.

Buon Rumore

SDR

Articolo ripreso direttamente ed interamente da “Scaglie di Rumore”. Qui di seguito vi lascio il link all’articolo originale e il link del blog:

https://scagliedirumore.wordpress.com/2017/07/31/a-denti-stretti-vol-08-back-to-the-90/

https://scagliedirumore.wordpress.com/