Torpore – Mondo Sterile (2016)

Una locusta gigante domina la copertina completamente in bianco e nero di questo “Mondo Sterile”, primo lavoro dei catanesi Torpore. E basterebbe la raffigurazione di questo insetto per farci intendere quale sia il sound proposto dalla band, essendo la locusta,storicamente, la rappresentazione di un presagio di sventura e distruzione totale; questa atmosfera di estrema devastazione trasuda in modo angosciante da tutti e quattro i brani che compongono “Mondo Sterile”, un vero e proprio viaggio in un abisso sonoro opprimente e annichilente costruito da un tappeto sonoro distorto, fangoso ed estremamente rumoroso.

Ma che musica suonano questi cinque catanesi? Già dalle prime note dell’iniziale “Sangue e Fango” sono ben chiare le differenti influenze dei Torpore. Si tratta infatti di un classico sludge metal claustrofobico e alienante che non ha nulla da invidiare alle sonorità disturbanti dei maestri Eyehategod (ma anche di gruppi meno noti come i Grief o i Sourvein), influenzato pesantemente dalla lentezza destabilizzante tipica di certo doom. Assaporando il primo brano ho potuto notare come il cantato impregnato di disagio e angoscia di Riccardo, pur rimanendo ben saldo nella tradizione sludge, ricordando tanto Mike Williams (Eyehategod) quanto le vocals malte e catramose di “Dixie”, storico bassista/urlatore dei Weedeater, si orienta anche verso sonorità più oscure, rasentando il tipico scream di certo marcio black metal.

Gli altri 3 rumorosissimi pezzi (da ascoltare assolutamente a tutto volume) di “Mondo Sterile” proseguono su questa strada polverosa e fangosa fatta di sludge asfissiante e di lentezza soffocante tipicamente doom. Il tutto è condito da testi infarciti di misantropia, odio e nichilismo che rendono l’ascolto dell’album un vero e proprio viaggio in una buia voragine dove a farla da padrone sono l’alienazione e la sensazione di smarrimento. Una voragine nella quale la luce non può penetrare per dar sollievo alla mente divorata dagli incubi creati dal rumorosissimo caos-sludge suonato dai Torpore. Una voragine fangosa senza via di uscita nella quale sprofondare sotto il muro di suono distorto e distruttivo. Come ricorda la voce dilaniante di Riccardo nell’ultimo brano (appunto intitolato “Voragine”), non c’è “nessun appiglio nella voragine”, solo odore nauseabondo di morte e polvere.

Sludge claustrofobico, doom lento e inquietante, vocals alla Mike Williams imbastardite con il black metal più maligno e nefasto, nichilismo e misantropia che la fanno da padroni per tutta la durata dell’album (quasi 22 secondi di rumore e dolore). Cosa chiedere di più ai Torpore? Correte ad ascoltare “Mondo Sterile” e lasciatevi trascinare nel baratro dagli orrori che abitano le voragini della vostra psiche.

Precedente Rauchers - Rauchers (2016) Successivo Destroy All Gondolas - Laguna di Satana (2017)