Tag Archives: Blackened Crust

“Mentre il collasso della civiltà umana avanza…” – Intervista agli Human Host Body

La prima volta che mi sono imbattuto negli Human Host Body è stata grazie ad un loro split insieme ai canadesi Storm of Sedition e posso ammettere senza problemi di essermi infatuato immediatamente del loro “d-beat possessed metal”, una devastante formula in cui convivevano (e convivono tuttora) pulsioni crust punk e tensioni black metal. Qualche giorno fa ho fatto una serie di domande agli Human Host Body per parlare non solo strettamente della loro musica e dei loro progetti futuri, ma sopratutto per affrontare insieme questioni come la piaga del nazi-fascismo all’interno della scena black metal, le posizioni anti-civilizzazione e anarchiche che animano il loro progetto e pratiche come l’autoproduzione e l’autogestione che sono strettamente legate alla scena punk-hardcore. Preparatevi perchè le parole degli Human Host Body, proprio come la loro musica, si abbattono come una tempesta tuonante sulla civiltà umana per decretarne l’inevitabile collasso.

Ciao ragazzi! Intanto volevo ringraziarvi per aver accettato di rispondere ad alcune domande. Vi va di presentarvi per chi non dovesse conoscervi? Comè avvenuta la scelta del nome della band?

Ciao! Grazie a te, è un onore chiaccherare con Disastro sonoro! Siamo in quattro Andrej, Dalibor, Luka, Marko e gli inizi degli HHB risalgono alla nostra adolescenza, intorno al 2004. La band è cresciuta con noi e noi con lei siamo diventati adulti insieme. Ultimamente tendiamo a mischiare soprattutto d-beat e metal. Poi è chiaro che tutto cambia, che tutto è sempre in continuo e graduale divenire. Però c’è da dire che ci troviamo proprio bene in queste acque grind/death. Quanto al nome, l’origine è a dir poco demenziale. Ci siamo ispirati a una puntata di South Park (s8e14), quella in cui agli animaletti del bosco serve un corpo, un ospite umano per Satana…

Lo devo ammettere, vi ho scoperti con lo split insieme agli Storm of Sedition e rimasi immediatamente folgorato dalla vostra proposta a metà strada tra crust e black metal. Da dove e come nasce la scelta di mischiare questi due generi?

Lo split degli Agains Empire con gli Iskra, quasi di sicuro quella è stata la prima svolta. Fu una rivelazione folgorante! Col tempo abbiamo capito che ci convinceva, che anzi era un’idea che ci piaceva proprio. D’altra parte ha sicuramente influito molto anche il fatto che qui sulla costa, da dove veniamo, la scena black metal è sempre stata molto forte. Qui poi metallari e punxs si sono sempre tranquillamente frequentati. Alla fine, per farla breve, il succo è che ascoltiamo un sacco di roba, ci piacciono il d-beat, lo stench, il death, il grind e poi proviamo a mischiare tutto insieme cercando di darci un senso. In fondo siamo un misto anche nella band: due metallari per due punx.

Rimanendo a parlare di black metal, saprete meglio di me che la scena black a livello internazionale è piena di gruppi palesemente nazi o di gruppi ambigui che simpatizzano o collaborano con band fasciste, razziste o omofobe. Qual è la vostra posizione al riguardo?

Qua c’è una sola e unica posizione: zero tolleranza per il NSBM e per qualsiasi ideologia fascista e fascistoide. Le nostre radici sono nel DIY punk. Non abbiamo mai suonato a festival metal e la scena metal slovena ci ignora, o meglio ci considera punk. Da parte nostra non abbiamo alcun desiderio di mescolarci a questa scena. Ci sentiamo a nostro agio nelle realtà occupate, nei centri sociali e negli squat, ma soprattutto ovunque si riunisca, operi e lavori gente che la pensa come noi.

Siete anzitutto un gruppo che viene dal d-beat, e dato che, nella mia ottica ma non solo mia per fortuna, il punk non è solo musica bensì un mezzo per diffondere pratiche come lautogestione o l’autoproduzione e per contrastare concretamente questo mondo fatto di sfruttamento e oppressione, che importanza ha la dimensione della lotta politica nella vita degli Human Host Body?

È fondamentale! Un’arte priva di contenuti politici è un mero prodotto consumistico. Il nostro merch è quasi del tutto autoprodotto, i tour ce li organizziamo da soli. Per noi è questo il modo più autentico in cui si può fare parte di questa subcultura. Luka e Marko poi sono stati in prima linea nell’occupazione e autogestione dell’ex INDE, una fabbrica abbandonata di KoperCapodistria, durata dal 2014 fino allo sgombero nel 2017.

Che ruolo rivestono pratiche come lautogestione o il DIY nella vostra musica e nella vostre esistenze?

Per la  prima metà della domanda vedi sopra :). Quanto alle nostre vite, riveste un ruolo decisamente grande. Grazie a e tramite la musica siamo entrati in contatto con parecchia gente, soprattutto con movimenti che hanno influenzato il nostro modo di percepire il mondo. I tour poi ti portano tra posti e persone dove hai l’opportunità di incontrare o conoscere ulteriormente pratiche a te poco note o sconosciute. Tra l’altro proprio l’andare in tour per vari centri sociali ci ha dato ulteriore slancio e ragioni per l’occupazione dell’ex Inde di KoperCapodistria.

Sulla vostra pagina bandcamp ci tenete a definirvi un gruppo anarchico, vicino alle idee anti-civilizzazione e pro-collasso. Vi va di spiegare meglio queste vostre posizioni politiche e il ruolo che rivestono allinterno della vostra attività di band? Nella vostra coscienza e visione politica, quanto è responsabile l’economia capitalista, che saccheggia e devasta l’ecosistema, del collasso a cui sembra destinata la civiltà come la conosciamo noi adesso?

La maggior parte dei nostri testi parla di quanto sia insostenibile la nostra cosiddetta civiltà. L’anarco-primitivismo è solo una delle teorie critiche di riferimento su come concepire e comprendere la civilizzazione. In linea di massima ognuno di noi quattro ha una sua personale opinione del mondo, siamo però tutti d’accordo sul fatto che la realtà in cui viviamo è alienante. L’economia del capitale è solo un sintomo della civilizzazione industriale. Nel complesso la cosa più problematica è il nostro stile di vita, l’approccio che abbiamo nei confronti della Terra. Siamo troppo focalizzati su noi stessi e ci siamo autocollocati al di sopra di tutte le forme viventi, sul trono. Se ci rendessimo conto che siamo tutti interdipendenti l’uno dall’altro, compresi cioè tutti gli esseri viventi, il pianeta lo ”consumeremmo” in maniera diversa. Il capitalismo si fonda sulla crescita illimitata, cosa che il nostro pianeta non può certo offrire. Per questo l’economia capitalista è insostenibile. Anche tutta sta situazione della pandemia ha mostrato come e quanto il capitalismo sia insostenibile, ma anche qui si tratta di nuovo solo di sintomi. La tutela, la difesa e il rispetto dell’ecosistema, della natura e dell’ambiente in generale sono responsabilità di noi tutti (o almeno dovrebbero). Dare una risposta alla domanda sull’eventuale prossimo futuro collasso della civilizzazione è impossibile. Però siamo davanti a un’occasione da non perdere: questo risorgimento delle coscienze, avvenuto durante la pandemia, va assolutamente sfruttato, soprattutto perchè è sempre più evidente che non si può andare avanti così!

Venite dallIstria, in Slovenia. Volete parlarci della scena punk/metal underground da quelle parti? Comè la situazione lì da voi?

Negli ultimi anni è praticamente morta. Purtroppo. Non sapremmo proprio da dove cominciare… Punto primo: non esistono più spazi autonomi in cui suonare e organizzare serate e concerti. O li hanno chiusi o li hanno riadattati alle logiche capitalistiche. Anni fa la costa era l’epicentro della scena underground. Oggi non è più così, soprattutto perchè le misure intraprese dalle varie giunte municipali agiscono sull’individuo, isolandolo, producendo individualismo e soprattutto reprimendo il pensiero critico, componente fondamentale della creatività. Secondo tasto dolente: le band. Anche se oramai ci stiamo facendo vecchi e stagionati, siamo diversamente giovani, continuiamo a seguire regolarmente la scena e, purtroppo, di nuovi gruppi punk, metal ecc./e compagnia bella, qua non se ne vede nemmeno l’ombra. Una delle ultime novità punk della zona, con già cinque anni di attività alle spalle, sono sicuramente i Pakt, dove Luka suona alla chitarra. Per strada invece incontri sempre meno, e comunque molto raramente, metallari o gente generica che segua manifestatamente una qualche subcultura. Perchè sta succendendo tutto questo? Bella domanda, anzi la domanda del secolo, ma non è il caso di mettersi a filosofeggiare qui perchè sennò lo spazio non basterebbe. Per nostra fortuna comunque, qua vicino ci sono ancora e resistono spazi e soprattutto tanti attivist* e singol* riuniti in collettivi che non demordono e con cui siamo praticamente fratelli. Al momento la concentrazione maggiore di band e posti per suonare è a Postojna. Là ci sono un centro giovanile e due piccoli squat, uno di fatto è un container, l’altro è un’ex pompa di benzina che i ragazzi hanno riconvertito in enorme sk8park. Non lontano c’è anche uno dei locali più longevi della Jugoslavia, il MKNŽ di Ilirska Bistrica, attivo (senza soluzione di continuità/) dal 1966.

Tornando a parlare del vostro split con gli Storm of Sedition, la mia curiosità mi spinge a chiedervi comè nata la collaborazione con il gruppo canadese. Vi va di raccontarcelo? E se non sbaglio siete anche andati in tour con loro, come vi siete trovati? 

Ce l’ha proposto  Goldi della Neandertal Stench Record proprio perchè abbiamo molti temi in comune come ad esempio le teorie anti-civilizzazione. Con alcuni dei membri degli SoS già ci conoscevamo da prima visto che avevamo suonato un paio di volte con gli Iskra, e così alla fine sto split è stato un qualcosa di molto spontaneo e naturale. Quando l’anno scorso sono venuti in tour [europeo?], eravamo d’accordo che avremmo fatto un altro paio di serate insieme. Purtroppo però alla fine per motivi di lavoro non ci siamo potuti unire a loro per tutta la durata del tour, ma solo per un weekend. È stata un’esperienza epica, un week-end che rimmarrà nella storia e nei nostri ricordi, anche perchè abbiamo stretto ancora di più coi ragazzi. Speriamo di riuscire a tornare a collaborare con loro a breve. Dal vivo poi gli SoS spaccano e sono anche cresciuti assai pure nello stile una band davvero cazzuta/coi controcazzi!

L’ultimo vostro lavoro è una demo rilasciata nel 2018. State lavorando a un nuovo disco? Che progetti avete per il futuro?

In realtà abbiamo già un intero disco registrato e mixato, stiamo cercando di farlo uscire su vinile. Stiamo valutando una serie di etichette e prendendo accordi sul mandarlo in stampa il prima possibile. Ci stiamo preparando a nuove registrazioni, ma ora è tutto rimandato a tempo indeterminato causa pandemia. Uno dei probemi maggiori è che i confini sono stati chiusi e non possiamo andare in Italia. Questo perchè la nostra sala prove si trova a Padriciano,[quartiere di Trieste?] subito dopo il confine, e ancora oggi non sappiamo con precisione quando potremo veramente tornare in sala Per ora ci stiamo arrangiando con un po’ di roba recuperata dai cascioni/in cantina, vecchi amplificatori e una batteria che ha visto giorni migliori e proviamo a casa di Dalibor.

Siete passati anche in Italia qualche anno fa per suonare live, se non ricordo male a Bologna insieme ai Void Forger, che ricordi avete di questa/queste date? Cosa pensate della scena punk/hc italiana?

L’ XM24 di Bologna è stata la prima data del tour con i Void Forger del 2018, da lì poi siamo riusciti a arrivare fino alla Mensa occupata di Napoli. (Bei tempi). Tra le date italiane di quel tour, il posto che più di tutti ci ha lasciato un bellissimo ricordo è il CSA Officina Trenino di Porto S. Giorgio e il loro giovanissimo collettivo. Incontrarli ci ha infuso di grandi speranze nel senso che ci ha rincuorati assai: esistono ancora giovani interessati ai centri sociali e alle occupazioni, agli squat e ai posti autogestiti e all’organizzazione di serate e concerti! Ste cose ti danno una bella scarica di energia e ti spronano a continuare a fare quello che stai facendo. C’è da dire però che in tutti questi anni abbiamo suonato un po’ in giro per lItalia malgrado proprio in Italia ci sia sempre stato difficile chiudere serate il che è assurdo considerato che viviamo praticamente dietro l’angolo. Abbiamo organizzato diverse serate per gruppi italiani sui palchi sloveni, ma raramente ne abbiamo ricavato qualcosa, quasi mai abbiamo avuto indietro qualcosa di concreto. Finora, ogni volta che durante un tour volevamo suonare in Italia, le serate italiane sono sempre state le più difficili da chiudere. Ci stuzzica l’idea di suonare al sud e isole. A parte Napoli, non ci abbiamo mai suonato. La scena punk/hc italiana è sempre stata storicamente forte, anche oggi ci sono un casino di ottimi gruppi ancora in giro. Noi conosciamo e frequentiamo soprattutto le band del nord, tra cui abbiamo diversi amici, e anche per questo suonare in Italia è una figata/uno spasso perchè così hai l’opportunità di incontrare tutti quei punx che non vedi così spesso.

Ragazzi grazie ancora per il tempo che dedicherete a rispondere a questa intervista, concludete aggiungendo qualsiasi cosa vi passi per la testa mi raccomando!

Grazie a te, significa davvero molto per noi quest’intervista. Non poter suonare dal vivo è una tortura, ci manca un sacco. Speriamo che sta cazzo di pandemia finisca il prima possibile e che presto ci potremo vedere a qualche concerto e/o squat!! Viva!

“Shadows of the Past” // Bhopal – Age of Darkness (2010)

Il nostro tempo sembra definitivamente scaduto, l’umanità si trova ormai condannata all’estinzione o alla dannazione eterna. Il buio senza fine cala velocemente su quello che rimane delle nostre vite, mente orde di creature sovrannaturali devote unicamente al culto del caos calano fameliche sulle nostre città. La caccia selvaggia è iniziata… Primitive fiere e sanguinari esseri pagani banchettano tra le macerie del mondo di ieri, mente tuoni e fiamme illuminano il cielo. L’era dell’oscurità è giunta.

Son passati ormai dieci anni dalla pubblicazione di “Age of Darkness“, titolo dell’unico full lenght pubblicato dai Bhopal, gruppo di Alessandria che vedeva tra i suoi membri gentaglia già nota per aver suonato nei Jilted e nei Mortuary Drape. Un disco di cui mi innamorai al primo ascolto e che credo sia stato apprezzato molto meno di quello che meritasse. Un disco inoltre che oggi mi azzardo a definire quasi dimenticato dai più, anche se qualcuno sicuramente smentirà queste mie parole in tempo zero. Per questo motivo, e per il fatto che rappresenta, a mio avviso, uno dei migliori lavori di crust-core/d-beat al contempo melodico e metallico mai partoriti dalla scena italiana, ci tengo a spenderci due parole, inaugurando inoltre in questo modo una sorta di nuova categoria di recensioni chiamata “Shadows of the Past” (prendendo in prestito il titolo del primo capolavoro di death metal finlandese firmato Sentenced) in cui parlerò di dischi usciti in un passato più o meno recente e che, sempre a parer mio, sono stati spesso ingiustamente sottovalutati.

Ricordo perfettamente che anni fa, quando mi imbattei per la prima volta in questo devastante “Age of Darkness”, l’artwork di copertina, enfatizzato dall’utilizzo del bianco-nero, mi portò alla mente, con le dovute proporzioni l’opera Åsgårdsreien del pittore norvegese Peter Nicolai Arbo, che tutti in realtà conosciamo per esser stata usata da Quorthon sulla copertina del capolavoro “Blood Fire Death” dei suoi Bathory. Il soggetto di questo dipinto è la caccia selvaggia, un tema ricorrente nella mitologia dei popoli germanici e norreni. Tale citazione alla “caccia selvaggia” sembra riproposta proprio sulla copertina di “Age of Darkness” dai Bhopal,  con la presenza per l’appunto di quello che appare sotto le sembianze un dio nordico affiancato da altre due creature sovrannaturali, una dalle fattezze di lupo e l’altra dalle sembianze umane. Tutte e tre sembrano emergere da una tempesta brutale dominata da tuoni e fulmini che sembra prossima ad abbattersi  con violenza barbarica su una città impotente al fine di raderla al suolo, inghiottenda così tutti i mortali che trova sul suo cammino, preannunciando, forse, quell’era dell’oscurità a cui fa riferimento il titolo stesso del disco. Immaginate ora l’ascolto di questo disco come se ci trovassimo ad essere spettatori di un corteo di creature sovrannaturali che dominano il cielo notturno, scatenando tempeste senza fine e facendo calare l’oscurità eterna tra terrificanti grida di guerra e orde di creature barbariche pronte a lasciare solo macerie al loro passaggio.

Mi creda, prima il genere umano scompare dalla terra, meglio è…

È proprio questa citazione tratta dal film “Il Seme della Follia” del maestro Carpenter ad introdurci nel tempestoso viaggio nelle profondità di “Age of Darkness”, prima di lasciarci in balia della furia cieca di “Bike Punk Apocalypse“, vero e proprio assalto di annichilente d-beat/crust che ci fa assaggiare fin da subito tutta la brutalità barbarica che ci travolgerà senza pietà alcuna per tutti i trentacinque minuti di durata del disco. Credo sia superfluo e tedioso spendere parole per parlarvi di questa o quell’altra traccia, perchè ci troviamo dinanzi ad uno di quei lavori che ci inghiottono come una tormenta che non ha intenzione di placarsi e che non ci lascia ne momenti di quiete ne attimi per riprendere fiato. Veniamo difatti immediatamente investiti da una tempesta di crust punk melodico di scuola scandinava che non disdegna continue incursioni in territori death metal, così come e selvaggi assalti in ambienti black, pur sottolineando costantemente che le proprie radici son ben salde nella seminale scena d-beat svedese. Le influenze dei Bophal su questo disco vanno dai Tragedy ai Wolfpack/Wolfbrigade, passando attraverso i primi Martyrdöd, gli Skitsystem e perfino gli Entombed. I Bhopal riescono a modellare una materia iper sfruttata come il crust/d beat di stampo svedese seguendo le loro pulsioni più personali, riuscendo a costruire, attraverso un uso accurato della melodia, momenti di  tensione che attraversano tutte e dieci le tracce e un’atmosfera generale che oscilla per tutta la durata del disco tra toni epici che alla lontana possono ricordare in certi frangenti addirittura i Bathory e echi apocalittici che possono portare alla mente quel brodo primordiale consociuto come stenchcore.

Dopotutto, continuando con i riferimenti alla mitologia, l’essere testimoni di una caccia selvaggia è considerato presagio di catastrofi imminenti e questo “Age of Darkness”  può essere visto come un’ode nichilista alla distruzione più barbarica disegnando paesaggi apocalittici. Che calino presto le tenebre eterne sull’umanità destinata all’estinzione…

 

 

 

 

Storm of Sedition – Howl of Dynamite (2019)

Ora fra il rogo ardente delle mie Idee anch’io son diventato di fiamma; e scotto, brucio, corrodo… A me devono accostarsi soltanto coloro che gioiscono contemplando ardenti vulcani che lanciano verso le stelle le lave sinistre esplodenti dal loro seno di fuoco […] Io mi dichiaro in guerra aperta, palese e nascosta contro la Società: contro ogni Società! (Renzo Novatore)

 

Il venti di ottobre dell’anno appena passato ho avuto la fortuna di vedermi dal vivo e di conoscere personalmente gli Storm of Sedition nella cornice di uno degli squat che amo di più in tutta Milano, Villa Vegan Occupata. Fu un concerto incredibile quello degli Storm of Sedition, non troppi i presenti ma un’atmosfera assurda, grazie anche e sopratutto ai canadesi che han suonato con tutta la passione e la rabbia che hanno nel cuore e con  un’attitudine da far invidia a moltissimi.

Mi ricordo bene quando mi imbattei per la prima volta negli Storm of Sedition; era il lontano 2016, appena dopo la pubblicazione del loro secondo disco intitolato “Decivilize”, e rimasi immediatamente folgorato dal loro blackened/crust sul quale si stagliavano alla perfezione liriche che ruotavano intorno a tematiche e posizione anti-civilizzazione, anticapitaliste, anti-umaniste e impregnate da un’individualismo anarchico definibile senza troppi problemi nichilista e amorale ispirato dalle letture di Stirner e di Novatore. Inoltre quando scoprii che negli Storm of Sedition suonavano membri degli Iskra, beh capirete anche voi che per un amante di quell’ibrido tra black metal e crust punk marchio di fabbrica del gruppo canadese fu  infatuazione al primo ascolto. Pane per i miei denti all’epoca, tanto sul lato musicale quanto su quello concettuale-lirico. Pane per i miei denti e per la mia insaziabile fame verso sonorità black metal e crust ancora oggi. Qualche mese fa i nostri sono riemersi dalle foreste primordiali della British Columbia per dare alla luce la loro ultima fatica in studio “Howl of Dynamite”, disco che non riesco a smettere di ascoltare, che ho divorato ovunque fosse possibile, dalla loro pagina bandcamp al vinile felicemente acquistato quella famosa sera in Villa Vegan di cui vi ho parlato in apetura, e che personalmente ritengo uno dei migliori lavori usciti nell’arco del 2019, se non il migliore in assoluto.

 

Gli Storm of Sedition su questo nuovo “Howl of Dynamite” (titolo che riprende una frase dell’anarchico individualista Renzo Novatore) ribadiscono il loro totale rigetto nei confronti di questo mondo dominato dall’oppressione e dallo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e dell’uomo sulla natura, dominato dalla fame di profitto che devasta e saccheggia i territori e l’eco-sistema, ed il loro odio profondo nei confronti della civilizazzione, sottolineando l’importanza e la necessità incombente dell’azione diretta anarchica per contrastare tutto ciò, per attaccare con un ruggente e sacrilego urlo di dinamite direttamente questo sistema che opprime, sfrutta e reprime affinchè del capitalismo e della civiltà rimangano solo macerie. E ribadiscono anche la loro ricetta vincente e oramai del tutto affinata e maneggiata con estrema maestria, gusto e personalità: un blackened/crust punk rabbioso e brutale, ma allo stesso tempo melodico, che viene imbastardito sapientemente e in modo non eccessivo con sonorità che lambiscono territori death metal. Musicalmente gli Storm Of Sedition risentono molto, come ovvio che sia per chiunque voglia suonare black/crust, dell’influenza degli apripista Iskra, ma è altrettanto facile udire l’influenza di gruppi quali Nausea, Contravene o Appalachian Terror Unite. L’alternanza delle vocals, uno screaming lancincante e gelido di chiara matrice black metal e un growl più cavernoso, si staglia su brani costruiti dosando perfettamente tremolo picking ispirati direttamente dalla scuola black metal norvegese e riff di matrice death metal a la Bolt Thrower, mentre soluzione melodiche che ricordano un certo crust punk svedese sullo stile dei Martyrdod o melodie care ai mai troppo incensati Nux Vomica si amalgano perfettamente con un’atmosfera generale tendente a creare passaggi apocalittici degni del meglio dello stenchore, il tutto accompagnato da un comparto ritmico in cui svetta l’alternanza tra i ritmi d-beat e i brutali blast beasts che tritano le ossa e non lasciano scampo.

“Howl of Dynamite” è composto da otto tracce per un totale di quarantaquattro minuti e musicalmente non ritengo interessante soffermarmi su questo o quell’altro brano perchè son convinto che il tutto debba essere ascoltato dall’inizio alla fine senza prender fiato, solo così si può comprendere l’epicità e la rabbiosa maestosità che trasuda dal blackened crust punk degli Storm of Sedition. Quello che ritengo invece interessante è soffermarmi brevemente sul comparto lirico che accompagna la musica dei nostri “anti-umanisti, amorali e individualisti” amici della British Columbia e che ritengo essere la parte più importante del loro progetto. Tutto il disco trasuda l’influenza teorica dell’anarchico individualista Renzo Novatore e questo si può notare fin dall’iniziale Red Laughter”traccia in cui viene citatto un estratto contenuto nel suo pamphlet “Verso il Nulla Creatore” scritto nel 1921 che recita così: “Che il poeta tramuti in pugnale la sua lira! Che il filosofo tramuti in bomba la sua sonda! Che il pescatore tramuti il suo remo in formidabile scure. Che il minatore esca armato del suo ferro lucente dagli antri micidiali delle oscure miniere. Che il contadino tramuti in lancia guerriera la sua vanga feconda. Che l’operaio tramuti il suo martello in falce e scure. […] E il nostro odio ride… Ride rosso. Avanti! Avanti, per la totale distruzione della menzogna e dei fantasmi! Avanti per l’integrale conquista dell’Individualità e della Vita!” La successiva Vanguardist Messiah è un attacco diretto, iconoclasta e brutale, nei confronti di un certo anarchismo sociale infarcito di moralismo cristiano e valori umanisti, accusato di esser nient’altro che un prodotto ideologico eurocentrico dogmatico, limitante e oppressivo per l’individuo e per questo, sempre prendendo a prestito le parole ed il pensiero di Novatore, da lasciare morire perchè “L’anarchia è per me un mezzo per giungere alla realizzazione dell’individuo; e non l’individuo un mezzo per la realizzazione di quella. Se così fosse anche l’anarchia sarebbe un fantasma”. Anche la terza traccia che da il nome al disco è una diretta citazione, fin dal titolo, di una frase del solito Novatore il cui contenuto si scaglia contro ogni forma di società umana che tende ad opprimere l’individuo, affermando che l’unica risposta possibile a questa oppressione si può concretizzare solamente in un ruggente e sacrilego urlo di dinamite, sottolineando dunque l’importanza viscerale (o la necessità) dell’azione diretta, anche individuale. Il testo che accompagna “Howl of Dynamite” è un’invettiva contro la tendenza accusatoria di un certo anarchismo sociale nei confronti di quelle individualità anarchiche che si servono della violenza per abbattere il sistema economico-politico fatto di sfruttamento e governo. “Illegalist”, quarta traccia del disco, è invece una netta presa di posizione contro il sistema capitalistico e in generale contro la logica economica che domina sulle nostre esistenze, un sistema che sfrutta e opprime l’essere umano così come sfrutta e opprime la natura, addomesticandola e sacrificando anch’essa sull’altare dell’accumulazione di capitale e del profitto.

Mi fermo qui perchè credo di essermi dilungato abbastanza nell’analisi delle liriche che accompagnano questo splendido e maestoso “Howl of Dynamite”, in assoluto il disco che ho amato e ascoltato di più in tutto il 2019 e che ritengo essere senza troppi problemi l’uscita migliore in ambito crust punk dell’anno appena trascorso. Scriviamo soltanto parole di sangue, di fuoco e di luce e dalla tempesta emergiamo innalzandoci sui margini della società negando ogni codice morale, ogni culto dell’umanità e ogni costrizione che opprime l’individuo. La mia anarchia è una traiettoria attraverso il caos e la distruzione…

“To every form of human Society that would try to impose renunciations and artificial sorrow on our anarchic and rebellious I, thirsting for free and exulting expansion, we will respond with a roaring and sacrilegious howl of dynamite.” (Renzo Novatore)

A Blaze In the Northern Sky

BLACK METAL IST KLASSENKRIEG. WE ARE A BLAZE IN THE NORTHERN SKY, THE NEXT THOUSAND YEARS ARE OURS!

In autunno alcuni carissimi compagni, conoscendo la mia spassionata passione e devozione per il black metal e la mia totale avversione per ogni forma di ingerenza nazi-fascista all’interno della scena metal estrema, mi hanno tirato in mezzo in un collettivo dal nome tanto affascinante quanto criptico: Semirutarum Urbium Cadavera, un collettivo devoto a Satana, al Black Metal e alla lotta di classe anarchica. L’obiettivo che ci poniamo è semplice: la totale distruzione del NSBM e di tutta la merda ambigua che gira all’interno della scena del “metallo nero”.

Questa premessa per dire cosa? Semplicemente come spunto per introdurre l’argomento di questo articolo, ossia una breve rassegna su quelli che ritengo essere stati tre ottimi dischi di black metal  usciti nel 2019 e che nulla hanno a che fare con merda ambigua (qualcuno ha detto MGLA?), fascista o sessista/omofoba e che, se proprio non rientrano perfettamente nel filone “Red & Anarchist Black Metal”, certamente sono vicine ad un certo modo di intendere il black metal e in generale la scena estrema e underground.

Falls of Rauros – Patterns In Mythology

“Sunlight on the Coast”, dipinto del pittore Winslow Homer fa da copertina a questo nuovo lavoro in casa Falls of Rauros intitolato “Patterns in Mythology”, album che riesce allo stesso tempo nell’impresa di suonare come il perfetto punto di incontro tra “Vigilance Perennial” e quel capolavoro del 2011 che fu “The Light That Dwells in the Rotten Wood” e come un’ulteriore evoluzione e maturazione del suono proposto dal quartetto proveniente dal Maine. Il sound proposto dai Falls of Rauros affonda nuovamente le sue radici nel black metal atmosferico, con influenze che vanno ricercate negli Agalloch, in Panopticon e nei Wolves In The Throne Room, ma questa volta viene messa ancora più in risalto l’apertura verso passaggi che si posizionano a metà strada tra soluzioni folk/americana e melodie post-rock. Il disco si apre con la breve intro “Detournement”, capace immediatamente di creare quell’atmosfera di tensione come se si stesse scorgendo all’orizzonte la tempesta che lentamente si sta avvicinando. Questa crescente tensione deflagra come un roboante tuono che squarcia il cielo nella successiva “Weapons of Refusal” (una delle migliori tracce di “Patterns in Mythology”), traccia in cui lo screaming alternato di Aaron e Jordan ed il riffing riescono a creare un’aura di epicità unica. E’ proprio nel bel mezzo di “Weapons of Refusal” che abbiamo il primo intermezzo acustico che flirta tanto con il folk americano quanto con melodie di natura post-rock, passaggio che appare come una labile quiete momentantea prima che la tensione torni a crescere e la tempesta ad inghiottirci, il tutto condito in maniera magistrale da un assolo da brividi. L’apertura acustica della terza traccia “New Inertia” sembra ancora una volta aver portato la calma, come se il cielo si stesse rischiarando e i raggi di un tenue sole siano pronti a trafiggere le nuvole scure che però ancora minacciano pioggia e fulmini. Questi primi due brani riescono ad evocare in maniera sognante la forza primitiva, tanto distruttrice quanto creatrice, degli elementi naturali che ci circondano, questo grazie anche al sapiente alternarsi di travolgenti cavalcate black metal e momenti acustici e più melodici che donano all’intero “Patterns in Mythology” un’atmosfera di assoluta epicità e maestosità. La conclusiva “Memory at Night” rappresenta probabilmente al meglio il sound e la tensione che i Falls of Rauros hanno saputo costruire su questo splendido disco: la linea di basso che apre la traccia annuncia per l’ultima volta la tempesta incombente che raggiunge il suo apice di tensione a circa metà brano per poi abbandonarsi ad una conclusione affidata alle chitarre acustiche capaci di dipingere un quadro di quiete, questa volta non più apparente, che ha lo stesso identico sapore dell’aria dopo il temporale. La tensione tra calma e tempesta è una costante che si ripete all’interno del black metal atmosferico dei Falls of Rauros e questa volta i nostri riescono a renderla ancora più palpabile e maestosa. Assurdi.

 

No Sun Rises – Ascent/Decay

“We are against fascism, racism, sexism, homophobia, and every other kind of oppression!
Fuck NSBM! Fuck nazi-sympathy!” Son queste le bellissime parole che possiamo leggere nella biografia di bandcamp dei No Sun Rises, gruppo di Munster (Germania) impegnato a suonare un mix di post-black metal (atmosferico) e blackened crust e che non si fa troppi problemi a prendere netta posizione contro tutta quella merda nazi-fascista, ambigua o simpatizzante che gira all’interno della scena black metal, pur sapendo bene che prendere posizione, oggi più che mai, significa farsi terra bruciata attorno. Ma Disastro Sonoro, così come i No Sun Rises, la terra bruciata la vuole vedere solamente attorno ai gruppi NSBM e vuole vedere le fiamme inghiottire i locali che fanno suonare simile merda. Passando a parlare della prima vera e propria fatica in studio dei No Sun Rises intitolata “Ascent/Decay”, quello che ci troveremo ad ascoltare nelle cinque tracce più intro che compongono il disco sarà, come detto poc’anzi, un mix perfetto, interessante e in buona parte personale di post-black metal dalle tinte atmosferiche e soluzioni tendenti all’universo blackned/neo crust che potrebbe ricordare a più riprese i Downfall of Gaia da “Atrophy” in poi, così come gli Iskra nei momenti più tirati e black e gli Ashbringer nei passaggi più atmosferici. L’intro che apre “Ascent Decay” e che ci accompagna alla successiva “Reproduktionismus” si conclude con il fragore di un tuono che preannuncia un temporale oramai imminente. E da questo momento in poi, addentrandoci nel disco, ci ritroveremo proprio come inghiottiti da una tempesta che infuria selvaggia e sembra non aver intenzione di placarsi, ma che sa alternane in maniera ottimale momenti atmosferici a scorribande all’arma bianca in territori propriamente black metal. “Towards Sundown” deflagra immediatamente in una cavalcata e in un riffing puramente black metal accompagnato dal primitivo screaming di Jonas, per poi aprirsi ad un intermezzo lento e atmosferico su cui si staglia solamente una voce femminile che recita qualcosa in tedesco, lingua madre dei nostri. La traccia riprende con un momento più tendente al crust, tanto nelle vocals quanto nella melodia e nel riff principale, che crea la tensione perfetta per sfociare nuovamente in una serratissima cavalcata black metal a la Iskra in cui a farla da padrona sono le due chitarre e la batteria. Altra traccia con cui è stato immediato amore è la successiva “Thralldom”, che si dirama inizialmente su divagazioni dalle tinte atmosferiche prima di aprirsi in un riff dal vago sapore (neo)crust sorretto da un blast beat tipicamente black metal su cui si staglia il solito glaciale screaming di Jonas.”Ascent/Decay” si conclude con la maestosa “Maschinist”, quindici minuti in cui è racchiuso perfettamente il sound dei No Sun Rises in costante tensione tra la quiete dei passaggi più melodici e la tempesta evocata dagli assalti propriamente black, quindici minuti che terminano con una suite acustica e atmosferica. Quiete e tempesta. Ascesa e decadimento. Nessun sole sorge.

 

Downfall of Gaia – Ethic of Radical Finitude

Con questo “Ethic of Radical Finitude” i Downfall of Gaia rilasciano un disco più atmosferico e certamente più malinconico rispetto al precedente “Atrophy”, ma comunque sempre pronto ad aprire squarci di aggressività nell’atmosfera di apparente calma e decadenza creata dal sound ormai definitivamente virato su lidi definibili propriamente post-black metal. Il percorso musicale dei tedeschi li ha visti negli anni passare attraverso svariate influenze, dal post-metal al crust, sempre orientati però ad una rilettura personale e all’evoluzione del loro sound che sembra ormai essere giunto ad una maturazione interessante in questa sua versione di malinconico post-black metal che non disdegna melodie e passaggi atmosferici strumentali. Il nostro viaggio nell’etica della radicale finitezza dell’essere umano comincia con “Seduced By…” intro strumentale dai toni estremamente malinconici che però divampa nel travolgente riffing post-black metal della successiva “The Grotesque Illusion of Being” squarciato dal lancinante screaming di Anton che prende allo stesso tempo la forma di un lamento angosciante e di un urlo liberatorio di riscatto. Questo primo brano sottolinea già la formula da cui si diramano tutte e cinque le tracce che compongono “Ethic of Radical Finitude”: l’alternarsi di rallentamenti malinconici/melodici e momenti di aggressività di stampo puramente black metal, sopratutto nei riff e nella batteria, alternanza che sarà la costante di tutto il disco. “We Pursue the Serpent of Time”, brano dalla durata maggiore è un perfetto esempio della maturazione e del sound a cui sono giunti i Downfall of Gaia, il punto d’incontro ideale tra gli Altar of Plagues del fantastico “White Tomb” e gli Harakiri for the Sky più depressive e decadenti. Un’altra delle tracce più interessanti è senza ombra di dubbio “Guided Through a Starless Night” , brano che viene introdotto invece da una melodia che appare più sognante che malinconica, lacerata quasi immediatamente dal solito screaming straziante e dalla solita cavalcata black metal dal riffing e dal blast beat serratissimi, per poi lasciare spazio ad una voce femminile parlata che ci prende per mano e ci accompagna verso la successiva “As Our Bones Break to the Dance”.Ethic of Radical Finitude” si conclude con la malinconica “Of Withering Violet Leaves”, traccia che mostra, quantomeno nei primi secondi, gli ultimi vaghi richiami a sonorità post-metal sperimentate in passato dai tedeschi. I Downfall of Gaia di “Ethic of Radical Finitude” sono un gruppo finalmente sicuro dei propri mezzi che riesce a coinvolgere con costanza e fascino l’ascoltatore, al punto da farlo immergere completamente nel proprio muro di suono malinconico, rapirlo e trascinarlo giù negli abissi più isolati della natura umana e del decadimento dell’essere, in balia del tempo che scorre inesorabile disperso come foglie ormai appassite. Un disco che riesce ad esprimere perfettamente l’inquitudine interiore ed esistenziale che domina sulle nostre vite. Sedotti dalla grottesca illusione dell’essere, inseguiamo il serpente del tempo, guidati attraverso una notte senza stelle mentre le nostra ossa si infrangono sulla danza delle foglie appassite.

Viaggio negli Abissi della Scena Crust Punk/D-Beat Italiana

“Crust vuol dire “crosta” ed è uno dei tanti sottogeneri del punk. Le sue caratteristiche sono un ritmo di batteria a rotta di collo, chitarroni fangosi e una visione cupa e paranoica dell’esistenza. Crust però è anche un’estetica e uno stile di vita e le band che questo stile di vita ce l’hanno, il crust lo suonano meglio di altre.” Parole introduttive di Stiopa, storico chitarrista dei Kalashnikov Collective, durante l’episodio #24 de La Casa del Disastro dedicato agli Warpath, gruppo di cui parlerò anche io in questo speciale articolo, o meglio, in questo viaggio negli abissi della scena Crust punk/ d-beat italiana. Ho scelto questa definizione del sottogenere crust punk per il semplice motivo che essa riesce a risultare chiara ed esplicativa pur nel suo essere estremamente concisa. E va bene così visto che se avessi dovuto perdere righe provando a spiegare in profondità la storia e le particolarità di questo sottogenere dell’hardcore punk, probabilmente a fine articolo ci sarebbero arrivati in pochi. Quindi, ribadisco, va bene così: brevi e concisi, iniziamo questo nostro viaggio alla scoperta della scena crust punk italiana, ricostruendo le tappe e la storia dei gruppi che, io misterioso scrittore di Disastro Sonoro, ritengo meritevoli di attenzione, menzione e interesse.

 

Per parlare di Crust Punk in Italia son convinto non si possa che partire da un gruppo storico di quello che le riviste d’oltreoceano definirono “italian hardcore”, ossia i seminali Wretched. Autori di un hardcore molto primordiale e sgraziato, fortemente influenzato e tendente a sonorità, immaginario e tematiche che hanno caratterizzato l’anarcho punk britannico di Crass, Discharge e compagnia, questi punx milanesi agli inizi degli anni ’80 rappresentavano la faccia più veloce, sporca ed estrema della scena hardcore punk italiana. La loro proposta musicale, sintentizzata perfettamente nella formula “Chaos non Musica”, titolo di un bootleg/split dell’96 con i maestri del grindcore Cripple Bastards (ma stampato e rilasciato da questi ultimi senza consultare i Wretched), era caratterizzata da una feroce rabbia, da un senso di ribellione misto impotenza, da tematiche anarchiche ed antimilitariste e da tutto quell’immaginario che sarà poi ripreso in futuro dalla stra grande maggioranza dei gruppi crust, italiani e non solo. Ma i Wretched non erano solo musica, non erano solo rumore; difatti accanto al lato sonoro questi punx sono stati fondamentali nella nascente scena hardcore italiana sopratutto per il loro impegno militante fatto di autoproduzioni, controcultura, indipendenza musicale, attitudine do it yourself. Tutto questo ha reso certamente i Wretched uno dei gruppi più genuini e importanti della scena negli anni ’80 e possiamo oggi considerarli senza troppi problemi l’influenza principale di tutti quei gruppi che saranno oggetto di questo speciale articolo sulla “scena” crust/d-beat italica. Dopotutto è innegabile che dischi seminali come “In Nome del Loro Potere Tutto è Stato Fatto” (1983), “Finirà Mai?” (1984) e l’L.P. “Libero di Vivere, Libero di Morire” abbiano occupato gli ascolti di ognuno di noi per parecchio tempo e ci abbiano influenzato tanto a livello musicale quanto a livello lirico-concettuale.

Altro gruppo su cui ci tengo a spendere due parole in questa nostra lenta discesa verso gli abissi della scena crust punk italiana sono senza ombra di dubbio gli storici Scum of Society, coloro che possono essere definiti come il primo gruppo italiano dedito totalmente a sonorità crust punk ed emerso nell’underground hardcore romano nei primi anni ’90. Riprendendo direttamente le loro parole, presenti sull’EP “Violenza Legale”del 1997, gli Scum of Society “nascono dalla voglia di poter comunicare le loro sensazioni riguardo alle numerose problematiche che questo mondo racchiude”. Anche loro come i Wretched erano animati da un forte impegno militante e antagonista perfettamente espresso nei loro testi dalle tinte fortemente anarchiche che si scagliano contro tutte quelle “istituzioni” che ancora agli albori degli anni 2000 venivano viste come intoccabili: la patria, la guerra, la famiglia, la polizia, la scuola e la chiesa. Come da tradizione anarcho punk gli Scum of Society sono quindi convinti che la musica non debba essere mai fine a se stessa, bensì fungere da mezzo necessario al fine di “far aprire gli occhi a chi da tempo li tiene chiusi.” Musicalmente molto rozzi e primordiali, con le vocals molto crude e rabbiose, quello che ci fa apprezzare gli Scum of Society e li rende meritevoli di esser citati all’interno di questo articolo è certamente l’impegno e l’attitudine Diy che, ancora oggi a distanza di anni, riescono a trasmettere i loro pezzi.  Agli albori della diffusione delle sonorità crust punk nella “nostra” penisola, gli Scum of Society hanno avuto un ruolo certamente importante anche per il semplice fatto di esser stati il primo, o uno dei primi, gruppo dedito a certe sonorità.

Proseguendo in ordine cronologico la nostra odissea verso queste marce e rumorose sonorità ci imbattiamo negli storici crust punx abruzzesi Disforia, attivi dall’inverno del XXI secolo. Quello che si può notare fin da subito ascoltando il materiale dei nostri è l’enorme influenza che hanno avuto Doom e Discharge sulla loro musica (sarebbe più facile chiedersi chi non sia stato influenzato dalle suddette band all’interno della scena crust e hardcore in generale), ma anche altre realtà della prima scena d-beat svedese come Mob 47 e Discard. Ma c’è altro oltre tutto questo e lo vedremo più avanti. Il loro primo demo, datato 2002 e intitolato “Quattro Frammenti di Orrore Quotidiana”, è un concentrato di crust veloce e grezzo che sfocia spesso in lidi grindcore, come testimonia perfettamente “Contro la Chiesa”, brano con cui si apre questo Ep. Anche sul full lenght “L’Oblio Copre Ogni Cosa” del 2003 la formula compositiva e la proposta rumorosa dei nostri rimane la stessa: crust punk suonato veloce, marcio, sporco, caotico e altamente incazzato, imbastardito con ingenti dosi di grindcore. E’ chiara già dopo pochissimi ascolti che il suono proposto da Disforia è fortemente debitore dei primissimi lavori (“A Holocaust in Your Head” su tutti) dei primordiali Extreme Noise Terror. Per quanto invece riguarda le vocals, divise a metà tra lo scream di Paguro e il growl di Andrea, non è difficile percepire una vaga influenza della voce di Gianmario sui primi lavori dei Wretched. Impossibile non citare poi, per avvicinarci ai tempi recenti, l’ultima fatica in casa Disforia, ovvero uno split (dal titolo “Solve et Coagula”) con un altro grande, storico gruppo della scena crust italiana, i “post nuclear warriors” Drunkards. Di questi guerrieri post nucleari alessandrini in giro dal 1997 parleremo a breve.

Eccoci qui quindi a parlare dei Drunkards, altra storica realtà della scena hardcore italiana di fine anni ’90-inizio ’00. Immagino vi starete chiedendo cosa suonano questi quattro “alcolizzati mutanti” emersi nel 1997 dalle nebbie post nucleari della provincia di Alessandria. Secondo voi? Crust? Certamente, ma non solo. I Drunkards, dandoci un’immagine abbastanza chiara della loro proposta musicale, delle tematiche trattate e dell’universo concettuale da cui traggono ispirazione, amano definire il loro genere “post apocalyptic thrash punk rock’nroll” e credo vivamente che definizione migliore non possa esistere. Questi guerrieri post nucleari si sono fatti conoscere nel 1999 con il loro primo demo “Minaccia Nucleare”, un demo composto da 8 tracce dalle sonorità molto lo-fi, rumorose, caotiche e con una registrazione che, tutt’altro che impeccabile, lascia comunque intravedersi la passione, l’attitudine e le potenzialità dei nostri. Potenzialità che emergeranno in modo dirompente nel bellissimo “Sentenza di Morte” del 2006, album che, finalmente grazie ad una registrazione ottimale, rende onore al crust punk (fortemente ispirato ai belga Hiatus) dei Drunkards, imbastardito con il thrash metal più grezzo e con un sapore-attitudine rock’n’roll direttamente presi in prestito dai Motorhead (difatti è presente su questo album la cover di “Aces of Spades”). A livello lirico i nostri alternano pezzi impegnati e dalle tematiche sempre attuali come “Il Sangue Continua a Scorrere” ad altri completamente cazzoni ed irriverenti come “Bordello Alcolico” che risulta esserne l’emblematico esempio. Come ho già potuto accennare nelle righe dedicate ai Disforia, a settembre è uscito “La Festa dei Pazzi”, ultimo lavoro di questi quattro guerrieri post-nucleari contenente cinque nuove pezzi di purissimo “trash punk rock’n’roll” post apocalittico in perfetto stile Drunkards!

Passiamo ora a tracciare una breve storia degli ormai defunti Disprezzo. Il gruppo, che nasce nel 2001, era dedito a sonorità tipicamente crust, anche se imbastardite sapientemente con il black metal vecchia scuola che non sta mai male. Andando più in profondità nella loro musica, possiamo definire il suono proposto dai nostri come un classico crust punk che però lascia trasparire tutte le influenze extreme metal dei Disprezzo, il tutto condito con testi politicizzati ed incazzatissimi e vocals marcissime e putride che faranno la felicità tanto dei punx quanto dei metallari più trve! Dopo un fantastico album, grezzo e pregno di rabbia primordiale, dall’emblematico titolo “Nel Mio Mondo il Sole Non Sorge Mai” (titolo che, ne sono certo, farebbe invidia ai primissimi Amebix) del 2004, il gruppo, aihnoi, si sciolse facendo perdere le sue tracce.

Per rimanere in tema di “blackened crust” (come ama chiamarlo la “stampa specializzata”) è impossibile non citare e non spendere più due parole su un altro grandissimo gruppo che ha avuto un’esistenza breve ma estremamente intensa. Sto parlando dei baresi Nagasaki Nightmare, nome direttamente preso dall’omonimo brano dei maestri Crass presente su “Christ The Album”, doppio LP rilasciato nel 1982. Stando alle scarse informazioni reperibili in giro, il gruppo sembra essersi formato intorno al 2003. La loro musica come ho già avuto modo di accennare rappresenta il perfetto incontro tra la rabbia travolgente e frenetica del crust e le melodie tipiche di certo black metal, quello più atmosferico e caratterizzato da aperture/intermezzi melodici. Qualcuno potrebbe etichettare la proposta sonora dei Nagasaki Nightmare come “NeoCrust”, termine che però, personalmente almeno, mi sta parecchio sui coglioni e trovo privo di significato. Se proprio dovessi fare dei nomi per inquadrare il suono dei nostri punx baresi mi verrebbero ovviamente da citare gruppi come gli spagnoli Ekkaia, i Fall of Efrara o i Blunt (anch’essi spagnoli), gruppo con cui gli stessi Nagasaki Nightmare hanno inciso uno split nel 2007 e che contiene tre pezzi, tra cui spicca sicuramente “Biodegradabilità del Genere Umano”. Come non citare inoltre lo split, sempre del 2007, con uno dei gruppi storici dell’punk-hardcore italiano, ossia i cesenati Contrasto, che presenta quattro pezzi, tra i quali quello che ritengo il loro capolavoro, il loro brano più rappresentativo: “Ogni Giorno” (già presente sul demo del 2006). Melodia, rabbia e atmosfere, questo e molto altro erano gli ingredienti dei Nagasaki Nightmare, indimenticato gruppo crust che decise di porre fine alla propria attività nel 2008.

Risalendo la penisola, in un continuo su e giù tra nord e sud, e rimanendo ancorati alla prima metà degli anni ’00 ci imbattiamo nei modenesi Cancer Spreading. Il nome della band, non a caso, è ripreso dal titolo di una canzone di coloro che sono riconosciuti da tutti come i fondatori, con il loro secondo demo del 1986 “Terminal Filth Stenchcore”, dello “stenchcore” (a quanto pare sottogenere del crust), i britannici Deviated Instinct. Detto ciò cosa potranno mai suonare questi Cancer Spreading se non marcio crust punk influenzato pesantemente tanto dal death metal più old school quanto dal proto-thrash più virato verso sonorità sporche, oscure e grezze (quello di Hellhammer/Celtic Frost tanto per capirci)? Non ci troviamo quindi dinanzi al classico crust punk fedele agli stilemi del genere, ma piuttosto ad un ibrido bastardo nel quale la componente death metal si fa sentire eccome, a volte prendendo quasi il sopravvento sul resto ma senza mai tranciare definitivamente le ben salde radici che tengono ancorati i nostri modenesi alle sonorità crust. Autori di innumerevoli uscite tra demo, split, Ep, Lp e chi più ne ha più ne metta, la loro ultima fatica in studio risale al 2016 quando hanno pubblicato “Ghastly Visions” per la belga neanderthal.stench Records, la slovacca Heavy Metal Vomit Party Records (un nome che è tutto un programma eheheh) e la brasiliana Back on Tracks Records. Ci troviamo dinanzi ad una band ormai in piena maturazione lirica e musicale che ci regala 40 minuti di puro stenchcore old school che avrebbe fatto certamente invidia ai maestri Deviated Instinct. Citando le parole dei Cancer Spreading, che trovo perfette per concludere queste righe a loro dedicate, il loro scopo dichiarato è quindi quello di diffondere il più possibile il loro messaggio di nichilismo e autodistruzione attraverso l’autoproduzione e l’attitudine do it yourself. Avanti così allora, la strada intrapresa appare molto interessante cari i miei modenesi!

I lettori più attenti, appassionati e attivi frequentatori della scena hardcore italiana, si saranno sicuramente accorti che in mezzo a tutti i gruppi citati finora mancano forse coloro che hanno saputo interpretare e rivisitare al meglio gli insegnamenti della scena hardcore/d-beat svedese degli anni ’80 e inizio dei ’90 di gruppi storici del genere quali Anti-Cimex, Avskum, Driller Killer e compagnia sbraitante. Sto naturalmente parlando dei Kontatto, gruppo d-beat/crust bolognese on the road dal lontano settembre del 1998, una vera macchina da guerra tritaossa dal vivo (chi se li è potuti godere in concerto potrà sicuramente confermare questa affermazione). Non a caso ho citato gli Anti-Cimex perchè, stando anche da quanto dichiarato più volte da loro stessi, insieme ai Wretched, rappresentano di sicuro la maggiore influenza a livello musicale dei Kontatto. E sempre tutt’altro che a caso ho rispolverato il nome degli Avskum; difatti le melodie create da Koppa e Febo (i due chitarristi) ricordano molto la lezione della band di Kristinehamn. Fino al 2002 i Kontatto sono andati avanti di soli split; ben 4, tra cui uno con gli storici grinders belga Agatochles (attivi dal 1985). Leggende narrano che tutto il materiale presente su questi quattro split siano stati tutto frutto di una sola registrazione (ascoltare l’episodio #11 de La Casa del Disastro per averne conferma). Dopo l’ultimo split del 2002, una serie di abbandoni e cambi di line-up che rischiarono di mettere la parola fine sull’esistenza del gruppo, con l’ingresso della formidabile Marzia dietro le pelli (che risulterà fondamentale con la sua tecnica e il suo suono di scuola d-beat martellante come piace a noi) si arriva finalmente al 2008, anno in cui vede finalmente la luce “Disillusione”, il primo Lp dei Kontatto. Suddetto album dimostra tutta la qualità del gruppo bolognese, sopratutto per quanto riguarda il songwriting; infatti canzoni come “Paradisi Artificiali”, “La Tua Malattia”, ma sopratutto “Medaglia al Valore” (quello che considero a tutti gli effetti l’inno del gruppo) rimangono impresse nella mente già al primo ascolto, tanto la parte strumentale quanto quella lirica contenuta nei testi. Avendo ormai ingranato, i Kontatto continuano la loro maturazione artistica sfornando due anni dopo il loro secondo full lenght “Mai Come Voi”. Undici i brani presenti su questo album, tra i quali spiccano senza ombra di dubbio “Ogni Giorno di Meno” e la mia preferita in assoluto dei Kontatto “Cospirazioni”, quest’ultima con un riff iniziale e un ritornello che ti si stampano immediatamente in testa e non ti lasciano più. Dopo un’altro split con i brasiliani Besthoven (anch’essi autori di un crust/d-beat molto veloce) del 2011, finalmente a marzo scorso è uscito il nuovissimo “Fino Alla Fine”, una bomba carica del solito crust/d-beat tiratissimo e incazzatissima ma condito con melodie e riff immediatamente riconoscibili a cui ci hanno abituato negli anni i Kontatto. Unico consiglio che posso darvi su di loro è quello di vederli dal vivo il prima possibile. Sudore, attitudine, qualità e tanta ma tanta passione rendono ogni loro concerto un’esperienza indimenticabile.

Altro gruppo impossibile da non citare in quello che è ormai diventato un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio per raccontare quanto più possibile delle migliori realtà crust punk, attive o defunte, presenti nella penisola italiana sono certamente i Campus Sterminii. Il gruppo, che vede tra le proprie fila tre brutti ceffi già attivi nei Kontatto (Febo, Koppa e Marzia), si è formato nella primavera del 2002 e per diversi anni è stato uno dei nomi di punta della scena crust italiana, per attitudine, passione e qualità. Molto simili per sonorità ai modenesi Cancer Spreading di cui abbiamo parlato poco sopra, anche loro possono essere buttati nel calderone stenchcore, anche se interpretano il genere in maniera sempre personale e leggermente più “melodica” (per quanto si possa parlare di melodia in mezzo al rumore) rispetto ad altre band. Ascoltando i Campus Sterminii sono principalmente tre i gruppi che vengono in mente: Hellshock, Driller Killer e Disrupt. La prima fatica a nome Campus Sterminii fu uno split con i Disgusting Lies dal doppio titolo “No Choice, No Way!/ Non c’è Limite al Peggio” datato 2002, a pochi mesi dalla nascita del gruppo, che faceva già intravedere tutte le qualità dei nostri, seppur la qualità della registrazione era molto lo-fi e il songwriting molto primordiale e grezzo. Pezzi come “Non c’è Limite al Peggio”, “E Così Sia” e”Credi Veramente di Combattere il Sistema” oltre ad esser divenuti brani immortali del gruppo, sono delle vere e proprie manifestazioni di intenti dei nostri, che con feroce rabbia sputano in faccia all’ascoltatore tutto il loro odio ed il rancore verso questo mondo. Finalmente nel 2009 i Campus Sterminii replicano con il loro primo full lenght “Life is a Nightmarish Struggle” (un titolo che è tutto un programma), album che evidenzia una importante crescita della band a livello compositivo e di tematiche, ma anche e sopratutto un ottima qualità in fase di registrazione. Nulla di nuovo è uscito da quel lontano 2009, sopratutto a causa degli impegni dei componenti del gruppo con svariati altri progetti tra cui i già citati Kontatto e Cancer Spreading; nonostante ciò io sono ancora qui ad attendere impazientemente di poter ascoltare nuovamente il veloce e rabbioso stenchcore dei Campus Sterminii.

Avviandoci finalmente verso la conclusione di questo lunghissimo ed estenuante (per chi scrive, ma sicuramente anche per chi si ritroverà sfortunatamente a leggerselo) speciale articolo sulla scena crust punk italiana, ci avviciniamo ai tempi recenti e precisamente a due anni, il 2008 ed il 2011, anni che han visto la formazione di due nuove realtà dedite a sonorità crust-core/d-beat: mi sto riferendo rispettivamente ai milanesi Warpath e ai montebellunesi Kompost.

I Warpath (letteralmente “Sentiero di Guerra”, nome spettacolare) nascono quindi intorno al 2008-2009, dalle ceneri e fondendosi con i Land of Devastation, band di cui praticamente facevano parte gli stessi componenti che avrebbero poi formato gli stessi Warpath. La materia rumorosa a cui hanno dedicato le loro fatiche non può che essere un solido e tiratissimo crust punk/d-beat (altrimenti non sarebbero menzionati in questo articolo, logicamente) caratterizzato da doppia voce maschile/femminile che ricorda in più frangenti i Nausea, altro storico gruppo del genere. Ma i Nausea non sono l’unica influenza che possiamo assaporare nella musica dei Warpath; difatti altri gruppi che vengono immediatamente alla mente sono sicuramente i Disrupt e gli Hellbastard di “Ripper Crust”. Nel 2011 rilasciano “Nel Dilagare della Follia”, uno split con i NIS, altro gruppo storico della scena crust italiana di cui purtroppo non vi parlerò, composto da soli due pezzi più un’intro che già aveva fatto drizzare le orecchie (e non solo, ci siamo capiti…) a tutti gli amanti di questo tipo di sonorità. Ma è solo nel 2016 che i Warpath ci regalano il loro primo marcio full lenght dal titolo “Oblio”, una ventina di minuti scarsi di puro crust-core in stile Nausea, poco originale ma suonato con un’attitudine e una convinzione da far invidia ai più. I testi trattano le tematiche classiche del genere, dall’alienazione umana alla critica feroce alla guerra, dall’invettiva pregna d’odio verso questa società di merda ai contenuti più “politici”. E’ inoltre presente tra gli otto pezzi che compongono questo “Oblio” anche “Nel Dilagare della Follia”, brano già presente sull’omonimo split che suona sempre fresco e risulta essere uno dei pezzi migliori fin qui scritto dai Warpath.

I Kompost rilasciano la loro prima demo nel 2012, composta da 6 pezzi più una cover di “Fame” storico pezzo degli storici crusters Berserk (anche di loro, per esigenze di spazio e tempo, ho deciso di non parlavi purtroppo). Su questa demo è presente un pezzo che, sempre a parere inutile di chi scrive, rappresenta in modo emblematico il mood misantropo e nichilista che anima la band e che la band sa trasmettere in modo impeccabile con la propria musica: “Io Non Vorrei Essere Umano”, 3min e 32 secondi di pura misantropia in salsa crust, nient’altro da aggiungere. Nel 2016 i Kompost rilasciano la loro ultima fatica intitolata “La Vera Bestia” (recensita qualche mese fa proprio su Disastro Sonoro Clicca qui per la recensione), uno dei migliori album in ambito crust che io abbia avuto la fortuna di sentire negli ultimi tempi; 25 minuti di sonorità sempre in bilico tra la vecchia e la nuova scuola del genere con forti influenze death metal per nulla tenute nascoste dai nostri; 25 minuti che ci presentano un mix perfetto tra parti più grezze e tirate e altre più atmosferiche e melodiche. Se proprio volessimo fare dei nomi la proposta dei Kompost ricorda molto quella di Disfear e Martyrdod (e di un gruppo crust/death metal dell’underground spagnolo che risponde al nome di Cruz), e di questi accostamenti Bre (batterista), Pozze (vocals) e compagnia non possono che andarne fieri.

Dopo aver parlato più o meno approfonditamente di ben 11 gruppi che hanno rappresentato le radici, gli albori, lo sviluppo e la “nuova scuola” della scena crust punk/ d-beat italiana, dopo esserci addentrati negli abissi di questo mondo fatto di guerrieri post-nucleari e post-apocalittici e sonorità grezze, putride e marce, dopo aver intrapreso questo viaggio nello spazio e nel tempo cercando di ricostruire al meglio la storia del crust punk in Italia, credo sia giunta l’ora di concludere qui questo speciale articolo. Ci sarebbe ancora una miriade di gruppi che meriterebbero il nostro interesse e di essere menzionati all’interno di questo articolo, basti pensare a Humus, Berserk, NIS, Dirty Power Game, Disgusto, Overcharge, Motron, ecc., tutta gente che tiene e ha tenuto viva la passione per questo genere di sonorità con attitudine, impegno e sudore. Purtroppo (o per fortuna) siamo giunti alla conclusione di questo nostro apparentemente interminabile viaggio verso gli abissi della scena crust punk italiana, io non ho nient’altro da aggiungere se non una frase che è più l’essenza di uno stile di vita: IN CRUST WE TRUST! 

Oltre la musica, oltre il rumore! Disastro Sonoro!