Tag Archives: Death Metal

Adrestia – The Wrath of Euphrates (2019)

MAY THE SUN OF ROJAVA RISE AND NEVER SET. MAY THE SUN OF ROJAVA BURN ITS ENEMIES TO DEATH!

Il vento scandinavo soffia più forte che mai annunciando una tempesta di tuonante d-beat/crust che squarcia il cielo e si abbatte sul terreno con una potenza devastante. Su questa ultima fatica in studio intitolata “The Wrath of Euphrates”, ancora una volta gli Adrestia sintetizzano al meglio l’influenza dei due generi musicali che hanno inciso in modo indelebile il nome della Svezia nel panorama della musica estrema a livello internazionale: la scena d-beat/crust punk da una parte e quella death metal dall’altra. Le vocals stesse ricordano spesso quelle di Thomas Lindberg degli At The Gates, gruppo che senza ombra di dubbio ha influenzato in profondità il sound degli Adrestia soprattutto nei passaggi più melodici, mentre nei momenti prettamente crust/d-beat si può sentire in egual misura l’eco dei Martyrdod, dei Wolfpack/Wolfbrigade e dei Disfear. Il legame intimo con la prima scena d-beat svedese è sottolineato invece dalla presenza di Tomas Jonsson degli Anti-Cimex che presta la sua voce nella traccia “The Message”. 

Al di là della mera questione musicale, ciò che rende veramente interessante un disco come “The Wrath of Euprhates” è però il concept lirico che ne sta alla base e che denota una netta presa di posizione politica degli Adrestia, i quali non nascondono il loro schierarsi in solidarietà e complicità con la rivoluzione sociale del Rojava fondata su tre punti fondamentali: il confederalismo democratico, l’ecologia politica e la lotta di emancipazione femminista. Questa ispirazione lirico-politico e questa presa di posizione erano state già affrontate dal gruppo svedese sul precedente “The Art of Modern Warfare” e avevano spinto gli Adrestia a far parte fin da subito di una rete di supporto alla rivoluzione del Rojava, nata qualche anno fa all’interno della scena punk internazionale e chiamata appunto “Punks for Rojava” (troviamo una traccia omonima proprio su questo nuovo disco). Anche a livello estetico l’immaginario legato al Rojava, alle milizie armate delle YPG e delle YPJ perme l’intera proposta degli Adrestia, a partire dall’artwork di copertina in cui è raffigurato il volto di una combattente rivoluzionaria delle YPJ, divenuto ormai fin troppo iconico. Infine, il titolo stesso del disco riprende direttamente il nome dato ad un’operazione militare guidata dalle Forze Democratiche Siriane contro Daesh per riconquistare la città di Raqqa.

È profondo il legame che intercorre tra gli Adrestia e la rivoluzione avvenuta nella Siria del Nord e in cantoni e città come Afrin o Kobane e va ricercato, sopratutto, stando alle parole del gruppo, nel notare elementi di estrema somiglianza e vicinanza tra il progetto sociale e politico del Rojava e gli ideali che fondano il modo di vedere, intendere e vivere la scena hardcore/punk del gruppo , mutuo svedese. Solidarietà appoggio, collaborazione, autogestione, antifascismo, antisessismo e antirazzismo non sono parole vuote, ma pratiche quotidiane e concrete che vivono tanto in un contesto rivoluzionario come quello del Rojava quanto all’interno della scena punk hardcore internazionale e dentro molti percorsi di lotta in cui i e le punx sono attivi/e, dalle occupazioni abitative alle questioni anti-carcerarie. Sempre affidandoci alle parole degli Adrestia, “The Wrath of Euphrates” rappresenta dunque un vero e proprio omaggio non solo alla resistenza e alla lotta delle YPG e delle YPJ nella Siria del Nord, ma anche a chiunque combatte quotidianamente e in modo concreto per cercare di debellare piaghe come le guerre imperialiste, la misoginia, il razzismo, il fascismo e la distruzione dell’ecosistema.

Tornando brevemente a parlare nello specifico del lato musicale, l’ibrido crust punk/death metal tutto in salsa svedese è attraversato da un’irruenza devastante e una bellicositá a tratti selvaggia nella formula degli Adrestia, che certamente non inventano nulla di nuovo ma suonano con passione, convinzione e attitudine regalandoci quaranta minuti furiosi dominati tanto da un’aggressività cieca dai tratti crust-core quanto da momenti melodici di scuola At The Gates/Martyrdöd.

The Wrath of Euphrates” è l’ennesimo rabbioso grido di lotta degli Adrestia, un disco intenso, sia dal punto di vista meramente musicale sia a livello politico, con cui gli svedesi ribadiscono l’importanza per loro di schierarsi in solidarietà e complicità con la rivoluzione confederale, femminista ed ecologica che resiste ancora oggi, nonostante i diversi tentativi, ultimi in ordine di tempo quelli ad opera della Turchia del fascista Erdogan, di affossare questa esperienza rivoluzionaria, in Rojava! Quando sulle barricate incroceremo lo sguardo degli Adrestia, quando le fiamme della rivoluzione incendieranno questo mondo affinché ne rimangano solo macerie, risuoneranno certamente le note di questo “The Wrath of Euphrates”. Contro l’oppressione, la vita. Per la vita, l’insurrezione. Biji Rojava, Biji Adrestia!

 

The Mild – Old Man (2020)

A metà strada tra i Trap Them e i Gatecreeper, ci imbattiamo nel nuovo EP dei veneziani The Mild intitolato “Old Man. Virando prepotente il proprio sound verso sonorità death metal di scuola svedese (Entombed su tutti), senza abbandonare mai completamente gli ingredienti più hardcore e grind che fanno parte del corredo genetico del loro sound dalla prima ora, i The Mild ci regalano 6 tracce intense, aggressive e votate alla distruzione più totale. A farla da padrona, per tutta la brve durata dell’intero lavoro, è un tappeto sonoro fatto di tupa tupa tritaossa, un riffing frenetico e brutale e vocals barbariche e rabbiose, elementi che contribuiscono a creare un’atmosfera caotica e assordante. La lunghezza media dei brani si aggira intorno ai due minuti e mezzo, ricordando profondamente il percorso intrapreso musicalmente dagli ultimi Hierophant e il loro modo di suonare death metal, condensando in tracce brevi tutta la brutalità, l’aggressività e il groove possibili. Inoltre su questo Ep possiamo imbatterci anche in improvvise incursioni in territori black che conferiscono ulteriori sfumature a questa ricetta hardcore/grind/death devastante che è il sound dei The Mild, al punto da ricordarmi fortemente sonorità riconducibili a quanto fatto dai The Secret o dagli Hungry Like Rakovits. La quarta traccia “Confusion Reigns” rappresenta alla perfezione questa sporcatura blackened presente nella proposta dei veneziani, sopratutto nel riffing infernale e nello screaming lacerante e gelido. Light Beam, così come l’iniziale The Creationd is Beyond Saving e Horrible Visuals, è invece una traccia che mostra precisamente la nuova rotta verso lidi swedish death intrapresa dai The Mild che non nascondono l’influenza di Entombed e Grave, anche se rivisitata in chiave moderna e forse più groovy sulla falsa riga di quanto fatto recentemente dai Gatecreeper. Un Ep intenso, brutale e che non concede momenti di quiete o possibilità di riprendere fiato; un lavoro con cui i The Mild ribadiscono che il loro unico obiettivo è quello di demolire qualsiasi cosa si trovi dinanzi a loro, devoti solamente a far si che questo mondo sprofondi nel caos e nella follia!

 

Schegge Impazzite di Rumore #09

Ma rifiuto una vita di menzogna e paura!
Rifiuto una vita stabilita da loro!
Rifiuto una vita senza futuro!
Finira’ mai? Finira’ mai? Finira’ mai???

Anche in quarantena non si ferma l’appuntamento con le schegge impazzite di rumore, giungendo infatti al tanto atteso nono episodio! Quest’oggi a tenerci compagnia durante la reclusione nella città contaminata e quarantenata ci saranno il thrash metal delirante dei sardi Abduction, il death metal satanico e femminista degli Skulld ed il d-beat metal-punk dei milanesi Kombustion. Chiuso in una citta’ come una tigre nella gabbia. Non c’e’ niente da capire, non c’e’ niente da sperare, non ci rimane che urlare! Non ci rimangono che schegge di rumore impazzite!

Skulld in concerto

Abduction – Killer Holydays on Planet Earth (2020)

Si narra che durante i rapimenti alieni si possano sentire le note di questo “Killer Holydays on Planet Earth“… Thrash metal demenziale e fieramente ignorante per gli Abduction che tornano finalmente sulle scene con questo nuovo devastante “Killer Holydays on Planet Earth”, in cui i nostri sintetizzano quanto fatto nell’ultimo decennio dai Municipal Waste, dai Gama Bomb e dai brasiliani Violator, lasciando intravedere anche influenze più datate riconducibili ai Sacred Reich. Undici tracce accompagnate da testi deliranti e titoli che non celano l’intento palesemente nonsense e goliardico con cui i sardi si approcciano a quel sound thrash metal tipico del nuovo millennio che non sembra ancora aver del tutto perso il suo fascino. Tanto a livello musicale, quanto e soprattutto a livello di approccio lirico e di immaginario generale, gli Abduction mi hanno felicemente ricordato i Gama Bomb; difatti sulla falsa riga degli irlandesi anche il thrash metal dei sardi è infarcito di riferimenti ad una certa cultura cinematografica “nerd”, ben evidenziata da tracce quali “Grandpa Rick” ispirata dalla serie capolavoro “Rick e Morty”, dalla netta quanto assurda presa di posizione di una canzone come “If You Don’t Like Star Wars We Can’t Be Friends” o dall’iniziale “Uranus Attacck”, la cui accoppiata titolo-testo è degna di un filmaccio horror di serie Z. Thrash metal senza alcuna pretesa di risultare originale o tecnico, ma suonato con passione e con la giusta dose di “demenzialità” perfetto per fare headbanging selvaggio o per ritrovarsi a moshare in solitaria e che troverà sicuramente la sua dimensione ideale dal vivo. Non prendendosi troppo sul serio, mostrando una buona capacità nel songwriting che non risulta mai noioso e anzi mostra molta momenti estremamente godibili, gli Abduction sembrano volerci dire una semplice cosa con questo nuovo, assurdo in tutti i sensi, “Killer Holydays on Planet Earth“: It’s only thrash metal and we like it!

Skulld – Reinventing Darkness (2020)

Skuld, facendo riferimento alla mitologia norrena, era il nome di una norna (termine che etimologicamente significa “colei che bisbiglia un segreto“) che sembrerebbe potesse decidere il destino degli uomini. Tralasciando l’affascinante nome scelto dal gruppo e il suo background ricco di riferimenti alla cultura norrena, le tematiche principalmente trattate nelle liriche sono da ricondurre al mondo dell’esoterismo, del paganesimo  e di qualcosa che può essere definito come satanismo femminista, prendendo in prestito il titolo dell’ultimo brano presente su questo “Reinventing Darkness”. Evocando entità demoniache e forze pagane per lasciarle libere di infestare il regno dei mortali, con “Reinventing Darkness” gli Skulld ci trascinano in rituale esoterico che prende forma sulla base di sonorità death metal vecchia scuola che si rifanno tanto alla scena svedese quanto a certe cose fatte dagli Asphyx, ma con una buona dose di influenze black e hardcore (background da cui provengono i nostri) che affiorano spesso in superficie, con il growl urlato e lancinante della sacerdotessa Pam a farci da guida in questa discesa senza ritorno negli inferi più profondi. Un’atmosfera esoterica e infernale fa da sfondo al nostro viaggio tra le sei tappe di questo “Reinventing Darkness”, un viaggio tra rituali occulti (The Priestess), oscurità opprimente e senza fine (The Longest Hour), femminismo satanico (l’omonimo ultimo brano, uno dei migliori tanto per il contenuto lirico quanto per la parte strumentale) e antiche divinità pagane come nella quarta traccia intitolata Beaivi e incentrata sulla figura della dea del sole della cultura Sami. Tra racconti di donne che nella storia, nel passato così come, purtroppo, nel presente, son vittime di violenze, oppressione e morte da parte di una cultura patriarcale che le ha spesso indicate come streghe, pazze o figlie del demonio quando si sono ribellate e riferimenti a mitologie e rituali pagani, il death metal vecchia scuola degli Skulld colpisce nel segno con il suo mix di atmosfera, brutalità e un immaginario occulto ed esoterico. Rebels of the past, your anger shall rise… Slowly we riot!

Kombustion – Cenere (2019)

È un d-beat/metal-punk nichilista ed estremo quello che ci sparano addosso senza pietà alcuna i milanesi Kombustion, una dichiarazione di guerra senza fine decantata su sonorità aggressive che sembrano non aspettare altro che travolgerci come una furia selvaggia per lasciarci a terra inermi e privi di forze. “Cenere“, questo è il titolo del primo disco in casa Kombustion, ci regala nove tracce a cui si sommano un’intro e un breve outro, una roboante tempesta di d-beat/metal punk che pesca a piene mani dalla scena svedese più moderna e recente e principalmente da dischi come “Pray to the World” dei Wolfbrigade, “Allday Hell” dei Wolfpack e “Sekt” dei Martyrdöd, ma che non nasconde l’intimo legame che lo collega alla lezione seminale di Avskum e Anti-Cimex. Certamente non ci troviamo a livello dei gruppi appena citati, ma durante l’ascolto di questa prima fatica targata Kombustion, che inizia con l’assalto di “Rinnegato“, ci imbattiamo in una serie di tracce quali “Lato Sbagliato”, “Tutto si Spegne” o “L’Altra Faccia del Nulla” che danno l’impressione di trovarsi, impotente e rassegnati, nel bel mezzo di una tempesta che spazza via ogni cosa si trovi sul suo cammino. Altra traccia che inghiotte l’ascoltatore senza lasciar lui nessuna via di fuga è la bellissima “I am the Storm”, pezzo non inedito visto che era già stato inciso e rilasciato nel 2017 ma che in questa versione si riveste di una rinnovata brutalità, come se i Kombustion ci tendessero un’agguato che prende all’improvviso prima di scomparire nel fragore della tormenta. “Non avremo demolito tutto se non distruggiamo anche le rovine» sembrano volerci dire proprio questo, prendendo a prestito una frase accreditata al drammaturgo Alfred Jarry, i Kombustion con la loro miscela furiosa ed esplosiva di d-beat/crust e metal-punk. Spreading darkness, screaming the rage… It’s time to destroy appearing from the storm…

p.s. menzione d’onore per l’artwork di copertina che a parer mio merita moltissimo

 

 

Ahna – Crimson Dawn (2020)

Mentre il regno della follia viene inghiottito da un’oscurità senza fine, gli Ahna si abbattono come un vortice di caos e distruzione su un campo di battaglia che non conosce alcuna legge. 

La British Columbia, regione canadese che si affaccia sull’Oceano Pacifico, nel corso degli anni ha dimostrato di essere terreno estremamente fertile per il proliferare di progetti devoti a sonorità crust punk di ogni sorta, da quelle più vicine al grind dei Massgrave a quelle che esondavano su territori black metal come gli indimenticabili Iskra e i più recenti Storm of Sedition. Dieci anni dopo il loro primo full lenght, ma solamente a cinque anni di distanza dal bellissimo Ep “Perpetual Warfare“, come un fulmine che squarcia improvvisamente la quiete preannunciando una notte di devastante tempesta, gli Ahna, nome storico della scena crust della British Columbia, ritornano con questo nuovissimo e inaspettato disco intitolato “Crimson Dawn“! Ai tempi del primo omonimo full lenght, gli Ahna ci avevano proposto un sound crust punk fortemente influenzato e imbastardito con le frange più estreme del metal, death in primis, e nelle sette tracce che compongono “Crimson Dawn” , il gruppo  torna a riproporre una formula sempre vincente: death metal di tradizione svedese, Bolt Thrower, Sacrilege, Axegrinder e Hellbastard si uniscono in questa bomba di death-crust selvaggio e dal sapore fortemente old school.

Il disco di apre con “Run for your Life”, pezzo che evoca in modo inconfondibile i Sacrilege di quel capolavoro che è “Realms of Madness“, un’assalto che sta in bilico tra sfuriate crust e cavalcate propriamente thrash metal e che può riportare alla mente anche gli Hellbastard di “Heading for Internal Darkness”, con la voce della batterista Anju a ricordare proprio quella di Lynda dei Sacrilege. Nella successiva “In Death’s Grip” sembra invece di imbattersi in una versione swedish death dei Bolt Thrower e in un sound che può essere descritto solamente come se, in un universo parallelo, il seminale “In Battle There’s No Law” fosse stato registrato in terra svedese durante una jam insieme ai Grave e agli Unleashed. In questi due primi brani di “Crimson Dawn” possiamo subito notare l’alternarsi di due voci, quella di Anju più urlata sullo stile dei Sacrilege (influenza onnipresente in tutte e sette le tracce) e quella del chitarrista Graham invece decisamente più growl e corrosiva, due stili che però finiscono per non convergere mai all’interno di una stessa traccia. Bellissimo anche un pezzo come “Sick Waste” aperto dall’urlo di Anju che sembra preannunciare l’inizio dell’assalto selvaggio. Assalto selvaggio che non si fa chiaramente aspettare travolgendoci in un vortice fatto di riff thrash metal serratissimi, quasi a lambire territori proto-death, e da ritmi di batteria martellanti che sembrano potere e volere frantumare qualsiasi cosa si trovi sul loro cammino. Un pezzo che potremmo definire come la perfetta sintesi di quanto fatto dagli Hellbastard su “Heading for Internal Darkness” e i già citati Bolt Thrower di “In Battle There Is No Law”. Nel complesso tutte e sette le tracce sono come attraversate da una furia selvaggia e caratterizzate da un’atteggiamento fortemente bellicoso, come a non voler lasciare nessuna possibilità di sopravvivenza una volta che ci si è addentrati tra la devastazione e la brutalità di questo “Crimson Dawn”. È dunque un sound bestiale e famelico quello che gli Ahna ci propongono oggi, sonorità che rievocano volutamente un periodo storico in cui le contaminazioni tra la scena punk e quella del metal estremo diedero origine a quel brodo primordiale che ha portato alla nascita di quello che noi oggi conosciamo come crust punk. “Crimson Dawn” risulta essere quindi un ottimo disco in cui l’anima più crust e quella più death trovano il loro terreno ideale per regnare incontrastati nella distruzione e nel caos più selvaggio, sottolineando l’immortalità di cui sembrano godere certe sonorità ancora oggi. Gli Ahna cantano la morte ed è… tempo di massacro!

In Front of Paranoia – Insanity Reigns Supreme

Cronache dalla quarantena nella provincia contaminata. Prima lettera ai sopravvissuti al virus (e al collasso del capitalismo).

Di fronte alla paranoia, la follia regna sovrana…

Alla televisione hanno detto che la malattia si espande rapidamente. In moltissime città il numero di coloro che muoiono aumenta, in altre zone desolate cresce sempre di più la conta di chi, in preda al terrore e alla paranoia, decide di togliersi la vita piuttosto che attendere la lenta morte tra atroci sofferenze. Il virus, ancora scononosciuto, si trasmette velocemente come un banale raffreddore stagionale. Basta un qualsiasi contatto umano e ti ammali. Una volta che il virus inizia a circolare nel corpo, si viene assaliti da una tristezza profonda e si hanno due sole alternative: aspettare la morte o uccidersi, è cosi che funziona. Altri credono che per sfuggire al virus basti barricarsi nelle proprie abitazioni, come fossero dei lazzaretti impenetrabili e attendere che dalle televisioni una voce annunci la scoperta di una cura o di un vaccino per il virus. Ma il tempo scorre inesorabile, giorno dopo giorno il numero dei decessi aumenta. Passa così un mese, le autorità impongono la quarantena forzata a tutta la popolazione, minacciando arresti, denunce e sanzioni per coloro che avessero anche solo osato pensare di poter infrnagere queste misure speciali. Repressione reale e psicopolizia si alternano come in un romanzo distopico.

Una quarantena inizialmente momentanea e che invece ad oggi non sembra ancora avere una scadenza. Non basta, le strade deserte vengono invase da forze di polizia e dall’esercito con il compito di controllare e sorvegliare gli spostamenti di ogni singolo individuo e di punire coloro che si ribellano a questa restrizione estrema della libertà. Paranoia nelle strade, paranoie nelle abitazioni che prendono sempre più la forma di celle e in cui la quarantena si trasforma in reclusione forzata, psicosi diffusa tra la gente. Ma la sete di sangue del virus non sembra aver intenzione di placarsi.

Gli unici a cui l’autorità concede (sarebbe meglio dire, obbliga) di muoversi sono i lavoratori delle fabbriche, perchè si sa che il capitalismo e gli interessi dei padroni sono più importanti della sicurezza dei proletari  che possono senza problemi essere sacrificati sull’altare del profitto,per l’ennesima volta nella storia. Scioperi spontanei e selvaggi disturbano però l’ordinario funzionamento del capitalismo nazionale e invadono le fabbriche e gli altri luoghi di lavoro. La produzione si ferma, la logisitica di ferma. Iniziano i saccheggi dei grandi centri commerciali, la merce di lusso viene data alle fiamme in un vortice di gioia insurrezionale. L’inizio del collasso del capitalismo sembra all’orizzonte e qualcuno tra noi si prepara ad  assestare il colpo fatale a questo mondo.

Intanto le carceri di tutto il paese iniziano a prendere fuoco e ad alimentarne le fiamme sono le rivolte dei detenuti che protestano per le loro condizioni e per la mancanza di sicurezza dinanzi all’avanzata del mortale virus. L’autorità dello stato ha una sola risposta per placare i tumulti, la più classica: repressione e omicidi. Nel giro di meno di quattro giorni di rivolte perdono la vita per mano delle forze poliziesche una ventina di detenuti da nord a sud, mentre altrettanti riescono ad evadere dalle galere e correre liberi su sentieri illuminati solamente dalla luna, unica fedele compagna dei fuggiaschi e dei latitanti di ogni epoca. Ma il virus non è ancora sazio e anzi prosegue nella sua bramosa fame di morte. Detenuti e proletari, carne da macello per il capitale e per lo Stato, hanno iniziato a minare questo esistente fondato sullo sfruttamento, sulla repressione, sulla non-vita. Gli oppressi ci insegnano che lo stato di emergenza» in cui viviamo è la regola nell’epoca del libero mercato. Il virus ha smascherato l’intima fragilità delle strutture statali e della loro pretesa di essere necessarie, inattaccabili, eterne, divine.

Controllo, sorveglianza, repressione non bastano più a placare la ribellione degli ultimi e degli sfruttati di questo mondo. Il collasso del capitalismo sembra davvero alle porte… La paranoia dilaga nei difensori di questo esistente, infinite possibilità si aprono invece per coloro che di questo esistente vogliono lasciare solo macerie.

La storia narrata nell’introduzione di questo articolo si pone a meta strada tra la cronaca reale delle ultime settimane, la fantasia degna di un film fantascientifico-horror degli anni ’80 in stile “Incubo sulla Città Contaminata” di Umberto Lenzi e una buona dose di analisi di classe auspicando nella caduta del capitalismo. Prendetela per quella che è, un racconto a metà tra la realtà e la distopia scritto durante la quarantena rinchiuso in provincia, niente più, niente meno. Però vi lascio alla fine di questo articolo un interessante contributo da leggere per comprendere al meglio questa situazione di emergenza economico-sanitaria.

Purtroppo però a fare da colonna sonora a questa reclusione forzata non ci sono le sublimi musiche che accompagnavano il film di Lenzi sopracitato ad opera dal grandissimo Stelvio Cipriani, bensì un tripudio di brutale e marcio crust punk imbastardito con le frange più violente del metal estremo e del grindcore. E’ così che nasce quindi “In Front of Paranoia”, rubrica creata con il solo scopo di riscoprire quei gruppi e quei dischi che ritengo fondamentali e che si posizionano a metà strada tra i territori più estremi della musica metal (death su tutti) e il crust punk. In questo primo appuntamento ci addentreremo negli oscuri abissi dell’underground estremo del Regno Unito alla scoperta (o riscoperta) dei Prophecy of Doom e dei Deviated Instinct e di due dischi seminali per la musica estrema a cavallo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90: “Acknowledge the Confusion Master” e “Rock’n’Roll Conformity”.

I Prophecy of Doom emergono dagli abissi dell’underground britannico dei tardi anni ’80 e personalmente ritengo siano stati uno di quei gruppi da ritenere fondamentali e seminali nel rendere vani quei confini immaginari tra la scena crust punk e quella del death metal dell’epoca. I Prophecy of Doom nel 1988 emergono per l’appunto da questo brodo primordiale composto in egual misura da influenze provenienti da entrambi i territori estremi e si sciolgono meno di dieci anni dopo, nel 1996.

Nel 1989 i Prophecy of Doom registrano i loro primo 7″ intitolato “Calculated Mind Rape”, lavoro in cui i nostri ci danno un primo assaggio del loro sound che risente dell’influenza di tutte quelle anime che permeavano l’underground estremo britannico dell’epoca, prendendo a piene mani tanto dal death metal a la Bolt Thrower quanto dal grindcore dei Napalm Death, senza disdegnare echi di retaggi crust punk.

Ma è nel 1990 che Martin (basso), Shrew (Voce), Tom (Chitarra), Shrub (Chitarra) e Dean (Batteria) registrano il seminale Acknowledge the Confusion Master” che vedrà successivamente la luce su CD sotto forma di split con quell’altro capolavoro dell’underground estremo britannico di fine anni ’80/inizio ’90 che è “The Rise of the Serpent Man” degli Axegrinder. Uscito nello stesso anno di “Harmony Corruption”, terza fatica in studio dei Napalm Death, e ad un anno di distanza dal capolavoro “World Downfall” firmato Terrorizer, questo “Acknowledge the Confusion Master” rappresenta anch’esso un ottimo esempio di death-grind che non abbandona mai del tutto però il proprio legame primordiale con le frange più estreme e marce del punk, tanto nell’attitudine quanto nell’atmosfera generale che permea l’intero lavoro. Ci troviamo infatti dinanzi ad un perfetto ibrido tra il primordiale e selvaggio death metal di scuola britannica di gentaglia quali Bolt Thrower e Benediction, il marcio crust/d-beat punk di Doom e primissimi Extreme Noise Terror e il seminale grindcore dei mostri sacri Napalm Death (per rimanere in terra albionica) e dei Repulsion di “Horrified“. Questo variegato spettro di influenze che animava i Prophecy of Doom venne sintetizzato in ben nove tracce e in un sound definibile senza troppi problemi come marcio e brutale death-grind anora legato a doppio filo con il crust punk più selvaggio e primitivo e ben evidenziato da tracce quali Insanity Reigns Supreme, Calculated Mind Rape, Rancid Oracle o la stessa titletrack. All’epoca I Prophecy of Doom son stati sicuramente tra i pionieri di un nuovo modo di intendere la musica estrema e hanno dato una spinta che ritengo fondamentale all’evoluzione della scena grindcore britannica grazie al loro ibrido di death-grind e reminescenze crust/punk. La profezia è stata svelata, la follia regna sovrana...

Prophecy of Doom

I Deviated Instinct si formarono nel lontanissimo 1984 in uno squat di Argyle Street in quel di Norwich e nel giro di due anni registrarono e pubblicarono due demo devastanti intitolate rispettivamente “Tip of the Iceberg” e la seminale “Terminal Filth Stenchcore” che diede addirittura nome ad un preciso modo di suonare crust punk influenzato dal metal estremo, in particolare il death. Nel 1986, ai tempi della pubblicazione di “Terminal Filth Stenchcore” i Deviated Instinct non avrebbero mai pensato che quella parola (stenchcore) nel titolo della loro seconda demo sarebbe poi stata presa come etichetta da affibbiare a tutti quei gruppi caratterizzati da un suond a metà strada tra il crust punk ed il death metal. A quei tempi probabilmente il termine stenchcore era per i Deviated Instinct solamente il modo migliore per descrivere la propria proposta e il proprio modo di suona un crust punk estremamente influenzato dal death e dal thrash metal. Un anno doppo, nel 1987, i Deviated Instinct pubblicano quello che ritengo essere uno dei migliori ep mai registrati, ovvero “Welcome to the Orgy”, quattro tracce tra cui possiamo trovare due dei brani che amo di più del gruppo di Norwich: “Cancer Spreading” e “Scarecrow”. Un Ep seminale che iniziava già a delineare quasi definitivamente il sound selvaggio, abrasivo e marcio tipico dei Deviated Instinct e che sarebbe poi definitivamente esploso sul vero protagonista di queste righe, il magnifico “Rock’n’Roll Conformity“.

E’ finalmente nel 1988 che Leggo (Voce), Tom (Basso), Sean (Batteria) e Rob (Chitarra) decidono di registrare e dare alle stampe il loro primo full lenght che intitolarono “Rock’n’Roll Confirmity”, quello che ritengo essere il loro capolavoro in assoluto e allo stesso tempo il riassunto perfetto del loro sound. “Rock’n’Roll Confirmity” è un disco primitivo nella sua brutalità e di un importanza inenarrabile per la scena estrema britannica di fine anni 80, un disco capace di mettere d’accordo tutti, tanto gli amanti del crust punk più selvaggio quanto quelli del death metal più marcio e brutale. Un riffing influenzato dal death metal così come dal thrash ma mai complesso al punto da valicare l’irruenza selvaggia del punk, una voce si sofferta ma sopratutto aggressiva e graffiante, un’atmosfera generale permeata da un epicità oscura e attratta da tensioni apocalittiche e una batteria martellante che non disdegna qualche brutale blast-beats, sono questi gli elementi attorno a cui ruotano le dieci tracce che compongono “Rock’n’Roll Conformity” e che delineano il death-crust punk suonato dai Deviated Instinct. La doppietta iniziale con cui si apre il disco formata da Pearl Before Swine e da Laugh in Your Face ci travolge con la sua ferocia selvaggia e primordiale che non ha alcuna intenzione di risparmiare le nostre futili esistenze; allo stesso modo le due tracce con cui si giunge al termine del disco, Return of Frost e Mechanical Extinction, sono una tempesta inarrestabile di furia cieca e rabbia primitiva. Rock’n’Roll Conformity è stato un disco seminale, non mi stancherò mai di sottolinearlo. In un’orgia di crust punk imbastardito con il death e il thrash metal della durata di mezz’ora, i Deviated Instinct hanno segnato per sempre la storia della musica estrema, per alcuni inventando addirittura un genere, lo stenchcore. Tirando le somme e giungendo alla conclusione di questo articolo, esiste dunque un solo modo per definire i Deviated Instinct ed il loro sound: sporco stenchcore suonato da quattro squatters di Norwich, niente di più e niente di meno. Pestilenza, carestia, guerra e morte… benvenuti nell’orgia.

 

Contributi da leggere per analizzare la situazione di crisi sanitaria ed economica attuale, la repressione statale e discutere delle possibilità che si presentano dinanzi a noi per colpire il capitalismo e accellerarne la caduta: La Città Appestata di M.Foucault

Saccage – Khaos Mortem (2019)

Tra le macerie di scenari urbani post-apocalittici opera probabilmente di una guerra nucleare, si aggira una strana banda di selvaggi che sembra essere stata rigettata fuori direttamente dalle viscere dell’inferno per portare caos e morte su ciò che rimane del pianeta terra. Un’orda barbarica che si aggira minacciosa tra le lande desolate e abbandonate da ogni forma di vita, pronta ad abbattersi come una ruggente tempesta di fulmini e tuoni su qualsiasi cosa sfuggita alla distruzione totale. Sventolando alto il drappo del male sotto un cielo che preannuncia temporali senza fine e oscurità eterna, i Saccage sono gli emissari del caos che divorerà questo mondo. Il giorno del giudizio si avvicina, non c’è nessun domani certo ma solamente il qui e ora. Non ci resta che scegliere la nostra strada: partecipare alla distruzione e all’assalto di questo mondo o abbandonarci alla vile morte?

Una furia cieca e selvaggia che prende il meglio del metal estremo e del crust punk e li unisce in una formula brutale e devastatrice che non placa la sua famelica ira distruttrice dinanzi a niente e nessuno. Questa è in estrema sintesi quello che ci troveremo sparato a tutta velocità nelle orecchie su “Kahos Mortem”, ultima fatica in studio per i Saccage, gruppo canadese proveniente dal Quebec e impegnato a suonare un ibrido bastardo capace di concentrare solo il meglio che la musica estrema ha da offrire, tanto in ambito metal quanto in quello punk. Un muro di suono solido e devastante che non si fa scrupoli a tritare tutto ciò che trova sul suo cammino, mezzora di assalto barbaro ad ogni fortezza e ogni certezza che deflagra come una molotov lanciata con tutto la rabbia che si ha nel cuore. Dieci tracce cantante in francese da una voce a metà strada tra il growl di derivazione death metal e un ruggito pù vicino a sonorità crust-grind a cui si somma “Mort par la Mort“, pezzo che vuole rappresentare un tributo ai Nunslaughter; dieci tracce che tracciano una mappa perfetta e quasi esaustiva capace di toccare tutti i territori della musica estrema, dal death metal più brutale di scuola Bolt Thrower al grindcore dei Terrorizer di “World Downfall”, passando per le radici dei nostri sempre ben piantate nel pantano del più marcio crust punk dei primissimi Extreme Noise Terror o degli Extinction of Mankind, a cui sommano assalti di natura thrash metal, ritmi d-beat martellanti, blast beats tritaossa come se non ci fosse un domani e sferzate di black metal suonato alla maniera dei Darkhtrone di album come “FOAD” e “Circle the Wagons”. I Saccage definiscono il loro sound semplicemente come “Satanic Black Death Crust” e forse per una volta l’etichetta riesce a racchiudere al meglio tutte le svariate influenze presenti nel vortice di caos e distruzione contenuto su questo incredibile e brutale “Kahos Mortem”. Dall’attacco dell’iniziale “Dechirure” fino a giungere alla conclusiva “La Kermesse du Chernier”, ci troviamo inghiotti in una furiosa e violenta tempesta di metal/punk estremo che non ci lascia tregua e in cui ci è impossibile riprendere fiato, rischiando di soccombere sotto i colpi mortali di tracce come “Souillure Spectrale”, “Jugement (le régicide eurythmique), “Ivresse Liberatrice” e “Le Debaucher”. I Saccage sono una vera e propria orda del caos emersa dagli inferi e venuta sulla terra per portare solamente morte e distruzione. E c’è da essere sinceri, sono estremamente bravi nel far quello che fanno. Ora tocca a noi scegliere il nostro destino: partecipare alla devastazione totale di questo mondo o soccombere tra i suoi orrori?

“ORRORE DAGLI ABISSI” – INTERVISTA AI SEPOLCRO

Solido death metal putrido e oscuro capace di creare atmosfere degne dell’Orrore lovecraftiano che trascinano in dimensioni sconosciute dominate unicamente dall’angoscia, dal terrore eterno e dalla follia, questo è ormai il marchio di fabbrica dei Sepolcro. Lasciatevi dunque inghiottire dagli abissi della vostra mente, lasciatevi divorare dai mostri che li abitano. Lamenti spaventosi si odono in lontananza, abbandonatevi all’orrore dell’ eterna dannazione… Solo i lamenti provenienti dal Sepolcro squarciano il silenzio dei mortali condannati per l’eternità. 

Iniziamo con una domanda classica per chi ancora non vi dovesse conoscere: Chi sono i Sepolcro, quando si sono formati e per quale ragione?

I Sepolcro sono un progetto Death Metal formatosi nel (ormai) lontano 2011 a Verona. Col passare degli anni ci sono stati diversi cambiamenti: formazione, influenze musicali, scioglimenti ecc. ma la passione di suonare musica marcia e putrida non è mai svanita. Nel 2011 si aveva una visuale diversa sul gruppo, come tutti, si è cominciato a suonare cover su cover di grandi classici arrivando poi a comporre musica propria. Di certo, si nota una grande differenza se si ascolta il primo demo “Festering Evocation” (2013) e il nostro ultimo lavoro “Amorphous Mass” uscito poche settimane fa…. questo come già citato è proprio grazie alla crescita ed evoluzione che si è venuti in contro. Alla ricerca del proprio marchio, suono, stile e per cercare di differenziarsi dalla solita “massa” e ondata musicale death metal. I Sepolcro nascono per condividere la propria passione all’interno del gruppo, il clima all’interno puzza sempre di morte… in senso buono ovviamente.

 

Avete da poco pubblicato il vostro ultimo Ep intitolato “Amorphous Mass”, avete voglia di parlarci di questo lavoro in maniera più approfondita?

Amorphous Mass è la nostra nuova creatura uscita il 15 Maggio tramite Unholy Domain Records (Cd/Vinile) e Dismal Fate Records (cassetta). È ‘il primo EP dopo 8 lunghi anni composto da 5 brani per un totale di 20m di puro chaos e distruzione. Credo che sia al momento il lavoro più importante e soprattutto più sudato in casa Sepolcro. Ci siamo messi alla prova a 360° in ambito compositivo e addirittura in ambito recording. Possiamo dire che è stato un parto durato 6/7 mesi (solamente per la produzione finale per la stampa).

Sinceramente, i brani sono stati scritti in brevissimo tempo. Facciamo alla vecchia maniera, io e Simone ci ritroviamo in sala prove senza idee, e totalmente spartani improvvisiamo tenendo i riff che più ci fanno dannare… infatti “Amorphous Mass” è statoregistrato l’anno scorso, precisamente inizio Novembre direttamente nella nostra saletta nell’arco di una giornata (il basso è stato registrato poi da Nor poco tempo dopo negli Stati Uniti). Quindi zero studio professionali e strumentazione al di fuori del normale, ma è proprio così che volevamo farlo. Rude, grezzo e scorretto.

Abbiamo aumentato sicuramente la velocità, con parti che alternano il grind con il black/death introducendo anche parti in scream (Simone) ma rimanendo sempre sulla nostra scia cadenzata old school. E’ stato davvero una sperimentazione da cui sciamo usciti al 100% soddisfatti. Anche a livello di suoni e produzione, o la odi o ti schizza il cervello. Va benissimo così.

La copertina invece, è stata disegnata da un amico di vecchia data spagnolo Cesar Valladares (lavorato per Asphyx, Krisiun e così via), che come sempre sa già cosa vogliamo e come lo vogliamo. Riesce letteralmente a colorare e disegnare la nostra musicadandole una visuale concreta. Al momento le cassette sono sold out (già solo con il pre-order) ma è prevista una ristampa americana sotto Headsplit Records per metà giugno. Mentre Cd potete ancora trovare tramite Unholy Domain Records che avrà anche la versione in vinile quest’autunnocon una copertina diversa.

Cosa vi ispira nella stesura dei testi e più in generale in tutta l’atmosfera e l’immaginario che vi circonda e accompagna?

Una cosa rimasta costante sin dal 2011 sono sicuramente le nostre tematiche nella stesura dei testi. I Sepolcro nascono e rimangono/rimarranno sempre dentro un’atmosfera oscura e Lovecraftiana. Leggo libri su libri scritti da diversi autori, paragonando i loro diversi punti di vista e traduzioni per poi creare dei miei concept personali dando vita alla mia visione del tema in questione. “Amorphous Mass” è il primo piccolo concept ad esempio, cerco sempre di accostare i titoli dei nostri brani con la copertina per poi comporre e disporre le tracce in un senso logico. Nulla è stato messo o fatto per caso.

Siete a parer mio una delle migliori band in Italia a suonare death metal vecchia scuola. Vi sentite in qualche modo parte di una scena death underground in Italia? Quali sono i gruppi che trovate più interessanti nella scena undeground, death metal e non?

In Italia devo ammettere che abbiamo davvero un sacco di gruppi, anche troppi per quello che chiamiamo “scena”. Personalmente non mi ritrovo con la frase “facciamo parte di una scena in italia”… Ripeto, i gruppi ci sono ma manca totalmente il supporto tra i gruppi stessi. E’ tutta un ‘onda che va e viene col passare degli anni, e dalla mia esperienza ho imparato e visto che siamo tutti un branco di stronzi che non sappiamo far altro che lamentarci e sparlare (almeno questo è ciò’ che accade qui nel Nord).

Ma non funziona così. Questo è il motivo per quale con i Sepolcro e altri miei progetti me ne sto alla larga, suonando ad esempio live solo per occasioni che trovo davvero opportune. Gira tutto sempre sulle conoscenze, se conosci lui bene allora sei ungrande e meriti rispetto mentre se gli stai sul cazzo allora sei un gruppo di merda pari a zero… tristezza, soprattutto quando vedi queste storie da persone che hanno +20 anni di carriera alle spalle. Sembra una sfida, a chi “è più cattivo”. La gente può dire quello che vuole che tanto non fa differenza, sono i numeri che contano e al momento mi sta bene così. Nonostante tutto però, ci sono gruppi come Gravesite, Demonomancy, Restos Humanos, Morbus Grave e Hierophant che personalmente mi prendono davvero bene e sono veramente validi!

Come abbiamo già detto il vostro sound pesca a piene mani dal death metal old school più marcio e disturbante, quali sono state e continuano ad essere le vostre principali influenze? 

Le influenze sono sempre in costante evoluzione, non so dirti con precisione quali sono le nostre ora. Sono contento di come suoni questo EP anche perchè vedo che mette in confusione molti recensori… C’è chi dice che abbiamo l’andazzo Europeo e chiinvece Americano, chi dice che assomigliamo a quello come l’altro che dice che sembriamo quell’altro ancora. Sinceramente nemmeno mi interessa, suoniamo la nostra musica e la suoniamo come piace a noi, non abbiamo bisogno di essere classificati e fotocopiati. Di sicuro ti posso dire che l’anno scorso in fase compositiva io e Simone avevamo spesso e volentieri sul piatto gruppi come Of Feather And Bone, Phrenelith e Disma. Siamo molto dentro alla “vera scena” attuale americana ed europea, ci sono ragazzi che stanno veramente buttando fuori dei dischi esplosivi! Di roba vecchia ascolto ormai poco.

Quante pensate abbia ancora da dire e da dare un genere come il death metal oggi nel 2019?

Il death metal sta andando alla grande, più informa che mai!! Sto notando che negli ultimi 2 anni sta tuonando, con tantissimi gruppi nuovi con tantissimi demo da paura. E’ il momento giusto, non c’è niente da fare. Noto un grande supporto all’estero e una gran voglia di vedere gruppi “piccoli” assieme a grossi nomi o addirittura viceversa. Ho notato l’anno scorso in Danimarca al Killtown che gruppi con un demo solo alle spalle come Fetid e Mortiferum erano più attesi e avevano più supporto / pubblico degli Incantation. E’ proprio questo che mi piace di questi anni!! Non è il marchio ma è la qualità che conta, e volendo riesci anche superare i “fondatori e padrini”. E sembra proprio che anche promoters e grosse labels lo stanno capendo supportando e dando a loro volta una grande mano. Speriamo solo che duri il più possibile!!

Nell’ultimo periodo, prima dell’uscita di Amorphous Mass, avete pubblicato un promo intitolato “Necrotheism” e l’ep Undead Abyss, a dimostrazione che siete una band molto prolifica. Cosa pensate sia cambiato da questi ultimi lavori al nuovo Amorphous Mass? E quanto è importante per voi non stare mai fermi a livello di fase compositiva?

L’anno scorso con “Undead Abyss” eravamo super operativi, andavamo in sala prove anche 2/3 volte a settimana e avevamo un sacco di idee da mettere giù. E’ stato un anno davvero intenso, in preda alla ricerca dello stile più adatto a noi, ma ora ci siamo e quest’estate ritorniamo in sala a comporre per il prossimo passo. Credo sia importante tenersi caldi in fase compositiva quanto importante prendersi anche una pausa e staccare. Non ci deve essere assolutamente fretta, rischi di peggiorare e fare le cose tanto per. Ci sono momenti buoni e non, basta semplicemente scovare il momento giusto e immergersi completamente.

Ci tengo a ringraziare di cuore Hannes e tutti i Sepolcro per questa intervista e chiaccherata che ci siamo fatti questa estate e che finalmente vede la luce.

 

 

“SLOWLY WE ROT” – INTERVISTA A LUCA DEGLI ACEPHALIX, DEI NECROT E DEI VASTUM

Questa intervista, come altre che vedranno la luce prossisimamente sulle pagine virtuali di questa webzine, era previsto uscisse sul primo numero della fanzine cartacea di Disastro Sonoro previsto per questa estate. Si sa però che non sempre le cose vanno secondo i piani e quindi l’uscita della fanzine è stata rimandata a data ancora da decidere. Dopotutto in questo 2019 ho voluto che Disastro Sonoro si trasformasse in un’entità polimorfa e multiforme, stanco di vederla relegata a semplice blog. Per questa ragione è nata l’idea della distro e delle collaborazioni e sempre per questo motivo stavo lavorando al progetto della fanzine. Per non perdere dunque tutto il materiale accumulato nel corso dell’estate ecco allora che oggi, al termine di questo 2019, ci tengo a presentarvi l’intervista fatta a Luca bassista dei Necrot, dei Vastum e degli Acephalix, tre creature dedite al death metal più intransigente anche se con sfacettature e influenze differenti. Leggete e godetene tutti mentre lentamente avanza il nostro stato di putrefazione.

 

Quando e come si sono formati gli Acephalix? Come avete deciso di darvi questo nome?
Gli Acephalix si sono formati nel 2007 a San Francisco. Inizialmente formati da Kyle House (chitarrista) e Dan Butler (cantante) hanno avuto molti cambi di formazione fino al 2009. Io sono entrato nel gruppo a inizio 2009 con me pure il batterista Dave Benson e l’altro chitarrista Gabe che poi uscì subito dopo il primo album “Aporia” (attualmente suona negli Old Firm Casuals). Il nome del gruppo significa acefalo ossia senza testa, una specie di senza controllo, selfless, ma anche senza padroni.
>
Il vostro ultimo album “Decreation” sposta definitivamente ul vostro sound verso terreni propriamente death metal, lasciando solo vaghi richiami al vostro passato crust/dbeat. Come è avvenuta l’ evoluzione del vostro sound negli anni? Come siete riusciti a far convivere queste due anime nella vostra proposta? Ma soprattutto, tu come singolo, a quale delle due scene/sonorita ti senti più legato e perché?

Io sono sempre stato molto legato al death metal e l’ho sempre ascoltato e preferito. Se guardi alla storia del gruppo già dal 2011 le sonorità erano molto più death metal che crust. Inizialmente il gruppo era nato come gruppo crust ma con una forte influenza metal. Penso che nel 2009 quando io e il batterista entrammo nel gruppo al posto dei due che ci erano prima ci fu decisamente una spinta più verso il death metal. Anche perché finalmente avevamo una formazione stabile e fu più facile focalizzare cosa davvero volevamo fare. Già alcune sonorità death metal erano presenti da subito e la volontà del gruppo in generale era di andare in quella direzione. Più o meno è andata così.

Da cosa viene il vostro amore per certe sonorità, siano esse death, d beat o crust? Quali sono i gruppi a cui vi ispiravate agli inizi e quali invece pensi possano essere le maggiori influenze degli Acephalix oggi?
È difficile dire le influenze degli Acephalix adesso. Penso che ora dopo 10 anni l’influenza degli Acephalix sono gli Acephalix. Conta che dal 2012 la band è stata inattiva fino al 2016, io mi sono concentrato sul mio gruppo Necrot e gli altri ragazzi hanno fatto altre cose anche non necessariamente legate alla musica. Inizialmente direi le maggiori influenza erano gruppi come Cro-Mags, Grave, Driller Killer, Discharge, Bolt Thrower. Kyle il chitarrista è anche un grande appassionato di blues e Rock’n’roll.

Luca tu sei italiano ma stai fisso ad Oakland, quali pensi siano le maggiori differenze tra la scena hardcore punk e metal undergrognd italiana (se hai avuto modo di conoscerla) e quella americana?
È molto diverso come è vissuta la musica qui. Nella Bay Area il punk e metal sono sempre esistiti sia a livello underground che a livello main stream. Non è stata una fase con un picco a un certo punto che poi è calato, non è mai calato. La gente va ai concerti, ci sono concerti di continuo e locali di ogni livello dai bar, al club più grande, all’arena ma anche allo scantinato di casa di qualcuno o la warehouse dove fanno concerti in maniera diciamo abusiva. Fa parte della cultura e anche lo stile di vita permette alle persone di potersi dedicare più seriamente alla musica in generale anche a livello underground. A partire dall’organizzazione delle sale prove dove affitti una stanza per tutto il mese dove puoi tenere la tua strumentazione e trovare il tuo suono, la possibilità di comprare un furgone a poco e poterlo parcheggiare senza problemi per la strada o anche la flessibilità sul lavoro che permette a band non professioniste di andare in tour ed avere giorni liberi per poterlo fare senza perdere il posto. La scena è molto unita ma è facile fare le cose sulla west coast perché come ti ho detto tantissima gente va ai concerti e supporta i gruppi.

Negli ultimi anni il death metal, precisamente quello più marcio legato alla vecchia scuola del genere, sembra aver trovato una seconda vita, con molti nuovi gruppi che si interessano a certe sonorità. A cosa credi sia dovuta questa sorta di rinascita? Ma soprattutto cosa significa per te e per gli Acephalix suonare death metal nel 2019?
Noi suoniamo death metal da più di 10 anni. Io ho 3 gruppi Necrot, Acephalix e Vastum, tutti gruppi death metal. In totale ho fatto uscire 11 Lp tutti death metal da quando son qui. A me fa piacere che ci sono sempre più gruppi che si interessano e suonano lo stile old school di death metal, il problema è che molti gruppi non durano e così è difficile fare le cose se non dai continuità ai tuoi progetti. Ho visto gruppi spettacolari underground negli anni che adesso non suonano più ed è un vero peccato. Per me suonare death metal è una scelta di vita, sono venuto negli States a 21 anni e mi sono lasciato tutto dietro per poterlo fare e continuerò a farlo. Il mio gruppo più attivo sono i Necrot con più di 100 concerti l’anno in America, Europa,Australia etc. Che ci sia ancora interesse per il death metal nel 2019 non mi sorprende, perché è uno stile di musica assoluto a livello musicale ed è lo stile di musica che meglio rappresenta la realtà in cui tutti viviamo. Acephalix per quanto sia una band a cui sono molto legato non facciamo granché, addirittura per anni non abbiamo fatto niente. Adesso è più un progetto dove registreremo un disco ogni tanto e faremo qualche concerto ma in numero molto limitato. Purtroppo alcuni dei membri del gruppo non hanno molto tempo da dedicargli e fu questa pure la ragione dei 4 anni di inattività fra il 2012 e il 2016.

Prossimi progetti in casa Acephalix? Nuovo album, prossimo tour, ecc.? Avete per caso in mente di venire a suonare in Italia?
Nel futuro registreremo qualche pezzo per uno spilt o un EP. Chi ci ha visto in Italia nel 2011 se lo ricorda ancora spero, ma non penso riusciremo a tornare in Europa per un tour così lungo. Come ho detto prima non c è la possibilità per alcuni dei membri di dedicare molto tempo alla band. Cmq mai dire mai, a me farebbe piacere.

Voi come Acephalix e tu come singolo, vi sentite parte di una cosidetta scena death metal locale e/o mondiale? Ha ancora senso secondo te parlare di scena oggigiorno? Se si, quali sono gli aspetti positivi e quelli negativi del far parte di una determinata scena?
La scena è tutte le persone coinvolte nel supportare e promuovere la musica estrema in generale. Dalle band a gli organizzatori a chi fa le recensioni, alle etichette, a chi registra, a chi fa i suoni live, a chi fa le foto a chi viene ai concerti etc. Senza la scena non ci sarebbe tutto questo. Poi dipende cosa intendi per scena. A volte la “scena”viene intesa come un gruppo ristretto, una specie di élite formata da un determinato gruppo di persone che si veste in una certa maniera o ascolta determinati gruppi e si sente speciale. Questa è una stronzata secondo me che divide invece di unire. Per me chiunque partecipa in qualsiasi modo a far si che la musica estrema, che sia metal, punk, grind o crust o quel che sia continui a essere rilevante fa parte della scena. Quindi si la scena per quel che la intendo io c’è ed esiste a livello mondiale.

Oltre a suonare il basso negli Acephalix sei impegnato con altri due gruppi, i Necrot e i Vastum, due delle migliori realtà death metal degli ultimi anni. Cosa puoi dirci di questi altri tuoi progetti? Quali sono le maggiori differenze tra suonare negli Acephalix e suonare nei Necrot o Vastum?
Suonare nei Necrot è diverso semplicemente perché è una band a tempo pieno. Siamo in tour per mesi all’anno ed è realmente una scelta di vita che condiziona tutto il resto. Pianifichiamo tutto l’anno in advance, i tour, periodi dove scriviamo pezzi nuovi, quando registriamo. A volte partiamo e torniamo a casa dopo 3 mesi. Suonare con gli Acephalix o con i Vastum è molto più come avere dei progetti che prendono solo un po’ del mio tempo ma di per se non pregiudicherebbero lo svolgimento di una vita “normale” cosa che con i Necrot non è possibile perché i Necrot diventano la vita e la normalità non esiste più.

Sei libero di concludere l’intervista come meglio credi carissimo Luca! Grazie mille per il tempo che mi hai dedicato, Disastro Sonoro supporta gli Acephalix, i Vastum e i Necrot, lunga vita la death metal!
Grazie per l’intervista e spero di non avervi annoiato troppo con tutte queste informazioni sulle mie band. Andate ad ascoltarle se non le conoscete. Un saluto da Oakland!

Into the Grave

Brevi Resoconti dagli Abissi Putrescenti della Scena Death Metal

Into the Grave, primo disco in studio degli svedesi Grave datato 1991. Anni Novanta, albori e apice della scena death metal mondiale con band ormai divenute nomi di culto quali Entombed, Obituary, Dismember, Incantation, Autopsy e moltissime altre, anche quelle rimaste relegate nei meandri quasi impenetrabili dell’underground come le statunitensi Derketa/Mythic o gran parte della scena estrema finlandese, Demilich su tutti. Questa premessa per dire cosa? Semplicemente per introdurre l’argomento protagonista di questo articolo: un “forse breve” viaggio tra i migliori dischi usciti in ambito death metal nell’arco di questo 2019 che sta volgendo al termine. E per sottolineare che la passione per un certo modo di intendere e suonare il “metallo della morte” non solo non è ancora morta ma anzi sembra aver trovato un terreno estremamente fertile negli ultimi anni e in moltissimi gruppi in tutto il mondo. 

Premessa, so benissimo che spiazzerò tutti quanti i lettori di questo articolo e tutti gli amanti del death metal, ma ho volutamente scelto di non parlare dello splendido “Hidden History of Human Race” dei Blood Incantantion (quasi senza ombra di dubbio il miglior disco death metal uscito nel 2019) perchè ho letto davvero dappertutto entusiastiche (giustamente) lodi nei suoi confronti e non serve di certo che sia io a dirvi di andarvelo ad ascoltare prima di subito e di farlo vostro appena potete. Preferisco concentrare le mie energie e le mie parole su tanti altri bellissimi dischi che hanno riempito il panorama death metal di questo dannato 2019 che sta volgendo finalmente al termine.

Enter the gates, gates to madness, you feel that the end is near, you know that your end is here…

Sepolcro – Amorphous Mass (Unholy Domain Records/Dismal Fate Records)

I Sepolcro non si sono fermati nemmeno un secondo negli ultimi due anni e dopo “Necrotheism” (promo pubblicato nel 2018) e “Undead Abyss” (Ep sempre del 2018) regalano a noi anime dannate assetate di death metal vecchia scuola questo nuovo lavoro intitolato “Amorphous Mass”, un concentrato putrescente di sincero e appassionato metal della morte. Cinque tracce tra cui troviamo “Unnamed Dimension” e “Malignant” che avevamo già avuto la fortuna di poter ascoltare sul promo “Necrotheism” e tre nuovi pezzi, tra cui emerge in tutto il suo marciume sepolcrale e opprimente la conclusiva “Amorphous Mass”. Solito death metal vecchia scuola quindi il concentrato di questa ultima fatica in casa Sepolcro, un death metal abissale, angosciante, asfissiante sempre fedele a mostri sacri come Autopsy o Disma e influenzato in egual misura dalle soluzioni death/doom di una certa scuola statunitense che risponde a nomi quali Winter o Cianide ma anche a maestri indiscussi del genere come gli Asphyx. Solito death metal putrido e oscuro, ricetta infallibile e ormai marchio di fabbrica dei Sepolcro, un sound capace di creare atmosfere degne dell’Orrore lovecraftiano che trascinano in dimensioni sconosciute dominate unicamente dall’angoscia, dal terrore eterno e dalla follia. Lasciatevi dunque inghiottire dagli abissi della vostra mente, lasciatevi divorare dai mostri che li abitano. Lamenti spaventosi si odono in lontananza, abbandonatevi all’orrore di una condanna ad eterna dannazione… Solo i lamenti provenienti dal Sepolcro squarciano il silenzio dei mortali.

Krypts – Cadaver Circulation (Dark Descent Records).

Il prossimo gruppo di cui voglio parlarvi manifesta senza troppi problemi le influenze della scuola death metal finlandese tanto amata dal sottoscritto, probabilmente anche perchè si tratta di un gruppo proveniente da Helsinki. Sto parlando dei Krypts, da anni ormai autori di grandiosi dischi e che a maggio ci hanno regalato l’ennesimo capitolo del loro death/doom soffocante, abissale e funereo debitore tanto al sound tipicamente finnico di act quali Demigod, Abhorrence e Demilich quanto alla proposta asfissiante e funebre degli Evoken, senza scordare i Grave Miasma. “Cadaveric Circulation” affonda le sue radici nella solita palude mortifera a cui ci hanno abituato i finlandesi negli anni e ancora una volta i Krypts riescono a costruire un’atmosfera opprimente e tormentata, costante per tutte la durata del disco. Il grow cavernoso ed abissale di Anti riesce inoltre a rendere il tutto ancora più soffocante, come se si stesse affogando nelle sabbie mobili che lentamente trascinano giù senza possibilità di fuga. Il disco si apre con il riffing serratissimo di “Sinking Transient Waters” che lascia presto spazio a rallentamenti doom, mentre la successiva “The Reek of Loss” viene introdotta da un riff che farebbe invidia agli Evoken per poi sfociare in un death metal molto simile ai Grave Miasma per quanto riguarda il groove ed infine torna ad essere una lenta agonia simil funeral doom. E’ un death metal tanto fedele alla vecchia scuola quanto lento ed atmosferico quello proposto dai Krypts, una proposta che non spinge quasi mai sull’accelleratore o sulla brutalità ma che preferisce al contrario giocare con i rallentamenti e con le melodie così da creare sensazione di tensione costante, una sorta di quiete oscura prima della tempesta in cui ci si smarrisce e ci si sente mancare l’aria. “Vanishing” e “Circling the Beetween“, doppietta co cui ci si avvia alla conclusione di “Cadaveric Circulation”, sono due tracce dotate di un songwriting ispiratissimo e davvero elevato che possono esemplificare al meglio la maturazione definitiva del sound death/doom dei Krypts. “And so it comes to be out of closing shadows, contaminating all. And I yield under the dismal miasma! And let it fill the air…”

Tomb Mold – Planetary Clairvoyance (20 Buck Spin Records)

Partiti nel 2016 con un paio di demo e giunti nel 2017 al debutto con “Primordial Malignity”, un titolo estremamente esplicativo del sound proposto su quel disco, i Tomb Mold  quest’anno ci hanno regalato il fantastico “Planetary Clairvoyance”, terza fatica in studio per i canadesi in tre anni senza perdere un minimo di qualità nel songwriting o nell’attitudine. Partiti con un death metal primitivo totalmente debitore alla scena finlandese, quello che ci offrono oggi i Tomb Mold è invence un sound che evidenzia una certa volontà di evoluzione nonchè una dose di ricerca sonora sulla falsa riga del percorso intrapreso dai Blood Incantation. Questa volontà di evoluzione sonora e di mettere ordine alla loro “malignità primordiale” si mostra palese fin dalla scelta del titolo, molto più mistico ed evocativo rispetto al passato. Non fraintendetemi, la matrice di partenza da cui si articola il death metal vecchia scuola dei canadesi è sempre la stessa e nelle sette tracce che compongono “Planetary Clairvoyance” si può ancora sentire tutta l’influenza degli Adramelech di “Psychostasia”, i Demilich del capolavoro “Nesphite”, di “World Without God” dei Convulse e qualcosa dei Bolt Thrower o degli Incantation (influenze riscontrabili tanto nella prima parte di “Accellerative Phenomenae” quanto in “Infinite Resurrection”), però il tutto suona come un disco dei Tomb Mold al 100% e non come qualcosa di derivativo, scontato o peggio ancora prevedibile. Un death metal si aggressivo come sempre, ma anche profondamente ragionato e meno impulsivo rispetto al passato, un sound che riesce a bilanciare in modo ottimale il groove, la brutalità, la tecnica e i cambi di tempo, basti pensare al brano di apertura “Beg For Life”, alla successiva titletrack o a “Infinite Resurrection”, tutti brani arricchiti inoltre da assoli da paura! Per concludere “Planetary Clairvoyance” è un disco da ascoltare tutto d’un fiato dall’inizio alla fine, perchè la maturazione dei Tomb Mold li ha portati a suonare un death metal assolutamente personale pur mantenendo tutta l’aggressività dei primi lavori e un retrogusto fortemente old school.  

Witch Vomit – Buried Deep in a Bottomless Grave (20 Buck Spin Records)

Sepolto vivi in una tomba senza fondo” può essere tradotto in questo modo il titolo del nuovo album in casa Witch Vomit pubblicato dalla 20 Buck Spin Records che quest’anno in ambito death metal l’ha praticamente fatta da padrona grazie ad una serie di uscite di altissimo spessore. Parliamo dei Witch Vomit e di questo loro “Buried Deep in a Bottomless Grave”. Il sound di partenza dei ragazzi di Portland è sempre la solita barbarie di death metal vecchia scuola che non conosce compromessi o cedimenti e che prende le mosse dalla lezione della scuola svedese (in quanto a riffing e gusto per certe melodie) di Entombed e Dismember e la imbastardisce con influenze di matrice Incantation e Autopsy. Niente di nuovo direte voi, e sticazzi? I Witch Vomit suonano bene, suonano con passione e attitudine e non sembrano soltanto un gruppo clone di Entombed o Incantantion, bensì possono vantare una buonissima capacità nel songwriting e nel riffing praticamente sempre azzeccato e facilmente ricordabile, senza mai lasciar da parte un’irruenza selvaggia nel suonare il più violenti possibili. Un death metal barbaro e primitivo come nell’accoppiata formata da “Despoilment” e dalla titletrack, ma si potrebbero citare anche ottime tracce quali “Dripping Tombs” (traccia in cui si sente tutta l’influenza della scuola death svedese) e “Squirring in Misery” per evidenziare tutta la violenza selvaggia sorretta da ottimi riff, una doppia cassa che frantuma le ossa del cranio e da un growl cavernoso che entra in profondità nei meandri più sconosciuti della mente dando vita ad allucinazioni di morte e disperazione. Sepolti vivi nell’eterna dannazione, nelle profondità della terra putrida… Witch Vomit e barbarie!

Fulci -Tropical Sun (Time to Kill Records)

Cosa ci si potrà mai aspettare da un gruppo che fin dal nome vuole omaggiare uno dei più grandi registi di cinema horror di sempre? Quale sarà mai il contenuto di questo “Tropical Sun” che fin dalla copertina cita senza nascondersi “Zombie 2“, capolavoro del maestro “poeta del macabro” Lucio Fulci datato 1979? Dai che ci siete già arrivati. Il meglio del death metal di stampo americano, quello più brutale e groovy sulla scia di Cannibal Corpse, Diyng Fetus, Suffocation e Devourment condito da tematiche che pescano a piene mani dal cinema horror/gore. Titolo dell’album e copertina che potrebbero benissimo essere scambiati per titolo e locandina di qualche film del filone “cannibale” di serie Z, a maggior riprova di quanto i Fulci stiano in fissa persa per tutto quello che riguarda cinema e immaginario horror/gore/splatter. Il sound di questo “Tropical Sun” come già evidenziato sopra non è assolumante nulla di innovativo ma cazzo se funziona! Si tratta infatti di genuino e barbaro brutal death metal che sa bilanciare sapientemente rallentamenti angoscianti e accelerazioni brutali, il tutto condito da un riffing assolutamente groovy a cui è impossibile resistere! Tutti gli elementi appena elencati sono perfettamente riscontrabili in pezzi quali la titletrack, “Legion of the Resurrected” o “Eye Full of Maggots”, probabilmente i momenti migliori di tutto “Tropical Sun”. A tutte le stazioni radio: una terribile epidemia ha colpito Caserta e sembra provenire da lontano… orde di cadaveri tornano in vita e mangiano i vivi… Illuminati dalla luce accecante di un sole tropicale, i Fulci sono tra noi e sono pronti a divorarci.

Cerebral Rot – Odius Decent into Decay (20 Buck Spin Records)

Loimaa, Finlandia, primissimi anni Novanta. I Demigod pubblicano “Slumber of Sullen Eyes”, uno dei dischi migliori partoriti dalla scena death metal finlandese in quegli anni. Gli Adramalech nello stesso anno (1992 per la precisione) pubblicano un ep devastante intolato “Spring of Recovery“. A Helsinki invece gli Abhorrence pubblicano il loro unico Ep, perfetto esempio di death metal oscuro e opprimente tipicamente finlandese. Intanto nella vicina Svezia i Grave tirano fuori dalle tenebre il loro capolavoro “Into the Grave”. Oggi nel 2019 tutte queste influenze possono essere riscontrate in “Odius Descent Into Decay” disco d’esordio dei Cerebral Rot, gruppo di Seattle che suona un death metal vecchia scuola con le radici ben piantate nella lezione della scena scandinava, tanto svedese quanto finlandese. Marcio e primitivo death metal direttamente dagli anni Novanta, un riffing azzecatissimo anche se non vario capace però di creare un’atmosfera assolutamente cupa e asfissiante, un growl catacombale che proviene direttamente dagli abissi più putrescenti e assoli che si stampano in testa, sono queste  certamente le migliori armi che hanno da offrire i Cerebral Rot. “Repulsive Infestation of Cadaver” e “Putrefaction (Eternale Decay)” sono certamente da annoverare tra i pezzi più interessanti di tutto il disco. “Odius Descent Into Decay” rappresenta la colonna sonora perfetta per affrontare l’eterno decadimento delle nostre esistenze oramai in stato avanzato di putrefazione! Slowly we Cerebral Rot…

Mortiferum – Disgorged from Psychotic Depths (Profound Lore Records)

Aaaaaaah i Mortiferum. Attesissimo (almeno per me) il loro primo disco dopo quel fulmine a ciel sereno che fu “Altar of Decay”, demo che i nostri hanno rilasciato ormai due anni fa e che presentava ventidue minuti di opprimente e oscuro death/doom metal degno della miglior tradizione del genere. Dal loro abisso fatto di oscurità impenetrabile quest’anno, finalmente, il gruppo di Olympia (Washington) ha tirato fuori “Disgorged from Psychotic Depths”, grazie anche al supporto della Profound Lore Records. Il disco di apre con “Archaic Vision of Despair”, traccia caratterizzata da un’inizio molto lento e quasi “funeral doom” rotto solamente dall’emergere di un growl cavernoso, facendoci piombare immediatamente in un’atmosfera cupa e asfissiante, atmosfera che sarà la costante in questa discesa lunga trentasei minuti negli abissi più angoscianti e opprimenti dipinti dai Mortiferum su questo “Disgorged from Psychotic Depths“. Tempi lenti e rallentamenti sono quindi una caratteristica strutturale nel sound proposto dai Mortiferum, i quali però sanno anche spingere sull’accelleratore e giocare sapientemente con cambi di tempo e un riffing davvero ispirato, come possiamo ascoltare nella successiva “Inhuman Effigy”. Ma nel decadente e putrido death metal imbastardito dai rallentamenti doom dei nostri c’è anche spazio per una certa dose di “groove”, basti pensare ai riff portanti di “Funeral Hallucinations”, uno dei momenti migliori presenti sul disco. Anche con “Disgorged from Psychotic Depths” bisogna fare lo stesso discorso fatto per i Tomb Mold; ci troviamo difatti dinanzi ad un disco dal suono granitico ed impenetrabile che dovrebbe essere ascoltato dall’inizio alla fine senza avere il tempo di riprendere fiato, ci si dovrebbe abbandonare nei suoi abissi e lasciarsi inghiottire dalla sua totale oscurità, smorzata apparentemente dal breve intermezzo acustico posto in apertura della conclusiva “Faceless Apparition”. Per coloro che hanno un debole per “Musta Seremonia” dei Rippikoulu, per gli Autopsy e per i più recenti Spectral Voice questo “Disgorged from Psychotic Depths” è un lavoro assolutamente da non perdere! Persi negli abissi tra visioni di disperazione eterna e alluccinazioni di morte, senza più via di fuga…

Ossuarium – Living Tomb (20 Buck Spin Records)

Dopo l’ottimo demo “Calcified trophies of violence” dello scorso anno, finalmente gli Ossuarium da Portland pubblicano il loro disco di debutto intitolato “Living Tomb”. Ci hanno insegnato a non giudicare un libro (o disco in questo caso) dalla copertina, ma probabilmente nulla è più indicativo della copertina di “Living Tomb” in merito al sound proposto dagli Ossuarium. Ci troviamo infatti dinanzi ad un ottimo concentrato di death/doom metal vecchia scuola che affonda le sue marciulente radici in profondità nella lezione degli Asphyx della doppietta “The Rack”/”Last One In Earth”, degli Autopsy di “Mental Funeral” e dei Gorement dell’ottimo Ep “Into Shadows”. Opprimente death metal imbastardito da rallentamenti doom che creano un’atmosfera profondamente angosciante e sinistra; un death metal che non eccede nelle accelerazioni a rotta di collo o in un riffing super serrato, bensì preferisce costruire, spesso ricorrendo a divagazioni più melodiche, un’atmosfera generale decadente che lascia addosso sensazioni di angoscia e paura. La doppietta formata da “Vomiting Black Death” e da “Corrosive Hallucinations” rappresenta a mio parere il momento più alto di tutto “Living Tomb” per quanto riguarda il livello di songwriting offerto dagli Ossuarium; ritroviamo infatti in queste due tracce, così come nell’ottima “Writhing in Emptiness“, tutti gli elementi che rendono il sound dei nostri estremamente interessante e differente da tutto il resto uscito in ambito death metal quest’anno: il gusto per le melodie capaci di creare atmosfere di costante angoscia e decadimento, rallentamenti doom che amplificano la sensazione di smarrimento e desolazione e un growl primitivo e cavernoso, oltre ad assoli pressochè sempre azzeccati. “Living Tomb” si conclude infine con “End of Life Dreams and Visions pt.2“, traccia che funge da perfetta colonna sonora per noi anime agonizzanti pronte ad addentrarci nella regione dell’eterna dannazione dominata dall’oscurità e dall’orrore polimorfo. I’m the one last to scream in front of the living tomb…

Vastum – Orificial Purge (20 Buck Spin Records)

A distanza di un anno dal fantastico split insieme agli Spectral Voice, i californiani Vastum tornano a torturarci i timpani con questo nuovo “Orificial Purge”, un disco che renderà felici tutti coloro che hanno una dipendenza incurabile (come il sottoscritto) per il death metal old school di scuola Bolt Thrower, Incantation e Grave. Il disco parte fortissimo con la doppietta lancinante “Dispossessed in Rapture” e “I On the Knife”, assalti brutali finalizzati fin da subito a far capire che i Vastum non vogliono lasciare via di scampo e non vogliono fare prigionieri ma unicamente diffondere il loro verbo di distruzione totale. Un riffing primitivo ma ispiratissimo che riporta spesso alla mente tanto i Bolt Thrower di “Realm of Chaos...” quanto gli Incantation di “Onward to Golgotha“, perfettamente bilanciato da melodie capaci di donare all’intero lavoro un’atmosfera profondamente sinistra e maligna, assoli da brividi debitori dei migliori Morbid Angel e l’alternarsi del growl di Daniel Butler e di Leila Abdul-Rauf che rende la proposta dei Vastum varia e personale, sono queste le caratteristiche del death metal proposto nelle sei tracce presenti su “Orificial Purge“. Tutto questo alternarsi di ferocia e di atmosfere sinistre è sorretto inoltre in maniera magistrale da una sezione ritmica che trita le ossa e lascia alle sue spalle solamente cumuli di macerie, ne sono perfetti esempi la terza traccia “Abscess Inside Us” o la penultima “Reveries in Autophagia”. Il death metal vecchia scuola dei Vastum, come al solito, apre ferite profondissime e lancinanti sulla pelle che iniziano a marcire a mano a mano che i minuti passano, canzone dopo canzone, e con la pelle inizia ad andare in putrefazione anche la mente ormai invasa dall’orrore… Affogando nei meandri del tormento interiore, schiavi ormai dell’oscurità.

Rumori Veloci – A Proposito di Ep, Demo & Split Albums #03

La copertina di questo terzo episodio di Rumori Veloci se la aggiudica la carogna intrisa di romanticismo dell’ex pugile francese Cristophe Dettinger che, nel contesto dell’ennesima giornata di rivolta e sommossa generalizzata dei Gilet Gialli a Parigi, con tutto l’odio che aveva nel cuore affronta a mani nude la gendarmeria in tenuta antisommossa. E come un gancio in pieno volto, i rumori veloci di cui vi parlerò quest’oggi vi lasceranno privi di sensi, sanguinanti, distesi a terra. In compagnia di Sepolcro, Potere Negativo, Stalker e The Seeker, che il disastro sonoro sia con voi ancora una volta! Tout le monde deteste la police! Tout le monde aime le bruit!

Ama il rumore, odia gli sbirri!

Sepolcro – Necrotheism Promo 2018 – In attesa di un nuovo Ep e sperando in un full lenght il prima possibile, i Sepolcro danno in pasto a noi anime dannate assetate di metal estremo questo promo intitolato “Necrotheism”, pubblicato in formato cassetta, in sole venti copie rosso sangue, per noi tutti amanti non solo del rumore ma anche di un certo modo di ascoltarlo (e collezionarlo) tipicamente vecchia scuola. Quello che ci regalano ancora una volta i Sepolcro è la loro solita interpretazione dell’old school death metal, quello più marcio e malato che non disdegna rallentamenti opprimenti al limite del doom in grado di creare atmosfere sinistre e angoscianti. Innegabile l’influenza primordiale di mostri sacri come gli Autopsy, i Morbid Angel e qualcosina a la Grave, anche se il death metal dei nostri ha le radici ben salde sopratutto in certa scuola finlandese riconducibile al sound oscuro di Disma e Funebrarum su tutti, senza dimenticare il death imbastardito col doom più funereo suonato dagli americani Winter agli inizi dei ’90 sullo splendido “Into Darkness”. Sono solamente due le tracce presentate dai Sepolcro su questa promo, “Unnamed Dimension” e “Malevolent Mist”, ma potranno certamente soddisfare i palati poco raffinati di tutti noi amanti dell’old school death metal più disturbante, marcio e opprimente! Death metal senza fronzoli imbastardito con rallentamenti e atmosfere pesantemente doom, immaginario e liriche che non nascondono l’amore viscerale per le folli opere dell’immenso Lovecraft, questo sono i Sepolcro e questo troverete su “Necrotheism”, nothing less nothing more! Slowly we rot into the grave!

“Ora basta ora basta, te lo grido in faccia, questo è il mio primo passo della mia rinascita”, urlavano cosi i genovesi Kafka negli ormai lontanissimi anni 90 con il loro hardcore furioso nella traccia “Ho Sempre Sbagliato”. E questo “Vertebre”, nuovissimo e attesissimo Ep segna davvero una sorta di rinascita per gli Stalker, dopo troppo tempo di silenzio e assenza. Come ben saprete gli Stalker si formarono proprio dalle ceneri degli indimenticabili e indimenticati Kafka accogliendo alla voce Alberto degli Ex-Otago nel lontano 2008 e oggi tornano più forti che mai con il loro hardcore ricco di sfumature personali e suonato con attitudine e passione sincera! “Vertebre” è composto da quattro tracce difficilmente etichettabili in un unico genere ben definito, questo a dimostrare quanto l’hardcore suonato dagli Stalker sia ricco di influenze e di spunti originali che vanno da atmosfere post rock alla rabbia del classico post-hardcore, regalandoci momenti assolutamente godibili grazie sopratutto alle liriche introspettive profondamente radicate nella tradizione hardcore italiana degli anni ’90 (Frammenti) o primi ’00 (Affranti). L’esempio migliore di quanto ho appena scritto ce lo da la titletrack, una mazzata che prende allo stomaco, traccia che rimane in bilico costante tra labile quiete e la tempesta che irrompe improvvisamente, con momenti e passaggi post rock a tratti malinconici sui quali si staglia solamente la voce di Alberto affilata come una lama che trafigge la fredda pelle mentre recita un testo intriso di malessere esistenziale. Tra le quattro tracce troviamo anche “Mai Più” già registrata precedentemente a questo Ep addirittura nel 2009 ma che si fa ascoltare sempre con enorme piacere risultando essere ancora oggi uno dei pezzi più intensi mai scritti dagli Stalker! È un hardcore polimorfo e cangiante quello suonato dai genovesi, in tensione costante tra momenti più atmsoferici e pulsioni noise, che ci trascina dentro un tornado di emozioni e umori  differenti da cui non è facile uscire per riprendere fiato. Volontà di esserci, volontà di farcela… E se mi rialzo fa più rumore! Bentornati Stalker!

Milano odia ancora! I Potere Negativo dopo il bellissimo esordio dello scorso anno intitolato “Il Mondo che Crolla”, tornano finalmente regalandoci queste due tracce di riottoso e selvaggio d-beat/raw punk hardcore condito come al solito con testi impregnati di rabbia, nichilismo, disillusione e odio che restano assolutamente uno dei loro punti di forza insieme ad una capacità non scontata di costruire pezzi che si stampano quasi immediatamente in testa. Due tracce che proseguono nel percorso tracciato lo scorso anno, anche se è possibile scorgere nel muro di rumore costruito dai Potere Negativo passaggi non scontati come l’atmosfera vagamente sludge che apre l’iniziale “Resti”. Due tracce per un totale di 2 minuti e 35 secondi di rumoroso e sporco hardcore, cosa cazzo si dovrebbe chiedere di più ai Potere Negativo? In attesa di ascoltare qualcosa di più sostanzioso lasciamo che Milano bruci, lasciamo che le fiamme della gioia inghiottano la grigia metropoli… solo il rumore è per sempre, il rumore del nostro mondo che sta ancora crollando!

 

Powerviolence über alles! I The Seeker continuano a regalare schegge di rumore impazzite e a breve distanza dalla pubblicazione dello split insieme ai tedeschi ArnoXDuebel, tornano con questo demo di 6 tracce che annuncia non solo l’uscita di uno split con i Mediated Form ma anche la pubblicazione di altri 15/17 pezzi (inclusi quelli presenti su questa demo) intorno alla metà di marzo, dimostrando che non sanno stare fermi un attimo e che il rumore, specialmente quello suonato veloce, scorre costantemente nelle loro vene! Sempre in bilico tra sonorità powerviolence e quelle più classicamente hardcore, i nostri non si stancano mai di suonare veloci e senza compromessi! Questa demo si apre

con la bellissima “Bring Me the Head of Benny Mussolini”, pezzo antifascista con un titolo inequivocabile per tutti i fasci di merda là fuori, al quale segue “Psych – O)))” un’altra traccia potente come un calcio nello stomaco e accompagnata da un testo introspettivo sublime che trasuda disagio esistenziale e culmina nella frase “I’m scared of people because people are scared of me”, devastante! I The Seeker dimostrano ancora una volta di essere di un altro livello, probabilmente uno dei migliori gruppi attualmente a suonare powerviolence fedele ai nomi classici del genere e allo stesso tempo ricco di sfumature personali, soprattutto nella vena irriverente che permea le liriche. Chiamiamolo e chiamatelo come volete, questa è l’essenza del fast-hardcore sparato a mille, suonato senza fronzoli e senza compromessi, con attitudine e passione sincera! Per il Potereviulenza, per l’anarchia i The Seeker sono in prima linea sulle barricate! Love at first molotov, amore a primo ascolto!