Tag Archives: Apocalyptic Stenchcrust

Extinction of Mankind – Storm of Resentment (2018)

Dopo che cessano le urla più strazianti, dopo che la tempesta si avvia a placarsi, irrompe il silenzio più assordante e la quiete appare come un’incubo da cui è impossibile svegliarsi…

Due anni fa ormai usciva questo “Storm of Resentment, ultima fatica in studio per i veterani del crust punk britannico che rispondono al nome di Extinction of Mankind, gentaglia brutta, sporca e cattiva sulle scene dal 1992. La proposta degli Extinction of Mankind affonda le sue marciulente radici in quel brodo primordiale in cui confluiscono influenze derivate dall’anarco-punk e pulsioni di metal proto-estremo tipico dell’underground inglese degli anni ’80, quel sound primitivo e selvaggio passato poi alla storia come crust punk o come stenchcore, termine praticamente coniato dai Deviated Instinct per descrivere il proprio selvaggio e brutale sound . Ancora una volta il gruppo britannico sintetizza nella propria musica la fondamentale lezione di gruppi seminali come gli Amebix, gli Antisect, gli Hellbastard e gli Axegrinder, portando avanti un sound volutamente old school e che non ha alcun interesse ad abbandonare quel crust punk apocalittico che ha segnato i passati lavori della band. È infatti nuovamente una tempesta di apocalittico stench-crust di tradizione britannica ad inghiottirci senza pietà in un voragine di rassegnazione, miseria e nichilismo estremo, come a volerci dire che l’incubo continua e che dall’oscurità non si può più fuggire. Atmosfere apocalittiche e oscure avvolgono le varie tracce, con un riffing dalla natura profondamente thrash metal (il riff iniziale della prima traccia Cash Cow, per fare un esempio) che ricorda tanto gli Axegrinder quanto gli Hellbastard ad evocare i momenti più robusti e sostenuti, nonostante la proposta degli Extinction of Mankind preferisca sempre giocare con i rallentamenti e le atmosfere piuttosto che lasciarsi andare ad assalti furiosi fini a se stessi. “Storm of Resentment” nel complesso è un disco solido e che non mostra cedimenti tirando dritto per la sua strada e con alcune tracce che sembrano non lasciare alcuna speranza di sopravvivenza come Engage the Enemy, After the Screams is the Loudest Silence e la stessa titletrack, tuonanti assalti che lasciano impotenti dinanzi all’orrore di paesaggi desolati evocati dai toni apocalittici che permeano l’intero lavoro.  Certamente non troviamo nulla di nuovo sotto al sole, ma gli Extinction of Mankind dimostrano che nonostante gli anni passino, loro sono ancora in grado governare con maestria il genere regalandoci l’ennesimo ottimo disco di crust punk che ci riporta indietro nel tempo grazie al suo sapore fortemente vecchia scuola. Un’altra tempesta di risentimento per ricordarci che l’umanità, per troppo tempo felice o colpevolmente inconsapevole di sguazzare in un mare di merda, si è autocondannata all’estinzione.

Swordwielder – System Overlord (2019)

noi danziamo in tondo nella notte e siamo divorati dal fuoco…

Venti di tempesta invadono queste lande desolate dove ci troviamo costretti a vagare senza metà e a sopravvivere. L’inverno è alle porte mentre le orde del caos e della distruzione si aggirano finalmente libere ed incontrastate tra le rovine del vecchio mondo. All’orizzonte si possono ancora scorgere fuochi di rivolta che verranno presto inghiottiti dall’ultimo tramonto preannunciando l’ora più buia. Nessun futuro per il mondo di oggi, solo l’oscurità che non lascia scampo. E allora noi danzeremo in tondo nella notte oscura e cammineremo su strade illuminate dalle fiamme della rivolta che ci divorano, le stesse fiamme che inghiottono (mai sazie) le macerie del mondo dominato dal capitale e dalla gerarchia. Su quale musica dunque danzeremo tra le fiamme e il fuoco quando arriverà l’ultima notte dell’insurrezione?

Probabilmente “System Overlord , ultima creatura partorita nell’oscurità dagli svedesi Swordwielder tramite la Profane Existence records è la miglior risposta e forse l’unica possibile. Se “Howl of Dynamite” degli Storm of Sedition è stato il mio disco preferito del 2019, questa nuova fatica degli Swordwielder rientra certamente tra i miei ascolti più costanti e assidui di tutto l’anno appena terminato. Quarantacinque minuti di epico, apocalittico ed oscuro stenchcore/crust punk profondamente radicato nel fertile terreno britannico di fine anni ottanta e nella seminale lezione che va dagli Amebix ai Deviated Instinsct passando per gli Axegrinder di “The Rise of the Serpent Man”, gli Hellbastard di “Heading for Internal Darkness” e qualcosa pure dei primissimi Bolt Thrower. Uno stenchcore dai toni apocalittici e dalle atmosfere epiche quello suonato dagli Swordwielder e lo si può notare fin da Violent Revolution”, traccia d’apertura di “System Overlord”, un rabbioso inno da urlare a squarciagola sul campo di battaglia per dichiarare guerra aperta e brutale contro questo mondo affinchè tra le macerie della rivolta potremo danzare liberi e veder sorgere un nuovo sole. Traccia dopo traccia, veniamo inghiottiti da una furiosa tempesta di rovinoso stench-crust che alterna devastanti assalti a spada sguainata, ben rappresentati da tracce quali “Second Attack” e “Savage Execution“, a momenti in cui svettano le atmosfere epiche e al contempo oscure costruite sapientemente dagli Swordwielder, gruppo oramai giunto all’apice della propria maturazione artistica. Gli esempi migliori di questa atmosfera epica che aleggia imperiosa su tutto “System Overlord” possono essere ritrovati nell’introduzione acustica e nel riff dominante di “Nuclear Winter“, così come nel rallentamento centrale della quinta traccia “Cyborg” che sottolinea una tensione crescente che potrebbe sfociare nuovamente in tempesta squarciando l’apparente e labile quiete da un momento all’altro. Giungendo al termine di questa furibonda tormenta di stenchcore che lascia solamente corpi senza vita e macerie alle sue spalle, ci imbattiamo in “Northern Lights”, traccia conclusiva del disco, una traccia dominata da un’atmosfera sofferta (sottolineata sopratutto dal cantato) che sembra rappresentare la degna colonna sonora per accompagnare la fine della battaglia, in bilico tra toni di maestosa epicità e gli ultimi assalti con la spada sanguinante stretta in pugno e agitata sotto un cielo tuonante che preannuncia la pioggia. Condensando in nove tracce tutte le sfumature d’immaginario che vanno dalle visioni post-apocalittiche degli Amebix di “Arise” agli scenari guerreschi e barbarici dei Bolt Thrower di “In Battle There Is No Law”, gli Swordwielder ci regalano un disco di epico stenchcore che pare incurante del tempo che passa e proprio da questa incuranza trae tutta la sua magnificenza e la sua bellezza. Nella suo incedere maestoso e battagliero “System Overlord” sembra volerci lasciare un solo messaggio, una sola strada da percorre nella tempesta che avanza: non c’è più nienta da salvare, ma tutto il mondo da distruggere. 

 

Evil Fragments #01

Mortal War, che si prendono la copertina di questa prima puntata di “Evil Fragments”

Nel lontano 1999 i giapponesi Effigy rilasciano il loro primo demo dal titolo “Evil Fragments”, una piccola perla di crust punk marcio e oscuro imbastardito perfettamente con le pulsioni thrash metal di gentaglia del calibro di Axegrinder e Sacrilege. In questa prima puntata di “Evil Fragments”, nuova rubrica dedicata a quelli che ritengo essere i lavori migliori usciti recentemente a livello mondiale in ambito crust punk, stenchcore e d-beat, vi parlerò delle ultime fatiche di Mortal War, Lifeless Dark, Physique e Subversive Rites. Tanta carne al fuoco per questo primo appuntamento con i frammenti del male!

I Mortal War esordiscono con questo primo demotape intitolato “Gates of Hell” nel 2017 e ci regalano uno stenchcore/crust punk apocalittico, oscuro e intriso di quella rabbia primordiale che solamente il crust della prima ondata sapeva trasmettere. Nelle tre tracce, più una cover di “Winter” degli Amebix, che compongono questo “Gates of Hell” possiamo notare quanto abbiano influenzato il sound dei Mortal War lavori immortali come “No Sanctuary” dei già citati Amebix, “Grind the Enemy”, primo demo targato Axegrinder e sopratutto l’Ep “From Hell” dei giapponesi Effigy. Mentre ci addentreremo nello stenchcore suonato dai Mortal War, attraversando i cancelli dell’inferno, l’atmosfera si farà sempre più tetra e opprimente, lande desolate ricoperte da corpi in putrefazione, testimonianze di battaglie barbare e degli orrori della guerra, si apriranno dinanzi ai nostri occhi impauriti e una luna nera ci renderà in eterno schiavi dell’oscurità, costringendoci a vagare senza meta come anime condannate alla dannazione eterna! Da brividi la seconda traccia “The Battle’s End” che si apre con un intro atmosferica che ci illude dell’arrivo della quiete dopo la tempesta dell’iniziale “Slave to Darkness”, sfociando poi in realtà in un vero e proprio selvaggio massacro con le cavalcate di chitarra a costruire un’atmosfera epica e la batteria a scandire i colpi come se ci trovassimo nel mezzo di un campo di battaglia. A quanto pare i nostri giovani crusters from Philadelphia hanno interiorizzato al meglio la lezione primitiva del crust più apocalittico e selvaggio di scuola Amebix/Effigy, riuscendo a regalarci un ottimo demo che farà la felicità di noi tutti amanti dei gruppi sopracitati e di gentaglia del calibro di Fatum, Instinct of Survival o Stormcrow! Che si aprino i cancelli dell’inferno, che l’oscurità regni sovrana su questa terra condannata all’oblio!

Dopo un paio di demo interessanti i newyorkesi Subversive Rite rilasciano finalmente il loro primo album intitolato “Song for the End Times”. Il disco si apre con un’intro acustica che lascia però subito spazio ad un d-beat/hardcore veloce e rabbioso con la voce di Claire a farla da padrona, un sound fortemente influenzato dalla primissima scena britannica degli anni ’80, Varukers, Discharge e Warwound su tutti. Per descrivere al meglio il sound proposto dai Subversive Rite però dobbiamo fare uno sforzo e immaginare una ibrido bastardo tra il crust suonato dai Sacrilege sui primi demo datati 1984, l’hardcore dei giapponesi Death Side e infine il d-beat/crust di scuola svedese suonato alla maniera degli Anti Cimex dell’era “Scandinavian Jawbreaker” o degli Avskum di “Crime & Punishment”. Prendete il meglio dai gruppi e dai lavori appena citati, aggiungete delle vocals urlate (ma che non divengono mai veri e propri screams o growls) a la Saira degli immensi Detestation e potrete quantomeno avvicinarvi ad immaginare la musica suonata dai newyorkesi su questo incredibile “Song for the End Times”, che ritengo essere uno dei migliori lavori usciti in ambito crust/d-beat nell’ultimo periodo e sicuramente uno dei più interessanti di questo inizio 2019. Dieci tracce che trattano tematiche tipiche del genere, dall’imminente fine del mondo e dell’umanità (dopo tutto basta leggere il nome dell’album per capire su quali coordinate si muovono liricamente e concettualmente i Subversive Rite) come nell’iniziale “Last Blast” e nella splendida e conclusiva “It’s Too Late“, all’ossessione della società moderna per il controllo e la sorveglia nella traccia intitolata, citando 1984 di George Orwell, non a caso “Big Brother”, passando per prese di posizione contro il voto e la delega che legittimano unicamente ingiustizie, sofferenza e sfruttamento (“Pigs in a Pen“) o la volontà di abbattere questo sistema che si fonda sulla gerarchia, sull’autorità e sul dogma capitalistico del profitto per costruire finalmente un mondo altro espressa in un verso come “subvert your laws, a new way of life breaks down the walls” della quinta traccia “Subversive Rite“. Questo album sarà la colonna sonora che accompagnerà la fine del mondo come lo conosciamo basato sullo sfruttamento e sul dominio dell’uomo da parte dell’uomo; dieci tracce di d-beat/hardcore che scandiscono le ore che mancano alla fine di questi tempi bui, mentre noi cospiriamo per la sovversione, per l’insurrezione! 

Un altro lavoro estremamente interessante e godibile di questo inizio 2019 è sicuramente “The Evolution of Combat“, ultima fatica in studio rilasciata i primi di gennaio dai Physique, band che non nasconde il suo essere cresciuta a pane e Disclose! Il raw d-beat/hardcore suonato dai nostri infatti è ben radicato tanto nella lezione dei Discharge più classici quanto nella sua estremizzazione noise ad opera dell’immortale Kawakami insieme ai suoi fantastici Disclose, gruppo per i quali i nostri sembrano avere una venerazione nemmeno troppo celata. Il suono è caotico e estremamente grezzo, la registrazione è lo-fi quanto basta per rendere il tutto ancora più rumoroso e marcio, tutto questo è quello che ci troveremo ad ascoltare su questo “The Evolution of Combat”, dieci tracce di “rumore non musica“, in perfetto stile Disclose e che riporta alla mente anche le pulsioni più noise e raw di altri gruppi hardcore/crust come i Disorder o gli oscuri giapponesi Gloom. Inutile citare questa o quell’altra traccia nello specifico perché questo lavoro è un monolite di raw hardcore punk atto unicamente a creare il rumore più assoluto e volto alla distruzione più totale nel nome del caos, dall’iniziale “Violence of Another Day” alla conclusiva e omonima “Physique” ci troviamo sparate nelle orecchie dieci schegge impazzite di rumore distorto che crea dipendenza. Se il silenzio è la morte, i Physique hanno scelto la loro strada, la strada del rumore più assoluto e disturbante. Il rumore di questo mondo ormai in macerie! Nel segno e nel ricordo eterno di Kawakami, noise not music come unico credo impresso nella testa dei Physique!  

“Who Will Be the Victims” dei Lifeless Dark, gruppo di Boston all’esordio con questo Ep di sole cinque tracce, è uno di quei lavori che appena finisci di ascoltare rimetti da capo una, due, tre, dieci volte di fila! Che esordio, porca troia! La prima cazzo di volta che ho ascoltato questo demo ho pensato che i Sacrilege avessero sfornato un nuovo lavoro e invece mi son trovato davanti ad un giovanissimo gruppo di Boston che nel 2018 ha saputo ricreare perfettamente un sound a cavallo il thrash metal e il crust punk tipico dell’underground britannico/europeo degli anni 80. In molti passaggi di questo “Who Will Be the Victims?” sembra di ascoltare un mix tra i già citati Sacrilege (innegabile principale influenza dei nostri), il crust primordiale degli Hellbastard e il death metal di scuola Bolt Thrower del periodo 87-88, giusto per fare qualche nome che possa rendere più chiaro a chi legge il sound dei Lifeless Dark. La tape si apre con “Terminal Phase”, intro strumentale della durata di quaranta secondi che prepara il terreno al massacro della successiva “Outcry“, vera e propria scheggia di crust punk imbastardito da cavalcate thrash di scuola Sacrilege/Axegrinder che sfocia in un assolo da brividi. Altra traccia da sottolineare è sicuramente la conclusiva “Feeding the Light”, anch’essa sempre in bilico tra le pulsioni più metal e quelle piu marcatamente punk tipiche dell’underground estremo degli anni ’80, con il riff principale che si stampa immediatamente in testa e l’assolo finale a concludere in maniera sublime questo “Who Will Be the Victims?”. Per chi negli anni si è divorato più volte “Behind the Realms of Madness” e si è ascoltato un giorno si e l’altro pure i Sacrilege (ma anche Amebix o Axegrinder tra gli altri) come il sottoscritto, i Lifeless Dark e questa loro prima fatica vi faranno innamorare al primo ascolto! 

 

Anno 2016 – Cronache di un’Eterna Condanna e di Visioni Orribili

Anno 2016, il mondo che noi conosciamo stava crollando su se stesso. La follia dilagava, le lande desolate si estendevano per migliaia di chilometri, l’aria si faceva sempre più irrespirabile e nauseante, la morte era tangibile tutt’intorno a noi, pochi i sopravvissuti alla catastrofe. Difficile capire chi fosse più folle: io o gli altri. Io, colui che fugge sia dai vivi che dai morti, vago senza meta come un’anima dannata in questa terra devastata e putrida; un uomo, ridotto a un unico istinto: sopravvivere. Visioni orribili si susseguivano nella mia testa, l’esistenza si era oramai tramuta in un eterna condanna. In questo scenario infernale e post-apocalittico, riecheggiava in lontananza il rumore angosciante ed annichilente suonato da due bande di guerrieri non-morti e non più umani che rispondono al nome di Cancer Spreading e Humus, creature portatrici di distruzione per tutte le lande abbandonate e brulicanti di morte. Che la desolazione sia con voi, benvenuti nell’incubo terreno, cercate di sopravvivere e se non doveste riuscirci, mi auguro di non udire le vostre strazianti urla di dolore.

“A desolate landscape where no one dare to step
Lifeless beings lay dead inside of their holes
I see again a corpse crawling in filth
That corpse is me and once used to live.” (The Day I Dreamt a Nightmare). Sentivo echeggiare in lontananza questa cantilena, mentre mi trascinavo ormai quasi totalmente abbandonato da ogni parvenza di vitalità tra nebbie dense che ricoprivano distese di terra aride e macerie. Visioni orribili si susseguivano dinanzi ai miei occhi stanchi e nella mia testa dolorante, lamenti disumani giungevano alle mie orecchie da ogni parte di questo paesaggio abbandonato da qualsiasi forma di vita. Decisi di proseguire nella direzione dalla quale provenivano i latrati gutturali che scandivano la cantilena sopracitata e arrivai fino a scorgere delle ombre che conservavano vaghe fattezze umane. Si trattava di una banda di guerrieri non morti in preda ai fumi dell’alcool. I loro lamenti per l’eterna dannazione a cui erano stati condannati si fecero più intensi, così come la musica marcia e annichilente che tentavano di suonare. Cancer Spreading dissero di chiamarsi.

Cosa cazzo ci si potrà mai aspettare da un gruppo che prende il suo nome direttamente da un brano tratto dal seminale “Welcome to the Orgy”, EP datato 1987 dei mostri sacri (e qualcuno dice anche siano gli “inventori”…) dello stenchcore che rispondono al nome di Deviated Instinct? Cosa cazzo ci si potrà mai aspettare da questo “Ghastly Visions” (rilasciato nel luglio del 2016) se non il classico crust punk imbastardito dal death metal old school più marcio (o viceversa) a cui ci hanno abituato negli anni i modenesi Cancer Spreading e che, album dopo album, migliora in termini di qualità, personalità e intensità?

Il death metal old school è probabilmente più presente che mai su “Ghastly Visions” con passaggi, riff e rallentamenti che ricordano in più di un’occasione tanto la scuola svedese di Grave e Entombed, quanto il sound imbastardito dal doom opprimente di un gruppo mai abbastanza incensato come gli olandesi Asphyx e soprattutto, e sopra a tutti, la fonte d’ispirazione primaria, insieme ai giá citati Deviated Instinct, che fuoriesce da ogni singola nota suonata dai Cancer Spreading, ossia i Bolt Thrower del seminale capolavoro “In Battle There is No Law”, gruppo di cui i nostri modenesi suonano una versione ancora più sulfurea, marcia, apocalittica e angosciante. Lo stenchcore che accompagna i Cancer Spreading dagli inizi della loro carriera rimane la base di partenza di tutte le dieci tracce che compongono l’album, un sound debitore ai classici nomi del genere come i soliti Deviated Instinct o gli Extinction of Mankind, ma anche riconducibile ad uscite più recenti come lo splendido “Culto Abismal” degli spagnoli Cruz e l’oscuro “Scourge” degli irlandesi Okus, senza dimenticare le visioni più apocalittiche e angoscianti di gruppi italiani come Nihildum (recensiti poco tempo fa) e Campus Sterminii. Tanti nomi, tante influenze, tanta carne al fuoco. Ma questo album suona comunque al 100% Cancer Spreading e non come un semplice derivato di nomi ben più blasonati. Capito dunque che putrida aria nauseante tira dalle parti di questo “Ghastly Visions”? Ci troviamo dinanzi ad una band ormai in piena maturazione lirica e musicale che ci regala 40 minuti di puro stenchcore old school che avrebbe fatto certamente invidia ai maestri Deviated Instinct. Citando le parole degli stessi Cancer Spreading, che trovo perfette per concludere queste righe a loro dedicate, il loro scopo dichiarato è sempre quello di diffondere il più possibile il loro messaggio di nichilismo e autodistruzione attraverso l’autoproduzione e l’attitudine do it yourself. E ci riescono ancora una volta. Visioni orribili nella mia testa, urla lancinanti vagano inascoltate in un oceano di desolazione, disperazione e odore di morte pervade ogni avanzo dell’umanità passata… non c’è più bisogno di avere paura.

Smarrimento, morte, distruzione, eterna dannazione. E’ questo, solo questo e nient’altro, quello che ci portiamo dietro dopo esser stati annichiliti dalle “visioni orribili” dei Cancer Spreading e dal loro marcio e putrido stenchcore. Mentre ci ostiniamo a vagare senza meta per queste lande desolate senza più alcuna ragione per costringerci a sopravvivere, ci imbattiamo in un’altra banda di berserk che non hanno più nulla di umano e che appaiono come corrosi dal tempo, cantori delle macerie del mondo passato e dell’eterna condanna che domina il presente. “Humus”, questo il nome che essi scandiscono attraverso le loro voci gutturali che hanno solo un vago ricordo di qualcosa di umano. Humus, ossia lo strato più superficiale del terreno, quello che trattiene gli esseri viventi dopo la morte in uno stato di decomposizione. Una litania che assomiglia ad una sentenza di morte giunge alle mie orecchie e recita così: << Humus e’ la condizione di vita a cui e’ ridotto o e’ stato condotto l’uomo oggi. Cioe’ di un essere passivo al suo freddo destino, privo di una propria liberta’ d’azione, capace solo di farsi consumare, sfruttare, sottomettere e sprecare. Un individuo che vive nella continua illusione di essere felice in una realta’ basata sulla falsita’ e l’egoismo. La societa’ moderna ne e’ il suo cancro parassita.>>.

“Eterna Condanna” non è solo la condizione in cui noi tutti ci ritroviamo a vivere in questi oscuri tempi di miseria umana, ma anche il titolo dell’ultima fatica in studio degli Humus, guerrieri post-apocalittici in putrefazione che arrivano direttamente da Ancona. Gli Humus sono autori di un hardcore/crust punk fedele, tanto per sonorità quanto per approccio lirico e tematiche trattate, in egual misura sia alla scuola svedese del genere di gentaglia come Avskum e Anti Cimex, sia alla primordiale lezione hardcore di veri e propri mostri sacri della scena italiana come Wretched ed Eu’s Arse, senza dimenticare il classico e seminale suono d-beat riconducibile a Varukers, Discharge e Warwound su tutti. A tratti il sound degli Humus si spinge verso lidi crust-core e proto grind, tanto che sembra di ascoltare i Disrupt, e questo non può che essere un grande pregio dei nostri. Il tutto è condito con liriche riottose e rabbiose che si scagliano contro ogni forma di oppressione che ci troviamo a subire in quest’era paranoica dominata dal culto della merce e dal mito del progresso; testi che attaccano quindi quella barbarie che è il Capitalismo e i morti viventi-consumatori che crea, ma non solo. Gli Humus vomitano il loro veleno e prendono posizione anche contro il fascismo, da sempre risposta reazionaria della classe dominante e della borghesia per difendere i propri interessi. Quindi, per tirare le somme, ci troviamo dinanzi a niente più, niente meno che la formula perfetta per un bel disco crust/hardcore/d-beat tritaossa, distruttivo e annichilente, perfetta colonna sonora per questi tempi oscuri nei quali la morte è sempre in agguato!

Tempi bui, giorni che appaiono eterni, il mondo come noi lo conoscevamo era ormai sprofondato nel caos più totale, nessuna via di scampo, solo desolazione e morte si estendono tutte intorno a me. Sopravvivere o morire, poco importa in queste lande abitate unicamente da non-morti corrosi dal tempo pronti a banchettare con le nostre carni al suono di urla strazianti e disumane, sullo sfondo di un cielo radiottavo e di un paesaggio in putrefazione, inospitale per qualsiasi forma di vita. Visioni orribili che attanagliano la mia mente mi trascinano inesorabilmente verso l’oblio, lasciandomi in bilico ad osservare abissi di follia e mostruosi incubi che diventano reali, giorno dopo giorno su questa terra in putrefazione. Un’eterna condanna questo mio vagare continuo e senza meta per lande desolate, come compagni di viaggio solo la morte che si estendeva tutto intorno a me e il rumore suonato da Humus e Cancer Spreading. Sopravvivere o morire, poco importa sotto questa pioggia acida che mi corrode all’interno e all’esterno. Quando l’uomo sara preda dei suoi simili, la fine dell’umanità sarà quindi giunta una volta per tutte. Anno 2016, cronache post-apocalittiche.

Nihildum – Verso il Nulla Creatore (2012)

C’è di tutto in questo affascinante album dei romani Nihildum: riff e cavalcate thrash di scuola britannica in stile Sacrilege si stagliano sopra un tappeto sonoro composto da resti putrescenti di crust punk suonato alla maniera dei maestri Deviated Instinct (ma anche di Extintion of Mankind e Misery) sapientemente imbastardito dal death metal old school a là Bolt Thower, e come se non bastasse tutto è condito da sonorità che richiamano il marciume degli Hellhammer di “Apocalyptic Raids” alternate a rallentamenti doom angoscianti e opprimenti in stile Celtic Frost. Mettiamoci anche il fatto che il gusto per certe melodie mi ha ricordato in più di una occasione certe cose degli indimenticati Effigy e dei mostri sacri Axegrinder e aggiungiamo a tutto questo un immaginario e un’atmosfera generale dell’album che rimanda direttamente alle visioni apocalittiche dei maestri Amebix e capirete che ci troviamo di fronte ad un’opera che definire affascinante è poco. Dopo quanto detto non posso astenermi dal definire la musica dei Nihildum come “Apocalyptic Stenchcrust”, definizione che riesce a racchiudere nel modo migliore le molteplici influenze a cui ho appena accennato e che fanno capolinea qua e là nel suono annichilente e disturbante che fuoriesce da ogni singolo secondo di questo “Verso il Nulla Creatore”. Per un amante di tutto ciò che è definibile “musica estrema”, sia essa metal o punk, e che abbia un marcato retrogusto di “old school” non può quindi esistere nulla di meglio di “Verso il Nulla Creatore”, primo e lavoro dei laziali Nihildum datato 2012.

“Verso il nulla Creatore” si apre con un’intro strumentale da pelle d’oca della durata di quasi sei minuti caratterizzata da una parte iniziale lenta e sinistra che mostra fin da subito le profonde radici doom presenti nel suono dei nostri. Un doom marcio, paranoico e opprimente che ricorda in molti punti l’approccio nichilista e oscuro dei Celtic Frost, affiancato da melodie prese di scuola Effigy. Questa intro rallentata e “melodica” lascia in seguito spazio a cavalcate thrash e riff death metal vecchia scuola, marcia e putrida al punto giusto, che riporta alla mente in più di un’occasione tanto la scuola svedese dei primi ’90 quanto certe sonorità riconducibili al capolavoro “In Battle There Is No Law” dei già citati Bolt Thrower.

Anche la successiva traccia, la titletrack, presenta una struttura simile all’intro; difatti anche “Verso il Nulla Creatore” si apre con una melodia cadenzata e rallentata di matrice doom che lascia poi il passo a sferzate e riff thrash metal in stile Merciless, ma che in parte possono riportare alla mente anche alcuni passaggi del seminale “Seventh Day Of Doom” degli ungheresi Tormentor, sulle quali si staglia un growl cavernoso e marcio che ci accompagna per tutta la durata del brano e che conferisce un tono ancora più apocalittico e alienante/disturbante al tutto. Lo sfondo di ogni brano rimane sempre un putrido stenchcore/crust punk travolgente nella sua carica di odio annichilente, capace di creare una atmosfera opprimente e dal sapore apocalittico nei momenti più rallentati che riportano alla mente le pulsioni più primitive dei maestri Amebix.

Il resto dell’album prosegue sulle coordinate fin qui tracciate, un classico stenchore suonato egregiamente, sempre in bilico tra le pulsioni più doom e rallentate e le sferzate taglienti a cavallo tra thrash e death metal. Per comprendere al meglio il suond proposto dai Nihildun, un nome che non lascia spazio all’immaginazione sulle tematiche trattate in questo “Verso il Nulla Creatore”, dovreste immaginare una jam tra i Poison tedeschi di “Into the Abyss” (capolavoro proto death), i Deviated Instinct e i Sacrilege in un bunker antinucleare sullo sfondo di un paesaggio post-apocalittico invaso da esseri non-umani in putrefazione in cerca di carne fresca. Poco sopra ho accennato alle tematiche trattate dai Nihildum e di cosa mai dovranno trattare le liriche che accompagnano l’ “Apocalyptic Stenchcrust” dei nostri se non di profondo odio nei confronti del genere umano autocondannatosi ormai all’estinzione e di estrema misantropia che traspare fin dal titolo di pezzi quali “La Marcia degli Automi” o la successiva “La Fine dell’Umanitá”? Nichilismo e misantropia sono gli ingredienti principali delle liriche dei Nihildum. E questo conferisce un’aurea ancora più opprimente e marcia al tutto.

Ci troviamo quind davanti a sette tracce, comprese le due sublimi strumentali che aprono e chiudono questa lenta discesa verso gli abissi e gli orrori contenuti in questo “Verso il Nulla Creatore”, che ci mostrano tutta la qualità dei Nihildum e la loro capacitá di imprimere la loro personale impronta pur avendo imparato la lezione piú classica del genere; impronta personale facilmente individuabile grazie alle varie influenze che si possono captare lungo tutto il lavoro e che sono sapientemente amalgamate nel sound dei nostri; impronta che rende ” Verso il Nulla Creatore”, a parer di chi scrive, uno dei migliori lavori in ambito stenchcore/crust punk mai prodotti in Italia e che, nonostante sia datato 2012, ancora oggi tiene il passo degli ultimi lavori di band di culto per gli appassionati del genere come Sanctum, Instinct of Survival, Fatum e compagnia putrescente.

Citando un altro grandioso album stenchcore/crust punk italiano dei fiorentini Disprezzo, troppo spesso dimenticati dai più, “Nel mio mondo il sole non sorge mai”. E a grandi linee è questa sensazione di perenne oscurità soffocante che si prova ascoltando l’ Apocalyptic Stenchcrust marcio, opprimente e annichilente dei romani Nihildum. Colonna sonora dell’apocalisse, colonna sonora della fine dell’umanità, colonna sonora dell’estinzione!